Sanità

Sanità: fatto l’imperatore, è nato l’impero che non funziona
Politica Sanità

Sanità: fatto l’imperatore, è nato l’impero che non funziona

Non si può continuare a ignorare il peggioramento dei servizi sanitari ma anche il clima di timore che impedisce a chi lavora negli ospedali di parlare liberamente e pubblicamente di ciò che sta accadendo. (…) Accadono dunque una serie infinita di provvedimenti attuativi contrari a quanto votato dal Consiglio regionale:
• strutture complesse programmate dove la rete ospedaliera non le prevede;
• strutture che la rete ospedaliera prevede e che non sono presenti in nessun atto programmatorio;
• reparti che non sono immaginati dove invece non solo la rete ospedaliera li prevede, ma sono previsti anche per la legislazione italiana;
• atti programmatori che vanno in contrasto con la rete ospedaliera, come prevedere una revisione dei Pronti Soccorso di zone disagiate dopo attivazione dell’elisoccorso;
• trasformazione di strutture ospedaliere in servizi ambulatoriali;
• un funzionigramma approvato che non tiene in alcun modo conto della rete ospedaliera votata.
(…) Ne parleremo venerdì a Tramatza. (LEGGI)

Troppi fronti aperti. Noi andiamo verso la mobilitazione nazionale
Lavoro Politica Sanità

Troppi fronti aperti. Noi andiamo verso la mobilitazione nazionale

In un mondo ordinato, accertata l’esistenza di un problema, si procede a risolverlo.
Nel nostro mondo, invece, accertata l’esistenza di un problema, si procede a raccontarlo diversamente da com’è, a farlo passare in secondo piano e piano piano a ignorarlo, che significa a incancrenirlo.
Noi non ci stiamo. (…) Si avvicina la stagione estiva. Contemporaneamente si registra l’annoso e irrisolto problema delle tariffe (…) Noi non siamo minimamente disponibili a vedere i nostri interessi nazionali espropriati dalla Coldiretti romana. (…) Continuiamo a dire, senza alcuna paura, che i servizi sanitari della Regione Sardegna stanno tragicamente peggiorando in modo non sopportabile. (…) Per tutti questi motivi, ma soprattutto per le richieste di partecipazione anche – e ci fa piacere – di militanti e consiglieri regionali di altri partiti alle discussioni dei nostri organi di partito, abbiamo spostato la riunione del Direttivo Nazionale del Partito da questo venerdì 18 al venerdì 25 p.v. (LEGGI)

Sanità: orgogliosi di essere diversi
Evidenza Politica Sanità

Sanità: orgogliosi di essere diversi

Oggi i quotidiani si dedicano alle repliche contro di noi da parte dell’Imperatore-Delle-50-Nomine-In-Un-Mese (che ha aggiunto un nuovo titolo a quelli già posseduti, quello di Marziano Politicamente Vergine) e di un Eccellente Dirigente.
Luigi Lotto. In premessa, però, rispondo a Luigi Lotto (…)
Voglio fare una rivoluzione seria e la farò, mi sento impegnato moralmente in questo obiettivo. Ogni calunnia che rafforzi l’impossibilità di iscrivere il Partito dei Sardi nelle categorie tradizionali della politica sarda è per me un onore. Sono immunizzato dai veleni perché ho la coscienza a posto: non ho mai costruito case in riva al mare né voglio farne, non ho mai fondato società nei paradisi fiscali, non ho mai ammiccato con la finanza internazionale e non ho mai votato provvedimenti che abbiano danneggiato i prodotti locali della Sardegna, ho nella mia biografia politica interventi per i poveri, gli oppressi e gli ammalati e non ho mai concorso a far licenziare nessuno, mi sento cristiano, indipendentista, europeista e socialista e non ho bisogno che me lo certifichi nessuno. (LEGGI)

Moirano: «Stanno tutti bene». Non è vero.
Evidenza Politica Sanità

Moirano: «Stanno tutti bene».
Non è vero.

