Una lingua di plastica forgiata sull’italiano?

12 giugno 2011 07:5035 commentiViews: 470

lingua1Emilia Calaresu è professore associato di Linguistica e Glottologia presso l’Università di Modena e Reggio. Ha pubblicato su Ianua. Revista Philologica Romanica un articolo che merita attenzione e che sta suscitando un certo dibattito. In sostanza, la Calaresu, dopo aver analizzato la sperimentazione della Limba Sarda Comuna (LSC) da parte delle strutture amministrative della Regione Sardegna, conclude:
“È evidente comunque che questi primi passi della Limba Sarda Comuna, per quanto sperimentali, bastano a mostrare la sua realtà: si tratta di un linguaggio burocratico rapidamente ricalcato sul modello non dell’italiano in genere ma, appunto, dell’italiano burocratico. Eppure, sia in Italia che nel resto del mondo occidentale si stanno mettendo in atto da decenni leggi e decreti per la trasformazione del «burocratese» in un linguaggio semplice e chiaro che possa sanare la frattura tra cittadini e amministrazione. In Italia già più di dieci anni fa, è stato pubblicato il Manuale di stile. Strumenti per semplificare il linguaggio delle amministrazioni pubbliche (Fioritto 1997), pubblicato dal Dipartimento della Funzione pubblica, a seguito della riforma Bassanini (che a sua volta proseguiva il lavoro di Sabino Cassese), e tentativi reali di riformare il linguaggio burocratico sono stati fatti fin dai primi anni ’90, anche in molte regioni italiane, come l’Emilia Romagna o la Toscana. La Regione Sardegna avrebbe quindi potuto prendere gloriosamente due piccioni con una fava, dando al sardo presenza ufficiale e rendendolo contemporaneamente lingua viva e moderna anche nei suoi usi burocratici e giuridici. Per come stanno invece ora le cose, mi pare di poter concludere che, anche mettendo momentaneamente da parte il problema (comunque ineludibile) se sia meglio una sola varietà o l’impiego ufficiale di tutte le varietà, è comunque difficile riconoscersi simbolicamente rappresentati dalla Limba Sarda Comuna così come di fatto si presenta in questi primi documenti. Globalmente, queste operazioni, così fatte, appaiono piuttosto come un piccolo omaggio simbolico ma superficiale alla sardità”.
Mi pare che ci sia di che pensare. Buona lettura.

Articolo della Calaresu

35 Commenti

  • Mario Pudhu

    Arràbiu cantu est tostau a fuedhai! E po cussu s’ispàssiu miu est a ligi totugantu su chi iscrieis “de sa língua”, pardon, “de sa limba”, po cussu mi dh’apu lígiu e torrau a ligi totu prus de una borta e a s’acabbu calincuna cosa ndi at a essí ca de su nudha no ndi essit mai nudha. Ma iscriei in italianu, s’arracumandu!! Fuedhai de língua ma in italianu: podeus sempri isbagliai a iscriri in sardu (e de seguru isbagliaus a fuedhai, e si no est isbagliau est cosa meda peus).
    Depu aciúngiri isceti unu cunsideru. Sa Sardigna est unu logu bellu: pentzai a totu is domus, ville!!, villaggi!!, chi acarraxant giai totu is orus de mari, pentzai a is indústrias peltrochímicas e is basis militaris cun cudh’ispetàculu dí e noti de fogus artificialis, e míssilis, e bombas all’uranio impoverito (scerau!), po no narri de is fogus chi alluint is Sardus etotu a fai ispetàculu dónnia istadi in dónnia bidha po s’istima chi teneus a su logu bellu! Dèu, chi cumprendu pagu e nudha, ge mi acuntentu de dhi nàrriri isceti “su logu”, ca mi acuntentu de su pagu. Ma in prus de bella sa Sardigna depit èssiri fintzas unu “Olimpo” (si no própriu “l’Olimpo”) de sa sabidoria/sabiesa, o sapienza chi siat (e pagu contat l’inteligenza o su cumprendóniu). E tenint arrexoni is chi no papant cun sa língua, is chi iant a ghetai mellus su dinai a is canis (ca assumancus iant a produsi canis e canilis e podeus fintzas nàrriri ca cun is canis iant a podi trabballai is giòvunus, e bècius, disocupaus: cun sa língua sarda nudha!). Si seis aspetendi ancora su cunsideru miu, est custu: in Itàlia funti totus macus. Funti macus totus!!! Dh’ant a connòsciri s’italianu?! Epuru, cun totu chi sa língua no serbit a una cibudha, faint su machiori de dha ponni a istudiai in totu is iscolas coment’e sa cosa prus de importu chi dhui siat, pentzai chi in is programmas de s’iscola média faint seti oras de italianu dónnia cida (e no nareus de is àteras). Ndi ant a fai un’istocada de sa língua insoru! E aici etotu in Frància faint su machiori de fai istudiai su francesu: un’àteru manincómiu de machiori (o de macus)!. E in Germània no faint su machiori de fai istudiai su tedescu, e in Ispagna s’ispagnolu e in Inghilterra O Regno Unito s’inglesu?! No sigu cust’elencu de macus e de manincómius ca assinuncas essit longhixedhu e mai dhoi estis a buscai sa Sardigna coment’e chi custa no si agatit in su mundu, ca est s’Olimpu de sa sabidoria e de s’inteligéntzia. De su restu, is efetus gei si bint; difatis is Sardus seus acoment’e is Piemontesus giai de su 1700 (issus ca fiant is meris, che is chi funti bennius apustis chi ant incracau mellus, e s’ant obbrigau e nosu ca eus postu in menti ca su no tenni mancu língua increscit a is Sardus puru), seus is primus “passaus” de sa caca alla lingua, e po cussu seus che is Piemontesus etotu fintzas i primi (o i secondi) per prodotti, esportazioni, occupazione, lavoro e reddito e, aciúngiu dèu, eus fintzas invàdiu, di persona e senza generali, sa Germània, s’Isvítzera, sa Frància, s’Olanda, su Bélgiu, s’Austràlia, s’Argentina e si sigheus aundi circaus furrungonis agataus Sardus. E tenit arrexoni chini est contràriu a sa língua sarda, chi no est sa língua naturali de sa genti ca est naturali sa sabidoria, ca est un’ispétzia de maladia chi at atacau a pagus macus amantiosus de su dinai e àterus privilégius e afàrius e aprofitamentus, o àteras cositedhas altrimente dette cose inutili chi mai ant a serbiri a fai mancu indipendhéntzia; custus sàbius tenint arrexoni e s’iant a podi propònniri fintzas a Premio Nobel po sa sabidoria (o po s’inteligéntzia) e castiendi a comenti andant is cosas in su mundu fintzas sa Sardigna iat a tenni de seguru unu Nobel.

  • Piero Atzori

    Lo si dica chiaro che non si vuole che la nostra antica lingua, quella che lo Spano e che Gramsci c’insegnano a tutelare la si vuole morta nel giro di ulteriori cinquant’anni. Il correttore ortografico a me sembra uno strumento utile e necessario. La LSC è un’operazione intelligente, che non mira a fare danno come si vorrebbe far credere.

