È iniziata la guerra per il Banco di Sardegna. I giornali sardi non se ne sono accorti.

15 dicembre 2013 07:593 commentiViews: 1131

bancodi Paolo Maninchedda
Oggi il Presidente della Fondazione Banco di Sardegna, il tanto vituperato Antonello Cabras, mio amico, ha rilasciato ai giornali importanti dichiarazioni che i giornali, come spesso accade, non hanno valorizzato: l’Unione Sarda la dà a pagina 28, senza alcun richiamo in prima. La Nuova proprio la ignora, ma non è la prima volta.
Dice Cabras: “Il Banco di Sardegna non può rinunciare a essere la banca dei sardi, visto che il radicamento sul territorio è qualcosa di diverso rispetto alle altre consorelle che fanno parte del gruppo Bper”.
Se lo dice il socio di minoranza della Bper, che cosa significa? Significa, lo spiego io, che attualmente il Banco di Sardegna non è la banca dei sardi (infatti è la banca del saccheggio dei sardi) e che il suo radicamento territoriale è invece al servizio della Bper per la raccolta e la vendita di titoli e brioche. Mai detto prima.
Posso sbagliarmi, ma di poco. È l’inizio della guerra. Non foss’altro perché proprio ieri Cabras ha illustrato un tema noto a chi si interessa di queste cose, ma meno noto ai più, e cioè che la Fondazione riesce a distribuire ogni anno circa 15 milioni di euro in Sardegna non grazie ai dividendi (inesistenti o quasi) che le vengono dal Banco di Sardegna, ma grazie al suo ottimo portafoglio titoli. Quindi, la Fondazione non dipende dal Banco.
Ma l’affermazione di Cabras ha anche un altro significato. Cabras parla della politica del Banco di Sardegna. Ne parla da socio di minoranza e chiede un’inversione di rotta. Cabras sta dicendo che i sardi vogliono la loro banca. Se il Banco di Sardegna non è più in grado di esserlo, il socio di minoranza può legittimamente vendere il suo pacchetto e fare un’altra banca che faccia e sia la banca dei sardi.
Secondo me i vampiri emiliani col rating BB sentono un vago tremore lungo tutto il colon ascendente, trasverso e discendente.

Tags:

3 Commenti

  • Po giogu dd’apu torrau a scriri in sardu.

    Cumentzada est giai sa gherra po su Banco di Sardegna. Is giornalis sardus non si ndi funt acataus.

    de Paolo Maninchedda

    Oi su Presidenti de sa ‘Fondazione Banco di Sardegna’ Antonello Cabras su menospretziau, amigu miu, at giau scedas de importu chi is giornalis, comenti acostumant a fai, no ant apretziau: s’Unione Sarda da ponit a pàgina 28, chena de lióngius in prima. Sa ‘Nuova’ no dda pigat in cunsideru po nudda e no est sa primu borta.
    Narat Cabras: ”Il Banco di Sardegna non può rinunciare a essere la banca dei sardi, visto che il radicamento sul territorio è qualcosa di diverso rispetto alle altre consorelle che fanno parte del gruppo Bper” est a nai ca su ‘Banco di Sardegna’ est arraighinau in Sardìnnia comenti non ddu funt is àteras bancas e ducas non podit fai de mancu de essi sa banca de is sardus.
    Chi ddu narat su sótziu piticu de sa Bper, ita bolit nai? Bolit nai, ddu spricu deu, ca immoi su ‘Banco di Sardegna’ no est sa banca de is sardus (difatis est sa banca de su sciacu de is sardus) e ca is arraxinas chi tenit in Sardìnnia serbint sceti a Bper po podi boddiri e bendi títulus e brioche. Mai nau prima de oi. Mi potzu sballiai, ma de pagu. Cumentzada est giai sa gherra. Non fessit po àteru, est po mori ca eriseru atotu Cabras at ammostau su chi scit chi est informau de custas cosas, e no funt totus, est a nai ca sa ‘Fondazione’ donat dònnia annu casi 15 millionis de éuros in Sardìnnia, ma no gràtzias a is ‘dividendi’ chi dd’arribant de su ‘Banco di Sardegna’ (ca non ddi fait), ma gràtzias a is títulus de valori chi tenit in su portafólliu. Duncas, sa ‘Fondazione’ non dependit de su ‘Banco’. Ma su chi at nau Cabras tenit un’àteru sentidu puru. Cabras fueddat de sa política de su ‘Banco di Sardegna’. Ndi fueddat essendi su sótziu piticu e est pedendi de mudai caminu. Cabras est nendi ca is sardus bolint sa banca insoru. Chi su ‘Banco di Sardegna’ no arresurtat prus a ddu essi, su sòtziu piticu podit, cunfromma a sa lei, bendi su pachetu suu e strantaxai un’àtera banca chi fatzat e siat sa banca de is sardus.
    Mi parit ca is súrvilis emilianus cun su rating BB cumentzant a si intendi unu tremi tremi a intragnas.

  • Alfio. Parlavo del portafoglio titoli della Fondazione che, ti assicuro, è composto ben altrimenti che di titoli del Banco.

  • Sull’ottimo portafoglio titoli avrei qualcosa da ridire ma immagino Paolo lo dicesse in senso ironico.
    Il portafoglio titoli del bRanco è perlopiù composto di loro obbligazioni NON QUOTATE né sottoposte ad alcuna valutazione (quindi senza rating).
    il cliente le vede valorizzate nel suo dossier titoli al valore di acquisto, ma guardando nell’ internalizzatore del Branco si scopre che il prezzo è sempre sotto la pari e tentare di venderle è impresa quasi impossibile perché bisognerebbe trovare un altro cliente del Branco disposto ad acquistarle e dato che il mercato è praticamente inesistente possono passare mesi interi senza riuscirci a meno di non svenderle perdendo il 20 o il 30%.
    Lehman Brothers è uno scherzo a confronto della bomba che hanno in carico gli ignari clienti del branco.
    stessa situazione per quanto riguarda i clienti di Monte Paschi di Siena tra l’altro.
    Il bRanco vende inoltre solo la linea di fondi Arca che fatte alcune rarissime eccezioni sono fondi che non hanno nessun rating di Morningstar a dimostrazione della loro scarsa efficienza.
    Avvertite amici e parenti di stare alla larga da queste cose!

Invia un commento