Fisco all’italiana: deficit, tasse, ottimismo e persecuzione

Sarebbe opportuno far notare ai parlamentari della Sardegna, che per ovvietà essi sono stati eletti in Sardegna.

Nella manovra finanziaria dello Stato, a fronte di contabilizzazioni di spesa anche per valori minori rispetto alle dimensioni del bilancio (si pensi che la riduzione tanto osannata del superticket vale solo 168 milioni di euro), non vi è traccia di alcuna restituzione dei milioni di euro che l’Italia deve alla Sardegna ormai per sentenze ripetute della Corte Costituzionale.

Si può poi notare che, all’italiana, sono previste nuove spese finanziate in deficit, cioè a debito, per 14,4 miliardi di euro e nuove entrate, cioè nuove tasse, per 13,672 miliardi di euro. Questo è il modo di risanare un paese malato fino al midollo di bugie, ferocia e apparati burocratici? Ognuno se lo chieda e si dia una risposta.

Si può infine far notare che in Sardegna ogni nuova guerra all’evasione fiscale si è trasformata in una guerra al piccione, cioè al contribuente medio sopravvissuto alla strage degli accertamenti che fanno della Sardegna la regione, rispetto alla sua popolazione, con il maggior valore del rapporto tra numero degli accertamenti e numero degli abitanti, con un’incidenza notevole dei contenziosi sotto i 3.000 euro.

Si può far notare che san Francesco diceva che si deve predicare il Vangelo solo se necessario con le parole. Ciò significa che non ce la si può cavare in Sardegna col cerchiobottismo verbale di Di Maio che da una parte evoca il carcere per i grandi evasori e dall’altra dice che non si possono perseguitare ceti come i commercianti perché già perseguitati.

E infine sarebbe opportuno far notare al Governo che pretendere l’uso quasi esclusivo dei pagamenti non in contanti sarebbe facile da parte dei dipendenti a reddito fisso se il fisco, seguendo il flusso del denaro, consentisse loro di scaricare le imposte che pagano (le accise sui carburanti, l’Iva su tanti beni, una valanga di piccole tasse indirette su tanti altri). Invece no: si vuole seguire il contante ma si vuole che chi paga le tasse da sempre non possa detrarre un solo euro dalle tasse che paga spendendo il denaro già tassato.

Questi ragionamenti, però, sono troppo sofisticati per l’Italia delle battute, degli schieramenti, delle faide istituzionali, degli omicidi politici su commissione o per vocazione. Questa Italia non accetta ragionamenti: solo schieramenti e narrazioni di parte. Così l’informazione, ormai, è esplicitamente separata dallo spirito critico e congiunta con lo schieramento di parte, come se vivessimo in un’immensa curva sud.

One thought on “Fisco all’italiana: deficit, tasse, ottimismo e persecuzione

  • Mario Pudhu says:

