Un profilo più coerente

15 ottobre 2011 07:0535 commentiViews: 6

104Oggi verrà ufficializzato che il Psd’az non rivendicherà alcuna presidenza di commissione nel Consiglio regionale. È una decisione che sollecitavo da tempo e ieri è maturata. È una decisione importante che colloca il partito e il gruppo in una posizione più coerente con ciò che stiamo dichiarando da mesi e che riassumo.
1) La Sardegna ha bisogno di riforme di sistema, non fattibili nell’attuale quadro istituzionale (lo Stato italiano impedisce di parlare di sovranità, impedisce l’utilizzo pieno delle risorse della Sardegna, tutela – con i laccii, laccetti e lacciuoli della sua tradizione amministrativa) chi ha già un lavoro rispetto a chi non ce l’ha;
2) l’attuale quadro politico è troppo difforme dal sentire comune della gente, che vuole esprimersi, votare, pronunciarsi e non delegare;
3) ci sono le condizioni perché il quadro politico sardo si evolva in una proposta di alternativa di sistema fondata su sovranità, giustizia (non quella dei magistrati, tragica e ridicola) e lavoro.
La decisione assunta consente a tutti, e a me in primo luogo, di potermi mettere in giro a costruire questo percorso. In primo luogo facendo la Costituente. Ho tentato in tutti i modi di convincere il Consiglio regionale che doveva aprirsi, parlare, promuovere un luogo dove confrontarsi sul futuro. Niente: tutto inutile. Adesso ho le mani libere per fare ciò che ho in testa da sempre: convocare la Costituente fuori dal palazzo. Lo faremo. E sarà sovranità vera perché sarà un gesto e un’attività di radicale e pacifica riforma del sistema. Non dunque le uova degli indignati, ma un parlamento sardo più vero di uello ufficiale. E vi giuro che lo farò.

35 Commenti

  • Marcello Simula

    La palpatina apotropaica mai manchet, come da tradizione! Ma venendo a cose più pragmatiche, non darci una data,una scadenza, un appuntamento (magari a Nuoro,centro Sardegna), per mettere a punto un piano di azione? Forse mi ripeto, ma stavolta la trovata è di quelle vincenti, non sprechiamola, magari coinvolgiamo i compagni di strada IRS, Quattro Mori ed indipendentisti/sardisti vari…… come non condividere un percorso comune?
    A presto, spero, saluti a tutti!

  • Enrico Cadeddu

    Prima di tutto la ringrazio per la risposta. Il percorso è difficile, molto difficile. In ogni ipotei in cui si ricerca la legittimazione per una idea un progetto, diciamo, dal basso e non attraverso le istituzioni, affinchè queste ultime prendano in considerazione l’idea è assolutamente necessaria una enorme partecipazione da parte del corpo elettorale. In mancanza, come Lei ha già avuto modo di constatare in Consiglio Regionale, le istituzioni stesse sono le prime a fare ostruzionismo o comunque a restare sorde nei confronti di ogni tipo di cambiamento. Buon lavoro.

  • Va benissimo Paolo,da tutti i commenti ricevuti si capisce chiaramente che si è centrato l’obbiettvo.Complimenti.

  • Va bene Onorevole,
    Ha già un idea della tempistica dell’Evento?
    E la struttura organizzativa?
    Sara’ un iniziativa dell’ On. Maninchedda o del Partito Sardo d’Azione?
    Sarebbe bello un incontro preliminare,di persona, tra tutti noi per poter discutere, intervenire ed ascoltare una proposta più dettagliata.
    Resto convinto del fatto che il governo italiota sia agli sgoccioli. Questione di mesi o di prescrizioni, poi i riflessi sul nostro (?) Consiglio Regionale saranno pressoché immediati.
    Insomma credo non ci sia molto tempo. Quindi bisognerebbe sbrigarsi.
    La gatta con la fretta a fatto i gattini ciechi e’ vero, Ma quella che si e’ attardata troppo li ha partoriti morti !!!!
    Previa palpatina apotropaica, non vorrei morisse anche la gatta. ( il sentimento sardista diffuso intendo)
    Saluti

  • Io proverei a scrivere l’atto costitutivo dello stato sardo d’Europa e lo porterei a referendum anche se privo di legalità. E’ vero, ci vogliono i soldi! Comunque anche il percorso delle primarie non è di sicuro una brutta idea.
    Io ci sto!

