A proposito di fisco: governare con la giustizia vera o con le minacce?

In questi giorni si ritorna a parlare di riforma fiscale, che nelle parole del premier italiano Conte è divenuta una vera ‘rivoluzione’ perché prevederebbe, addirittura, il carcere per gli evasori.

Sarebbe una vera rivoluzione se chi governa si attenesse e cominciasse a attuare le norme già esistenti ed in particolare due:

– l’art. 41 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, rubricato “Diritto ad una buona amministrazione”, che recita: «Ogni persona ha diritto a che le questioni che la riguardano siano trattate in modo imparziale ed equo ed entro un termine ragionevole […]. Tale diritto comprende in particolare: a) il diritto di ogni persona di essere ascoltata prima che nei suoi confronti venga adottato un provvedimento individuale che le rechi pregiudizio…».

– l’art. 53 della Costituzione della Repubblica italiana: “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività”.

Conte promette lo spettacolo ferino del carcere per gli evasori (le forche tributarie), ma dovrebbe farsi almeno una domanda.

L’Agenzia delle Entrate da un anno circa si è organizzata per attuare l’art. 41 della Carta dei Diritti dei cittadini europei recapitando a diversi cittadini un invito a presentarsi in ufficio per depositare documentazione o fornire delucidazioni.

Solo uno scarso numero di persone ( qualche ricerca riferisce che le risposte sono fornite da appena il 15% dei soggetti interpellati) risponde agli inviti.

È un caso?

Certamente no.

Manzoni raccontava che gli Spagnoli minacciavano ogni giorno una nuova pena con una nuova Grida, ma la giustizia non migliorava.

Cesare Beccaria ha insegnato all’Europa che la pena di morte, come d’altra parte l’ergastolo, non ha ridotto certamente il numero dei delitti gravi.

Non sono le minacce che cambiano il mondo. È l’educazione

Tra il cittadino e l’Agenzia delle Entrate o si inaugura un rapporto di collaborazione o dopo anni e anni di diffidenza e contrasto non si può pensare che con una nuova minaccia tutto divenga più virtuoso.

Che cosa si vuol fare in Sardegna, che secondo taluni è una regione di evasori, riempire le case di avvisi di potenziale arresto?

Nelle prossime settimane proveremo a dare qualche consiglio di come investire in cultura e conoscenza tributaria, piuttosto che sull’effetto del tintinnar di manette. (Continua)

Sala riunioni per sospettati evasori sardi

One thought on “A proposito di fisco: governare con la giustizia vera o con le minacce?

  • Educazione.
    Giustu!
    Ma ite educatzione est cussa generale a fàghere “i furbi”?
    Ite educatzione est cussa de fàghere sas lezes e a no las rispetare comintzendhe de chie las at fatas e inderetura a guvernare pro sos furbos? Semus a sa ‘educatzione’ de “Menefrego! E ti frego”.
    S’educatzione est libbertade e responsabbilidade, fintzas in farta de chie no faghet su dovere, si no est totu una cangrena pro unu ‘normale’ “fregarsene”.
    E nois Sardos teniaimus bisonzu de imparare unu fàghere de furbos dae sos Italianos? E si donzi generalizatzione a propósitu de zente est sempre irballada ca sos cristianos in perunu tempus e logu semus una fotocópia, e però no est de meda chi apo intesu unu giornalista italianu no de pagu contu definindhe sos Italianos unu pópulu de furbos (at a èssere sa ‘educazione’ de “menefrego!” chi lis ant dadu?) e, si est s’opinione chi so reséssidu a mi ndhe fàghere deo, est chi faghent un’ispétzia de “girotondo”, ma no de ballu tundhu dendhe donzunu sa manu a s’àteru, ma unu ifatu de s’àteru ponindhebbila in daisegus (no si narat ite), fintzas si de santos, e de pessones solu onestas, totu italianos doc, bi ndh’at medas prus de cantas pessamus chi mai sunt intradas in custu “girotondo” e ne mai bi tiant intrare.
    E fato una dimandhedha a totu sos Cussizeris regionales de totu sos tempos e de totu sos colores: Est educatzione, seriedade de zente séria, a pessare de guvernare sa Sardigna (o no sunt pessendhe e no ant mai pessadu a custu?) zurendhe “fedeltà alla Repubblica italiana”? O pessant de nos guvernare con la furbizia (ca tantu su zuramentu est una “formalità”!), cun sas trassas, sos acotzos, sos ‘amigos’ e cadhos de punta de Oltretirreno serrendhe sos ogros e faghindhe finta che a totu sos furbos chi sa Sardigna no est su chi istoricamente est suta de s’Itàlia zai unu séculu e mesu de nondhe pòdere èssere abbizados fintzas cun sa ‘educazione’ a s’ignoràntzia chi nos at dadu s’iscola italiana e chi azuamus a nos dare nois etotu?
    S’educatzione cheret narrere a èssere pretzisos e severos innantis cun nois etotu, si ischimus proite. E apustis e luego cun sos àteros puru. E si semus ignorantes e menefreghistas podimus andhare menzus a pasci cocas.

I commenti sono chiusi.