“Mi ordinarono di staccare la registrazione di Vincenzo Scarantino perché il collaboratore doveva parlare con i magistrati”
“Di Ganci mi disse di staccare l’intercettazione perché Scarantino doveva parlare con i pm” .
“Di Ganci mi disse poi di riavviare l’intercettazione dopo che Scarantino aveva finito di parlare con i magistrati”.

Piaccia o non piaccia, la Sinistra italiana, col suo cinismo di potere, è riuscita a farsi ricollocare dalla Destra nella posizione antipatica e odiata di Partito delle tasse. In poco meno di due mesi, l’Italia ha la percezione diffusa che il Governo non sappia cosa fare rispetto alla tragedia dell’immigrazione, ma abbia le idee chiarissime […]

Sarebbe opportuno far notare ai parlamentari della Sardegna, che per ovvietà essi sono stati eletti in Sardegna. Nella manovra finanziaria dello Stato, a fronte di contabilizzazioni di spesa anche per valori minori rispetto alle dimensioni del bilancio (si pensi che la riduzione tanto osannata del superticket vale solo 168 milioni di euro), non vi è […]

Qui di seguito il comunicato diffuso ieri dall’Assessorato alla sanità, rassicurante nei toni, ma in sostanziale contrasto con la variazione di bilancio approvata nei mesi scorsi per dare 25 milioni di euro al Mater Olbia nel 2019. Adesso il comunicato ufficiale dice che, invece, gliene daranno 5 e che su 17 si tratta. Questo il […]

Mater Olbia: imbarazzo e verità

È la regola della tela del ragno, il quale può catturare piccoli insetti tendendo loro piccole ed evidenti trappole, ma si arrende di fronte a grandi animali in grado di travolgere la sua tela.
È lo stesso motivo per cui a Cagliari si parla di uomini ma mai di banche e di Camere di Commercio, mai della fatica con cui gli uomini comuni rinegoziano i loro mutui ‘prima casa’ a fronte della facilità con cui magari uomini molto potenti e mai scalfiti da alcun sospetto rinegoziano i loro debiti personali.
La logica è sempre la stessa: il troppo grande ha più impunità del troppo piccolo.

Oriol Junqueras, il leader di Esquerra Republicana, da otto mesi rinchiuso nel carcere di Estremera per aver organizzato il referendum per l’indipendenza della Catalogna, ha scritto una bellissima poesia in italiano (Junqueras ha studiato in Italia) per i figli, che parla da sola e non ha bisogno di commenti. È arrivata in Italia attraverso una […]

Per ora vincono gli ipocriti

Nel frattempo, in Sardegna, mentre il turismo cambia pelle e nessuno se ne accorge, i trasporti fanno acqua da tutte le parti e tutti fanno finta di niente, l’agricoltura è bloccata da una politica del controllo e del dominio nata nella nuova Giunta ma con consiglieri giuridici di antica e rossissima tradizione, mentre il premier Conte viene a promettere i soldi già dati dagli altri

Carissima Dike, qui lo spazio per la scrittura è pari a quello per i colloqui, quindi devo essere rapido. Come sai, sono stato incarcerato nonostante fossi tutti i giorni in Aula a insegnare, non stessi scappando, non potessi fare altro che insegnare. Potevano ascoltarmi tutti i giorni, ma volevano farmi tacere in un sol giorno. […]

Sembra incredibile solo a chi pensa ancora che l’Europa sia patria di diritto e libertà. L’Europa è patria delle condizioni di fatto. L’Europa è patria di chi ha forza, e forza militare e poliziesca prima di tutto. La Catalogna insegna: non basta essere maggioranza in Europa. Non basta la democrazia: occorre la forza per affermarla. […]

Pochissimi osservatori hanno fatto notare che la riduzione del numero dei parlamentari della Repubblica italiana ha un effetto sulla cosiddetta democrazia italiana: è diminuito il numero di coloro che decidono per tutti. Ne consegue che è ancora più ristretta la minoranza che viene eletta per governare su tutti. Si è rafforzata l’aristocrazia della democrazia. Il […]

Ancora oggi il sito Amministrazione Trasparente della Regione Autonoma della Sardegna non riporta i nomi, i compensi e i curricula dei membri dei Gabinetti degli Assessorati. Voci insistenti parlano di consiglieri regionali uscenti coinvolti nei gabinetti a dispetto della legge Severino. I curricula presenti nel sito sono ancora quelli della vecchia Giunta. Non solo. Le […]

Fatto è che la signora Vittoria Leone racconta che durante il sequestro Moro (l’unico uomo politico che negli anni Settanta aveva già capito gli anni Novanta) fu recapitata a casa Leone una lettera, a lei indirizzata, che svelava l’indirizzo del covo dove veniva tenuto sequestrato Moro.