Servitù

Il ministro immemore Pinotti. Noi sappiamo, noi ricordiamo
Politica Servitù

Il ministro immemore Pinotti. Noi sappiamo, noi ricordiamo

Nell’offensiva mediatica del Ministero della Difesa e, mi spiace dirlo, della Giunta sarda, volta a far sembrare giusto un accordo che è invece ingiusto, subordinato e imbarazzante per i sardi e per la storia, quale quello negoziato segretamente da Pigliaru e alla firma lunedì prossimo, interviene oggi il Ministro della Difesa Pinotti, con un’intervista alla Nuova Sardegna. (…)
Non solo: chi sarà il responsabile delle attività amministrative e di bonifica? Il comandante del poligono, che comunicherà tutti i dati anche all’Arpas.
Quis custodiet custodes? Questa è la verità. (…)
Riguardate questa inchiesta (spero che qualcuno senta uno scrupolo e non firmi). (…)
Non credo che competa a me dover fare controinformazione, ma nessuno la fa. Tutti si inseguono reciprocamente facendo un’informazione che vuole suscitare l’indignazione. Nessuno accetta la fatica dell’informazione che esplicita la verità (CONTINUA)

Un accordo in ginocchio e la salute non tutelata. Gian Piero Scanu e l’asteismo
Politica Servitù

Un accordo in ginocchio e la salute non tutelata. Gian Piero Scanu e l’asteismo

È scandaloso che nell’accordo tra la Sardegna e il Ministero della Difesa non venga mai citata la relazione della Commissione Scanu.
È scandaloso che non si parli di riduzione dell’estensione dei poligoni.
È scandaloso che non si parli di salute e di bonifiche. È un accordo che fa male alla storia. (…)
L’asteismo, con la ‘s’, è un procedimento retorico con il quale per biasimare qualcuno lo si loda (come in questo caso) o viceversa lo si biasima per lodarlo.
Scanu dice: «Bravo Pigliaru, bravo, anzi bravissimo, ha fatto un accordo con un ministro che ha le valigie, che cosa poteva ottenere di più? Certo, un vero accordo sulle servitù
(CONTINUA)