È andata in onda ieri su Tv 2000, per il programma Soul, un’intervista a Gherardo Colombo, già magistrato del pool Mani pulite, PM del processo contro gli assassini di Ambrosoli, sulla P2 e sui fondi neri dell’Iri.
Si tratta di una riflessione profonda fatta da un uomo che ha lasciato la magistratura quindici anni prima del suo limite per il pensionamento

Sardiniapost dà notizia che domani alle 10,30 nella sede del Comando generale dell’Arma dei Carabinieri a Cagliari si terrà una conferenza stampa sull’indagine condotta dalla Procura di Oristano sui vaccini. Questa conferenza stampa avviene a distanza di poche settimane dall’approvazione alla Camera della direttiva europea sulla presunzione di innocenza rinforzata che recita (..)

Il gesto del Papa è importante, ma sarebbe stato più importante che Becciu avesse potuto prendere visione delle carte che lo accusano, avesse potuto avere la possibilità di comparire di fronte a un tribunale a porte aperte, avesse avuto un luogo di appello rispetto alla misura cautelare che ha subito, avesse potuto distinguere le sue responsabilità colpose da quelle dolose che gli vengono attribuite (…)

È evidente che il quadro della vicenda Delcomar e dei traghetti per La Maddalena e Carloforte non è stato ricostruito con il dovuto scrupolo e con l’auspicabile precisione. E quando si è in situazioni simili, prima di procedere a sequestri e gogne sarebbe opportuno confrontare le perizie, verificare i dati, interrogare gli indagati, affidare cioè non ai propri convincimenti ma alla dialettica delle parti e delle interpretazioni la ricostruzione della realtà, prima di prendere decisioni. Ma in Italia questo è arabo (…)

Non solo: noi non possiamo neanche andare a vedere quanti membri della POlizia Giudiziaria sono stati mai denunciati e puniti per errori, dolosi e colposi, commessi durante le indagini. Lo ha fatto per tutti noi l’avvocato Rovelli del Foro di Cagliari: solo 14 procedimenti negli ultimi dieci anni, un errore all’anno. Ridicolo. (…)

E dunque ieri l’ex sindaco di Borore Tore Ghisu, la stessa persona brutalizzata sui giornali anni fa perché prima arrestata per un migliaio di reati tra cui appunto la corruzione, poi confinata fuori dal suo paese al punto da dover incontrare i familiari in un santuario, poi afflitta da tutti i malanni e le rabbie che colpiscono gli innocenti, ha potuto dimostrare al tribunale di Oristano che la Polizia Giudiziaria che lo aveva accusato di dare incarichi agli amici aveva preso un granchietto (…)

Caro professor Maninchedda,
chi Le scrive questo commento [all’articolo intitolato Generale Vezzoli, due parole sulla Guardia di Finanza] è un appartenente alla Guardia di Finanza che, oramai da 25 anni, svolge con orgoglio, dedizione e passione il suo lavoro. Uno dei tanti, anzi tantissimi.
Nel Suo articolo Lei parla dei numeri dati dal Generale Vezzoli e li ridimensiona (…)

Oggi i giornali sardi scrivono una delle loro pagine più ignobili. La notizia vera è banale: il Gup di Oristano ha fissato l’udienza per il rinvio a giudizio. Questa è la notizia, perché che una Procura che ha arrestato più persone chieda il rinvio a giudizio è un fatto a dir poco banale. Cosa fanno i due giornali sardi, con un certo gusto di rifarsi su persone per bene pensando di fare del male a me: L’Unione fa un richiamo addirittura in prima (per la fissazione dell’udienza, incredibile, ma vero), La Nuova il paginone di Oristano (…)