  • Mi ndhe allegro, On. Maninchedda! Sa Costituente! Ma atentzione a duas cosas. Una, «lo farò»;, no andhat bene e a donzi modu no creo chi tenzat nudha de custa presuntzione: l’at a àere nadu pessendhe a s’impegnu personale seguru. At a èssere unu «lo faremo» (a fàghere sa Costituente). S’àtera est meda prus grave ca in medas e no solu a solos si podent fàghere irballos e mannos puru: «Errammo tutti!»; at nadu Siotto Pintor candho carchi annu apustis de sa “perfetta fusione” de su 1847 si ndh’est pentidu. E como, cun sos Sardos fusi, confusi, trasfusi, rifusi e menzus profusi, sa dipendhéntzia che la zughimus incarnada in s’ànima, in sas manos e in pes, amus fatu séculu e mesu solu suta de s’Itàlia de allenamentu a sa dipendhéntzia generalizada e gai in manera grave chi paret chi semus diventados no solu catedhos, ma aurtidos puru, chentza mancu ogros, paret chi naschimus chentza mancu ogros che catedhos aurtidos: no resessimus mancu a cumprèndhere ne inue semus e ne chie semus, e peus puru ite depimus fàghere. Ispero chi sa Costituente chi narat siat sa Costituente vera, ca si no est custu est solu leada in ziru, ingannu de chie si ponet sa manu in ogros, e in manera assurda, ca paret chi no ischimus abberu it’est mancu a proare a èssere líbberos. E “in autonomia” (Oh, chi si rivede!) detzidimus – detzidint!, ca mancu mesu minutu bi cherzo personalmente pèrdere – de fàghere sa “Costituente”; ancora una borta pro pedire a s’Itàlia chi aprovet su chi tiaimus chèrrere, comente ant fatu cudhos in su 1947/48 pedindhe un’autonomia chi fit dipendhéntzia. Ca s’Itàlia, si e candho e comente l’at a fàghere, nos at a dare solu su chi cheret issa e no su chi bisonzat a nois! Resessimus a cumprèndhere custu?
    Semus a Punto e a capo!
    No amus imparadu própiu nudha, tandho!
    Ispero chi Maninchedda no si aunat a cussos pistadores de abba de CGIL-CISL-UIL (chi cun totu sos méritos chi puru lis depimus riconnòschere tocat de riconnòschere chi nos ant allenadu bene bene a sa dipendhéntzia cun su ruolu chi ant tentu): non tenent mancu s’intiga de che frundhire a s’arga cuss’infàmia de “I” e menzus si acuntentant de che istare in busaca de su sindacadu italianu, in Sardigna puru postos sempre e solu addaisegus, fintzas solu faghindhe sindacadu, cun sa menzus mentalidade e cumportamentu dipendhentista. Ca a servítziu de sos partidos dipendhentistas sunt sempre istados. E mi dispiaghet meda chi in custa idea bi siat fintzas sa CSS, ca sa dipendhéntzia est mala a bogare dae conca e dae manos e sighimus a fàghere òperas de dipendhéntzia. Pistamus abba! Faghimus bucos in s’abba cumbintos chi sunt menzus ca como sunt prus mannos e lis amus cambiadu númene de “autonomia” e “Costituente” e “sovranità” de pedire e ispetare sempre de su sólitu àtere, sempre a su sólitu mere sovranu chi, chentza cazare mai, sighimus a riconnòschere!! No naro chi goi no faghimus indipendhéntzia, ma no faghimus mancu cultura de s’indipendhéntzia (chi rechedit meda de prus puru), che cudhos molinos chi màghinant s’ària zirendhe in bóidu. Tocat a lu nàrrere in italianu chi est fatica sprecata? A propósitu, ma ite lampu de limba cumprendhides? Ca sa limba de sos Sardos (s’efetu de s’irrobbatóriu chi inoghe die cun die faghet s’Itàlia – o ponídeli Istadu italianu -, de s’emigratzione bíbblica, disocupatzione, distrutzione de s’economia e de s’ambiente, ocupatzione a bases militares e a donzi àtera istocada, como fintzas a campos fotovoltàicos e eólicos ma sempre de su buzinu e pro su matessi aprofitamentu de totu sos buzinos e mescamente su cumportamentu, sa cultura e mentalidade rincretinida e de unudotu disatenta e disinformada de sa parte assolutamente prus manna de sos Sardos) narat totu àteru. Si no amus imparadu solu a lèzere paperalla iscrita! Custa no est sa limba de sa responsabbilidade. E mancu de sa libbertade.

