Lavoro, Politica, Stato sardo

Per servire, per governare non per comandare

Questo che segue è il testo della lettera di convocazione del Direttivo Nazionale a Ottana per venerdì 20 p.v.

Gentilissimi,
la presente per comunicarvi che il sindaco di Ottana ha individuato per il giorno 20 p.v. la data utile per fare il nostro Direttivo Nazionale aperto con il quale manifestare la nostra solidarietà e il nostro impegno per il futuro dei paesi e della nostra nazione.
Si svolgerà nell’Albergo Ristorante Funtana ‘e donne, posto sulla SS 131 DCN subito dopo il bivio per Ottana in direzione da Abbasanta verso Nuoro.
Parteciperanno altri sindaci, rappresentanti di altri partiti, rappresentanti di associazioni e chiunque abbia cose intelligenti da dire e voglia di combattere.
Vi pregherei di partecipare. È molto importante fare ‘nazione’, saper resistere, saper proporre, saper iniziare dal basso la nostra pacifica e legale rivoluzione civile. Ciò che avverto intorno a noi in questi giorni, ci supera. I paesi della Sardegna e i ceti produttivi stanno finalmente sollevando la testa. Sta finendo l’epoca del privilegio burocratico e economico delle città. Sta finendo la trasformazione dei Sardi in passivi consumatori. Dobbiamo metterci al servizio di questa rinascita morale e politica che sta attraversando la Sardegna, perché in larga misura la abbiamo determinata. I confini della competizione politica italiana, inadatti agli interessi dei sardi, sono superati da questo moto moralmente rivoluzionario.
Datemi riscontro di disponibilità, di impegno e, se è possibile, di entusiasmo. Ne abbiamo tutti bisogno. Ricordatevi, per servire, per governare, non per comandare.
Cordialmente