Alluvioni e strade: cancellate Maninchedda

Oggi è il giorno dell’ostracismo, dal quale non mi difenderei se non fosse che sono consapevole che le polizie giudiziarie della Sardegna usano frequentemente i giornali per formulare atti d’accusa campati per aria.

Oggi L’Unione Sarda fa una ricostruzione del rischio idrogeologico della Sardegna, sulla base della relazione della Corte dei conti sull’utilizzo dei fondi, secondo la quale dal 2013 ad oggi non si è fatto altro che non spendere.
Si parla della mappatura dei canali tombati come opera del caso, come se l’operato mio e della Giunta Pigliaru non esistesse. Ciò avviene non a caso, perché a firmare l’articolo è un ex Presidente della Regione. Come dire: “Quando c’ero io, invece….”.

Chiunque, avendo a disposizione un giornale può fare quello che vuole, ma i fatti e la storia sono lì, inamovibili e non cangianti per la penna immemore di un giornalista.

Cominciamo con qualche dato: chi ha finanziato la realizzazione dei canali tombati?
Tanti assessori dei lavori pubblici, questo è certo, in particolare del passato remoto della Prima Repubblica.
Io e la Giunta Pigliaru no (la cito perché, al netto di qualche pavido cronicizzato, c’erano veramente tante brave persone in quella Giunta che capirono la solitudine in cui agivo e mi diedero conforto).
Durante il mio mandato e quello del mio successore Edoardo Balzarini i canali tombati sono stati censiti e si è avviato un piano per la loro messa in sicurezza in tutti i paesi della Sardegna. Ho avuto la fortuna di lavorare con dirigenti e funzionari motivati da un sincero impegno per mettere in sicurezza l’Isola e dai quali ho imparato tanto.
In questa legislatura, invece, c’è almeno un comune che sta pensando di ripristinarli, con studi affidati con risorse della Regione.

Chi ha fatto la prima proposta di delocalizzazione di case costruite in alveo dal dopoguerra a oggi?
Io, la struttura dell’Assessorato e la Giunta Pigliaru. Noi siamo andati a Bitti a offrire 7 milioni di euro per spostare le case.

Chi ha realizzato i lavori in foce a Capoterra, quelli che oggi sui giornali si dice che abbiano salvato Frutti d’Oro?
Io, la struttura dell’Assessorato e la Giunta Pigliaru.
Si legge sul giornale di oggi, che la buona notizia sarebbe la riduzione del rischio da parte della Regione e l’applicazione del Piano casa anche a Frutti d’Oro, non per le manutenzioni, su cui siamo tutti d’accordo, ma per gli ampliamenti. Auguri. Io mai avrei ridotto in quell’area i vincoli.

Chi ha portato a compimento gli argini sul Cedrino che questa volta hanno salvato Posada e Galtellì?
Io, la struttura dell’Assessorato, la Giunta Pigliaru e il Consorzio di Bonifica.

Chi ha fatto fare la verifica statica della diga di Maccheronis (che è una vera bomba a orologeria e richiede assolutamente una diga a monte, perché il bacino è troppo grande e minaccia assolutamente Torpé)? Chi ha sbloccato la ripresa dei lavori?
Io, la struttura dell’assessorato, l’Enas diretta dal prof. Giovanni Sistu e la Giunta Pigliaru?

Chi ha varato il primo e unico piano di manutenzioni delle dighe mai realizzato dal dopoguerra a oggi?
Io, la struttura dell’assessorato, la Giunta Pigliaru e l’Enas.

Chi ha portato a compimento ciò che ancora oggi è l’unico progetto realmente e compiutamente esistente per la protezione di Olbia?
La Giunta Giovannelli, io, la struttura dell’assessorato, l’intera Regione e la Giunta Pigliaru.
Oggi il Piano Mancini è bloccato da un anno al Servizio di Valutazione Ambientale primo perché è fortissima l’opposizione dell’Amminsitrazione comunale di Olbia, secondo perché un ufficio della Regione dice a un altro ufficio della Regione, da un anno e mezzo, che non gli è chiaro dove devono essere messi i materiali derivanti dalla vasche di laminazione. Dio aiuti questi folli e permetta loro di giocare col clima senza che alcuno si faccia male.

Potrei continuare all’infinito, ma ciò che ho detto è sufficiente.