  • Mario A. Sanna

    Due brevi incisi per Grazia M. (che potrebbe anche firmarsi con il cognome…): ho preferito la forma “invitare” perché ormai nell’uso corrente del sardo scritto si predilige questa forma, riservando la forma “cumbidare” ad altri contesti. La lingua sarda è ricca di sinonimi….
    Secondo inciso…il testo non è affatto scritto in LSC, ma in sardo facendo riferimento – quello si- alle norme ortografiche di riferimento della LSC. Sono due cose diverse.
    Inoltre sia la parola Invitare che quella di Ambito vengono dal latino, quindi un loro utilizzo in sardo scritto, già ampiamente documentato è assolutamente normale. Altrimenti si potrebbe sempre considerare un “prestito linguistico”, anche se non si tratta di questo caso.
    Riguardo la forma di costruzione delle frasi, non è affatto in italiano, al contrario di quello che scrive lei, che scrive in italiano, usando a livello di inconscio alcune forme di costruzione morfologica della frase che sono sardi. Ma stia tranquilla si tratta di ITALIANO REGIONALE!
    Quanto al Sig. Cocco, credo siamo d’accordo sulle emergenze, ma voglio anche ricordare allo stesso, che la Regione investe nella lingua sarda, una cifra veramente irrisoria del proprio bilancio. Quello che ribadisco concordando pienamente con Adriano Bomboi, è il “non senso” di attaccare la lingua sarda. Ognuno può avere le proprie idee, ma questi attacchi ripetuti e violenti alla lingua sarda, fanno pensare, che sotto il problema della lingua ci siano ben altri problemi….
    Fermo restando che le critiche in ogni ambito, debbano essere sempre costruttive e non solo e sempre distruttive…..

  • Tore (Bore) Sassu

    Signor Bomboi,
    guardi che già oggi chi vuole parlare il sardo può parlarlo tranquillamente: oggi ho pure visto sul giornale il caso di un tizio che ha chiesto al tribunale la citazione in sardo (e noi ci paghiamo il traduttore). Cosa impedisce alla gente di parlare in sardo? I soldi, soprattutto adesso che stiamo andando a pezzi, usiamoli per cose più importanti, altro che chista caggadda di lu correttore ortografico!

  • Marco M. Cocco

    Senta Bomboi, a parer mio noi non ci discostiamo dal fine ultimo bensì dal metodo che sembra essere diametralmente opposto.
    Una questione di assegnazione di livello nella piramide delle priorità.
    Ad ogni buon conto l’importante è unire le forze al momento opportuno.

  • E invece Cocco sarebbe anche la lingua sarda a darle da mangiare. Se il nostro idioma sparirà, voglio proprio vedere se esisterà ancora un “Popolo Sardo” che, ignorando persino la propria storia, avrà una qualche specificità su cui agitare le sue istanze sovranitarie.

    Per difendere l’ambiente bisogna necessariamente essere indipendentisti/nazionalisti? Io non penso proprio. Essere nazionalisti significa ANCHE rispettare a tutelare la propria minoranza linguistica (se c’è, ed in Sardegna c’è), senza imporre nulla a chi non vuole parlare il sardo. Ma tutelare la specificità è compito del nazionalismo. Non credo sia populismo la difesa del Sardo, perché non mi risulta che sia un tema che sposta cifre a due zeri nella politica regionale durante le campagne elettorali. Prendo atto comunque che non si è capito (o non si è voluto capire) ciò che ho detto in precedenza.

    Io vedo solo egoismo nello sport di impallinare la lingua Sarda, si guarda solo alla maggioranza della popolazione e mai alla minoranza. E neppure si capisce che l’identità di quella minoranza può politicamente fare la differenza.

  • Prof. Tadeus Kranz

    Io penso che questo business di lingua sarda è parte di una teoria economica che io conosco bene.
    Questa è la teoria economica più diffusa nel Brandembrugo mia patria e si chiama “spesa pubblica accappella”, con ritorno garantito = zero, ma tanti voti se fatto bene. Faccio piccolo esempio: il problema è prendere voti di allevatori di maiali, lobby potente nel Brandembrugo!
    Quella mente geniale del ministro di energia trova la soluzione: lui paga uno scienziato del Brandembrugo che insegna applicazioni tecniche in una scuola media di Svezia (ma dice piccola bugia che lui è premio Nobel della Scienza, tanto chi sa verità?), e quello dice che la cacca di maiale è utile e puoi produrre con quella tanta energia pulita; dimostra questo con un suo studio indipendente dove teorizza che il ritorno economico della cacca di maiale (biologica, così sembra più credibile) è in una formula che dice che il quadrato della massa di merda porcina prodotta in Sassonia è sufficiente a coprire la radice quadrata del fabbisogno energetico di Turingia al netto di scorregge in Baviera.
    Poi danno aiuti in soldini ai produttori di maiali per ogni kg di cacca prodotta: i brandembrughesi sono tutti contenti perché pensano che avranno energia pulita per pochi soldini! Dopo qualche anno i brandembrughesi si accorgono di una grande puzza di merda e che energia non ce ne è e le fabbriche chiudono! In frattempo i soldi sono finiti e il ministro dimenticato. Nuovo ciclo di politica allora, con la questione morale forte forte!
    Ma da voi in Sardegna non succede mai questa cosa che politico furbetto fa qualche trucco per avere voti?
    Prof. Dr. Ing. Tadeus Kranz – Università di Siligo del Brandembrugo

  • Marco M. Cocco

    Sanna, se affronti il circo mediatico della rete devi accettarne tutti i risvolti, che ti piaccia o no.
    Non cadere nell’offesa facile all’interlocutore solo perchè ciò che dice il tuo connazionale non ti piace.
    Prima mi dai del tu, poi del Lei… poi hai avuto una reazione violenta ed esagerata, che ha messo in luce la tua insicurezza di fondo…
    La tua frase “A differenza tua io ho studiato per fare il lavoro che svolgo con tanta passione” dimostra che non sai nulla di me ma, come sempre fanno i culturosi che tutto sanno, si permettono di dare patenti di legittimità interlocutoria o meno agli altri, arroccati nella propria sapienza.
    Ribadisco il mio concetto basilare: affrontare l’emergenza della mancanza di produzione primaria senza diluire in mille rivoli i già magri fondi a disposizione.
    E’ lecito chiederlo ed è lecito rispondere.
    E’ fondamentale creare quei presupposti di base per la tenuta sociale affidando lavori che abbiano un riscontro tangibile immediato finalizzato alla ripresa dell’economia.
    Dalla produzione ortofrutticola a filiera corta alla zona franca per l’export.
    Dall’immediato dragaggio dei siti portuali diportistici inutilizzati (p.es. Perd’e sali o Buggerru) alla cooperativizzazione delle strutture ricettive invernali per anziani.
    Questo è il sito di un indipendentista convinto, pragmatico e privo di fronzoli dogmatici e populisti; questo è il motivo per cui tanto mi sta a cuore, dal momento in cui credo fermamente nell’indipendenza della Sardegna da un rapace Stato italiano.
    Rapace nel 1810 quando iniziò a depauperare i nostri boschi e a lasciarci la siccità, rapace nel 1920 quando rovinò irrimediabilmente vasti territori e le falde acquifere inquinando con sterili minerari e ancora nelle guerre mondiali quando utilizzò la nostra carne come carne da cannone. Non parliamo poi delle industrie anni 60 e della subcultura indotta dalla televisione nelle nostre genti. Già la televisione: l’unico vero etereo collegamento con il continente che ha fatto sentire italiano chi non lo era.
    Comunque, io non parlo la lingua sarda e molto spesso non capisco ciò che si dice in sardo.
    Sicuramente sono carente in termini culturali, conoscendo lingue straniere come l’inglese ed il francese ma non il mio sardo, ma non per questo mi sento meno sardo e meno radicato dei miei connazionali bilingue.
    Non so se rendo un servizio migliore ai sardi nell’adoperarmi, nel mio piccolo, per preservare la salute e l’ambiente della mia Nazione (la Sardegna), piuttosto che impegnandomi a studiare la limba.
    Comunque di una cosa sono certo: non sarà certo la limba a darmi da mangiare. E nemmeno alla maggior parte dei sardi.
    Ti invito comunque ad un costruttivo dialogo.
    Ciao