  • Gian Piero Zolo

    Va bene! E’ l’occasione che aspettavamo o sbaglio?
    Ora rimbocchiamoci le maniche e al lavoro.
    io sono pronto…

  • Giuseppe Bellu

    La volontà non manca…i soldi chi li mette? L’esperienza del PD di far pagare 1 € ad ogni elettore potrebbe essere una prima possibilità. Io pagherei anche 10€ se servisse a far votare altri 9!

  • Marcello Simula

    Di soldi ne abbiamo davvero pochi, ma la volontà sicuramente non ci manca.Strada facendo quantificheremo gli uni e l’altra necessari, questo mi sembra uno di quei progetti che entusiasmano anche coloro che negli ultimi tempi (ahimè assai lunghi), si erano per così dire assopiti non fra le braccia di Morfeo ma in quelle dell’indifferenza e, peggio, dell’apatia. Di nuovo buon lavoro a tutti noi e forza paris!!

  • Caro Enrico, il dato di partenza è il rifiuto dell’attuale Consiglio regioanle di promuovere una vasta consultazione di popolo sui temi della sovranità, ossia del modo con cui i sardi stanno nello Stato italliano e con quali poteri. Un percorso strettamente formale, e cioè il consiglio regionale che vota una legge che definisce compiti e composizione della Costituente, è stato inibito dalle scelte dei partiti maggiori. Allora, quale alternativa? L’ipotesi è di creare l’evento politico, posto che quello istituzionale viene precluso, ma di crearlo ‘come se’ fosse istituzionale. L’unico esempio in tal senso sono le primarie. Potremmo, organizzandoci bene, produrre una vera consultazione elettorale ufficiosa, para-istituzionale, il cui valore dipendenrà dal numero delle persone che andrà a votare. Ci vogliono soldi e volontà.

  • Mi associo alla richiesta di Enrico Cadeddu.
    Non per dubitare della sua buona fede Onorevole, o perché dubitativo sull’iniziativa. Solo per capire.
    Comunque grazie per l’Azione del Partito Sardo.
    Saluti

  • Angelo Piras

    Il problema è che la costituente dall’attuale consiglio regionale non verrà mai deliberata. Pertanto bisogno trovare altre soluzioni democratiche. I circoli, le piazze, i movimenti, ma sopratutto la rabbia latente nella maggior parte dei sardi, penso e spero siano il vero motore del cambiamento.Anche tanti politici dei diversi partiti di destra e sinistra ipotizzano forme statuali prossime all’autodeterminazione, solo che tra il dire……..

  • Enrico Cadeddu

    Buonasera Onorevole. Ho letto il suo articolo e mi chiedevo.
    Il percorso che Lei intende intraprendere, se non ho capito male, è quello di promuovere la Costituente fuopri dal palazzo. Indipendentemente dal merito dell’iniziativa, in concreto, questo cosa significa? Pruomuovere un movimento di pensiero? Promuovere circoli ? Una proposta di legge di iniziativa popolare? Fare sedere allo stesso tavoli studiosi di diritto per elaborare una carta costituzionale sarda o per modificare lo Statuto esistente? Cerco di spiegarmi. Le costituenti, così come le commissioni biacamerali deputatate a fare riforme, sono Organi che nascono sempre ed in ogni caso perchè previste da una legge che attribuisce loro il mandato di fare, o riformare, la carta Costituzionale o quant’altro. Poi si prende il lavoro svolto da questo Organo, legittimato dalla legge che l’ha previsto, e lo si tramuta appunto in una nuova legge in una costituzione in una modificazione della Costituzione ecc. Nel nostro caso come funzionerà? Quali sono i passaggi? Inoltre, una volta steso un eventuale testo in materia di sovranità come si fa a tramutarlo in legge ? Credo che in ogni caso ci debba esere la volontà di questo o di un altro Consiglio regionale (e quindi dellamaggioranza all’interno del Consiglio) affinchè si possa procedere, altrimenti alla fine non si riuscirà a realizzare quanto voluto e tutto resterà nell’ambito delle idee. Probabilmente il mio modo di vedere le cose è influenzato dai miei studi ma in ogni caso credo che quelle poste siano domande in merito alle quali occorre già, se non conoscere, perlomeno ipotizzare le risposte. La saluto.

