Sanità

Diabetici: non molliamo
Politica Sanità

Diabetici: non molliamo

Ieri Augusto Cherchi e i consiglieri del Partito dei Sardi hanno depositato questa interrogazione per indurre l’Assessore alla Sanità a garantire ai diabetici sardi di potersi curare alle stesse condizioni garantite nelle altre regioni d’Italia alle persone afflitte da questa patologia.
Sul diabete non solo le cose non vanno bene ma vanno scandalosamente male (…) Se si pensa di risparmiare in sanità in questo modo e nel mentre si spera di ottenere facili consensi politici promettendo ogni giorno nuove assunzioni, allora si troverà il Partito dei Sardi sulla propria strada come mai prima è accaduto.

I diabetici costretti a pungersi dai camici benpensanti e maleagenti
Politica Sanità

I diabetici costretti a pungersi dai camici benpensanti e maleagenti

Il nostro Augusto Cherchi, membro della Commissione sanità del Parlamento sardo, ben noto sia all’imperatore Moirano che all’Assessore-associato-al-trono per essere uno dei due o tre che non si inginocchiano, ha concluso un lungo lavoro sul diabete in Sardegna. (…) Mentre nelle altre regioni d’Italia ai malati di diabete viene fornito un piccolo apparecchietto che infila un sensore di 5 millimetri sotto cute e dura 90 giorni, in Sardegna si obbligano i pazienti a pungersi per circa 3600 volte l’anno (SUBITO)

Pastori senza soldi e senza risposte. Corte dei Conti sui banchi di scuola
Agricoltura Politica Sanità

Pastori senza soldi e senza risposte. Corte dei Conti sui banchi di scuola

Ieri La Nuova Sardegna ha promosso su Facebook un confronto in diretta tra l’Assessore e la Coldiretti sui temi dell’agricoltura. I dati utilizzati sono quelli pubblicati da noi. Nessuno li ha contestati. Ne consegue che il Partito dei Sardi sta svolgendo una funzione di conoscenza e di tutela degli interessi legittimi degli allevatori che nessuno sta svolgendo. Continueremo a farlo, ma le domande restano tutte lì, irrisolte: come si intende far recuperare al sistema delle imprese sarde i 22 milioni di euro (…) Passiamo ad altro.
Avantieri la mitica Corte dei Conti (qui trovate il Piano della performance che vi dice di quale mostro burocratico stiamo parlando) ha criticato in modo sommario e a tratti arbitrario il bilancio 2016. Raffaele Paci ha preso carta e penna e, sebbene in felpati modi curiali, ha fatto il professore e ha ricordato alla Corte dei Conti che i giudizi sommari rivelano intelligenze sommarie (…) Infine, una sfida.
Sfido chiunque a trovare da qualche parte lo stipendio dei nuovi dirigenti di struttura complessa nominati da Moirano e calcolati sul sistema di pesatura (LEGGI)

Insulina, promozioni e i costi della Corte dei Conti. Un nuovo film: «Un arresto per tutti!»
Politica Sanità

Insulina, promozioni e i costi della Corte dei Conti. Un nuovo film: «Un arresto per tutti!»

Continuo a dire che mancano le garze e l’insulina e che questa brutale ma assolutamente vera realtà (forse derivata dal viziaccio di budgettare a tre mesi) contrasta con la fulgente retorica imperiale e assunzionale di Moirano (…). Piccole nomine crescono sempre dentro il magico camice degli affini. Val la pena parlarne? Ma no! (…) Nel frattempo a Oristano registriamo l’ennesima assoluzione perché il fatto non sussiste dell’ennesimo funzionario pubblico che se l’ha dovuta sbucciare fino al processo per un’accusa rivelatasi inconsistente. (…) Nel frattempo è salita in cattedra la mitica Corte dei Conti che ha bacchettato la Regione in lungo e in largo, in alto e in basso (leggete l’ottimo resoconto di Aime sulla Nuova). (…) Quando ero assessore ho chiesto ripetutamente di computare quanto spende la Regione per la Corte dei Conti e perché. Non mi hanno mai risposto. Chissà che adesso, presi da un impellente desiderio di trasparenza, non si tirino fuori i conti della Corte dei Conti. (LEGGI)

L’insulina dov’è? Governare è decidere. Grazie a Luciano Uras
Acqua Politica Sanità