  • On. Maninchedda stimau, mi-ndi prexu chi Fostei apat bòfiu “ponni su didu in sa liaga” de sa LSC, e no tanti po su standard in sei etotu (calincunu at nau giustamenti ca a s’acabu est sceti una grafia), cantu mancai po sa poburesa linguìstica de is chi traballant me is ofìtzius linguìsticus regionalis, postus inguni no si sciit cun cali critèrius scientìficus e cali tìtulus de formatzioni professionali e de connoscèntzia de sa lìngua sarda (giai chi no nci funt làureas in cussa matèria) ma, a su chi parit, cun s’ùnicu tìtulu de essi grandus sustenidoris de sa LSC etotu (e apu intèndiu, no sciu chi siat beru, chi de inguni movat a fitianu una spètzia de “boicotàgiu” faci a is oberadoris de is comunus chi no ant bòfiu sceberai sa LSC po is imperus me is biddas, e finsas is percentualis bùlgaras chi nant de is “isportellos” chi ant imperau sa LSC funt malas a crei).
    Ma sa chistioni de importu no est chi sa LSC siat bona a espressai su linguatzu burocràticu, chi, a nai sa beridadi, no serbit a nudda (chi si-ndi importat chi una lei siat scrita in sardu o in italianu?).
    Sa chistioni est chi si bollat imperai cussu standard po is imperus “normalis” de sa lìngua, est a nai in sa scola e me is mèdius de comunicadura de massa, comenti iat a parri de cumprendi ligendi tzertus tretus de sa botza po su pianu triennali po sa lìngua. Ca insandus giai ca si-nd’ant a pesai is chèscias in sa majoria de is biddas sardas e in totus is de cabebàsciu! Ca mai unu standard de fundòriu logudoresu at a podi essi arriciu de is maistus (e de babus e mamas) po imparai a scriri in sardu a is pipius campidanesus.
    E insandus Ddi pregontu, on. Maninchedda: giai ca Fostei est in sa majoria de guvernu, giai ca su partidu suu arrapresentat totu su pòpulu sardu, ita tenit intentzioni de fai po su chi pertocat sa polìtica linguìstica, ita at a fai po agualai is deretus de totu is sardus a essi arrapresentaus de sa lìngua ofitziali?
    Sa majoria de is “campidanesus” est po su standard a duas normas, logudoresa e campidanesa, ita ndi pensat Fostei?

  • Una prima cosa agli indipendentisti: non lavorate coi soldi della statalissima legge 482! Un minimo di coerenza!
    Circa la lingua di plastica. Chi certifica le qualità dei “professionisti della limba” che lavorano nei vari uffitzios? Il soprastante Mario A. Sanna tempo fa ci regalò un brano in LSC, eccone qualche stralcio:
    “Soe cuntentu meda de custu artìculu de s’On. Maninchedda, su cale at bogadu a pitzu a manera dereta una problemàtica de importu mannu in s’ambitu de sa polìtica linguìstica sarda.
    Lu naro comente abitante de sa regione de su Marghine e comente Operadore de su Comune de Macumere…
    … dae sa nàschida de sa Lege 482/99, est istadu fatu trettu meda insu camninu pedrosu pro arribare a su bilinguismu perfetu; unu trettu meda prus mannu b’at de fàghere galu,; ma custu no tzertu pro culpa de sos accademicos, de sos politicos e de sos operadores!! Bi sunt istados e s’agatant galu entulzos meda
    Su problema prus mannu, est chi in custos annos est mancada una politica in sos mèdios: sa televisione digitale nos dat sa possibilitade de bidere 400 canales…..non s’agatat unu canale, unu programma fatu totu in sardu!
    Sos Giornales chi essint onni die, faghent onni tantu carchi pagina in sardu, ma no podet bastare custu pro fàghere polìtica linguìstica! Su sardu at bisongiu àere unu logu mannu in sos mèdios de comunicatzione!
    In sas Iscolas pro annos sunt istados fatos progetos in subra de sos ballos, sos contos e sos dìcios, ma sunt istados pagos cussos de alfabetitzazione a su sardu.
    In sas Universidades sardas ant faeddadu meda de sa limba sarda, ma l’ant fatu petzi in italìanu e custu puru, no andat bene, ca su bilinguismu depet permìtere a sos pitzinnos (e a sos mannos puru) de iscrìere, letzere e faeddare in sardu (ma puru in italìanu e in inglesu).
    Sa proposta mea est cussa de invitare s’On. Maninchedda a no lassare a banda sa chistione de sa limba in sos puntos prus importantes de su programma de su guvernu regionale: sa LSC e sa Chirca Sòtziu Linguìstica depent a èssere unu logu dae su cale podet a tucare una polìtica linguìstica noa, lassende a de segus totus sas polemicas e sa chistiones chi no ant dadu frùtora fintzas a como…
    …Zertu pro sighire e fàghere una polìtica linguìstica forte, bi cheret una Lege Regionale chi permitat de co-finantziare cun dinare sas atividades e sos sos Isportellos Provintziales e/o su nessi Subracomunales finantziados fintzas a como solu dae sa Lege 482/99 chi però est dande semper prus pagu dinari a sa comunidade linguìstica sarda. Cantu est longu e in pigada su caminu pro su recùperu de su sardu!”
    Non mi pare che gli italianismi siano limitati ai tecnicismi: che dire ad es. di quell'”invitare”? Era necessario dire “in s’ambitu”? Anche la frase mi sembra italiana nell’andamento. L’accentuazione (italìanu) e l’uso della punteggiatura mi paiono invece originali. A me questo sembra sardo solo per analogia. Con tutto il rispetto per le competenze certificate dell’autore.
    Un’ultima domanda a chi coltiva la visione romantica dell’italiano cattivone che ha schiacciato il sardo (cosa vera in parte): quando è stata l’ultima volta che il sardo è stato lingua ufficiale in Sardegna? E poi: quali sono stati gli invasori a imporre la loro lingua, o vi risulta qualche episodio storico in cui i sardi hanno chiesto di educare i propri figli non in sardo ma in spagnolo? Troppa mitologia!

  • ahahahahah
    Quaranta punti in piu’ in graduatoria per gli insegnati residenti nella provincia della scuola nella quale chiedono di lavorare. E’ quanto prevede un emendamento della Lega Nord al decreto sviluppo, pensato per mettere al riparo gli insegnanti del nord dalla “concorrenza” dei loro colleghi meridionali. L’emendamento ha spaccato la maggioranza: il governo non ha dato parere favorevole ma si e’ rimesso alla decisione dell’aula.
    L’emendamento riporta all’ordine del giorno la ‘querelle’ sui troppi insegnanti meridionali presenti al Nord e sulle graduatorie provinciali.

  • Mario A. Sanna

    Caro Cocco, tu occupati del tuo campo lavorativo ed io mi occupo del mio. Semplicemente ho voluto ricordare che come tu dici, in questi tempi di “crisi”, anche 140 posti di lavoro precari nell’ambito della lingua sarda sono preziosi!!!
    A differenza tua io ho studiato per fare il lavoro che svolgo con tanta passione (la mia competenza è stata giudicata dalle commissioni che hanno valutato i miei compiti e la mia preparazione nei vari concorsi che ho vinto..).
    Quanto ai punticini, non li ho certo guadagnati io, ma altri giovani che magari non sono riusciti ad entrare negli uffici lingua sarda.
    Ad ognuno quindi la sua arte. Vi inviterei prima di scrivere fesserie, di ricordarvi che dietro la lingua sarda c’è anche una caduta occupazionale non indifferente: dagli uffici lingua sarda, all’insegnamento nelle scuole, al lavoro degli editori a quello dei correttori di bozze ed infine anche studi grafici.
    Lo Stato Italiano, stanzia delle risorse tramite la Legge 482 per la tutela delle minoranze linguistiche storiche, credo che sia utile predisporre e presentare i progetti così come spendere i soldi destinati allo scopo, in questo non c’è niente di male.
    Chiedere rispetto, anche nel linguaggio è troppo? Sig. Cocco il suo linguaggio rispecchia la sua presunzione e maleducazione.

