Politica

Attenzione alle nuove norme elettorali

differenzeLa Presidenza della Regione Sardegna, a  tre giorni dalla pubblicazione del decreto di indizione dei comizi, non ha ancora reso disponibile la modulistica per adempiere a tutti gli atti necessari a presentare le liste.
Ciò è dovuto ad un’innovazione normativa, contenuta nel Decreto Legislativo 171/ 2013 (Decreto bis spending review – Abolizione delle differenze), agli articoli 77-79 e all’articolo 82, commi 4 e 5,  in virtù della quale è preferibile che alle elezioni, onde evitare un eccesso di differenziazione dell’offerta politica, ci sia un solo presidente candidato e una sola lista e solo se necessaria.
A tal fine gli Uffici elettorali sono stati invitati a:
– anticipare lo spoglio delle schede a sette giorni prima delle votazioni e a compilare i verbali sulla base delle intenzioni di voto del cittadino più rappresentativo, il presidente uscente;
– a indire le elezioni nel mese più freddo dell’anno, possibilmente quando l’epidemia influenzale ha raggiunto il suo apice;
– a prescrivere che l’espressione del voto, per quanti si incaponiscono a volerla fare, avvenga telepaticamente;
– a spegnere il riscaldamento negli ospedali per evitare inutili file dei degenti ai seggi;
– a inviare a ogni famiglia un libretto ansiolitico per ridurre l’iperattività dei sardi insonni;
– a allertare tutte le Asl per impedire l’utilizzo degli psichiatri ai partiti concorrenti a quelli del Presidente uscente, per evitare che con un’opportuna terapia i predetti partiti concorrenti ritrovino il senno (ieri a Oristano gli psichiatri erano in sciopero, i neurologi si sono rifiutati di intervenire, la Forestale ha detto che non era un incendio di sua competenza, i gastroenterologi si sono rifiutati di accorrere perché osservavano che la patologia era cerebrale e non digestiva, nonostante fosse vero che era in corso una generale costipazione).
In una situazione siffatta, dati i costi eccessivi derivanti dalla pretesa di esprimere differenze inutili, ogni modulistica è stata abolita.
Attenzione dunque a queste innovazioni: è sempre possibile esprimere la propria opinione ma senza troppe pretese.  (pm)