Due parole al Pd condannato ieri

Ieri i giudici hanno condannato 25 esponenti della sinistra sarda. A fronte di questi, stanno politici assolti per sentenze non ancora visibili ai comuni mortali per assenza del fattore soggettivo. Conosco i condannati di oggi (e non pochi, non tutti, quelli dei mesi e degli anni scorsi) e tutti gli assolti: li accomuna con certezza l’assenza del fattore soggettivo. Ma questa è la giustizia italiana.

Adesso voglio però dire due parole ai compagni.
Dove vi ha portato il fiancheggiamento del giustizialismo? Dove vi ha portato lo stare a braccia conserte mentre i giornali processavano in piazza le persone oneste?
Ho sentito più volte Violante argomentare al Meeting di Rimini su una giustizia più giusta, correggere il tiro rispetto a quando immaginava la strada della pulizia giudiziaria per rilanciare l’Italia. La bellezza del cristianesimo è proprio la liberazione di ogni uomo dalle catene del suo peccato pregresso, sempre.
Ma in Sardegna voi avete taciuto anche dinanzi a gravi ingiustizie del sistema giudiziario e continuate ad avere un atteggiamento inibito, passivo, rassegnato (per non parlare di quanti hanno utilizzato le orecchie dei magistrati per colpire gli avversari politici. Che miseria!).
Dovete ritrovare l’orgoglio della politica, diversamente questa cappa di affarismo ad alta tolleranza parentale giudiziaria che ha conquistato, nel 2019, la Sardegna non verrà meno.

Parliamo del futuro.

Chi pensa che Solinas concluda naturalmente la legislatura si sbaglia, a mio modesto avviso.
Solinas verrà travolto dallo smascheramento della crisi morale che caratterizza il suo sistema. Per quanto questa politica infausta sia protetta dagli apparati dello Stato, l’ampiezza del banchetto sta assumendo misure tali da non essere più proteggibile. I vermetti sono per strada.

Attualmente, se si dovesse andare a votare domani, il Pd è impreparatissimo, ha fagocitato i suoi avversari, non ha forza vitale, è appeso al regolamento di conti che si aprirà dopo le suplettive di Siena, è chiuso nella lotta per la spartizione dei pochissimi posti per il Parlamento italiano (perché la riduzione dei Parlamentari è stata una grandissima stupidaggine dei Cinquestelle che adesso rosicano).
Il Pd non ha una politica definita, dato l’oscillamento continuo tra i trattativisti con la Giunta Solinas (che alimentano nella zona di mezzo la sopravvivenza di tanti rivoletti da cui in tanti campano) e gli oppositori veri.
Non esiste un capo dell’opposizione che oggi sia riconosciuto come candidabile.
La ricetta dei soliti schematici di candidare questo o quel sindaco sconta la sua elementarietà: oggi non serve un amminsitratore nutrito di tantissime piccole cose, oggi serve un lottatore, uno che sa stare in campo, sa guidare, motivare e tenere la rotta. Serve uno che abbia un’idea robusta della Sardegna.
Il Pd non ha rapporti con l’area indipendentista democratica e non sa neanche come riprenderli perché ha abbandonato la riflessione sulla Nazione Sarda. Il Pd non è amato da chi fa impresa, perché avvertito come una anaconda che tutto stritola, che si impadronisce delle strutture di governo epr alimentare il sistema delel imprese amiche, non il sistema delle imprese in generale.

Ecco, io mi auguro che la condanna, latamente ingiusta, vi faccia tirare su la schiena, vi restituisca l’energia e la giovinezza d’animo che io ho conosciuto, vi faccia perdere l’ansia di controllo millimetrico dell’amministrazione pubblica, dell’economia, della cultura, di tutto, che vi ha animato recentemente, e vi ridia la forza di combattere, sapendo sfidare anche e soprattuto sul piano etico, perché ne avete tutte le ragioni, la degenerazione politica rappresentata dalla Giunta Solinas.
Mi auguro che vi arrabbiate tanto da riprendere a parlare di giustizia sociale, di libertà, di equilibrio dei poteri, di difesa dell’individuo rispetto agli apparati. Mi auguro che la finiate di cercare pensioni per tutti i nullafacenti che erroneamente avete portato ai vertici della funzione pubblica (un giorno dedicherò ad alcuni vostri esponenti un articolo su come basti stare nel Pd per trovare sempre un lavoro ben pagato).
Mi auguro che non vi rottamiate per questa sentenza.
Mi auguro che vi ribelliate, mi auguro di avervi provocato al punto da rivedervi vivi.
C’è da combattere. Svegliatevi.