  • A Grazia e Cocco: Grazia, lei si è mai domandata come mai alle conferenze di cui parla ci sono solo persone di una certa età ed in un certo numero? Forse la risposta era già inclusa nel mio intervento precedente, e cerco di ripeterla nella seguente replica a Cocco:

    Il suo celeberrimo docente universitario aveva ragione, solo che probabilmente si era scordato che lui stesso e tutti noi oggi parliamo l’italiano perché ci è stato imposto da scuola, media e cultura varia nel corso degli ultimi 60 anni.

    Ognuno è libero di sentirsi Sardo alla maniera che crede, dopotutto il nazionalismo non è che l’immagine di una nazione nella mente di un individuo. La crisi economica in Sardegna (a fasi alterne) c’è sempre stata (ed anche peggiore).
    Il problema dei nostri trogloditi politici è che questo non l’hanno capito ed hanno relegato in secondo piano l’aspetto identitario per dedicarsi alla priorità economica (in realtà anche l’identità va di pari passo con l’economia). Ad esempio, voi ce lo vedete il turismo egiziano solo col Mar Rosso e senza le piramidi? Io no.
    Gli americano riescono a spacciare per museo case di 50 anni, e noi non riusciamo a promuovere nuraghi di migliaia di anni. Ciò nonostante emigriamo “perché quì non c’è nulla”…
    Non vi pare ci sia qualcosa di anomalo in tutto questo?

    Io in tutta sincerità penso che il compito di un nazionalista (specie in politica) dovrebbe essere quello di valutare l’insieme del quadretto. Quando invece si stabilisce una scala gerarchica di priorità, significa che si è omologato al sistema che afferma di voler cambiare, per il semplice fatto che la sua agenda politica viene suggerita dal centralismo e dall’opera delle sue articolazioni territoriali (materiali ed immateriali). Chi relega in secondo piano l’identità è complice non solo del genocidio culturale di un Popolo ma anche (senza che se ne accorga) della sua stagnazione economica. In questo senso dunque non si pone su un piano diverso rispetto al solito gioco delle parti del bipolarismo italiano che antepone la rissa allo sviluppo.

  • Trovo la critica della Calaresu riguardante “l’ italianizzazione della LSC” ridicola e pretestuosa, sarebbe come dire che dato che taluni giornalisti utilizzano troppi anglicismi allora l’ italiano standard sarebbe forgiato sull’ inglese.
    La scelta del lessico quando si utilizzano le convenzioni della LSC è esclusivamente PERSONALE, se esiste una forte propensione alla scelta di italianismi è semplicemente perchè la lingua sarda non dispone ancora del lessico specifico in determinati settori, esattamente come la lingua italiana in campo informatico.

    Per chi, in buona fede, non conoscesse il funzionamento della LSC (il problema è questo, in fondo) ecco un piccolo esempio ‘ad usum Delphini’, quella che segue è la PRONUNCIA di una frase nel mio dialetto, le parole sono scelte DA ME e da me soltanto:

    “B’a zzente ghi chere cchi su sardu si cche morzada”

    Questo è come lo devo SCRIVERE secondo le norme della LSC:

    “B’at gente chi cheret chi su sardu si nche mòrgiat”

    Come si può facilmente notare le parole sono LE STESSE, il concetto è IDENTICO, la sintassi è IMMUTATA. Ciò che cambia è la GRAFIA, nel senso che non risponde alle convenzioni alle quali siamo abituati, sarebbe a dire quelle dell’ italiano standard. Tutto qua.

    – Per la signora Grazia M: io sono una dei troppi giovani che vede nero e le posso assicurare che sarei assolutamente entusiasta di lavorare insegnando la lingua sarda ai pargoletti. Se per lei anche questo è buttare i soldi nel cesso allora credo che i problemi lavorativi dei giovani non le interessino poi tanto.

  • Marco M. Cocco

    Caro Mario Sanna, hai la coda di paglia?
    Non ho mai detto che l’insegnamento della lingua sarda sia inutile; così come mai ho affermato di svolgere un lavoro importante.
    E dimostrami il contrario.
    1) Ho affermato che per essere sardo, un buon sardo (sardonico!) ed isolano al 100% non è necessario parlare la lingua sarda (e dimostrami il contrario).
    2) Ho affermato che anzichè impegnarmi a studiare la lingua sarda mi adopero, nel mio piccolo, per preservare la salute e l’ambiente della mia Nazione (la Sardegna).
    Sottintesi? Sicuramente uno: non è tempo di fare i cultural chic quando il macigno della crisi e della colonizzazione italiana stanno sgretolando la nostra già precaria economia.
    Cosa non ti piace di ciò che ho scritto?
    Un celeberrimo docente universitario (io ero un ragazzino) mi disse: ricordati che è inutile cercare di correggere la vulgata in quanto è il popolo che determina l’evoluzione della lingua e non certo noi professori.
    E’ un concetto etologico che può piacere o meno, ma è così.
    Massimo rispetto per chi insegna con passione, dedizione, professionalità, ma anche fastidio per chi scrive punti come il n° 4 del tuo intervento, dove dici che guadagni qualche punticino…
    A me i puristi culturosi che fanno le rivoluzioni con il culo altrui non sono mai piaciuti.

  • AMARCORD DELLA CONFERENZA DI PAULITATINO.
    ALTRI TEMPI ALTRO ENTUSIASMO E GIA’ ALLORA SORU REGNAVA INCONTRASTATO. GUARDATE POI CON QUALI ALATE PAROLE VENIVA DILEGGIATO IL MITE MARIO PUDHU ED IN “SUSPU” PURE IL SUO EDITORE.
    “Lègiu e finas unu pagu “noiosu” in tames s’interventu de Mario Puddu chi est faghende batallas de “retroguardia” contras a sa norma ufitziale. Batallas chi praghent meda de seguru a Giulio Angioni o a sos linguistas folclorìsticos chi cherent una limba pro ogni chirru de sa Sardigna pro mantènnere s’italianu egèmone gasi comente est. Si sighit gosi Puddu, chi puru est una persone bona e chi crèet a su sardu, arriscat de èssere un’isoladu intro de sos operadores gasi comente sos editores chi lu sustennent in custas positziones “impolìticas”.”
    http://www.sotziulimbasarda.net/maggio2007/atobiupaulilatino.htm

  • Mario A. Sanna

    Ho letto con molto interesse tutte le questioni trattate nel post. Avete parlato e discusso come credo che sia giusto in un paese democratico: tuttavia qualcuno di voi ha sparato a zero, senza considerare alcuni fattori:
    1- che la LSC è come è stato dimostrato in maniera scientifica una lingua naturale;
    2- che è principalmente una norma ortografica di riferimento comune;
    3- che è la “base” di una lingua amministrativa che va adeguata (non potrei mettere ad esempio CORONA DE BIDDA per CONSIGLIO COMUNALE o MAIORE DE BIDDA per SINDACO, ma questo perché molti sardi ignorano totalmente la nostra storia);
    4- La Lingua Sarda permette di lavorare onestamente e di mantenere la famiglia a circa 140 persone negli Uffici Lingua Sarda, senza considerare che ha permesso a qualcuno di lavorare (bene o male questo è un’altro discorso…) anche nelle Scuole e di maturarsi con i Progetti qualche punticino che fa sempre comodo.

    Molti altri potrebbero lavorare nel Giornalismo e nella Pubblicità.

    Infine….e qui mi rivolgo al Sig. Cocco, tu da che cosa vivi? Potrei anche pensare che anche il tuo lavoro sia inutile…..
    Ma essendo una persona libera, non mi permetto di ritenere, inutile nessun lavoro……

    Quindi se non siete d’accordo con l’utilizzo della lingua sarda nella pubblica amministrazione, siete liberi di pensarlo.
    Ma credo che sia necessario anche maggior rispetto per chi non la pensa come voi e per chi come me, lavora onestamente nel settore, guadagnandosi uno stipendio (seppur precario).

