Piccola stampa ignobile

Le cronache di oggi degli eventi di ieri sulla crisi Air Italy e sulla continuità territoriale sono a dir poco lunari. Giornali che raccontano un mondo che non c’è (accordi con il Qatar, Corsi, Lombardi, compagnie pubbliche impossibili, prese per il naso ai lavoratori grandi come palazzi). E tutto per quattro soldi pubblici.
Per fare i giornalisti ci vuole coraggio e indipendenza.
Ieri Solinas ha detto l’ultima delle sue su una famosa lettera del Qatar che attesterebbe la smania qatarina di fare una compagnia aerea con la Regione Sardegna. Christian è un artista della torta sfoglia: ogni giorno uno strato. Imbattibile. Pochi minuti dopo la smentita. Negli Usa per uno scivolone simile si va a casa e i giornali dicono a chi la commette esattamente ciò che è. In Sardegna no: tutto arrotondato, tutto dimenticato. Un presidente che nasconde gli atti istituzionali, come abbiamo scritto ieri, e dice cose marziane, inverificabili e inverificate e poi smentite, sollecita un’informazione impegnata civilmente, non sdraiata pigramente.

One thought on “Piccola stampa ignobile

  • Paret s’apotèosi” de su “fortza” paris po andhare e mandhare totu innoromala. E si custu est s’iscopu podimus èssere seguros chi amus a fàghere impresse.
    Ma sa cosa prus grave est chi in s’imbriaghera seculare de totu sas dipendhéntzias amus bufadu a s’imbentrada, a satzadura, totugantos. E ancora no amus irbentiadu… e antzis, peus, semus nois sos irbentiados, tra ignoràntzia programmada e coltivada, ‘política’ coment’e aprofitamentu e ‘glória’ de carriera (?!) personale o de butega e buteghedha, “impegnu” de pedulianos a pedire e bonugoro de sos ladros de Pisa a dare sa limúsina a su molenti mortu de s’arrisu, allenamentu a totu sas dipendhéntzias, ite amus a sighire a fàghere?
    Azis bidu cantas festas si faghent in Sardigna? Una cosa ispantosa, parimus in Bengodi! Si no irballo, unu ministru italianu, mi paret Del Rio, noll’at improveradu, coment’e a nàrrere “Ma i Sardi che cavolo volete da noi?! Chi meglio di voi sempre in festa?” ca isse no at fatu perunu contu tra sas festas de sa ‘economia’ sua e ‘cultura’ de su “di tutto e di più” e su chi timo meda chi sas ‘festas’ nostras siant inoghe su chi narant “il canto del cigno”, e ancora prus pagu Del Rio che a totu sos àteros at fatu su contu tra sas chentinajas de milliones chi s’Istadu italianu noche pínnigat e cantas chentinajas de mancu de sos chi nos depet torrare “a norma di legge” sua etotu invetze si muntenet e ispendhet e no nos torrat.
    Ma nois, si la finimus de nos sighire a imbriagare, amus a chircare sa libbertade e responsabbilidade chi est innantis de totu sa nostra in su presente e nos detzidimus coitendhe a cambiare caminu, o amus a sighire cun sa ‘política’ de sa conca “sotto la sabbia” ifatu de sa política iscaminada de sos ‘politici’ miracularzos inganneris in s’allenamentu a s’irresponsabbilidade?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML e i relativi attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>