0 commenti su “Due parole al Pd condannato ieri

  • Filippo Neri says:

    Unica salvezza politica per una Sardegna prima vessata dall’arroganza della sinistra del “so tutto io” , ora dal patto catto-massonico che utilizza il niente dei politici della maggioranza ed il nulla di quelli dell opposizione per far sopravvivere un Solinas ormai con l acqua alla gola, vittima delle sue stesse malefatte, è ritrovare una comunità di intenti e nella consapevolezza di dover ricostruire su macerie, anche morali, con serietà, umiltà e cultura,. Ci vogliono uomini, giovani e meno giovani aperti ad ogni contributo (ma dubito che una destra come l attuale possa darne) che faccia recuperare i numerosi anni persi a fare finte riforme e veri affari per sé e gli amici.

  • Is Sardos seus iscagiaos in totu is “inceneritori” (o “termovalorizzatori” chi betant chinisu e fumu a una parte – ingertae cale! – e s’energia límpia a s’àtera), e no creo própriu totus ma no s’ischit inue funt e ite funt faendho, de política, is Sardos chi abberu no funt iscagiaos.
    Is PiDistas (a nàrrere “sinistra” o àteru foedhu chi tèngiat assumancus sa bisura de calecunu ideale no cumprendho ite bolet nàrrere, e no foedheus de is àteros -istas), ma is PiDistas si furint “ómines” (e siat nau chentza peruna ofesa po is féminas, chi de su restu, e mancu male, est giai de diora chi si ponent issas puru is pantalones chentza èssere mascos e fatu pruschetotu contu chi no est su bestimentu chi faet su cristianu), naraus méngius si is PiDistas furint gente, chi in Sardigna, si custa est su mundhu, si iant a nàrrere Sardos no mancu ca seus una natzione ma po cosas meda prus elementares, tanti funt craras de séculos, si furint gente prus chi no balentes po bisóngiu mannu e dignidade, iant a dèpere iscagiare o mandhare a s’iscagiatóriu donniunu de iscagiadores.
    Àteru rimédiu no dhue ndh’at: is partios italianos (no podeus foedhare de is francesos!) funt sa divisione de is Sardos, nosi faent a firinos, a pimpiralla, salvu cudhos divisores chi tenent “in pectore”, coment’e a nàrrere in su coro e in sa mente (e in manos… a s’aferra aferra) su “cursus honorum” po èssere in “primu pupa”… naraus méngius atacaos a sa parte de daesegus de sa “locomotiva” tricolore chi depent serbire. Gente emigrandho, fuindhosi, lah, a “si salvi chi può” cun su ‘destinu’ desertu ( o ‘parco giochi’) chi depet essire sa Sardigna, sèmpere giogandho a sa demogratzia a istrumpas a VINCERE poi si vedrà (poi, ca como ant serrau bene is ogos po no bíere su fogu chi nos’at abbruxau is peis e fintzes su crebedhu).
    Ma un’idea deabberu ibballiada, abberu pagu pentzada, est cussa de su “lottatore” e no dhu natzo tantu po Paulu Maninchedda chi, po su tanti chi connosco personalmente dhu istimo e natzo chi est de istimare e creo chi est persona deabberu digna: dhu natzo de totus e in generale.
