Viaggi

Lanaitto

di L. Marongiu
lanaitto1Su Gologone, sorgente di origine carsica, ancora non completamente esplorata, ove facciamo una breve seppur doverosa visita, per ammirare le sue acque limpidissime che, anche in periodi siccitosi, sgorgano abbondanti.
Tornati allo spiazzo, inizia la strada per la vallata di Lanaitto, punto di partenza ideale per raggiungere il paesaggio aspro e selvaggio del supramonte di Oliena e Dorgali, lungo i vecchi sentieri dei pastori e dei carbonai, può ritenersi comunque di percorrenza relativamente facile, per chi sappia orientarsi tra queste montagne.
La valle è ritenuta tra le più famose per la storia della Sardegna, infatti custodisce, tra le altre, la famosa grotta Corbeddu luogo ove sono state rinvenute ossa umane datate 13.500 anni a.C. Paleolitico Superiore.lanaitto2
Lanaitto nasconde inoltre due capolavori della natura, sono la grotta di Sa Oche, dove nei periodi favorevoli l’acqua di un fiume sotterraneo sgorga preceduta da un rombo assordante , e quella di Su Bentu nella quale è, il vento a farla da padrone.
Nella valle di Lanaitto, ricca di flora endemica, di villaggi nuragici, grotte e ovili dei pastori, non sono improbabili incontri con mufloni, cinghiali, poiane, aquile reali ed altri animali selvatici.
In fondo alla valle raggiungeremo il villaggio nuragico Sedda sos Carros, al suo interno è presente una fonte sacra a forma circolare con nove teste di ariete scolpite sulla pietra, considerata unica nel suo genere su tutto il bacino del Mediterraneo.
lanaitto3Proseguendo sulla stessa strada attraverso un giardino botanico è possibile osservare numerose piante endemiche ed officinali, e quindi rientrare al punto di partenza.

difficoltà: facile
durata: 1 ora e mezza (in m. bike o fuoristrada)
lunghezza: 20 km.
mappe: IGM 208 IV NW Cantoniera Manasuddas; 208 IV SW M. Oddoene.

Come arrivare: siamo a 200 km da Cagliari e 20 km da Nuoro.
Da Oliena prendiamo la SP per Dorgali, dopo 6 km svoltando a destra direzione Su Gologone.
Arriviamo all’incrocio, dove, sulla destra, si inizia una strada sterrata con alcune escursioni proposte indicate dai cartelli in legno .
Parcheggiamo nello spiazzo a sinistra.