Agricoltura: cosa si fa per chiudere una campagna elettorale

Continuiamo, nostro malgrado, a fare un resistente lavoro di svelamento delle rozze campagne di manipolazione cui i sardi sono sottoposti dai media e da certa politica, in particolare dal governo regionale.

Tutti ricorderanno il sensazionalismo, prima, e il trionfalismo, poi, intorno alla leggina approvata a dicembre per l’istituzione di una Task Force destinata allo smaltimento delle pratiche degli allevatori e dei pastori sardi accumulatesi in Argea. Costo stimato per il solo anno 2020, 1 milione di euro.

Per avere un’idea di come venne costruito il consenso intorno a questa iniziativa (eminentemente post-elettorale) basta andare a leggere l’articolo dedicatogli da La Nuova Sardegna, nel quale si scriveva che le pratiche arretrate da smaltire ammontavano al numero mostruoso di 76000.

Non tutti sanno che per gestire le domande della misura 14 del Piano di Sviluppo Rurale, quella del Benessere Animale (una delle più importanti) è stato ovviamente studiato un software per cui le pratiche in regola procedono nella procedura in automatico e vengono automaticamente proposte per la liquidazione. Ogni anno vengono mediamente presentate 10.000-10.500 domande. Quelle che vanno in anomalia, o per una contraddizione dei dati inseriti o per un errore dell’operatore, vengono automaticamente collocate in procedura manuale, cioè affidate a un funzionario che se ne deve occupare. Quindi, per capire il bisogno di una task-force e determinarne l’ampiezza e i costi, occorre capire quante pratiche vanno in anomalia. Facciamo di conto.

Mediamente va in anomalia il 20% delle domande presentate.

Nel 2018 ci sono 2000 pratiche in procedura manuale, spesso piccole cose inerenti analisi del latte fatte da laboratori esterni ecc.

Nel 2019 idem come sopra.

Facciamo un riepilogo biennale:
Benessere animale 2018
Domande presentate circa 10500; in procedura manuale 2.000.
Benessere animale 2019
Domande presentate circa 10.500; in procedura manuale 2.000.

Andiamo a vedere le domande di Indennità Compensativa, Misura 13 del Piano di Sviluppo Rurale.

Biennio 2018-2019
Domande presentate circa 27000 (non abbiamo il dato finale 2019); in procedura manuale circa 5000.

Quindi, in totale, le domande su Benessere Animale e Indennità Compensativa nel biennio 2018-2019 sono al massimo 9000.

Si può ipotizzare, dai pagamenti Agea, che tutte le altre misure del PSR ammontino annualmente a circa 7000 domande, di cui 2500 circa istruite automaticamente, le altre tutte da istruire manualmente. Quindi in totale 9-10.000 pratiche da gestire nel biennio 2018-2019.

Adesso arrotondiamo. Le istruttorie arretrate sono al massimo collocabili nella forbice 20-25.000. Si vuole eccedere? 30000, certamente non 76000 o 100000. Vogliamo aggiungerne una stima di 10000 che andranno in procedura manuale complessivamente nel 2020? Arriviamo a 40.000.
Adesso facciamo una piccola operazione. 40000 pratiche divise 200 giorni lavorativi in un anno (cioè ipotizzando di smaltire l’arretrato e il corrente in un anno) fanno 200 pratiche al giorno per l’intera agenzia regionale.
Quanti dipendenti ha Argea?
Lo possiamo ricavare (al netto dei molti pensionamenti avvenuti) da questa delibera del 2018. Allora Argea aveva 16 dirigenti e 580 dipendenti, di cui 453 nelle categorie amministrative più alte C e D. Poniamo che di questi siano realmente istruttori un decimo circa: 50 persone. 200 pratiche al giorno diviso 50 persone fa 4 pratiche a persona.
Forse basta un po’ di valorizzazione di chi sa lavorare, uno sforzo sullo straordinario e niente più. Ma questa normalità non soddisferebbe le logiche conclusive della campagna elettorale che richiedono panem et circenses.

One thought on “Agricoltura: cosa si fa per chiudere una campagna elettorale

  • Ma pro ite ant candhidadu e si sunt candhidados unu bataglione de 660 chircadores de votos?
    E no faedhemus de sos 480 de s’àteru bataglione, ma no pro àteru: est chi semus sempre “alle solite”: totu su spédhiu, su chi lis budhit, est a bínchere e… dopo si vedrà. Coment’e chi no los apemus bidos ancora totu sos resurtados de una RAS de dipendhéntzia infame!
    Ca… ite sunt, fossis nàschidos deris pro no ndhe ischire nudha?
    O ca est fossis dae deris chi, chi più chi meno, ma totugantos in cuss’idea de aprofitamentu, ant leadu sa RAS coment’e baca de mulli, fàbbrica de acotzus e no coment’e “aina” de guvernu líbberu e responsàbbile de sa Sardigna e de sos Sardos fintzas solu ca, a parte sa ‘gana’ o ‘fàmine’ de ite e pro ite, custa RAS NO EST E NO PODET MAI ÈSSERE aina de guvernu de sa Sardigna e de sos Sardos, ma cadena de domíniu, fune de impicu, pistamentu de abba, isetu de miràculos e fàbbrica/ingranàgiu de carrieredhas e de illusiones?
    E, si no est bene craru a chie no at apretziadu e no cundividit su chi totugantos ant fatu pro su chi depiant e depent èssere sos cambiamentos mannos de fàghere pro nos guvernare, “siamo alle solite” totugantos!!!
    Lu naro cun meda prus dispiaghere e dirgustu pro totu cudhos chi si sunt apostos e aponent a sa dipendhéntzia e a totu sos “corollàrios” de su domíniu e a s’imperu teoria e pràtiga de sa irresponsabbilidade, ca si una cosa b’at de cumprèndhere de su chi faghet s’Itàlia est chi at sempre fatu e faghet bene su domíniu chi est pro nois, e chi totu cudhos chi lu cundividint faghent bene su pista pista de sa dipendhéntzia cun totu sos “corollàrios” chi zughet (e chi zughent!) atacados.
    Parimus su regnu de sa miserabbília, de s’innangarúmene programmadu, bonos solu a criticare cun prus o prus pagu resone, a prànghere, murrunzare, dividere, protestare, ispetare miràculos, o mancari chi nascat fizos indipendhentistas “puri” e “immacolati” e “perfetti” e gai crescant chentza mancu cumprèndhere chi no ch’est naschindhe mancu criaduras programmadas pro donzi currumpimentu. Semus “bravi” a inventare siglas, a nos dividire, ispimpirallai fintzas a èssere farinedhos, pruine, totu iscallaus, e mancari cun carchi bàrriu bellu de presumu puru e sempre in s’idea de ammanitzare s’isterzighedhu nostru e a nos candhidare a collire carchi puntighedhu percentuale de votos a dimustratzione chi… za nos agatamus ancora, za semus ancora in custu mundhu, mancari chentza cumprèmndhere chi nos interradu de meda puru.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML e i relativi attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>