    Tocat de dh’acabbare cun s’idea de su “lottatore” chi artzat a su ring cun su púbblicu a inghíriu faendho tifu. Custu, su tifu, socialmente est una maladia peus de cussa chi podet bochire un’organísimu, ca est meda prus mala a curare e oe est coltivada cantu mai in perunu tempus de totu s’istória umana, cun totu chi podeus nàrrere de àere prus cultura isperandho chi no siat solu prus presuntzione e balentia barrosa, pompa bódia, pampalluca de pampallucheris. Como est totu in istile olimpíades. Campos e campetti de tifosos e is ‘campiones’ o ‘aspiranti’ giai funt cuntentos: Boso votae giai pentzant a totu issos! Faent totu issos! Fintzas a pònnere unu carabbineri, o una telecàmera o unu magistrau avatu de donniunu ca su “menefrego ti frego” no est cosa de pagu contu in su campionau de is furbos. Allenamentu a totu is “isport” de irresponsabbilidade, ca custa paret solu sa chi ti cricant is carabbineris o sa “giustítzia” e no su chi pesat su chi faeus o no faeus puru podendhodhu fàere. Sa demogratzia a istrumpas, a VINCERE po VINCERE de dónnia “demogratzia” fascista, su leone pro fàere prus a leone, e is animaledhos po pastu e antipastu.
    De su restu, in dunu mundhu chi est essiu totu su mundhu, su chi prus si cumprendhet est chi tocat a bínchere ca in custa “civiltà” aici “evoluta” sa cosa prus ispantosa chi si faet est sa gherra ancora e sèmpere de prus che in is tempos e logos de sa giungla in tempos de caristia, a su fura fura, sèmpere a bínchere, a bínchidas fintzes cun is leones, isciacallos e tigres de sa giungla chi assumancus candho si funt tzatzaos si pàusant: in custa “civiltà” inveces su pàusu est chentza pàusu, si depet ispínghere totu a velocidade supersónica, mancu che indemoniaos ca… tocat a bínchere (foras totu sos chi depent pèrdere, e totu is gimitórios e muntonàrgios giai funt mannos).
    Serbit gente ischia, ischípia, abbista, a ogos apertos, donniunu faendo su chi est sa libbertade e responsabbilidade sua, chi est su pagu chi podet fàere, eja, su pagu, ma chi tocat a fàere, ca sinono seus ibertandho, abbaidando a bíere ite faet su “leader” o “lottatore” o àteru ‘giogadore’… sceso in campo!
    Serbint ideas, fatos e cumportamentos de cambiamentu, serbit cambiamentu, no itzérrios e tzacarramanos de tifosos abbaidandho o de “fans” a simpatias chentza ischire mancu poite si no calecunu pragheredhu. Ca una cosa podeus tènnere segura comente perun’àtera: chi perunu “eroe”, perunu “campione” e perunu guvernu podet fàere miràculos. A donniunu serbit su miraculedhu suo personale de ischire inue portat is peis e depet portare sa conca e comente e cantu depet impreare is manos. S’àteru est illusione. A unu políticu chi cundivido no dh’ia a pedire nudha si no isco ite e comente depo fàere geo etotu e sigo a votare dónnia borta che in cudhos giogos a “puntare”, o a “gratta e perdi” o in cudhas màchinas “mangiasoldi” chi coltivant s’isperàntzia in “sa fortuna” de sa gente prus malibigada chi est fintzes a sa caridade de sa “Caritas”, ma chi si buscat pagos éuros dhos ispendhet cricandho sa fortuna in d-una màchina programmada po dhi torrare calecunu centésimu, e deasi etotu si est gente pillantzosa chi no ischit in ite de bonu dhu podet ispèndhere ma s’est ammachiada avatu de sa “fortuna” de is chi ischint comente fregare il prossimo legalmente ca is leis chi no dhas ant mancu pentzadas cudhos chi tenent de si campare trebballandho onestamente po su chi unu podet fàere cun is manos chi portat.

  • “Mi auguro che vi ribelliate, mi auguro di avervi provocato al punto da rivedervi vivi”.
    Per rivederli vivi, seppur malconci e moribondi, dovrebbero avere ancora un minimo di battito di “cuore a sinistra”. Temo, però, che il defibrillatore l’abbiano attaccato nella natica destra. Per questo quel cuore malconcio ha smesso di battere da tempo, e questo mi addolora.