  • Mi riferivo al Psd’Az non a Lei in particolare. Stia più rilassato prof; della bontà del suo operato non ho dubbi, del partito a cui si accompagna qualcuno si. O non è più lecito dubitare?

  • Angelo Piras

    PRO SA COSTITUENTE DE SU POPULU SARDU
    Oggi un partito che è il partito sardo d’azione, (che so bene che nel corso degli anni ha perso qualche valore di troppo), ci ripropone la piazza come luogo nel quale i sardi devono riappropriarsi del loro territorio, della loro cultura, della loro lingua e sopratutto della possibilità di imporre la nazione sarda come entità statuale che può sviluppare un ruolo importante nel mediterraneo e nel mondo intero.
    Mi auguro che i compatrioti di IRS, Sardigna Nazione, Progress, Rossomori, Malu entu e gli altri sardi che sono vicini ai partiti italiani, (ma che nel profondo del loro cuore sono comunque sardisti) sappiano cogliere questo importante messaggio per provare a dare speranza ai nostri cari, ai nostri figli, ai nostri amati vecchi.
    forza paris

  • Egregio Sandro, se crede che io sia così miserabile, cioè che abbia posizioni calibrate sugli orologi dei vitalizi, perché frequenta questo sito? Non la obbliga nessuno.

  • elogio la coerenza
    ma attenzione ai personalismi
    di cui non abbiamo bisogno
    se il progetto è interessante ci posso stare

    ammiro il coraggio
    saludos

  • Mi sembra un pò tardivo il cambio di rotta del Psd’Az, soprattutto perchè arriva nel momento in cui avete superato il fatidico traguardo di metà legislatura; sono tuttavia pronto a ricredermi

  • Ben venga la nuova fase del PSd’Az.

  • Per Gianni Maestrale l’esordiente. vedi, caro amico, che il tuo linguaggio non è da esordiente, ma da professionisti del dito. cioè di quelli che lo guardano fisso (anzichè guardare la luna). comunque, ti assicuro, che io in questo sito ho aperto una seria discussione politica. perchè non fa bene ai sardisti, al Psd’Az, al “movimento per l’Isola” dire soltanto signorsì a Paolo Maninchedda, che io voglio ripetermi sta commettendo un imperdonabile e gravissimo errore dire addio al Palazzo. a mio modo di vedere Maninchedda e i vari Sanna, vogliono fare dispetti a Cappellacci minacciando l’abbandono del Palazzo. il Palazzo va conquistato, altro che abbandonato! il sardismo sta al centro, e non ai margini della politica.
    saluti anche a te (e vieni a trovarmi nel mio blog, dove col consenso di Maninchedda “trasferirò” il suo intervento e la discussione che ne segue.)
    mn

  • Ci saro’!

  • Gianni Maestrale

    Mi piacerebbe, molto, avere esperienza politica per poter dialogare con MARALAI, ma mi manca.
    Da dilettante mi viene di fare però una considerazione:
    perchè quest’esigenza di dirci sempre cosa dovremmo fare?
    Forse non assecondare, per non diventare complici, è una vilta?
    Vivo in una realtà dove in nome dello sviluppo turistico, in riva al mare ed in campagna, pensato per creare benessere diffuso, di cemento (anche esteticamente bello) ne è stato ammassato tanto, troppo forse,
    ed il risultato è che oggi stiamo meno bene di ieri ma, gravissimo, non abbiamo prospettive e risorse per domani.
    E allora perchè si vuole precludere a priori la speranza?
    Provate, almeno una volta a lasciarci fare e, se i risultati saranno quelli che noi auspichiamo, potreste in futuro unirvi a noi.
    Un cordiale saluto,
    Gianni Maestrale

  • Vede Nanni, o si è riformisti o non lo si è. La Corte Costituzionale impedisce che si parli di sovranità; impedisce che siano i sardi a definire la propria fiscalità; impedisce la fiscalità di vantaggio per i comuni montani; impedisce che noi partecipiamo alle accise al netto della vecchia tassa di fabbricazione; impedisce che noi possiamo occuparci di servitù militari; impedisce che noi definiamo la composizione delle classi nelel scuole; impedisce che noi legiferiamo sul mare ecc. ecc. Adesso si è aggiunto il Pdl che ha paura di convocare il popolo e di farlo partecipare a questa stagione difficile. Noi non siamo velleitari, ma vogliamo aprire la stagione del cambiamento. Il Palazzo ha deciso di chiudersi. Noi siamo fuori dal palazzo.

