Altre news

Primarias: stasera alla Corte del Sole di Sestu si parla di una legale rivolta fiscale
Fisco Politica

Primarias: stasera alla Corte del Sole di Sestu si parla di una legale rivolta fiscale

Stasera inizia un lungo percorso per cambiare il sistema fiscale della Sardegna. È dura, ma così non si può più andare avanti. Il fisco all’italiana, ingiusto e oppressivo, è uno dei fattori determinanti della povertà della Sardegna. Stasera cominciamo a studiare come combatterlo legalmente.
Do alcune notizie politiche. C’è molta diplomazia in campo tra i partiti a vario titolo indipendentisti, federalisti, socialfederalisti, ecc, (…) Intanto la notizia del referendum sulla Nazione Sarda si sta diffondendo a macchia d’olio. Intanto solo noi stiamo scegliendo i candidati per la presidenza con un metodo trasparente e democratico. Andiamo avanti. (LEGGI)

Primarias: giovedì raccontiamo come si fa la rivolta fiscale. Condannati e dibattito politico senza pudore
Giustizia Politica Primarias

Primarias: giovedì raccontiamo come si fa la rivolta fiscale. Condannati e dibattito politico senza pudore

Giovedì, alle 18, alla Corte del Sole, nel primo dibattito politico tenuto apertamente in un centro commerciale, spiegheremo le Primarias, ma anche come è possibile far partire la rivolta fiscale della Sardegna senza commettere reati. Quando si iniziano processi rivoluzionari come questo, bisogna liberare la politica dal sospetto che sia una cosa sporca. Bisogna fare molta pulizia, privata e pubblica. Una Nazione nasce da una rivoluzione legale, non da un condono strisciante e trionfante. (LEGGI)

Primarias: no, compagni, questa volta prima i Sardi poi voi. La paura e il deputato scorreggione
Politica Primarias

Primarias: no, compagni, questa volta prima i Sardi poi voi. La paura e il deputato scorreggione

Il Pd ha paura delle suppletive e scappa da Cagliari. Questa volta non ci fregano: non si vota in base alla paura dei fascisti e dei comunisti. Chi dice: “Prima noi”(il Pd) “poi loro”(i Sardi) ci ha stufato perché ci prende per stupidi. Se invece dal 6 al 16 dicembre in tanti diremo che la Sardegna è una Nazione, il passo successivo può essere che per me sia il carcere (sto preparando la rivolta fiscale e giovedì ne parlerò alla Corte del sole, ore 18, Sestu) ma per loro è il pensionamento, perché nascerebbe un mondo completamente nuovo. Chiedo aiuto a giovani e vecchi: facciamo la scelta giusta, non sotto il segno della paura, ma sotto il segno della nostra libertà. Ricordatevi come si vota. (LEGGI)

Primarie reali, virtuali e continentali
Elezioni Primarias

Primarie reali, virtuali e continentali

di Giovanni Panunzio
Chi vincerà le Primarias, organizzate dal Partito dei Sardi, sfiderà altri quattro candidati alla Presidenza della Regione: tre autorizzati dall’empireo e uno da un blog. Il centrodestra e il centrosinistra si sono ricompattati con due esponenti scelti dagli apparati di sempre, vincolati a Roma e Milano e riassemblati per l’occasione perché impauriti dal successo del M5S alle politiche del 4 marzo scorso. Il M5S, a sua volta, si è affidato alle cosiddette “regionarie”: potrebbe apparire una scelta dal basso, ma non lo è. Il motivo è semplice. Il M5S non è un movimento che è nato dalla base, ma dall’altezza: sua altezza Beppe Grillo. Se dicessi sua bassezza, Beppe si rattristerebbe. LEGGI

Primarias: la Nazione Sarda in un Centro commerciale. Non abbiamo paura di nulla
Politica Primarias

Primarias: la Nazione Sarda in un Centro commerciale. Non abbiamo paura di nulla

Giovedì prossimo, alle 18, alla Corte del Sole di Sestu, nella sala del ristorante La pecora rosa, presenteremo le Primarias. Ci saranno tutti i candidati. Per la prima volta si parlerà di Nazione Sarda dentro un Centro Commerciale, dentro uno dei luoghi dove è facile diventare da uomini che siamo banali e distratti consumatori. Ricordiamoci sempre come si vota, così dal 6 dicembre cominciamo a farlo. Chi sta all’estero e ci sta aiutando molto, continui a farlo, per favore. I Sardi non sono bene informati: serve il passa parola. (LEGGI)

Primarias: La Costituzione italiana mente e i sardi emigrano. Fino in fondo contro le bugie che ci uccidono
Politica Primarias

Primarias: La Costituzione italiana mente e i sardi emigrano. Fino in fondo contro le bugie che ci uccidono

Abbiamo messo in campo un voto legale che smentirà la Costituzione italiana. Ricordatevi sempre come si vota.
Da casa, in silenzio e senza che alcuno lo veda, ogni sardo potrà dire allo Stato italiano, all’Europa e al mondo, che non è vero che l’Italia è una e indivisibile: c’è la Sardegna.
Facciamola civilmente pagare con un voto a tutti quelli che ci hanno disprezzato nei secoli e negli anni (…) Questa volta, o ci arrestano o non ci fermano, e siccome sono anni che ci prepariamo alla galera, non ci fermano neanche se ci arrestano. (LEGGI)

Primarias: come si vota. Oggi a Macomer. Un caro saluto ai prepotenti impauriti
Politica Primarias

Primarias: come si vota. Oggi a Macomer. Un caro saluto ai prepotenti impauriti

Come si vota per la Nazione Sarda?
Ecco il video che lo spiega. Fatelo girare. Sardi di tutto il mondo, unitevi con un clic. Sarà la prima volta nella quale ci aiuteremo a vicenda. Fatelo girare, profuma di libertà. Ieri a Cagliari c’eravamo tutti, fuorché il Pd, e non si è bisticciato. Un miracolo. Oggi a Macomer ci saremo tutti, fuorché il Pd: una conferma. Alla fine, un attimo prima della presentazione delle liste, vedrete che accadrà il miracolo dell’unità della Nazione Sarda. (LEGGI)

La Sardegna è verticale: non si va più via, si combatte
Politica Primarias

La Sardegna è verticale: non si va più via, si combatte

Domani vediamoci a Macomer, ore 10, centro Polifunzionale, via degli Artigiani. Passiamo dalla Sardegna orizzontale che tutti visitano e calpestano, a una Sardegna verticale che decide, aggrega, risolve, dà prospettive e risolve problemi. Nessun sardo vuole essere più costretto a emigrare perché la sua terra è resa povera e inospitale da uno Stato sbagliato.
Votare per la Nazione è votare per la liberazione dal destino segnato. (LEGGI)