  • Io voto a destra e continuerò, stando così le cose, a votare a destra. Nonostante i limiti, le contraddizioni e le inefficienze delle destre (tutti difetti che si colgono soprattutto e sommamente nel governo degli enti territoriali, più che a livello nazionale), la sinistra non ha partorito alcuna idea sostenibile di società, si è disinteressata completamente delle questioni sociali e dei relativi diritti. Da schieramento del “proletariato” è divenuta forza a sostegno dei “padroni”, delle banche e che liscia il pelo ai colossi della Silicon Valley. Come correttamente fatto rilevare da Sansonetti, circa 15 anni fa, la sinistra “socialmente” si occupa solo di omosessuali e di extracomunitari, dimenticandosi completamente dei “penultimi” (Rampini). L’elettorato lo ha compreso e bene.
    Risparmiatemi, cari commentatori, i difetti della destra, li conosco bene tutti ma li trovo meno irritanti e ipocriti. De gustibus.
    A livello regionale la giunta Pigliaru ha lasciato una impronta alquanto scialba, non credo sarà migliore quella che lascerà Solinas ma, reputo, che per la rivincita della sinistra, quantomeno in Sardegna, non basterà “parlare di giustizia sociale, di libertà, di equilibrio dei poteri, di difesa dell’individuo rispetto agli apparati”.
    Quanto all’area indipendentista democratica e alla Nazione Sarda (senza voler essere irridente), è sinceramente convinto che esistano? O è una mera speranza? Un progetto? O sono solo categorie dello spirito?
    Io non le vedo, non le sento, non le tocco. Sarà un mio limite.
    Ho conosciuto un sardismo, orientato a sinistra, non molto migliore di quello che quivi spesso si contesta.
    Noto nei suoi post indubbie cultura e intelligenza ma, a tratti, troppo livore, troppa acrimonia.
    Non credo giovi né allo spirito e neppure ai progetti politici.
    Cordiali saluti
    Mauro

  • Oggi su Sardinia Post si legge un articolo sui venti milioni di euro da regalare al Mater Olbia l’emendamento che autorizza questa porcheria è stato presentato congiuntamente da PD e FI .
    Il consiglio regionale ora è chiamato a votare ed autorizzare un travaso di danaro che esce dalle tasche dei sardi per entrare direttamente in quelle dei fascisti reazionari arabi.
    Si avrà il coraggio di dire no!
    Chi dira NO?
    Dovremmo forse veder la scena di Solinas e Zedda che riempiono lestamente una cassa di lingotti d’oro razziando ovunque possibile da consegnare rapida all’emiro…perché così va fatto?
    Date un segnale cari consiglieri (di destra, centro o sinistra), dite NO! al bottino
    se pensate di essere alternativa -non alternanza- al regime clientelare che governa l’isola.

  • Sono d’accordo quasi su tutto, sicuramente sulla inerzia, sull’essersi seduto sulle poltrone, ma soprattutto vorrei che la “sinistra”se si può ancora chiamare sinistra ricominciasse a parlare con la base, con le persone. Purtroppo sono convinti che chi ha sempre votato PD continui a farlo, ma questo non è vero. Non c’è una persona che trascini al voto. MANCA UN TRASCINATORE.

  • Roberto Giordo says:

    Grande Paolo, impeccabile.

    Quanto agli auguri formulati, …lasciate ogni speranza oh voi ch’entrate…

  • Francesco Sechi says:

    E’ rimasta qualcosa della sinistra in Sardegna ? Hanno fatto tabula rasa degli ideali della sinistra . La sentenza di questi giorni la cartina di tornasole dell’etica pubblica del PD . E io illuso li consideravo diversi !

  • “oggi serve un lottatore, uno che sa stare in campo, sa guidare, motivare e tenere la rotta.
    Serve uno che abbia un’idea robusta della Sardegna”.
    Eccetto l’autore dell’articolo, pochissimi in giro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML e i relativi attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>