  • Marco M. Cocco

    Io non parlo la lingua sarda e molto spesso non capisco ciò che si dice in sardo.
    Sicuramente sono carente in termini culturali, conoscendo lingue straniere come l’inglese ed il francese ma non il mio sardo, ma non per questo mi sento meno sardo e meno radicato dei miei connazionali bilingue.
    Non so se rendo un servizio migliore ai sardi nell’adoperarmi, nel mio piccolo, per preservare la salute e l’ambiente della mia Nazione (la Sardegna), piuttosto che impegnandomi a studiare la limba.
    Comunque di una cosa sono certo: non sarà certo la limba a darmi da mangiare.

  • Qui nessuno vuole convincere nessuno, sia chiaro. Però quella della Catalogna è una fesseria colossale: se ci potessimo anche solo lontanamente paragonare alla Catalogna come sviluppo economico… Se si continua coi luoghi comuni, fra un po’ qualcuno ci farà il caso dell’ebraico, che è stato resuscitato…
    Quanto a Bomboi, vada a una riunione di una di quelle associazioni che organizzano conferenze in sardo (da quando ci sono fondi della Regione ne fioriscono diverse) per parlare delle cose più inutili, ma in sardo: si sieda, si guardi intorno e valuti il numero e l’età media dei presenti, se proprio non vuole valutare il livello degli argomenti. Poi, se vuole capire le prospettive dei giovani, si ascolti Caparezza (da qua se ne vanno tutti, non te ne accorgi, ma da qua se ne vanno tutti):
    http://www.youtube.com/watch?v=8lmVZstFqlU
    E la si pianti di buttare i soldi nel cesso, e magari si pensi un po’ di più ai giovani.

  • Come contributo alla discussione, vi segnalo, questo articolo in linea col vostro post:

    http://people.unica.it/mlorinczi/files/2011/05/Lorinczi-Valencia.pdf

  • Cara Grazia,

    vede, io parlo abitualmente l’italiano, eppure sono un nazionalista Sardo che rispetta chi usa la Lingua Sarda e chi ritiene di non dover essere discriminato nella vita pubblica per questo fatto.
    Più che un problema di linguistica abbiamo un problema di psicologia sociale. In Catalogna i partiti nazionalisti vincono anche sui temi identitari e non solo economici, ma quì la Lingua Sarda non è un tema da campagna elettorale perché per decenni la nostra memoria collettiva ha assimilato la fesseria che “parlare in Sardo è folclore” e quindi “anti-moderno” rispetto all’italiano. Una convinzione suffragata dal nazionalismo linguistico italiano imperante nei media, nella scuola e nella cultura.
    La risultante di questa omologazione è che chi usa il Sardo viene discriminato (anche se ormai non tutta la la popolazione comunica in Sardo, come dimostrano i vari sondaggi), ma non sa che è nel suo diritto protestare od ottenere dalle istituzioni un trattamento diverso rispetto all’omologazione italiana subita.
    Chi dovrebbe occuparsi di questa fascia di soggetti che viene quotidianamente discriminata?
    La politica, ed i partiti Sardi ovviamente, unitariamente ai temi economici.
    Ma a che serve il suo parallelo con l’esempio anglosassone quando quì non abbiamo ancora provato ad insegnare alle nuove generazioni la lingua territoriale? Sarebbe un fasciarsi la testa prima di essersela rotta. Tentiamo.
    Se lei mi dice che il Sardo non è economicamente utile nel mondo, io potrei replicarle: forse l’italiano lo è?
    E’ evidente che lei parlando solo l’italiano non è discriminata da questa situazione, anchio potrei fare il suo stesso ragionamento, ma sarebbe egoismo: ci sono persone che hanno il diritto di continuare a parlare il nostro idioma territoriale, ed avrebbero altrettanto diritto di trovarselo in ogni consesso pubblico. Ma a noi due chi ci da il diritto di decidere cosa è giusto per loro? Dovremmo occuparci di tutelarli, non di trattarli come la percentuale di un sondaggio in via di estinzione. E’ così che si realizza una politica linguistica (che sia parte di una più ampia programmazione sovranista).

    Infatti, se facciamo carne di porco della lingua Sarda, con quale specificità ci presenteremo allo Stato italiano per parlare di sovranismo? Il “Popolo Sardo”, grazie ai nostri politici, oggi non studia neppure la storia del suo territorio e solo una minoranza di esso si sente parte di una Nazione Sarda, mentre la maggior parte del Popolo Sardo si sente parte di una Nazione Italiana.
    Se non capiamo che quel poco che abbiamo lo dobbiamo tutelare per sperare di invertire questi rapporti di forza, io ho seri dubbi che si possa giuridicamente riconoscere istituzioni tali e quali a quelle già esistenti in forma diversa. Mi spiega per quale motivo un Popolo Sardo-italiano, di lingua italiana e che non sa un accidente del proprio territorio, dovrebbe voler fare un nuovo Stato o qualcosa di simile?
    Io non so a che ci servirebbe uno Stato a quel punto. Solo per ragioni economiche?

    Ah, non cerchi risposta negli intellettuali Sardi, quelli non sanno neppure cos’è il nazionalismo in politologia, figurarsi quindi se possono capire con quali elementi si dovrebbe parlare di sovranismo…

  • Prof. Tadeus Kranz

    La LSC si fonda sul calcolo della distanza fonologica del quadrato della distanza fra Pattada e Frascati e il catetere dell’ipotenusa del triangolo fra Pabillonis e Siligo. Quelli che dicono il contrario devono dimostrarlo, altrimenti sono tutto chiacchiare e loro sono cattivi imbriagoni e pure itagliani.
    Come dice il signor Saba, poi, bisogna fare come i Catalani, la Sardegna e la Catalogna sono regioni che si assomigliano molto, anche nella giografia, a cominciare che sono isole tutte e due.
    Prof. Dr. Ing. Tadeus Kranz – Università di Siligo del Brandembrugo

  • Tullio Saba

    Per grazia M. : ma lei è al corrente di quello che succede in Catalogna? Il Catalano, grazie ad una politica linguistica efficace e vincente è la prima lingua della Catalogna. Il Castigliano non si parla quasi più. Il catalano è presente in tutti i mezzi di comunicazione di massa, viene utilizzato nella scuola e addirittura i film stranieri vengono doppiati in catalano. Sarebbe ora che la si smettesse di essere rinunciatari nei confronti della tutela del sardo. I suoi ragionamenti, cara Grazia, sono sterili e dannosi

  • Signor Puddu,
    lei è forse fra quelli che chiamano Andria chi alla’anagrafe si chiama Andrea, o Zoseppe chi si chiama Giuseppe, e parlano l’italiano solo a carnevale. Libero di farlo, naturalmente. Qualcosa mi dice pure che lei non è un giovincello. Può accettare l’idea che lei è un’eccezione? E che questo (che lei è un’eccezione) non sia visto da tutti come un male? Che ci sono sardi che si sentono sardi e sono perfettamente a proprio agio quando parlano l’italiano? E che sono intelligenti almeno come lei? Insomma, mica lei è il sardo doc depositato al museo delle scienze naturali di Vienna in base al quale si giudica se gli altri sardi sono conformi oppure no!
    Personalmente penso che se qualcuno vuole parlare in sardo deve essere libero di farlo, ma mica si può pretendere per legge che i sardi debbano parlare in sardo e che per questa genialata si debbano spendere pure un sacco di quattrini! Anche io penso che su queste cose i finanziamenti vadano dati con parsimonia: vedo un’emergenza sociale impressionante, gente che perde il lavoro ogni giorno, giovani che sono sempre più disperati, e noi pensiamo alla limba sarda comuna (che è pure una cagata), al correttore ortografico, al grande dizionario e alla grammatica universale della lingua sarda, agli uffici della lingua sarda, all’atlante toponomastico sardo e ad altre amenità di questo tipo.