Oggi voi non trovate il resoconto di tutta questa attività sull’Unione Sarda. Zero.
Dal 2013 a oggi non sarebbe stato fatto nulla.
Una clamorosa bugia.
Che va di pari passo col silenzio sulla politica e l’attività edificatoria che ha portato alle emergenze attuali, sulle strade costruite in alveo durante la grande stagione autonomistica (con le progettazioni affidate su base fiduciaria e senza bando come si poteva fare allora) sull’edificazione di Poggio dei Pini in dispregio di qualsivoglia prudenza urbanistica, sull’edificazione degli alberghi a Olbia in alveo, sulla costruzione della SS 554 in modo tale da farla diventare una pericolosissima diga ecc. ecc.

Non solo: oggi, in prima pagina, L’Unione Sarda parla della rivoluzione di Viale Marconi, cioè del suo passaggio a senso unico da Quartu verso Cagliari.
Chi ha varato quel progetto e lo ha finanziato, all’interno di una vasta sistemazione, anche lì, di strade costruite su un reticolo idrologico di spaventosa pericolosità che comprende Pirri (con il finanziamento delle vasche di laminazione a monte del centro abitato), il canale di Terramaini, l’area dello svincolo a ottovolante di Is Pontis Paris e l’area umida dove, con grande intelligenza (in senso ironico) si è costruito il centro commerciale delle Vele?
Il progetto fu varato da me, dalla struttura dell’assessorato, dalla Giunta Pigliaru e da un grande assessore della Giunta Zedda, Mauro Coni, l’unico senza coda di pavone e senza il complesso di superiorità morale che caratterizzava il governo della sinistra del Libarium allora al potere.

Io, Balzarini e Coni affrontammo le proteste dei commercianti di via Mercalli. Noi volemmo crederci quando tutti ci dicevano “Si è sempre fatto così, lascia le cose come sono”.

Oggi L’Unione, in perfetto fiancheggiamento endrichiano dell’attuale amministrazione, fa piazza pulita della storia e incorona l’attuale amministrazione di questo risultato. Noi ne siamo assolutamente contenti, ma, per i carabinieri non per i lettori, unicuique suum.

0 commenti su “Alluvioni e strade: cancellate Maninchedda

  • Angelo… (beh…, namus Ànghelu!) bonos sos ànghelos, ma cussos de custa Terra (e bi est sa Sardigna puru) tenent cosas de bonu e cosas prus pagu de bonu, difetos e virtudes, faghent cosas deretas e cosas irballadas, benes e males, chie de prus e chie de mancu. E su de fàghere est de tènnere totugantos s’umilesa e modéstia intantu de nollu purgare nois etotu totu su chi nos pertocat personalmente e no depimus tènnere de nos aumbrare mancu candho nos críticant (tio nàrrere chi bi at de ringratziare, si podimus resessire a bídere su chi no nos bidimus nois etotu, mescamente si tenimus carchi presuntzione, e no est difítzile a ndhe tènnere). S’importante est chi sa crítiga no siat po segai sa matza, ma costrutiva e chi donzunu siat disponíbbile a si currèzere, foras chi no cumprendhat chi invetze est in su zustu. In política custu est prus malu a fàghere, ca su chi zughent in conca e a incracadura maca medas est cussu de VINCERE E VINCEREMO (e a terra sos àteros).
    E tocat a cussiderare chi neune est unu fóssile e no nos depimus ne fàghere a fóssiles nois etotu e ne fàghere a fóssiles sos àteros: tocat a tènnere sa modéstia e umilesa de nos abbaidare nois etotu chentza ispetare chi nos ponzat su pódhighe in s’ogru un’àteru, iscurtare a chie nos crítigat (e fintzas ringratziare si serbire a fàghere menzus) e cambiare, ca a irballare za est umanu: est a sighire in su chi andhat male, est diabbólicu, ca sos diàulos zughent solu a totu sos iferros.
    E tocat chi l’agabbemus no solu cun sa mentalidade de sos tostorrudos chi no chircant sa frimmesa de sa resone ma solu sa “VITTORIA” de VINCERE E VINCEREMO, ma fintzas cun sa mentalidade e presuntzione perfetzionista o aprossimativa chi no bidet e no chircat de cumprèndhere sas diferéntzias (“sunt totu su matessi”, “totu est su própiu”, “su chi est tip est tap“, “su chi est trinta est trint’unu“, “su chi est trinta est baranta” chi est sa menzus ‘cultura’ pro sos chi tenent de pescare nel torbido) e nos paralizat e frimmat in s’irballu prus mannu, cussu de no fàghere nudha, de su menefreghismu, de sa disunione e impossibbilidade a cazare, a una tana de espes italianizados si no própiu terranzos ma prontos a púnghere (e dolet, balla!) si pagu pagu los subérias fintzas solu de malesaura. Goi de unione netzessària sos Sardos no ndhe amus a bídere mai, ma solu fratzionismu iscabiladu, fossis ispetendhe chi fizos e nebodes nostros nascant indipendhentistas e perfetos.
    Su chi depimus cambiare est sa filada, sa “destinazione”, a ue semus andhendhe e in cue, in sa filada custa (e so faedhendhe de su bisonzu prus mannu de sos Sardos e de sa Sardigna) chircare cun totu sa disponibbilidade a nos currèzere e cambiare in menzus.
    Sinono podimus tènnere fintzas pessones istraordinàrias, no infallibili ma capatzas, onestas, preparadas ma… ite ndhe namus de un’ariopranu chi andhat a velocidade supersónica ma in diretzione contrària o a donzi modu diferente de cussa chi nos bisonzat? Capatzidade manna pro nudha, frundhida, pérdida. In debbadas. Punto e a capo. Frimmos pistendhe abba. Sempre prus disisperados, divisos a iscórriu e isperdíndhennos. Campu abbertu e autostradas a sos partidos italianos de totu sas dipendhéntzias.
    Si tiat nàrrere chi sos Sardos in conca no zughimus nudha e creimus (o ite creimus?) chi a nois bi sunt pessendhe sos àteros, chi siat “autonomia”, “nuovo Statuto”, “federatzione”, “costituente” a pedire, “piani di rinascita” , “new deal”, “continuità territoriale”, “insularità in Costituzione” e chi più ne ha… prus ndhe disizet.

