Dove ritrovarsi? Parlano i Rossomori

Salve a tutti, ciao Maninchedda,

ho letto con piacere la tua nota “Come e dove ritrovarsi”.

Bisogna trovarsi sicuramente per poi insieme andare a ritrovare tutti quelli che nel bene e nel male si sono dispersi.
È necessario trovare il luogo fisico per guardarsi negli occhi. Con chi costruire questo luogo?
Sicuramente con tutti quelli che hanno a cuore LA NAZIONE SARDA. Il mondo indipendentista e della autodeterminazione.

Sicuramente con la parte della sinistra progressista di Sardegna, con il mondo liberale e con tutto il mondo sardista al di fuori del PSD’Az. Sicuramente con tutti quelli che praticano il sardismo, quello che esiste da sei secoli prima di Cristo e che vuole diventare nuovamente protagonista nel sociale e nella politica. Da sardi.

Sicuramente con tutti quelli che vogliono combattere questa Giunta di Governo della Sardegna alle prossime elezioni regionali del 2024.
Ritengo questo una pregiudiziale per poter fare parte dei costruttori del luogo in cui incontrarsi.

Sicuramente con gli spiriti liberi democratici, con chi opera nel mondo dell’assistenza e del superamento della precarietà e della povertà. Con le associazioni che operano nel volontariato.

Sicuramente con i sardi liberi che hanno interesse alla felicità del popolo sardo.

Nel Manifesto proporrei un percorso sostanziato di esercizio di sovranità, con l’attuale e con il nuovo, quando lo scriveremo, Statuto; capace di affermare un nuovo ceto dirigente, sovrano esso stesso.
Consapevolmente sovrano; sovrano riconosciuto dal popolo sardo.
Il primo obiettivo è quello di una pratica politica di sardizzazione dei partiti in Sardegna. E la sardizzazione delle organizzazioni sociali.

A nessuno si deve chiedere di rinunciare alla propria identità politico-culturale. Né alla propria storia. Le storie di tutti devono essere rivissute e valorizzate, al fine di realizzare buoni e forti rapporti di partecipazione.

Un Manifesto del sardismo, del socialismo e dell’azionismo. Aperto e inclusivo verso le forze che vogliano misurarsi con la difficoltà e il rischio del governo; progressista e federalista. Un Manifesto nel quale far prevalere i valori di democrazia, di solidarietà, di giustizia e libertà. E un ambientalismo moderno e solidale.
Manifesto in cui indicare l’orizzonte europeo come fatto strategico; perché necessario, come unica prospettiva sulla quale vale la pena investire speranze ed energie. Da qui deriva la necessità di una forte identità del popolo sardo, popolo democratico d’Europa. Identità che si forma e si accresce e si rafforza con la forza delle sue idee, dei suoi progetti, delle sue risorse intellettuali e morali. Nella forza della consapevolezza dell’essere Popolo e Nazione.
Autonomia, sovranismo, indipendentismo sono tutti figli del sardismo.

E oggi spetta a una Alleanza politica per la Sardegna, Moderna, Democratica, Aperta, Culturalmente forte, Identitariamente determinata a continuare in quel solco. È stata la carenza di un forte senso identitario la causa prima e profonda della nostra storia subalterna.
Un sardismo rimasto senza popolo.
È tempo di rivoluzioni. Servono spiriti liberi, come dice Maninchedda.
Oggi bisogna riprendere una trama di storia in cui giustizia e libertà e speranza di futuro si rimettano insieme.

E ci sarà bisogno, in questa nostra Sardegna di nuove intelligenze sociali, dell’intelligenza delle reti che non si riducano alla ricerca e alla affermazione dei valori dell’individualismo contemporaneo, che porta le persone e persino i popoli a ripiegarsi su se stessi.
Non è possibile che ciascuno di noi sia il solo maestro e giudice del proprio destino.
Non possiamo rinunciare a pensare che noi non siamo solo noi stessi; ma che siamo anche attraverso gli altri e apparteniamo a collettività e comunità, per volontà e indipendenza dei fatti, e che l’avventura collettiva ha ancora un senso.
E anche in Sardegna bisogna darsi un Progetto che possa essere una bellissima avventura collettiva.

Per questo caro Paolo concordo con la necessità di un grande impegno e movimento culturale da fare in tempi brevi.

Il periodo che viviamo a causa del Covid-19 non ci permette di incontrarci di persona. Credo che sia necessario in questo momento preparare un Manifesto di Adesione con motivazione la costruzione di una ALLEANZA PER LA SARDEGNA che contribuisca a definire quella che sarà la nostra frontiera paradiso.