  • Mario Pudhu

    Po dis-Grazia M. e pro totu sas dirgràssias: mortos azis a èssere bois e gai intzegados de no bídere si no a copiare su chi carchi pessone “importante” narat de àtere. Ca su sardu za est biu! Ca semus bios sos Sardos, sos chi semus bios, fintzas cun sos covecos de mola in cúcuru comente sezis bois puru e àteros meda prus graes sempre a pesu a nos ischitzare suta comente faghent sos ‘civilizzatori’ pro sos códumos issoro. Sos Sardos za semus bios, solu chi no bondhe sezis abbizados, comente no si ndhe sunt abbizados intelletuales (intelletuales? calaveras intelletuales! manialedhos o manorbas de un’istadu colonizadore a bentre prena e fintzas a bentre bóida, ma sempre canes suta mesa cun dignidade e àteru postu a tapeto pro chie nos cheret colare subra), e políticos de segamigasu (e pro no chircare ‘professiones’ prus ‘sacras’) ca sunt, comente si narat a sa campidanesa, iscallaus in totu is termovalorizadoris italianus.
    In cantu, poi a sos dinaris frundhidos e a sos «presidenti di ”club linguistici” sempere a ‘entre prena» de Pauledhu tenídendhe nessi birgonza de lu nàrrere e menzus chircade de faedhare ischindhe ite sezis nendhe! Ca chie at fatu carchi cosa pro sa limba e sa dignidade de sos Sardos (e meda prus puru pro àteru chi mancari apretziades ma no cumprendhides) at ispesu de busaca sua e fatu solu sacrifítzios. E mi límito a nàrrere duas cosighedhas, una personale e una púbbrica: a) personalmente pro fàghere su chi apo fatu apo ispesu de busaca mia, de su triballu meu, lèndhelu a mie etotu e a sa famíllia mia, deghinas de milliones (cunvertidu: deghinas de mizas de éuros) e cun su zuramentu fatu (a mie etotu e no coment’e impromissa a calicunu pro carchi profitu) de no bi dèpere balanzare mancu tzentésimu (e no importat de nàrrere a Grazia e a Pauledhu ite apo fatu ca pagu lis interessat); b) sa Regione teniat e tenet dinari fintzas de s’Istadu italianu pro sa limba sarda, ma chentza ispesu (o l’at muntesu annos chentza l’ispèndhere) a su puntu de bi lu dèpere torrare! Pessade cantas bentres de “presidenti” at prenu!!!
    A donzi modu paret fintzas manna sa disistima chi tenides pro su sardu, pro sos Sardos e sa Sardigna cun totu chi est cosa chi menzus tiaizis frundhire e impresse puru a su muntonarzu peus de s’apesta mala, ca est dannu e birgonza, e mancari no agatades nudha de nàrrere chi sa Giunta regionale at finantziadu prus de 800 miza éuros “per celebrare l’unità d’Italia”, ispesos in d-un’annu (unu, azis cumpresu?!), pro únghere sa fune chi at impicadu e sighit a impicare sos Sardos. Custu pro bois est dinari ispesu bene, fossis ca sezis cumbintos chi l’at ispesu pro dare a manigare a sos disisperados de su fàmine e de sa disocupatzione! Bois menzus frundhides su sardu e pagu contu faghides chi sezis frundhindhe sos Sardos e sa Sardigna! Ca si limba sarda bi at (e bi ndhe at meda prus de su tantu chi cuades) custa semus sos Sardos, totu sos Sardos, fintzas cudhos chi azis pérdidu o mancari cherides che autolesionistas pèrdere sa limba puru a prus de àere pérdidu fintzas sos cartzones e sas catolas (sa cusséntzia nono, tantu custa est che a sa cingomma americana, istiriolat a ue la tirant). Chi siemus prus zente importante e tzivile goi? Fossis sezis cumbintos bois puru chi su chi est importante in Sardigna est su mare, su cannonau, sa butàriga, sos nuraghes, sos cadhitos de Sa Giara, sos muvrones, sos mamutones, ma sos Sardos sempre cosa de frundhire e de emigrare, a meno che non siano civilizzati. O fossis própriu pro cussu.

  • Non sono un esperto di linguistica sarda, ma fin da bambino parlavo in sardo e contemporaneamente imparavo l’italiano. Credo che di buono ci fosse una solida ed inconsapevole agenzia formativa (la famiglia) che seppure avesse in casa il sardo come prima lingua, parlava con i figli anche in italiano (e leggevo Topolino.) Questo in parallelo alla scuola.

    Parlo correttamente tre lingue, sardo compreso. Ma il mio percorso ( ho 43 anni)non è stato basato solo sull’acquisizione di strumenti lessico grammaticali: c’era anche uno stile di vita e un sistema secolare dietro queli suoni gutturali.

    Non invece c’è più l’ambiente adeguato per garantire che “Sa Limba” duri oltre la nostra generazione, perchè è cambiato il mondo, perchè e cambiato il Nostro Mondo.

    Concordo con gli interventi di chi afferma la poca efficacia di certe iniziative: forse finirà come in Irlanda. Temo che quell’agenzia formativa familiare e dei piccoli paesi stia inevitabilmente scomparendo, che in ogni caso la scuola primaria e secondaria siano talmente malridotte ed impoverite che devono pensare a sopravvivere e ritrovare un ruolo (altro che laboratori linguistici sardi)

    Nel mentre il nostro tempo sta passando. In tutti i sensi.

  • Michele Podda

    Praticamente mi pare che “micheli” condivida tutto SALVO l’attacco alla LSC. Forse davvero conviene leggere l’intero documento, che è fatto veramente bene, perchè entra nel merito e giustifica ogni affermazione.
    La cosa più straordinaria è che l’autrice (che è giovanissima e che ammette di non essere così competente nella lingua sarda parlata) ha colto nel segno più di tanti studiosi e appassionati piuttosto grandicelli che il sardo lo conoscono PERFETTAMENTE (o quasi). Quel che moltissimi tra noi abbiamo intuito con l’esperienza e l’impegno di autodidatti, questa ragazza lo dimostra in modo scientifico, sintetico e chiaro.

    Chi di noi non si è accorto della BASSA QUALITA’ di quel sardo esibito in tanti testi, anche non burocratici, che altro non sono se non un calco pedestre dell’italiano con “u” ed “s” finali e “tz” in corpo di parola? Ora questo fenomeno, guarda caso, avviene sopratutto fra tanti che dicono di utilizzare la LSC, di conseguenza si fa in fretta a legare le due cose. In effetti il rischio dell’italiano sardizzato esiste anche al di fuori della limba comuna, ma in essa tale “abuso” è prevalente.

    Senza dilungare, ricordo ciò che si dovrebbe fare subito per la nostra lingua:

    – Introdurla d’obbligo (in attesa di leggi adeguate introdurla come “facoltativa”) in tutte le scuole e in tutte le classi per 2 ore la settimana(Regione e Autorità scolastiche d’intesa possono farlo);
    – Insegnare inizialmente il sardo come materia curricolare con insegnanti assolutamente di madrelingua perfettamente competenti in almeno una delle varianti principali e con sufficiente conoscenza delle altre;
    – Predisporre subito programmi e testi corrispondenti adatti per i vari cicli scolastici (dalle elementari alle superiori);
    – destinare tutte le risorse finanziarie (o quasi) previste per lingua e cultura agli scopi elencati.

    Per il resto si vedrà.

  • Giampaolo Arca

    La Regione deve tagliare i fondi per la lingua sarda: pochi soldi, finalizzati a scopi strategici e condivisi, mandando a cagare idiozie tipo il correttore ortografico in LSC o i vari atlanti e atlantini che per la lingua sarda non servono proprio a niente! Ed è ora di finirla con la stupidaggine che la LSC serve solo per la Regione: allora perché fare un correttore ortografico? Per pochi impiegati?!

