Solo Sardiniapost dà la notizia di un evento gravissimo: il collegio sindacale della società avrebbe segnalato il presidente del Cda di Abbanoa alla Procura della Corte dei Conti perché si sarebbe liquidato competenze non dovute (…) Oggi, invece, al desco dei topi loggiati di città, alle cene di mediazione tra toghe, cravatte, bilanci, assunzioni e incarichi, il digestore del diritto si è messo in azione e tutto passa, placido, mediato, compreso, attutito.
Fate un po’ senso, un po’, voi tutti, dico, controllati e controllori; siete pingui di arroganza e ingiustizia, fetanti di sicurezza impunita (…)

Quirico non vuole mettersi da parte e chiede la candidatura. Nel matrimonio di interesse Lega-Psd’az la componente maschile (la Lega) pende per Milia, la componente femminile (Psd’az) è della categoria delle disponibili, e quindi ancora non ha fatto una scelta. Poi c’è un outsider single, ma molto popolare, che è Peru, il quale non è gradito perché è di Sorso, con tutto quello che questo comporta (…)

A chi si vuol dare oggi a bere che Chessa è il monellaccio scappato al controllo del maestro? Chessa è un maestro, è l’edizione 4.0 di Oppi (che è un modello vintage di tendenza che io conosco per vecchia amicizia oggi severamente dismessa, Gallus lo imita anche nell’espressione, Oppus nell’affabilità, Biancareddu nella sistematicità localistico-sociale), ma è soprattutto l’editio minor di Solinas, il fratello che non si è potuto sgrezzare frequentando il corridoio di Cossiga (….) Ma ecco che avviene un colpo di scena: l’assessore all’urbanistica Quirico Sanna, una delle tre persone della trinità di cui sopra, sopraffatto da scrupolo amministrativo, ha adottato un decreto severissimo (n.08 del 28.07.2020) contro il sindaco di Palau con il quale stabilisce (o meglio, decreta)…

La Sanità va male, il turismo va peggio, il lavoro manca, le campagne sono in disordine, l’industria è scomparsa, la formazione è un sistema di feudi riservati, tutto questo non accade per caso, succede invece perché se si nutre solo l’asse oro-ragadale, il cervello si atrofizza e prende al massimo la forma di un educato tovagliolo per evitare le macchie da desco ricolmo. È troppo oscena l’avidità di questi tempi, la ricerca di rendite, di posizionamenti, di cariche, di denaro. Siamo al rivoletto di sugo al margine della bocca. È in questo contesto che chi era impedito a viaggiare avrebbe comunque percepito l’indennità chilometrica. Suvvia, un po’ di contegno! Il secondo evento è un capolavoro di letteratura comico-grottesca. Ieri, la celeberrima Col Tursport, destinataria di ben 5,7 milioni di euro in tre anni, ha convocato una conferenza stampa per domani, 30 luglio, non in una sede qualsiasi, ma a palazzo Doglio, il nuovo luogo dello scialo cagliaritano…

Consiglieri regionali bau bau

C’è invece scritto che è stato presentato da un privato – e l’assessore ha incredibilmente confermato questo iter innovativo e per niente esposto all’abuso di ufficio – un progetto alla Regione e che la Regione lo ha finanziato per 5,2 milioni di euro. La presentazione da parte del privato è stata solo verbale? E va bene! E che diamine, sono sottigliezze. Siamo sopra soglia? Ma no, solo poco poco, non ci si vorrà scomodare per queste inezie […]

Indietro tutta, unica idea

La linea dell’attuale maggioranza, opportunamente sostenuta da un’opposizione di consistenza gelatinosa, è: “Indietro tutta”. Dall’Impero di Moirano, voluto fortemente da Pigliaru con tutti gli uomini del Pd intorno all’imperatore (nominati ai vertici, secondo le parole dell’Assessore di allora, per sua conoscenza diretta, nuovo merito politico e amministrativo), si ritorna alle 8 Asl. Neanche un po’ di fantasia, che so io, farne tre più le universitarie sarebbe stato logico e esteticamente sostenibile. Invece no, a su connotu, si torna all’antico: 8.

Avvocatura regionale, 11 comandamento: a si sarvai

Con l’articolo 5 viene istituita “l’Avvocatura regionale della Sardegna” e, contemporaneamente, senza dirlo esplicitamente, viene soppressa la Direzione generale dell’Area Legale.
E che sarà mai!
Si cambia nome, ma tutto rimane come prima.
No, non è così.
Questo caso dimostra, se mai ci fosse bisogno, la smodata passione di Solinas, e della sua Giunta, per la figura dell’avvocato, pubblico o privato che sia e, meglio ancora, quando le due cose si confondono (…)

Si ripete la litania della troppa burocrazia. Niente di più falso. In questi anni i pubblici uffici sono stati scientificamente indeboliti, privati di competenze e di competenti, dilatati da assunzioni clientelari, affidati a dirigenti scelti per amicizia. Ora che tutti hanno bisogno di un “pubblico” che funziona si inizia a piangere sul latte versato. Mentre si continua a discriminare professionalità riconosciute per ragioni di appartenenza “partitica”…

A me di questa storia interessa lo sfottò del centesimo, la mente burocratica che si è potuta permettere la burla. Perché, in fin dei conti, stabilire la soglia a 39.999 è una sorta di beffa, un passare il dito sotto il naso senza mai toccare nessuno.
A me interessa questa psicologia del rischio gioioso, questo goliardico spirito del vivere e del gestire. Mi interessa perché ciò che per alcuni è Carnevale, per altri è Quaresima (…)

In Gallura, però, nella terra della dolcezza e della sensualità più struggente, dove basta prendere un sentiero e trovarsi in un silenzio avvolgente, magari con un cane non inselvatichito, qualche altro animale, uno stazzo, gente serena intorno che non fa domande, che sa tacere e prenderti la mano, ci sono callidissime menti che interpretano il sotto soglia sicurissimo se e solo se si toglie un centesimo: non 40.000 ma 39.999 (…)

La fame incombe, il circo Salvisolinas gioca

Si tratta dell’attività plantigrada del Direttore generale incaricato di girare le slide di cui si è già detto. Il Servizio Regionale Numeri al Trapezio a Capocchiadispillo aveva sbagliato i grafici a torta, mettendo i totali nelle fette dei parziali, ma nessuno li aveva controllati perché ciò che contava e conta non è la verità della fame e dei morti, era ed è, invece, la messa in scena del potere, la capacità di attirare l’attenzione. In tutto questo, incuranti del significato vero di quei numeri fatti di sangue e lacrime, nelle slide delle “torte” è comparso un nuovo simbolo: Innovatori Sardegna (…)

Argea: scivolose mobilità

Ma la cosa più interessante del boudoir agricolo è la seguente: l’elenco che comprende l’escluso/incluso ha un criterio in più, non previsto nel bando, di quelli invece presenti nelle altre graduatorie dello stesso avviso di mobilità. Il criterio chiave si chiama: classe attinenza curriculum. Il nuovo criterio non sembra incidere sul punteggio finale, ma allora a che serve? E perché è attivo solo per i tecnici amministrativi e non per gli ingegneri e gli agronomi? Mistero, fumo, décadence, empire… boudoir…