  • I dirigenti del Psd’Az hanno ricevuto il mandato per governare, non per scappare dall’assunzione di responsabilità. E’ bastato portare all’attenzione della politica il Piano Casa (sorvoliamo sulla legge del golf), che non è Piano Cemento, e neppure piano di distruzione delle coste, ma Piano di Emancipazione della società economica e sociale quindi volano di sviluppo, e che fa il Psd’Az? Parla da girotondino, fa il Follini della situazione, si allontana dalla maggioranza, vi allude chissà quali nefandezze per assecondare i soliti appetiti, prende le distanze e persino la biasima. Errore strategico dei Sardisti che al Popolo Sardo, specie quello inquieto e disoccupato che aspetta (e sono migliaia che aspettano impazienti) la grazia divina dagli uffici tecnici comunali da anni, il pezzo di carta, magari per ristrutturare una casa, non è sfuggito. Il Popolo non dimentica. Vogliamo sapere se la mobilitazione, il riempimento delle piazze, compresa quella di Irgoli per l’indipendenza dell’Isola contempla anche la civilizzazione delle procedure, ora assai farraginose e bibliche in tema di corretta disciplina della materia edilizia. Non mi dilungo; ho scritto molto in tema ricordando che la norma riporta o finalmente porta all’attenzione dello Stato la persona, l’individuo, la famiglia con i mille bisogni al seguito. Ed emancipa l’agro, lo abbellisce,lo aggrazia, rende fruibile anche le zone interne e ne fomenta una nuova economia. Viva il turismo rurale! Basta vincoli ideologici! Basta ipocrisie per cui il ricovero attrezzi è ammesso il “ricovero” della persona no. Svegliatevi signori sardisti che vi state cacciando nei guai nel non sapervi calare tra i bisogni onesti della gente. E molti continuano a far capire che vivono in un altro pianeta, e non nella Terra Ferma tra le pulsioni e le disperazioni più che mai incontenibili della ns società contemporanea. L’oggi è già domani ma per il futuro si nega ogni speranza. In nome della paura, dell’ideologia ma, soprattutto, della demagogia.
    marionanni

  • Angelo Piras

    Complimenti! In tanti aspettavamo la “chiamata” alla costituente.
    Sarà l’occasione per confrontarci e convincerci che l’autodeterminazione passa attraverso un processo democratico partecipato.

  • Marcello Simula

    Benissimo,poichè anch’io son di quelli che non vuole delegare,mettiamoci al lavoro,saremo in tanti,anzi tantissimi.Buon lavoro quindi a noi tutti e forza paris!!

  • Gianni Maestrale

    Paulu Carissimu,
    cantu mi piaci chist’idea: e no solu a me!!!
    Candu podaremu bucà capu arè a vidè chi non semu mancu cussì in pochi.
    Un caro abbracciu tuttu gaddhuresu.
    Gianni Maestrale

  • Non bi diat esser mancu su bisonzu de ti lu narrer ki andat bene, isko ki tue tenes su matessi pessamentu meu, cun su coro e cun sa mente cara a s’indipendentzia.
    Salude e libertade

  • Quinto moro

    o.k. iniziamo pure dalla costituente fuori del “palazzo” tra la gente. Stiamo però attenti a non mettere “etichette politiche”, altrimenti… saremo alle solite!
    Sarò comunque presente per dare il mio modesto contributo.

  • Giovanni Porcu

    Le piazze di Irgoli sono a disposizione . Forza Paris

  • Gian Paolo Marras

    Anch’io sollevo la mano, se occorre ci siamo,
    buon fine settimana

  • e complimenti al gruppo per l’ottima presa di posizione.
    deve essere chiaro a tutti che il PSd’Az NON E’ IN VENDITA, a nessun prezzo

