Abbiamo detto al Governo che vogliamo i poteri per mettere in sicurezza Olbia.
L’Anas in Gallura deve concludere il suo mandato

Il crollo del terrapieno sulla provinciale 38 Olbia-Tempio in cui sono morte tre persone, Olbia, 19 novembre 2013. Si tratta di Bruno Fiore, 68 anni, originario di Budduso', della moglie Sebastiana Brundu, di 61, di Luras, e della consuocera Maria Loriga, di 54.  ANSA/MANCA

di Paolo Maninchedda
Ieri Pigliaru, su nostra richiesta, ha formalizzato al Governo Renzi ciò che era stato preannunciato al ministro Galletti durante la sua ultima visita a Olbia: la Regione Sarda vuole poteri straordinari per mettere rapidamente in sicurezza Olbia.
A dicembre scade il mandato commissariale di Anas per le opere di ricostruzione dell’alluvione.
L’ipotesi proposta da Anas è di uscire dal regime commissariale e di affidare al Capo Compartimento Anas la conclusione delle opere. Noi ci siamo opposti con queste lettere, nelle quali diciamo che Anas deve ricostruire il ponte di Monte Pinu utilizzando le procedure accelerate del regime commissariale, diversamente ci vorranno anni per vedere realizzata l’opera.
Di dritto o di rovescio, anche nelle vicende più pratiche, occorre sempre mantenere una prospettiva di sovranità, cioè di coscienza del nesso tra potere, responsabilità, azione e trasformazione della realtà.