Buone nuove notizie nascoste dai giornali

we shall overcomedi Paolo Maninchedda
Ieri il Genio Civile di Nuoro ha illustrato ai sindaci della Baronia presenti alla riunione convocata presso l’Assessorato dei Lavori Pubblici, i risultati del monitoraggio di 12 mesi compiuto sulla fonte di Su Gologone. È il primo studio  mai realizzato. Sono stati confermati i dati di portata che prima erano stati soltanto stimati. Oggi conosciamo di più il comportamento della falda e siamo in grado di capire come utilizzarla al meglio. A fronte del tanto chiacchierare di tanti (rispetto al quale ieri le istituzioni presenti hanno anche valutato azioni di tutela contro la manipolazione costante dell’opinione pubblica con dati non verificati), la coesione istituzionale sta aumentando la conoscenza del territorio, avviando tutte le procedure di verifica ambientale per il corretto utilizzo pubblico della risorsa.
Sempre ieri Abbanoa ha illustrato i risultati del modello elaborato con Hitachi a Oliena per la riduzione delle perdite attraverso il controllo differenziato delle pressioni. Sono ancora dati parziali (il progetto si conclude il 30 di questo mese) ma già molto confortanti: in buona sostanza con politiche di regolazione si disperde meno acqua nel sottosuolo e si interviene solo là dove è indispensabile farlo e dove la sostituzione non comporta un sistema di rotture a valle, per eccesso di pressione, appunto. La gestione intelligente delle pressioni non era mai stata sperimentata prima in Sardegna.
A Iglesias sono partiti i lavori per la sostituzione di quattro chilometri e mezzo di condotte idriche.
A Pula finalmente vede il traguardo una delle più temibili incompiute. Il prossimo 18 luglio sarà attivato il nuovo depuratore di Pula; il vecchio diventerà una stazione di sollevamento.
Siamo veramente alle ultime battute per la apertura del cantiere della Buddusò-Olbia, per il lotto finanziato e fermo da anni. Ieri gli ultimi contatti con la ditta appaltatrice.
Cambiare la realtà quotidianamente è la nostra unica strada verso l’indipendenza.

0 commenti su “Buone nuove notizie nascoste dai giornali

  • bene, tutte notizie confortanti.
    Ma non capisco come il titolo del “post” possa postulare (figo, il gioco di parole, eh?) che i giornali nascondano le notizie. Già da diversi decenni prestigiosi organi di informazione quali “Topolino”, “Diabolik”, “Zagor” etc. etc. si adoperano strenuamente per diffondere tutte le verità di tutte le storie che succedono, belle e brutte. Storie di imprese riuscite ma anche di grandi furti, così come di bande sgominate (Eva Kant, Banda Bassotti).
    La tradizione della informazione meticolosa, capillare, documentata, sta tutta nella tradizione di Novella 2000 e 3000; ma non solo: come dimenticare il mitico “Cronaca vera”? E i clamorosi scoops di “Chi”? E l’impietoso criticismo semantico di “TV Sorrisi e Canzoni”?
    Dunque, perché prendersela con i giornali?
    Essi ci rendono edotti!
    Viva la spavalda impudenza informativa giornalistica di alta scuola, che NIENTE nasconde, anzi!!! parlo di storici giornali a livello di “Playboy” e financo “Le Ore”, che io conoscevo molto bene (mmmmh!!!). Non ricordo prorio che nascondessero qualcosa….

  • bene, tutte notizie confortanti.
    Ma non capisco come il titolo del “post” possa postulare (figo, il gioco di parole, eh?) che i giornali nascondano le notizie. Già da diversi decenni prestigiosi organi di informazione quali “Topolino”, “Diabolik”, “Zagor” etc. etc. si adoperano strenuamente per diffondere tutte le verità di tutte le storie che succedono, belle e brutte. Storie di imprese riuscite ma anche di grandi furti, così come di bande sgominate (Eva Kant, Banda Bassotti).
    La tradizione della informazione meticolosa, capillare, documentata, sta tutta nella tradizione di Novella 2000 e 3000; ma non solo: come dimenticare il mitico “Cronaca vera”? E i clamorosi scoops di “Chi”? E l’impietoso criticismo semantico di “TV Sorrisi e Canzoni”?
    Dunque, perché prendersela con i giornali?
    Essi ci rendono edotti!
    Viva la spavalda impudenza informativa giornalistica di alta scuola, che NIENTE nasconde, anzi!!! parlo di storici giornali a livello di “Playboy” e financo “Le Ore” (mmmmh!!!), che io conoscevo molto bene. Non ricordo prorio che nascondessero qualcosa….

I commenti sono chiusi.