  • Mario Pudhu

    Mi ndhe allegro, On. Maninchedda! Sa Costituente! Ma atentzione a duas cosas. Una, “lo farò”, no andhat bene e a donzi modu no creo chi tenzat nudha de custa presuntzione: l’at a àere nadu pessendhe a s’impegnu personale seguru. At a èssere unu “lo faremo” (a fàghere sa Costituente). S’àtera est meda prus grave ca in medas e no solu a solos si podent fàghere irballos e mannos puru: “Errammo tutti!” at nadu Siotto Pintor candho carchi annu apustis de sa “perfetta fusione” de su 1847 si ndh’est pentidu. E como, cun sos Sardos fusi, confusi, trasfusi, rifusi e menzus profusi, sa dipendhéntzia che la zughimus incarnada in s’ànima, in sas manos e in pes, amus fatu séculu e mesu solu suta de s’Itàlia de allenamentu a sa dipendhéntzia generalizada e gai in manera grave chi paret chi semus diventados no solu catedhos, ma aurtidos puru, chentza mancu ogros, paret chi naschimus chentza mancu ogros che catedhos aurtidos: no resessimus mancu a cumprèndhere ne inue semus e ne chie semus, e peus puru ite depimus fàghere. Ispero chi sa Costituente chi narat siat sa Costituente vera, ca si no est custu est solu leada in ziru, ingannu de chie si ponet sa manu in ogros, e in manera assurda, ca paret chi no ischimus abberu it’est mancu a proare a èssere líbberos. E “in autonomia” (Oh, chi si rivede!) detzidimus – detzidint!, ca mancu mesu minutu bi cherzo personalmente pèrdere – de fàghere sa ‘Costituente’ ancora una borta pro pedire a s’Itàlia chi aprovet su chi tiaimus chèrrere, comente ant fatu cudhos in su 1947/48 pedindhe un’autonomia chi fit dipendhéntzia. Ca s’Itàlia, si e candho e comente l’at a fàghere, nos at a dare solu su chi cheret issa e no su chi bisonzat a nois! Resessimus a cumprèndhere custu?
    Semus a Punto e a capo!
    No amus imparadu própiu nudha, tandho!!! Ispero chi Maninchedda no si aunat a cussos pistadores de abba de CGIL-CISL-UIL (chi cun totu sos méritos chi puru lis depimus riconnòschere tocat de riconnòschere chi nos ant allenadu bene bene a sa dipendhéntzia cun su ruolu chi ant tentu): non tenent mancu s’intiga de che frundhire a s’arga cuss’infàmia de “I” e menzus si acuntentant de che istare in busaca de su sindacadu italianu, in Sardigna puru postos sempre e solu addaisegus, fintzas solu faghindhe sindacadu, cun sa menzus mentalidade e cumportamentu dipendhentista. Ca a servítziu de sos partidos dipendhentistas sunt sempre istados. E mi dispiaghet meda chi in custa idea bi siat fintzas sa CSS, ca sa dipendhéntzia est mala a bogare dae conca e dae manos e sighimus a fàghere òperas de dipendhéntzia. Pistamus abba! Faghimus bucos in s’abba cumbintos chi sunt menzus ca como sunt prus mannos e lis amus cambiadu númene de “autonomia” e “Costituente” e “sovranità” de pedire e ispetare sempre de su sólitu àtere, sempre a su sólitu mere sovranu chi, chentza cazare mai, sighimus a riconnòschere!! No naro chi goi no faghimus indipendhéntzia, ma no faghimus mancu cultura de s’indipendhéntzia (chi rechedit meda de prus puru), che cudhos molinos chi màghinant s’ària zirendhe in bóidu. Tocat a lu nàrrere in italianu chi est fatica sprecata? A propósitu, ma ite lampu de limba cumprendhides? Ca sa limba de sos Sardos (s’efetu de s’irrobbatóriu chi inoghe die cun die faghet s’Itàlia – o ponídeli Istadu italianu -, de s’emigratzione bíbblica, disocupatzione, distrutzione de s’economia e de s’ambiente, ocupatzione a bases militares e a donzi àtera istocada, como fintzas a campos fotovoltàicos e eólicos ma sempre de su buzinu e pro su matessi aprofitamentu de totu sos buzinos e mescamente su cumportamentu, sa cultura e mentalidade rincretinida e de unudotu disatenta e disinformada de sa parte assolutamente prus manna de sos Sardos) narat totu àteru. Si no amus imparadu solu a lèzere paperalla iscrita! Custa no est sa limba de sa responsabbilidade. E mancu de sa libbertade.

  • buon lavoro Prof.
    siamo con te!
    chiamaci e ci saremo
    buona giornata e FORZA PARIS

Invia un commento