Il Patto per la Sardegna spiegato da un sardo

30 luglio 2016 08:132 commentiViews: 1692

pontezzu_2pdi Paolo Maninchedda
Succede sempre così quando si svolge una cerimonia alla presenza delle più alte cariche dello Stato italiano: scoppia un po’ di casino concettuale.
Oggi i giornali sono pieni di cifre, a tal punto che sembrerebbe esserci l’imbarazzo di come spendere tutte queste risorse. Tanti fuochi d’artificio che stanno nascondendo il successo politico che sta alla base del Patto: la Regione non finanzia più lo Stato.
Primo successo: la continuità territoriale aerea (120 milioni in tre anni) torna ad essere a carico dello Stato italiano. Io, da indipendentista, resto dell’idea che se disponessimo dei poteri sovrani faremmo molto meglio, ma bisogna riconoscere che, finché la Sardegna sta dentro la Repubblica italiana, la continuità deve stare a carico dello Stato, non dei sardi.
Secondo successo: il costo del recupero del gap energetico (400 milioni) è a carico dello Stato. Il metano arriverà nell’isola su risorse statali, non regionali;
Terzo successo: l’aggiornamento tecnologico della rete ferroviaria è a carico dello Stato: 225 milioni sul Contratto di Programma RFI;
Quarto successo: le strade statali si faranno prevalentemente con i soldi dell’Anas (400 milioni), non con quelli della Regione;
Quinto successo: la percentuale del Fondo di sviluppo e Coesione destinata alla Sardegna è rimasta oltre il 12%, cioè 1,5 miliardi di euro  (è stato sventato un tentivo di saccheggiamento con destrezza, diciamo un piccolo borseggiamento). Con queste risorse, posto che il grosso degli interventi infrastrutturali si faranno con risorse statali (quelle sarde accompagneranno gli investimenti sulle dorsali), si farà istruzione, sanità, lavoro ecc.
Adesso inizia una corsa a ostacoli fatta di delibere Cipe (con annessi pre-Cipe, ossia risse istituzionali senza verbale), di registrazione alla Corte dei Conti (che come è noto è velocissima), di progetti esecutivi, di Valutazioni di Impatto ambientale ecc. Dovremo lavorare molto, ma il risultato di ieri è molto importante. I rischi sono tanti, primo fra tutti che gli italiani seguano la loro indole e non rispettino i patti; il secondo rischio è che si lasci questo successo in eredità ai futuri governi della Regione e non si possa goderne adeguatamente oggi, e ciò perché gli italiani potrebbero essere tentati di rateizzarlo in vent’anni. Per cui, fine della festa, lavoriamo.

2 Commenti

  • Allora forza e coraggio datevi da fare la nostra Nazione Nn e istinta dallo Stato noi ci siamo noi vogliamo rinascere Liberi

  • Gianni Sardo

    Caro onorevole io faccio l’allevatore e lavoro anche i giorni di festa, se ieri è stata festa vedremo datevi da fare

Invia un commento