  • per “Micheli”:
    …..ancora si continua a predicare con la manosinistra per arraffare con la destra ( sic!). Si costruiscono progetti linguistici per le scuole elementari dove si distrugge tutto quello che hanno imparato in famiglia e nella comunità. Chi sono questi specialisti? chi sono questi presidenti di ” club linguistici” sempere a ‘entre prena?
    torniamo alla battaglia per il bilinguismo-perfetto, tutto l’altro est mandicare a spese de sa regione!

  • Forse bisogna avere il coraggio di dire qualcosa che oggi non si vuole sentire. Nel giro di un paio di generazioni, al massimo, si scriverà del sardo quello che è stato scritto per l’irlandese:
    “Per incarico del governo un gruppo di esperti studiò tutte le possibili iniziative per riportare all’uso comune una lingua che ormai pochi riuscivano a parlare correttamente: vennero preparati insegnanti di gaelico, la lingua venne ammodernata con la creazione di vocaboli e forme espressive più adatte ai tempi, furono stimolate tutte le iniziative culturali (musica popolare, teatro, folclore, editoria ecc.) idonee alla diffusione della lingua; il gaelico venne insegnato in tutte le scuole, la toponomastica diventò bilingue e bilingui furono anche gli atti ufficiali dell’amministrazione.
    Il tentativo di recuperare una lingua ormai morente fu lungo e costoso ma non diede i risultati sperati. Mai al mondo una lingua ebbe tanti provvedimenti intesi a conservarla eppure, nonostante che ad essa fossero stati riassegnati compiti fondamentali, come quelli di lingua nazionale, ufficiale e scolastica, il declino continuò ancora, anche se un poco più lentamente. I nazionalisti più accesi accusano il governo di scarsa determinazione nella politica linguistica, ma in realtà la forza dell’economia moderna e di un’organizzazione sempre più estesa dei mercati, i migliorati rapporti culturali e politici con l’estero, la necessità di integrarsi con altre popolazioni stanno dimostrando agli irlandesi quanto sia inutile continuare a spendere soldi e tempo per studiare una lingua che è ormai solo una bandiera” (G. Barbina).
    C’è qualcuno che pensa davvero che il sardo, che si parla solo in Sardegna, possa servire/sia utile/sia economico per fare le stesse cose che già facciamo con l’italiano? Cosa succederà quando finiranno i soldi? E quanti soldi dovremo buttare prima di accorgerci che è una battaglia contro i mulini a vento? Forse anche noi dovremo aspettare che di bilingui rimangano solo i cartelli stradali.

  • Duncas, faghidemi cumprèndere. Sos traduidores usant una gramàtica e unu lèssicu italianizadu pro bortare sa carta de s’autonomia, e sa neghe est de sa grafia chi impreant e non de sa paga mastriàntzia in s’iscritura de su sardu e nen mancu de sa torchidura linguìstica causada dae s’iscola monolingue?

    Cuncordo cun s’arresonu a pitzu de su limbàgiu “burocratesu”, ma ite caule b’intrat sa LSC? Eo iscrio in LSC e la lego cunforma su faeddu meu naturale. Si diventat una limba de pràstica est ca a pràstica est torrada sa conca de chie iscriet.

  • Giampaolo Arca

    Qualche sottolineatura:

    “Altrettanto saggiamente la legge 26/1997 non prevedeva però specifiche selezioni di varietà — cosa che invece è stata fatta, prima con la LSU nel 2000 e sei anni dopo, nel 2006, con la Limba Sarda Comuna… Pur con qualche inevitabile ambiguità di espressione… la legge 26 non fa riferimento alla tutela e promozione del solo «sardo» (al singolare) ma alle varie «lingue» dei sardi. La legge non poteva certo rischiare di andare a impantanarsi nello spinosissimo problema della frammentazione (in quante e quali diverse varietà) di alcuni dei sistemi linguistici esplicitamente menzionati nel suo stesso testo (in primis il sardo stesso, ma anche, in misura minore, il gallurese) e non poteva dunque che limitarsi alla presupposizione generale, pacificamente condivisa, che in Sardegna esista almeno idealmente un sistema linguistico sardo, uno tabarchino, uno catalano, e anche, asseritamente, un sistema linguistico gallurese e uno sassarese. La legge 26 non può quindi essere forzosamente interpretata come una richiesta, o anche solo una sollecitazione, volta a spingere i sardi verso il riconoscimento collettivo, più o meno simbolico, in un’unica lingua, o addirittura un’unica varietà. Sarebbe un vero paradosso per una legge nata proprio per tutelare la varietà linguistica e culturale della Sardegna. La soluzione della standardizzazione artificiale del sardo, per fare di tale standard la sola lingua «bandiera» della Sardegna, è dovuta a decisioni politiche e culturali di ordine diverso da parte della classe dirigente (sia della precedente che dell’attuale amministrazione regionale), che ha semplicemente scelto di ispirarsi all’esperienza di certi modelli e non altri di pianificazione linguistica. Scelta in sé perfettamente legittima se solo corrispondesse alla volontà informata dei sardi stessi, che non sono stati però informati, sentiti e interpellati nei tempi e nei modi dovuti.”

    “Attualmente avvengono spesso due cose sgradevoli quando si discute di pianificazione linguistica in Sardegna. La prima è un po’ paradossale e riguarda la disattenzione a ciò che la stessa storia linguistica dell’Italia ci ha insegnato (o dovrebbe averci insegnato) e cioè che la concezione statalista della lingua (quella che dice «una nazione-una lingua») è semplicemente una delle tante soluzioni possibili e neanche la migliore, evidentemente, per gestire situazioni di fatto naturalmente plurilingui. Ma non solo: la nascita delle Comunità europee prima e dell’Unione Europea poi ci ha insegnato, viceversa, e proprio a partire da una riflessione sui danni prodotti dalle vecchie concezioni stataliste, che una comunità può e dovrebbe reggersi attraverso l’uso effettivo delle sue molte lingue… La seconda cosa sgradevole che ogni tanto avviene di questi tempi consiste invece nel cercare di zittire spesso con l’accusa di voler affossare il sardo chi, in nome della salvaguardia delle varietà, contesta, o vuole semplicemente discutere più a fondo, la soluzione ancora una volta adottata dalla Regione Sardegna di selezionare una sola varietà di sardo per gli usi dell’amministrazione.”

    Per finire: l’autrice dell’articolo disse queste cose a Pattada qualche anno fa, in un convegno locale. Potete guardare voi stessi come fu trattata dagli “intellettuali” della LSC:
    http://www.sotziulimbasarda.net/Telelimba/Pattada/pattadaindex.htm