    Eja, tenes resone, Paulu, totu sos on. e sen. “della Sardegna” sunt «per ovvietà» «stati eletti in Sardegna». Però se la Sardegna è Italia comente la ponimus? La solidarietà a chie la lassamus? Dae sa Sardigna on. e sen. si che tucant a s’Itàlia a coro in manu (e a portafógliu in busaca, ma solu cun sa carta de identidade e su bancomat) per soccorrere la nostra povera mamma sempre sull’orlo del collasso cun totu chi est terra di santi e di eroi evasori: pessa chi mancu Santu Frantziscu de Assisi pagaiat tassas! E miràculos est chi no faghent!…
    Tue naras chi «In Sardegna ogni nuova guerra all’evasione fiscale si è trasformata in una guerra al piccione»: ma, iscusa, semus o nono «razza delinquente»? L’at cufessadu pubblicamente fintzas Frantziscu Cossiga, bonànima! Niceforo docet chentza mancu ischire chie fit e ite at nadu e de chie solu ca de s’istória nostra… ohi nostra?! E poi, fintzas si bi ndh’at, chi se ne frega?!
    Naras chi «san Francesco diceva che si deve predicare il Vangelo solo se necessario con le parole»… Calma, quello lì intanto, prima cosa, era italiano e noi siamo sardi(gnorri), seconda cosa noi mica siamo francescani! Non predichiamo niente! Paras cicantis eja (ma no a bertuledha a codhu!), e de bonu coro, a coro in manu ca s’Itàlia tenet bisonzu fintzas de sa limúsina nostra!
    E poi, sa giustítzia!, it’est custa «Corte Costituzionale» che sputa sentenze? Beh, se si tratta di sputi, per solidarietà ce li prendiamo tutti: a carchi logu, tantu, depent puru rúere, e menzus “sputacchiera” de sa Sardigna no bi ndh’at e de su restu nois Sardos l’ischimus bene e nois etotu nos isputzimus (a ruspidura, parimus faghindhe sas sicas a nois etotu – custa ei chi est “autonomia”! – nedhe fintzas “Puh chi ti siches!”), tantu no est nudha (o, menzus, tutto fa brodo) si faghimus chei cudhos chi ruspint a in artu, scilicet a chelu (chentza istare abbaidendhe si lo sputo nos ruet a cara o in palas).
    Ca sos macos – o, menzus, sos pistadores de abba inghiriagrastos pedulianos pedidores dipendhentistas a responsabbilità limitata, cun totu i grandi uomini politici della Sardegna, pardon della Sarditàlia – sos macos no sunt sos Italianos e no est s’Itàlia (chi chircant de fàghere sos afàrios issoro, su chi e ca lis cumbenit) e no cherimus fàghere nudha prus de prànghere e pedire, pedire e prànghere, iscúdere sa conca una borta a sos muros de manca e s’àtera a sos muros de destra, ma donzi borta a càmbiu pro no l’íscudere sempre a su matessi muru timindhe de lu guastare. O sinono nos arranzamus, boghendhe ispedientedhos (pessa a sos ortighedhos de “marijuana” fintzas in Illorai! Pitica sa rivolutzione!), o bagamundhedhe ifatu de su logu, o ‘zoghendhe’ in sos tzilleris e is sas “salas” apostadamente fatas (pessa in s’istazione FFSS de Carbónia!), cun cudhas màschinas de sa fortuna (pessa chi in Santu Giuanne Suérgiu, oh, Santu Giuanni Suérgiu, chi si agatat – si l’agatamus! – in su logu a nàrrere de sos pedulianos de professione “più povero d’Itàlia”, fortuna chi est in Itàlia), in Santu Gianni in sas màchinas de sa fortuna ispendhimus (mi bi ponzo deo puru ca pro fàghere sa “média” cheret gai!), sa bellesa de prus de 500 éuros a s’annu cadaunu, contendhe fintzas is pipiedhus modhis de nascidroxu apenas registrados in s’anàgrafe! Un’àteru ispèediente est cussu de emigrare diplomados, laureados e chentza paperi timbradu, a donzi isperevundhu de logu ca… qui non c’è niente! Totu su “studio” chi ant fatu pro ischire chi qui non c’è niente!
    Est abberu chi inoghe puru si faghet miràculos (pessade cant’isàsinu de festas!) e faghent cosas meravizosas chi però mancu ischimus ca no podent fàghere iscàndhalu mescamente si totu su chi depimus fàghere est a prànghere e a pedire, e però benit sempre de dimandhare:
    Ma sos Sardos puru, sa Sardigna puru, tenimus Guvernu? E si fintzas sos ‘indipendhentistas’, ‘autodeterminatzionistas’ e àteros ‘-istas’ a muntones seus iscallaus che nie postu a budhire in su fogu evaporados tantu de no àere mancu in sa “anticamera” de sa conca idea de “che pesci” (si no est in faccia) prendere”?!

I commenti sono chiusi.