La mia anima ha fretta

Ho contato i miei anni e ho scoperto che ho meno tempo per vivere da qui in poi rispetto a quello che ho vissuto fino ad ora. 

Mi sento come quel bambino che ha vinto un pacchetto di dolci: i primi li ha mangiati con piacere, ma quando ha compreso che ne erano rimasti pochi ha cominciato a gustarli intensamente. 

Non ho più tempo per riunioni interminabili dove vengono discussi statuti, regole, procedure e regolamenti interni, sapendo che nulla sarà raggiunto. 

Non ho più tempo per sostenere le persone assurde che, nonostante la loro età cronologica, non sono cresciute. 

Il mio tempo è troppo breve: voglio l’essenza, la mia anima ha fretta.

Non ho più molti dolci nel pacchetto.

Voglio vivere accanto a persone umane, molto umane, che sappiano ridere dei propri errori e che non siano gonfiate dai propri trionfi e che si assumano le proprie responsabilità. Così si difende la dignità umana e si va verso la verità e l’onestà.

È l’essenziale che fa valer la pena di vivere. 

Voglio circondarmi di persone che sanno come toccare i cuori, di persone  a cui i duri colpi della vita hanno insegnato a crescere con tocchi soavi dell’anima.

Sì, sono di fretta,  ho fretta di vivere con l’intensità che solo la maturità sa dare. Non intendo sprecare nessuno dei dolci rimasti.  Sono sicuro che saranno squisiti, molto più di quelli mangiati finora. 

Il mio obiettivo è quello di raggiungere la fine soddisfatto e in pace con i miei cari e la mia coscienza. Abbiamo due vite e la seconda inizia quando ti rendi conto che ne hai solo una. 

0 commenti su “La mia anima ha fretta

  • Un articolo terribile che non mi piace. Bisogna combattere e non arrendersi. La vita dà delle soddisfazioni e cambiamenti repentini anche positivi. Chi si arrende è un perdente

  • Mario Pudhu says:

    Intanti, salude a totus!
    Ma no dh’isco si is úrtimos ‘biscotos’ chi nosi abbarrant funt is prus saborios: sa beridade est ca is biscotos funt sèmpere is úrtimos e dh’ischit solu Deus cantos nosi ndhe abbarrat, si no biveus in s’idea ingannosa e maca de fàere su paradisu terrestre in sa Terra (ossessione chi serbit meda a chie nosi bolet fàere comporare ‘biscotos’ a muntones e de dónnia genia a istracubbaratu e a baratu caru che fogu, di tutto e di più, prendi tre e paghi due, compra tutto butta tutto e ricompra tutto, mancari nosi ingrasseus coment’e procos e fatzaus sa Terra a muntonàrgiu segundhu s’ideologia satànica de ‘realizzare’ totu is cosas (ltn. res) a dinare chi, ammuntonau a milliones e milliardos in is bancas a propriedade individuale de sèmpere prus pagas manos no fragat comente fragant totu is muntonàrgios chi naraus cun foedhos “inodori”, no fragat che cosa de bassa coment’est “merda de su dimóniu” (tupaeosi su nasu ca custu foedhu fragat giai solu coment’e foedhu!) e giai solu po cussu est dinare malu o prus ordinariamente falsu e però sèmpere prus ‘biscotu’ in conca de sa gente fata a immagine e somiglianza de is millionistos vincitori.
    Sa chistione est chi sa vida est su talentu veru, unu ebbia, su chi balet, po is milliardàrios e is mortos de fàmene e de disisperu, isfrutamentu, fàmene, domínios de dónnia genia e ingannos ateretanti, poberesa e anichilimentu de una parte manna de s’umanidade cundennada a èssere issa puru àliga de fuliare disocupada o ‘ocupada’ in ispedientes po campare, furare, drogare, divertire, e bochire, sèmpere in s’idea de VINCERE che a is ‘campiones’ de s’ideologia satànica de su domíniu.
    Sa ‘moneda’ bona ca balet est una ebbia, sa vida, ma in s’idea de èssere totus millionistos faeus che a cudhu de s’Evangéliu chi, ca a issu su mere ndhe dhi at giau una ebbia, dh’at interrada inveces de dha ispèndhere po su valore, veru, chi tenet.
    No cundivido s’idea chi tocat de “assumersi le proprie responsabilità”: deosi sa responsabbilidade paret una camisa o àteru bestimentu chi nosi podeus pònnere, cambiare, lassare e fintzes frundhire mancari nou; o paret sa beridade chi atrogaus candho is carabbineris o àtera ‘giustítzia’ nosi pregontat ite aus fatu.
    NO, no est cussa sa responsabbilidade! Est s’àtera afaciada de sa libbertade (si no seus buratinos, mascaredhas) e ia a nàrrere chi est s’una sinónimu de s’àtera, pesat cantu s’àtera, no dhu’est si no dhu’est s’àtera e, ca seus personas, cristianos e no animales, dhu’est s’una cantu s’àtera. Nudha “assunzione” de responsabbilidade, nudha de fàere a bufadura o a bestimentu ca deasi nosi paret e praghet: est cosa chi, si e ca seus (fintzes si no “cogitaus” comente iat a nàrrere, si no fadho, Descartes) teneus e portaus coment’e is ossos de sa carena chi nosi permitint de pònnere passos, fàere fortza, camminare istantàrgios (giustu ca seus homo erectus) e su sensu de sa vida est cussu de sa ‘evoluzione’ po èssere homo sapiens sapiens e no homo demens ammachiandhosi totus.
    Deosi est saboriu fintzes su primu ‘biscotu’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML e i relativi attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>