Ieri importanti novità a Palazzo Chigi per la SS 131 e per Olbia (e un dissenso con La Nuova Sardegna)

albero-secolaredi Paolo Maninchedda
Ieri io ero a Palazzo Chigi a rappresentare il Presidente della Regione al Cipe presieduto dal premier Renzi.
Il Cipe ha approvato l’intervento sui nodi critici della SS 131 nord dal km 108 al km 209. Si tratta della messa in sicurezza di quel tratto di strada e della realizzazione degli svincoli di Paulilatino, Macomer, Bonorva e Cossoine. Importo stanziato: 182 milioni di euro. La progettazione è a livello di progetto definitivo (e non su preliminare, quindi l’apertura dei cantieri sarà più rapida). Si va a gara entro febbraio.
Sempre ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato quella che un tempo si chiamava Decreto Milleproroghe.
Il comma 1 dell’art 11 riguarda Olbia. Come richiesto dalla Regione in un incontro delle scorse settimane con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Luca Lotti, è stato prorogato di sei mesi il regime commissariale Protezione Civile-Anas per l’alluvione di Olbia. Questo è un presuppsoto amministrativo decisivo per poter rimettere a posto la strada di Monte Pinu. Infatti Regione, Protezione Civile e Anas hanno concordato sul fatto che l’Anas si faccia carico della ricostruzione dell’asse viario non solo nel punto crollato, ma anche in tutti i punti risultati critici alla valutazione del bacino idrografico di riferimento. Le risorse ci sono e adesso si può partire avvalendosi delle procedure semplificate del regime commissariale. Dobbiamo ringraziare per la collaborazione più di una persona: Luca Lotti, Gavino Manca, il Direttore della Protezione Civile Fabrizio Curcio, il presidente dell’Anas Armani, i miei dirigenti. Anche questo impegno, non semplice da mantenere, adesso è a portata di mano.
Sulle precisazioni verso la Nuova, leggete il colonnino a destra. Ieri andare e tornare da Roma è stata un’odissea. Sulle disinvolture di Alitalia ho relazionato all’Assessore ai Trasporti.