0 commenti su “Dove ritrovarsi? Parlano i Rossomori

  • Como no mi ammento (e no che l’agato inoghe) su chi at iscritu Paulu Mureddu a propósitu de su PSd’Az. Ma sa chistione, a propósitu de su chi iscriet Angelo, no est ne de “purezza” e ne de “schifezza”, intantu ca de “purezza” no ndhe tenet neune e si est a fàghere ischifu bi at zente fintzas bona chi, segundhu ite, podet fàghere ischifu etotu e dipendhet de cantu suportamus sa ganamala.
    Sa chistione, pro comintzare, no est tantu de sardistas (e si tiat pòdere dimandhare a ue sunt andhados su muntone de Sardos chi a bias e tempos sunt intrados e a bias si ndhe sunt essidos dae su Psd’Az, epuru fint, o si contaiant sardistas, e nos contaimus ca deo puru bi so istadu de su 1981 a su 1994): est chistione de partidu. Pro la segare in curtzu su PSd’Az est nàschidu, at créschidu e miminadu prus de una borta, ma sempre est istadu e ancora sighit a èssere unu partidu regionalista italianu nàschidu in Sardigna. “Sardu” ma sempre apicadu a s’Istadu italianu / Itàlia che a totu sos bículos de partidos italianos in Sardigna, ue b’at Sardos ma apicados a s’Istadu italianu / Itàlia e a sas ‘locomotivas’ chi ‘promitint’ de prus: ma totu a duas caras, chi si “narant” ma no sunt.
    Ma nois puru, e totugantos, calesisiat eticheta nos ponzemus, si no l’agabbamus cun custa ‘politica’ dipendhentista de mandronia e irresponsabbilidade e no afrontamus seriamente sa chistione de sa dipendhéntzia natzionale de sa Sardigna, a tempos e in su mundhu de oe, e a nos leare sa libbertade e responsabbilidade chi nos tocat de diritu e de dovere, faghimus sa matessi ‘política’ e amus a fàghere in tempus prima a essire unu desertu de zente e no amus idea de cantu semus male postos si pessamus ebbia cantu betza e malandhada est sa populatzione sarda, sempre sighindhe a pèrdere sambene, sa menzus zoventude, cun s’emigratzione, e cun totu sas maladias chi tenimus coment’e “record”, pro no faedhare de àteru. E no ca inoghe no che at triballu de fàghere!!!
    Si própiu depimus faedhare de ischifu b’at zente meda “perbene” chi faghet ischifu o, namus menzus, dannu grave. Ma namus menzus chi sa zente a muntomes, de donzi cunditzione e idea e professione, est impitzada a “si salvi chi può” coment’e candho totugantos fuint ca nos est bombardendhe sa “artiglieria pesante” chi naraiat calicunu fintzas si no bidimus (petzi bi cheret!…) domo betadas e mortos e feridos ca paret cosa “soft”.
    Ma nois semus faghindhe unu partidu? Sa prima cosa chi depimus fàghere est a iscontzare s’apesta e cancrena (donzunu cun su méritu sou e, pro caridade, si no semus tzegos, cun sos pecos mannos e pro nois assurdos) de sos partidos italianos in Sardigna, fintzas candho, a finta e ingannu, si narant “sardos” ma sunt sa fune de s’impicu a su corru de sa furca de ue (di)pendhimus a “campa cavallo che l’erba cresce”, pistendhe abba e andhendhe de male in peus. Male pro nois si no faghimus innantis sos contos cun nois etotu e no l’agabbamus de fàghere sos pedidores pro sighire a pedire.
    Tandho su “problema” no est su PSd’Az, ma sos sardistas si no zughent cusséntzia de Sardos e no faghent essire sa política de sa realtade istórica de sos Sardos, e no de sas promissas fintas de sos partidos italianos e ne de s’azudu de sos ladros de Pisa. Si sos partidos sunt gàbbias e si est in cue su logu de sa dignidade, bisonzu diritu e dovere de su èssere zente ca bi agatant parfaruzedha de biculare, sigant a istare in totu sas gàbbias, za tenimus de mòrrere totugantos, animales e zente puru. Solu chi fintzas a mòrrere semus nois sos responsàbbiles de su chi faghimus nois (e fintzas de su chi no faghimus eppuru podimus fàghere).

  • Dia essere de accordu Supra ‘e tottu però una cosa cherzo pregontare: ma de faeddare in sardu a custos indipendentistas no li importada? No de faeddana mai.

  • Se Paolo Mureddu mi consente trovo un limite nella sua nota: escludere coloro che pur facendo parte del PSDAZ sicuramente non ne condividono la condotta politica attuale.
    E’ un limite che fa un pò parte dei vizi atavici dei movimenti sardisti: quello di dare patenti di purezza o di schifezza a destra e a manca.
    Certo, anche a me fa schifo il PSDAZ di adesso, ma se la componente popolare di un partito rimanesse perennemente fossilizzata nelle proprie convinzioni, se non fosse possibile produrre un cambiamento di idee e opinioni, in chi ha votato, che senso avrebbe votare un’ altra volta a distanza di qualche anno?
    Voglio dire che accogliere nel progetto il senso di delusione dei militanti Psardisti, che secondo me esiste ed è consistente, è sempre meglio che non tagliare i ponti e disegnare ghetti ideologici.
    a me pare

  • Paolo Maninchedda says:

    Nuraghe Losa, perché anziché nel dileggio sprezzante non ti cimenti nell’analisi firmata? Lo spazio c’è, per tutti. L’importante è avere cose da dire oltre quelle contro i dissimili.

  • Nuraghe Losa says:

    Il sardismo che esiste da sei secoli prima di Cristo. Ma certo. Ispantu no b’at any reference to sos Zigantes de Monte Prama. Pro caridade. Un nuovo ceto dirigente, sorvano esso stesso. Paradiso. Felicità. L’ennesimo Manifesto della subalternità.

  • Bene meda, Paulu Mureddu!!… Muredhu? Muru de fundhamentu est su chi as iscritu.
    Fortza paris e totus unidos, tandho: betamus fundhamentos!!!

  • “Per questo caro Paolo concordo con la necessità di un grande impegno e movimento culturale da fare in tempi brevi.” #doveritrovarsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag HTML e i relativi attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>