Politica

Gli auguri a un assessore sardo

cornoÈ stata una giornata di auguri.
Riporto quelli che mi hanno fatto più ridere.
Mia figlia esce dall’allenamento, si siede in macchina e mi dice: “Ma ti hanno dato questo assessorato perché non avevano altri cui darlo?”.
Un amico mi chiama e si raccomanda: “Ricordati, quando ti insedi, di salutare tutti quelli che trovi mentre sali le scale. Saranno gli stessi che troverari quando le scenderai”.
Un altro amico mi ha scritto: “Domani prima riunione di Giunta, rectius, di Senato accademico. Non ti incazzare”.
Un altro ancora: “Ti chiamo da amico e non da avvocato, perché da avvocato sarebbe di cattivo auspicio”.
Con questi incoraggiamenti inizio un compito difficile e molto duro che occorre portare avanti per costruire uno stato.
Grazie a tutti.