L’insulina dov’è? Governare è decidere. Grazie a Luciano Uras

Governare significa trasformare la realtà, correggere il proprio errore, provvedere agli altri, essere animati da un vero slancio amorevole verso gli altri. L’orgoglio è nemico degli uomini di governo. (…) Se manca l’insulina; se mancano le garze; se i medici sottovoce dicono, perché impauriti, che i servizi stanno peggiorando a vista d’occhio, significa che le politiche di contenimento dei costi e di efficientamento dei servizi non stanno funzionando. Occorre ammetterlo, capirlo e correggere la rotta.
L’Azienda Unica è un macrocospico errore e va corretto e io sono sicuro che se l’imperatore Moirano mantiene la linea della esplicitazione della verità che sta cercando di tenere, non potrà che dichiarare ufficialmente che non può comprimere i costi, che non ci riesce in queste condizioni.
Un grande grazie a Luciano Uras per essere intervenuto oggi sulle colonne dell’Unione a parlare di Giustizia: ho perso amici per la mia battaglia sulla Giustizia-Giusta, ma mi pare che ne sto guadagnando altri. Tiriamo su la testa: via la paura, parliamone. (LEGGI)

Sanità, leggi  e nuove prepotenze
Politica Sanità

Sanità, leggi e nuove prepotenze

di Augusto Cherchi
Mi attribuisco più difetti, ma anche qualche buona pratica: quando mi chiedono un parere, studio sempre l’argomento con mente critica; quando una legge viene approvata dal Parlamento Sardo mi aspetto che venga applicata, da tutti, nessuno escluso, senza se e senza ma, anche se non piace; magari si può fare di tutto per modificarla, ma intanto si applica e non la si disattende!
Da mesi continuo a dire che in Sanità esiste un problema di applicazione delle leggi votate (…)
Ovviamente noi pensiamo che chi pensa di prenderci per il naso in questo modo per continuare a fare un po’ quello che vuole, abbia veramente sottovalutato sia la nostra intelligenza che la nostra pazienza.
E dunque, almeno per iniziare a far capire che non siamo scemi, abbiamo posto domande. (CONTINUA)

Sanità segreta: contagocce informativo
Politica Sanità

Sanità segreta: contagocce informativo

Ieri, mentre si consumavano diverse tragedie e commedie politiche, si svolgeva una seduta della Commissione sanità del Parlamento sardo. (…) Ieri, in occasione della prima parte dell’audizione di S.M. Moirano (l’audizione continuerà martedì prossimo) si è scoperto che, secondo non si sa bene chi, la legge sulla rete ospedaliera ha bisogno , per essere applicata, di linee guida o di note esplicative. Dove sta scritto tutto questo? Mistero. Non si sa. (…) Il buon Augusto (sempre quello il cui sudore è stato sottoposto a verifica da Guardia di Finanza, Carabinieri, Corpo Forestale e Assemblea condominiale) ha poi chiesto una informazione ovvia: quanti sono i dipendenti di ruolo dell’Ats? Quanti sono quelli in servizio? Quanti sono i dipendenti delle Asl con contratto a tempo determinato? Quanti gli interinali? Mistero. I dati disponibili non sono della Regione Sardegna, ma del Ministero e risalgono al 2013! (LEGGI)

Moirano convocato. Tricolore manifesto: prostitute (rosso), razze (bianco), verde (vaccini)
Elezioni Politica Sanità

Moirano convocato. Tricolore manifesto: prostitute (rosso), razze (bianco), verde (vaccini)

Oggi l’onorevole Augusto Cherchi, uno dei pochi che non si inginocchia di fronte al Direttore generale dell’Ats né al Direttore generale dell’Assessorato alla sanità, chiederà il rispetto della legge che prevede che S.M. Moirano vada in nel Parlamento sardo a riferire del suo operato e vada in Commissione sanità a giustificare l’organico programmato dell’Ats (…); si è di fronte a un’esperienza brutale di tatcherismo di cui non si avvertiva in alcun modo il bisogno. (…) Nel frattempo la campagna elettorale italiana ha trovato la sua bandiera, quella più aderente alla tradizione. Salvini ha riproposto le case chiuse, secondo la migliore tradizione del diritto del membro italico a sfogarsi per di più legalmente. Non educazione a una sessualità meno cupa, più libera e leggera di quella colpevolizzata della tradizione cattolica. No, nessuna educazione, divieti morali e eccezioni legali, questa è l’Italia.
(LEGGI)