Altre news

Il buco di Zingaretti
Evidenza Politica

Il buco di Zingaretti

Ad ascoltare il discorso di Zingaretti, aperto col ricordo accorato della proclamazione del Regno d’Italia il 17 marzo 1861, si ha la sensazione di una replica, di qualcosa di già visto. (…) Ad un’analisi più accurata si capisce il perché: Zingaretti parla di tutto fuorché dello Stato, cioè della forma del potere e dei poteri in Italia.
Invece parla del governo, cioè della funzione esercitata da chi conquista il diritto di usare i poteri dello Stato.
Questo è l’errore storico della Sinistra italiana, che essa condivide con la Destra, sin dal 1948, cioè il continuismo delle strutture fondamentali dello Stato.
(LEGGI)

Latte: manipolazione continua
Evidenza Latte Politica

Latte: manipolazione continua

Posto che nessuno ha pubblicato per intero e in originale – cioè il testo così com’è, senza riassunti o mediazioni – il verbale firmato avant’ieri a Sassari al tavolo convocato dal prefetto – ahinoi – sulla crisi del latte, lo pubblico oggi per intero. Eccolo qui.
Dopo una semplice lettura si può dedurre esattamente il contrario di ciò che hanno scritto i giornali ieri.
Come si può notare (righe 1-24) si è prima deciso (LEGGI)

L’arte italiana del silenzio della coscienza
Diritti Politica

L’arte italiana del silenzio della coscienza

L’Italia fa ottimi affari con l’Iran, e con l’Italia tutta l’Unione europea. È uno dei maggiori terreni di scontro con gli Stati Uniti, che invece, rompendo gli accordi firmati da Obama, vorrebbero isolare economicamente e politicamente l’Iran.
Fatto è che l’Iran ha condannato l’avvocato Nasrin Sotoudeh, premio Sakarov, la donna di 55 anni più impegnata al mondo sul versante dei diritti umani, a 38 anni e a 148 frustrate. È stata condannata, tra gli altri reati, per incitazione alla prostituzione perché ha difeso alcune donne che rifiutavano di portare il velo.
L’Italia se ne frega. In nome degli affari. L’Italia della gogna giustizialista di questi anni… (LEGGI)

Sbloccacantieri o sbloccapoteri?
Infrastrutture Politica

Sbloccacantieri o sbloccapoteri?

L’ennesimo annuncio del Governo italiano riguarda lo sblocco dei cantieri. Come accade sempre più spesso nella Repubblica, si parla di tutto fuorché dell’essenziale, cioè di chi esercita il potere e delle leggi che lo regolano.
I cantieri sono bloccati da una legislazione non orientata sull’opera ma sul rapporto tra la stazione appaltante e l’appaltatore. Per fugare ogni dubbio di collusione interessata è stato generato un mostro che favorisce non chi sa fare l’opera (LEGGI)

Informazione senza intelligenza
Informazione Politica

Informazione senza intelligenza

Il sistema informativo della Sardegna potrebbe essere definito come il “sistema dei comunicati” o “il sistema dei pensierini”. Nel primo caso, nei giornali e nelle tv si ripetono i comunicati stampa fatti dai vari soggetti interessati, senza troppe – e faticose – verifiche. L’effetto è quello di un bollettino di prese di posizione riproposte come fatti.
Nel secondo caso, si ha l’effetto straniante di fatti presi un po’ a casaccio e promossi al primo posto dell’ordine del giorno. Un giorno la foto notizia può essere un calciatore, un giorno un cavallo, un altro un libro o una pietra.
Faccio degli esempi di come si può fare informazione credibile. (LEGGI)

La violenza tra città e campagna in Sardegna
Politica

La violenza tra città e campagna in Sardegna

Era il 1333 e il re Alfonso IV d’Aragona scriveva a Ugone II d’Arborea chiedendogli di permettere ai sardi dell’interno di commerciare nei suoi domini, diversamente essi avrebbero continuato a saccheggiare e danneggiare le terre sarde poste sotto il suo dominio regio.
È uno dei tanti documenti di età medievale che fanno trasparire l’antichissimo e attualissimo problema della Sardegna: l’esclusione dei paesi dell’interno da potere e ricchezza. (LEGGI)

Latte: una domanda al Banco di Sardegna
Latte Politica

Latte: una domanda al Banco di Sardegna

Ieri il Banco di Sardegna ha smentito ciò che noi avevamo detto tre giorni fa (l’8 marzo) e cioè che non si aveva notizia di interventi della banca a favore dei pastori per la postergazione dei ratei dei mutui in scadenza.
La smentita è fondata su una circolare recapitata alle agenzie e alle filiali il 28 febbraio (cioè dopo le elezioni) e ancora largamente inapplicata. Alla data odierna non risulta un solo mutuo postergato. (…) (LEGGI)

Non c’era bisogno di un prefetto
Latte Politica

Non c’era bisogno di un prefetto

Questo è l’accordo stipulato ieri a Sassari sul prezzo del latte.
Nella sostanza è l’attuazione dell’accordo di Cagliari, tra sardi, sui 72 centesimi.
L’aggancio del prezzo del latte al prezzo del Pecorino romano è frutto non di un atto del Governo italiano, ma dell’accordo tra le parti. Il Prefetto è stato scelto come garante, posto che non può essere attore? Lo sarà per tutte le questioni agricole? Che poteri di sanzione ha nel caso di violazione? Non c’è risposta. Resta irrisolta la questione posta da quei pastori che conferiscono a caseifici che non fanno Romano (…)
(LEGGI)