In libreria: Stato di famiglia, quando il Male diventa un destino inevitabile

Alessandro Zannoni è un autore completo. La lunga gavetta, le sue incursioni nel cinema e – in particolare – nelle sceneggiature, i vari progetti seguiti e, soprattutto, le esperienze del quotidiano, gli permettono di elaborare, con la sua nuova fatica letteraria Stato di famiglia, un incredibile panoramica sulla società attuale. In particolare sugli intrecci che coinvolgono padri, madri, figli e parentado vario.

I protagonisti dei racconti che compongono il libro – pubblicato da Arkadia Editore a maggio 2019, vincitore dell’ultima edizione del Premio Letterario Giallo Garda – sono le cavie di un laboratorio, soggetti a una condizione mentale e ambientale che inevitabilmente li pone di fronte a conseguenze, effetti collaterali di un destino sbagliato, di una natura cattiva.

Zannoni, come un bravissimo sceneggiatore ci mostra il male, le sue distorsioni senza alcun fine didascalico. Il Male sta lì e non può essere gestito. È un fatto irrazionale. C’è e si manifesta. Lo vedi esplodere, e ne puoi intuire la potenza anche da fermo, prima che sia realmente visibile. È come il fischio sinistro che precede il terremoto. Zannoni ci fa percepire tutto questo in modo perfetto, non solo perché ogni parola e il suo significato sanno stare al loro posto, ma anche perché vengono incastrate in ogni scena, a loro volta montate sapientemente. Ritmo, montaggio e sintassi asciutta sono le grandi virtù di questi racconti acidi, che narrano tutti un medesimo Male, ma ogni volta in modo singolare, esclusivo. Fuori da ogni regola, nella maniera più freddamente atroce. Come è giusto che sia.