  • Non ho ancora letto il lavoro della Calaresu, prima o poi lo leggerò. Tuttavia la sintesi che tu ne fai, Paolo, è sufficientemente chiara per capire di cosa si vuole discutere. Mi pare, in primo luogo, che si vuole discutere ancora di LSC (Limba Sarda Comuna)indicandola, negativamente, come un modello o, se si preferisce, uno standard linguistico esteticamente inaccettabile ed insieeme come un modello dissipativo, cioè distruttivo,se venisse diffuso ed usato dalla maggioranza dei sardi, di tutte le altre modulazioni entro le quali il sardo viene usato.(Varietà locali, varietà sociali,ecc.ecc.)
    Qualunque linguista e, più precisamente, qualunque sociolinguista, (la Calaresu credo che sia proprio una sociolinguista)sa che nessuna varietà linguistica è in grado di estromettere dagli usi sociali e comunicativi le altre varietà. Tanto è vero che la sociolinguistica,nasce in ambiente angloamericano proprio per studiare la complessa fenomenologia cui le lingue vengono esposte nei diversi domini sociali del loro uso. Chi consente e determina la persistenza e la permanenza dell’uso e del dominio sociale di una qualunque varità linguistica è la volontà dei parlanti e degli scriventi. Certo è vero che la forza, il prestigio, la maggior diffusione di una lingua o di una varietà lingistica può incidere sulla stessa volontà dei parlanti e degli scriventi una lingua fino ad indurli, anche, a non usarla più, a vergognarsene di usarla; tanto più quando il prestigio di un uso linguistico viene istituzionalizzato con la cogenza delle leggi di uno Stato o viene introiettato nella coscienza degli individui sulla base del prestigio sociale di chi veicola un determinato modello. Pensiamo al sardo rispetto all’italiano. Il sardo estromesso dalla scuola, dagli uffici, dai salotti radical scic perchè considerato rozzo dalla borghesia mezana e dagli intellettuali-ascari di Cagliari e di Sassari, dai panciapiena autonomisti etc. etc. e l’italiano, invece, lingua delle aule, della scuola, della chiesa, degli uffici, dei giornali e delle televisioni,degli scrittori ingaggiati dall’industria culturale italiotta, dell’estetica della balentia a buon mercato. Può, dinanzi a tutto questo, la LSC essere la causa di tutti i mali che attanagliano la lingua sarda? Può uno standard ortografico (perchè questo è in fondo la LSC)causare il deterioramento dei pregi letterari del sardo, dei pregi discorsivi nella parlata ordinaria? Può la LSC usata dagli uffici linguistici comunali e da quello regionale, in uscita, per veicolare documenti resi bilingui, sostituire l’uso comune del sardo utilizzato in altri contesti comunicativi? E’ vero il burocratese italiano è brutto e non lo è di meno se lo traduciamo in sardo, ma il burocratese ha uno spazio limitato agli usi burocratici della lingua (una delle tante varietà)non i più belli non i più diffusi. Certo se anzichè in un regime di bilinguismo diglossico, costretto negli ambiti normativi imposti dal dettato costituzionale italiano che vietano al sardo un uso coufficiale al pari dell’italiano, la nostra lingua avesse una propria indipendenza istituzionale e una maggior possibilità di essere utilizzata a scuola, in chiesa, nei giornali, nella televisione, al cinema etc. etc. sono convinto che anche il sardo burocratico potrebbe essere meno brutto dell’attuale, calcato, purtroppo, sul brutissimo burocratese italiano. Bisogna lavorarci e investire di più. Caro Paolo, ora che state lavorando al collegato potrebbe essere una buona occasione per potenziare in tal senso il nuovo piano triennale per la lingua sarda. A nos bider sanos. Buon lavoro.

  • Mario Pudhu

    De custa chistione ndhe isco personalmente calecuna cosa. Innoghe pòngio sa sola cosa chi at aprovau sa Cummissione chi iat postu Soru: fut su 24/09/05 in su Caesar’s Hotel in Castedhu. Est una dichiaratzione cuncordada apustis de unu ‘giru’ de opiniones, presente s’Assessore Pilia, presente e cun interventu de Soru:
    «Fermo restando che la Regione intende valorizzare, valorizza e sostiene tutte le varietà linguistiche parlate e scritte in uso nel territorio regionale, la Giunta ha ravvisato la necessità di disporre di una lingua scritta di riferimento, da affiancare all’italiano, per la pubblicazione di propri documenti.
    Pertanto, ha dato mandato alla Commissione tecnico-scientifica sulla lingua sarda (nominata con deliberazione n. 20/15 del 9 maggio 2005) di individuare una varietà linguistica naturale che costituisca un punto di mediazione tra le parlate più comuni e diffuse e aperta ad alcune integrazioni volte a valorizzare la distintività del sardo e ad assicurare la sovramunicipalità e la semplicità del codice linguistico.
    Sulla base di questo mandato, la Commissione, dopo ampia discussione e costruttivo confronto di opinioni, è giunta all’unanimità ad una scelta condivisa.»
    Aciuntu apustis, a manu, a firma de su Presidente Renato Soru in su testu istampau in su fógliu chi aus firmau dhue at «i cui elementi verranno a breve resi noti.»
    Custu testu est sa sola cosa aprovada in Cummissione e dh’aus firmada in s’órdine: 1. D. Corraine, 2. G. Paulis, 3. G. Cerina (chi no fiat parte de sa Cummissione, ma dhue fut imparis cun Soru sa die 24/09), 4. M. Puddu, 5. M. Contini, 6. R. Bolognesi, 7. M.T. Pinna Catte.
    Sa Prof.ssa A. Oppo fut parte de sa Sottocommissione po sa chirca sociolinguística. Mancaiant: M. Brigaglia, G. Angioni e G. Lupinu.
    No totus is Cummissàrios presentes furint de acórdiu ca ibertànt elementos de valutatzione de su chi depiat èssere sa chirca sociolinguística progetada in sa Cummissione etotu (e própriu sa die sa Sottocommissione apósita at acabbau de cuncordare su Cuestionàriu).
    Personalmente, de candho apo connotu sa foedhada de mesania, chi est sa sola a tènnere is calidades chi narat custa dichiaratzione, apo trebballau solu po custu iscéberu e ndhe seo cumbintu sèmpere de prus.
    Apustis, e fora de sa Cummissione, a calecunu dhi ant pregontau de preparare una proposta de “limba sarda comuna” (definitzione naschia in Cummissione) e presentada giai dh’at, tres meses apustis. E però cussa no est «varietà linguistica naturale che costituisca un punto di mediazione tra le parlate più comuni»!! Est solu sa ex LSU, cun númene cambiau ma no de sustàntzia: che ant bogau ‘a bisturi’ sa /z/ sonora e postu sa /g/ africada (e deosi in sa “LSC” depet èssere «Parigi» e no «Parizi»), dhue ant aciuntu su grafema /gn/ ma solu ca in sa “LSC” depet èssere «Sardigna» e no «Sardinna» e deosi, sighendho a fàere sa “limba” a iscrafedhu e a masseta, dhue ant aciuntu s’artículu «is», is pronúmenes «dhu, dha, dhi» e fata sa “LSC”!!! In sa Cummissione, sa sola borta chi dh’ant torrada a mutire po decídere de custa “LSC” su 19/12/2005 (e mancaiant G. Paulis, M. Contini, R. Bolognesi, G. Lupinu, M. Brigaglia) e a dónnia modu no aus aprovau nudha, ma fatu críticas e osservatziones. Deo fui, e seo, contràriu a custa “LSC”. Candho meses apustis Soru at adotau sa “LSC”, e sèmpere cun su riferimentu a una «varietà linguistica naturale che costituisca un punto di mediazione tra le parlate più comuni» apo sighiu a nàrrere ca agataia giustu cust’iscéberu e ca però ibertaia a bíere calecuna cosa iscrita in limba sarda comuna. Candho dh’ant fatu (e dhu sighint a fàere) apo nau ca cussa no fut e no est limba sarda comuna, si custa definitzione no tenet su sensu de una pigada in giru. No connosco s’artículu de E. Calaresu ma bastat su chi Maninchedda at postu innoghe po nàrrere ca cuncordo cun issa e cun sa definitzione de sa “LSC” coment’e limba de plàstica. Is Sardos teneus bisóngiu mannu de nos istimare totus e mancari podeus fàere passos longos fintzes in chistiones de limba (e meda de prus in àteru).

  • Piergiorgio Pira

    condivido totalmente le osservazioni della Calaresu e in particolare quanto evidenzia in merito alla traduzione degli articoli 10 e 11 dello Statuto Speciale della Sardegna.Solo dei pazzi,scemi e ignoranti “linguisticamente parlando” potevano osare tanto nella traduzione dall’italiano al sardo. Sarei curioso di conoscere l’autore o gli autori materiali della traduzione.

    Si husta est sa limba sarda comuna, semus a puntu bonu,a hustos traduttores bisonzada a che li sequetrare sa pinna e su tinteri e su paperi si nono sighini a fagher dannu.

    Piergiorgio Pira

Invia un commento