L’Ats non dice nulla, invece, sull’imbarazzante reclutamento apicale dei due ultimi capi di Gabinetto dell’Assessorato alla Sanità. Se il mio Capo di Gabinetto avesse partecipato alla selezione per dirigenti di una società controllata dall’Assessorato di Lavori Pubblici quando io ero assessore, la Procura di Oristano mi avrebbe mandato i Marines e i Navy Seals, e con questo – sia chiaro – non intendiamo svegliare alcun can che dorme, perché non abbiamo alcuna fiducia nell’aristocrazia togata italiana.
Noi non contestiamo le scelte di Moirano per eccesso di sensibilità burocratica, ma perché Moirano ha adottato e premiato un sistema di relazioni che sta egemonizzando la sanità sarda e la sta governando molto male.
Noi affermiamo che la sanità sarda sta andando molto male e che a questo declino concorre notevolmente… (LEGGI)

Mai al posto di un cavallo
Lavoro Politica Sanità

Mai al posto di un cavallo

Ogni ribellione non sostenuta da un solido pensiero politico è destinata a una nuova subordinazione e la subordinazione è anche capace di generare un vero e proprio pensiero della dipendenza, cioè l’incapacità di saper identificare e difendere i propri interessi.
Due esempi, uno vecchio e l’altro recente.
Nel 2006 Prodi e Soru firmarono lo sciagurato accordo (…) Esempio recente. La vertenza di Ottana ha un capitolo riguardante 130 dipendenti ex Legler esclusi dalla mobilità in deroga… (LEGGI)

Il tumore del seno è una cosa seria. Ci serve la vita, non la furbizia
Politica Sanità

Il tumore del seno è una cosa seria. Ci serve la vita, non la furbizia

Ho presentato all’Assessore alla Sanità un’interrogazione sul prossimo concorso di chirurgia bandito dal Direttore Generale del Brotzu per la direzione di quella che fu la settima struttura di senologia di Italia e che oggi viene messa a bando per chirurghi che oltre il seno devono anche saper operare l’esofago, lo stomaco, il colon-retto e l’ano a dispetto di tutto ciò che di specialistico si prescrive nel mondo nella programmazione della lotta ai tumori. (…)
Proviamo a ripeterlo: in Sanità servono cure e non furbate o furbizie. (LEGGI)

Diabetici, agricoltura e pesca: la paura fa novanta e la Giunta corre
Lavoro Politica Sanità

Diabetici, agricoltura e pesca: la paura fa novanta e la Giunta corre

Oggi si apre una sessione di lavori del Parlamento sardo molto ricca di punti all’ordine del giorno.
Al primo punto la legge sulla pesca, di iniziativa della Giunta regionale. (…) A seguire verrà discussa la mozione sui dipendenti dell’Aras (…). Infine verrà discussa la mozione sui diabetici. Su questo versante sta accadendo una cosa ordinaria del governo della sanità sarda. Prima, quando noi del Partito dei Sardi abbiamo sollevato il problema, l’Assessorato ha risposto dicendo che era tutto a posto, che noi avevamo le traveggole, che addirittura esisteva una Commissione di esperti che non aveva bisogno di lezioni da parte di nessuno. Poi, lo stesso Assessorato ha scoperto che non riuniva la Consulta da due anni, che aveva preso fischi per fiaschi, che doveva rimediare. Adesso ha cominciato a correre prima della discussione in Aula del problema, con l’intento evidente non di dire onestamente che (LEGGI)

Oggi finiscono le bugie su lavoro, salute e pastori
Agricoltura Lavoro Politica Sanità

Oggi finiscono le bugie su lavoro, salute e pastori

(…) Mentre accadeva tutto questo, i malati di Sla scrivevano che mancano i farmaci. Nei giorni scorsi un genitore è dovuto andare da Nuoro a Bolotana a cercare l’insulina.
Mentre accadeva tutto questo si è scoperto che le 500 domande bloccate di pastori sardi, lo sono state perché ad Argea qualcuno si era dimenticato di completare una casella obbligatoria che ha mandato in anomalia le domande.
Mentre si lusingavano gli elettori col mondo che non c’è, non si è dato alcun peso (ho letto le dichiarazioni dell’Assessore dell’agricoltura del Trentino, ma neanche una parola di esponenti politici sardi) all’acquisto da parte della 3A di Arborea di un’importante azienda lattiero casearia in Trentino. (…) Questa è la nostra strada: competenza, lavoro, disciplina, dedizione e impegno. Non palloncini. (LEGGI)