Unico obiettivo: la mia terra

7 febbraio 2014 09:350 commentiViews: 145

Simbolo-Partito-dei-Sardi-40X40cm-TONDOdi Silvia Galleri

Non ho mai lavorato per fare carriera politica. A me piace la vita tranquilla, tra lavoro, famiglia, natura, animali, battaglie solitarie contro quelle che per me sono ingiustizie.

Penso infatti che la politica la facciamo tutti ogni giorno, in ogni nostra azione quotidiana: quando lavoriamo, facciamo la spesa, alleviamo i nostri figli e anche quelli degli altri. E sono contraria ai privilegi della casta.

Paolo Maninchedda è il fautore di un piccolo importante passo per cercare di limitarli. La chiamata per candidarmi per queste elezioni regionali è arrivata totalmente inaspettata, in questo momento della mia vita in cui non sono famosa. In passato, da giornalista, lo ero maggiormente, mi sono arrivate varie proposte ma ho sempre rifiutato senza pensarci troppo.

Oggi sono conosciuta e stimata per la mia quotidianità, per la mia proverbiale onestà, per il mio altruismo, per la mia coerenza. Ci ho pensato molto e ho deciso di farmi portavoce di quella che è la mia stessa idea di vita, quindi di politica.

L’indipendenza della Sardegna e la sua sovranità mi sta a cuore quanto me stessa. La mia terra si merita questo e altro. Mi scoccia essere paragonata ad un mondo negativo, disonesto e corrotto, falso. Chi mi conosce ben sa come sono. Della poltrona non mi frega nulla, voglio che questo sia chiaro. L’ho sempre dimostrato in ogni mia azione quotidiana.

A me interessano i valori e le cose concrete. Sono una donna pratica. Se pensi o dici il contrario sinceramente mi offendi. Sono indipendentista nel midollo, e penso che questa sia la ricetta giusta per far uscire tutti noi da questo pantano. Ammiro Franciscu Sedda, giovane, umile, giusto.

Per questo lo faccio. Per dare un’opportunità di cambiamento pratico e vero. Ecco.

Silvia Galleri – candidata del Partito dei Sardi nel collegio di Olbia – Tempio

Tags:

Invia un commento