CRENoS: senza sovranità l’insularità costa di più

C’è a sinistra una diffusa convinzione: l’autonomismo o peggio l’indipendentismo (compreso quello democratico, pacifista, libertario europeista e federalista) sono forme di localismo. Per esempio, quando ero in Giunta con Pigliaru, sebbene lui non me lo abbia mai detto, il suo sguardo tradiva questo preconcetto (Paci, invece, voleva ‘giocare agli stress test’, voleva cioè verificare se era una teoria forte o debole, se reggeva o crollava alla prima obiezione).

Come è noto, il Partito dei Sardi pose al Pd due condizioni per andare insieme alle elezioni regionali: le primarie e il riconoscimento comune della Nazione Sarda. Il Pd non volle fare le primarie e negò la Nazione Sarda, rinculando su posizioni togliattiane (a dir poco).

In questi giorni mi hanno segnalato l’avvenuta pubblicazione di uno studio di Vania Licio e Anna Maria Pinna (CRENoS) di cui qui trovate l’abstract in inglese e che vi do in traduzione:

«In questo lavoro costruiamo un indice articolato che misura l’insularità per i paesi che sono isole e per quelli che hanno isole. Raccogliendo i dati fisici disponibili per tutte le isole del mondo, siano essi Stati o Regioni, forniamo un nuovo set di dati sull’insularità secondo differenti parametri. Tre di questi contribuiscono a rendere più o meno gravosa l’insularità: 1) il grado di dispersione del suolo: 2) la lontananza 3) la dimensione media dell’isola. Aggreghiamo queste informazioni, ponderandole per la quota di terra insulare a livello di paese, e calcoliamo un valore di insularità che varia tra 0 e 100. Troviamo che il maggiore onere legato all’insularità è a carico delle isole senza sovranità territoriale».

Adesso mi chiedo: cosa ci impedisce di cambiare la storia, di trovare un modo di riprendere a dialogare non tra ‘compagni’ ma tra ‘uguali’, tra laici, liberali, libertari e socialisti, uniti da un’idea forte e differenti per tutte le differenze che si vogliono e possono elencare? Si ha un’idea di che cosa accadrebbe in Sardegna se diversi soggetti politici e civili dicessero semplicemente: «La Sardegna è una nazione»? Si ha un’idea chiara che questa legislatura regionale finirà con le elezioni politiche nazionali italiane e che la Destra candiderà il leader della Destra, cioè Truzzu? Si ha consapevolezza che per vincere bisogna prima imparare a stare insieme intorno a un’idea forte, in una forma federalistica, con un’organizzazione più orientata a soccorrere la libertà delle persone che a pretenderne il loro consenso? Io non ho alcuna velleità istituzionale, ma non sopporto l’inedia, la pigrizia, l’ignoranza, l’indolenza.

Ringrazio le due giovani studiose del CRENoS per aver dato una sferzata di realismo alla rassegnazione dei Sardi.

One thought on “CRENoS: senza sovranità l’insularità costa di più

  • Istimadu Paulu, inedia, pigrizia, ignoranza, indolenza sunt totu virtú de chie s’isserrat in totu sas gabbias e mi ammentat meda s’animale famadu, sardu, tostorrudu (chi deo apo connotu bene pro su male chi mi at fatu candho fia criadura de mancu duos annos e a mannu candho in sos caminos, ue a un’ala b’aiat trèmenes artos, che colaiat a oru a oru e no b’aiat manera de ndhe l’istesiare, in perígulu de che rúere isse cun gàrrigu de cosa o de zente).
    No mi disànimat, però, e tenzo sempre isperàntzia, fintzas ca donzunu tenet unu càrrigu de libbertade e responsabbilidade mancari no cherfat, che a sos ossos chi permitit a sa carena nostra de istare ritza, de caminare e fàghere fortza, ca su cristianu est sempre cristianu e no animale, e ne unu fóssile.
    Ma tocat a cambiare!!! Tocat a ndh’essire de totu sas gàbbias e innantis de totu de cussas chi zughimus in conca e zughent sos políticos italianistas, asfissiados – morindhe de asfissia – pro totu sos azudos (si no pro torracontu e ‘onore’ personale) chi nachi nos daet s’Itàlia/Istadu italianu e in sa cunvintzione chi sos Sardos prus de castigados miseràbbiles chi no resessimus mancu a nos campare no semus àteru, mi ant furriadu s’istògomo cun calesisiat colore de gàbbia si presentent.
    Est cun sa zente, cun sa zoventude iscaminada, chi tocat a faedhare e a fàghere si unu benidore menzus resessimus a immazinare, e no solu pro nois Sardos, si resessimus a coltivare, no s’emigratzione e ne s’economia assurda chi est isperdindhe zente e benes e logu, ammuntonendhe richesa in manos de pagos e ammuntonendhe disocupados peri istradas e piatzas irfainados e zente disisperada batida a sa limúsina, ma una economia e una civiltade menzus umana possíbbile in donzi logu e in sa terra nostra puru chi no est mancu pòvera de benes e possibbilidades.

I commenti sono chiusi.