  • Muro Pili cale?
    Su chi aìat fatu si primu discursu sou de insediamentu comente presidente leginde su discursu de sa lombardia e ismentigandesi fintzas de ciambare su lumene e sos logos?
    E sos articulos de giornale ch’iscrìet como de in ue los at a leare?
    Paolo, sos chi naran chi amentare sas cosas lòmpidas est “autocelebrativo” tocat chi s’amenten chi menzus est a “autocelebrare” (a da chi no sun fàulas) chi no a regolle mortos in su ludu in sas biddas.
    Sighi a bogare a pizu!

  • Pàulu, si no as mai fatu umbra a nemos mi ndhe allegro meda, ca no est su sole a sos àteros chi tocat a leare: antzis, tocat a lassare fintzas sole a totus.
    Apo a nàrrere chi, cun totu su male chi coment’e Sardu apo tentu de pessare de unu assurdu “forza Italia” de sos Sardos (ma donzunu est líbberu de sas ideas políticas chi cheret e fintzas de si che imbolare dae ponte, mancari no siat cussu su sensu de sa libbertade e responsabbildade ne personale e ne colletiva), Mauro Pili est su solu Presidente de sa RAS chi at retzidu pagas rigas mias de aprétziu a propósitu de una detzisione chi aiat leadu.
    L’apo nadu solu pessendhe chi a medas (ma donzunu si abbàidet virtudes e difetos suos) lis paret chi si s’àteru est in su sole lis est faghindhe umbra, candho in Sardigna, custu gràtzias a Deus, de sole che ndh’at pro totus e ndhe avassamus puru (e fossis est pro cussu chi Sociedades de àteras partes de su mundhu benint a inoghe in chirca de prantare sa terra nostra a impiantos fotovoltàicos e centrales termodinàmicas e “Palas” eólicas, e nois timindhe de tènnere fintzas pagu sole, fossis solu ca de unu Sardu ischimus númene e sambenadu – e mancari bodhetas puru – ma creimus chi un’istranzu, mancu bidu e ne connotu, est benit a coro in manu a nos dare triballu…)

  • In questo periodo malato ci si appropria dei meriti altrui con molta tranquillità. La memoria smaschera costoro.

  • Paolo Maninchedda says:

    Mario, deo no apo fatu mai umbra a nemos; sa disgratzia mea est istada sa gana de sos ateros de narrer a ube mi depia ponner pro leare su sole. Comente iskis deo mi sezzo ue mi paret, s’importante est ki non fetat male a atera pessona, ca sino adduro reu.

  • Da Sardegna e Libertà del 28 aprile 2016
    “…Prima del mio mandato non esisteva neanche il repertorio dei canali tombati: l’ho istituito e voluto fortemente io. Ho sollecitato tutti i sindaci della Sardegna, in occasione della presentazione del Piano di gestione del rischio alluvioni, a partecipare al censimento. Concluso il repertorio, gran parte dello stanziamento per il rischio idrogeologico del POR 2014-2020 è dedicato proprio alla messa in sicurezza dei canali…”

I commenti sono chiusi.