Agricoltura, Economia, Indipendenza, Infrastrutture, Politica

A leccare gli italiani ci si perde la lingua
In basso la delibera sulle strade

di Paolo Maninchedda
Lo so perfettamente che è uno sforzo titanico tentare di sollecitare una coscienza nazionale sarda nella Coldiretti, che per sua natura è un’articolazione regionale del più forte sindacato italiano organizzato, sopravvissuto al terremoto politico della Repubblica che dura ormai da vent’anni; lo so ma ci provo lo stesso.
Ricordate, poco più di un mese fa, i grandi ringraziamenti rivolti al santissimo, bravissimo e amicissimo degli amicissimi ministro Martina, lo stesso che era venuto prima a perorare la causa del referendum istituzionale dell’allora Primo Ministro Renzi (19 novembre 2016), dicendo che avrebbe impegnato una parte rilevante dei 14 milioni allora disponibili per il bando indigenti a favore del Pecorino Romano, e poi era ritornato a gennaio (post res perditas) a dichiarare che per il pecorino ci sarebbero stati 4,5 milioni di euro?
Io lo ricordo benissimo. Questo è l’articolo dedicato.
In quella occasione, il deputato Siro Marrocu le cantò bene al ministro. Disse testualmente: «Non consentiremo, in un momento di grave difficoltà del Pecorino romano, che siano modificati i requisiti del bando da parte di Agea sui formaggi a pasta dura ovvero quello del prezzo. Se nel 2015 e nel 2016, anni in cui il Grana aveva visto le quotazioni sotto i 7 euro, era stata riservata la gran parte dell’impegno finanziario a questo prodotto in sofferenza, oggi che è in crisi il Romano allo stesso modo ipotizziamo che la cifra di ritiro non debba essere inferiore a 10 milioni sui 14 previsti dal bando. Non acconsentiremo in alcun modo che ci sia una ripartizione diversa o che non tenga conto del prezzo di mercato, cioè 4 milioni per il Pecorino, 5 per il Grana e altri 5 per il Parmigiano».
Il 3 febbraio tutti i parlamentari del Pd scrissero a Martina una lettera chiedendo che le risorse a disposizione del Pecorino Romano fossero non meno di 10 milioni.
Ebbene, gli italiani sono stati coerenti con il loro Dna peggiore (ci sono anche segmenti buoni, anzi buonissimi): hanno pubblicato il bando per gli indigenti.
Quanto hanno riservato al Pecorino Romano?
Esattamente il 55% di 6.520.000, pari a 3.586.000, giusto giusto 1 milione in meno della somma ipotizzata e promessa a suo tempo dal santissimo e venerato taumaturgo caseario Martina.
Non solo: siamo lontani mille miglia dai 10 milioni richiesti con ragione dal Pd.
Qual è la morale?
La morale è: mai più chiedere, sempre di più fare.

Ieri è stata distribuita in sala stampa a tutte le testate giornalistiche e alle agenzie presenti, la delibera sulla manutenzione straordinaria delle strade sarde DELIBERAZIONE N. 12 22 DEL 7.03.2017.pdf e le relative tabelle.