Massoni e diverticoli

Voi non siete come quelli di cui parla Bisi. Voi siete un surrogato pestilenziale della camorra, della mafia, dei servizi di sicurezza deviati, di quelli che usano i delinquenti come informatori e proteggono il loro delinquere, di tutto ciò che lavora nel buio, nei corridoi, negli interstizi, nei diverticoli (…)

Chessa: il re della spiaggia

Il problema è che nel Campionato della Forza della Lega Solinas, non conta chi ce l’ha più grosso, ma chi lo possiede più fino, il cervello. (…) Chessa non sa che Is Mirrionis è solo la periferia di Bisanzio. E mentre lui faceva bicipiti, ecco che una manina ha trasferito alla Direzione dell’Innovazione e della Sicurezza IT le competenze, le strutture e le risorse telematiche e di Rete prima possedute dal Turismo. Chessa gonfia i pettorali, ma in realtà perde l’osso, la struttura, a favore di Richard de la slide (…)

In Gallura, però, nella terra della dolcezza e della sensualità più struggente, dove basta prendere un sentiero e trovarsi in un silenzio avvolgente, magari con un cane non inselvatichito, qualche altro animale, uno stazzo, gente serena intorno che non fa domande, che sa tacere e prenderti la mano, ci sono callidissime menti che interpretano il sotto soglia sicurissimo se e solo se si toglie un centesimo: non 40.000 ma 39.999 (…)

Il 18 maggio il Ministero delle Politiche agricole ha scritto al Commissario di Argea e le ha detto chiaro e tondo che deve mettere in atto azioni concrete se vuole che Argea sia riconosciuta come Organismo pagatore. (…) Cosa fa la Commissaria? Ovviamente (si fa per dire) scrive all’Assessora all’agricoltura e le dice che è colpa della Giunta e della gestione precedente e della normativa vigente. Vero? No, (…) Lo stesso giorno scrive al Ministero e dice che è tutto a posto (…)

La Regione Sardegna è andata oltre, ha varato il giornalista monouso: sa scrivere, ma non sa leggere; è in grado di fare comunicati stampa, di disciplinare il traffico delle domande evitando le inopportune, ma non di capire i comunicati e gli articoli degli altri, i post, i tweet e gli sms, no. Un istituzionale uso esclusivo per una sola funzione. I vecchi comunisti erano trinaricciuti per far sfiatare il cervello; i giornalisti dell’Ufficio Stampa della Regione sono stati razionalizzati a una sola funzione: esistere. Questa è la delibera con la quale la Giunta affida (…)

Ci eravamo abituati al Tg 3 Sardegna come riepilogo delle notizie date dagli altri. Ci eravamo abituati all’inutile servizio pubblico, ai bollettini ufficiali ripetitivi del già detto o amplificanti del non senso.
Aspettavamo sonnecchianti il Tg Leonardo, l’unico Tg interessante offerto dalla Rai e, nel frattempo, rivedevamo il solito schema andare in scena, diverso tutti i giorni ma tutti i giorni uguale (…) Poi però è accaduto che il 13 maggio si è andati oltre la decenza (…)

Argea: scivolose mobilità

Ma la cosa più interessante del boudoir agricolo è la seguente: l’elenco che comprende l’escluso/incluso ha un criterio in più, non previsto nel bando, di quelli invece presenti nelle altre graduatorie dello stesso avviso di mobilità. Il criterio chiave si chiama: classe attinenza curriculum. Il nuovo criterio non sembra incidere sul punteggio finale, ma allora a che serve? E perché è attivo solo per i tecnici amministrativi e non per gli ingegneri e gli agronomi? Mistero, fumo, décadence, empire… boudoir…

D’altra parte la Destra sarda, quella degli affarucci, delle leggi ad personam, del saccheggio delle società partecipate, del vuoto per pieno, dei chioschi sul bagnasciuga, delle estati che iniziano il 1 aprile (e non è uno scherzo), degli accordi a bint’ungias col governo italiano, della sanità del “Sì, no, ma, forse” ha espresso un governo regionale, generato e non creato dalla Lega, che balbetta, che trasferisce sui sindaci la sua incapacità di avere un disegno strategico, con assessori ectoplasmatici (dov’è l’assessore dei trasporti? (…)

La strage delle persone civili

Basta uscire per strada e rispettare le regole per sentirsi una specie in via d’estinzione.
Una persona normale che ieri normalmente abbia seguito le disposizioni di legge e passeggiato con la mascherina, sicuramente ha incontrato, come è capitato a me, crocchi di persone senza mascherina che la guardavano con ostentati disprezzo e sufficienza (…)

Riformatori: scuola di che?

I Riformatori dei referendum sull’abolizione delle province e dei consigli di amministrazione nelle società della Regione, fanno la scuola di politica per far dimenticare che questa Giunta e questa maggioranza hanno ripristinato le province e il consiglio di amministrazione di un-quarto-di-bue-a-testa a Abbanoa? (…) Oggi i Riformatori sono parenti strettissimi, più che congiunti, di tutto ciò che hanno negli anni sdegnosamente disprezzato. In primis ciò che ai loro occhi ha sempre rappresentato Oppi: il competitor jam è diventato il modello heavy (…)

Il professor Pulina ha scritto: “Caro Rettore, non dire che non si può fare ciò che fanno tutti i tuoi colleghi e muoviti a indire le elezioni”.
Risposta: silenzio tombale!
Se un sindaco si comportasse allo stesso modo succederebbe, nell’ordine: diffida ad adempiere e commissariamento da parte della Regione, indagine della magistratura per omissione di atti d’ufficio, sequestro di atti da parte della Guardia di Finanza e sicuro linciaggio pubblico mediatico sempre connesso (…)


Chi ha chiesto a Umberto, il povero Umberto appassionato di ben altre cose, di scolpirsi tra le gambe due capitelli corinzi sulla pesca sportiva? Mistero!
Fatto è che The dark side of the Power s’è girato di motore, trasmissione e elica, ha chiamato Silvia e le ha dato licenza sado-maso….