Treni sardi e treni europei

21 dicembre 2008 14:545 commentiViews: 11

Siccome  è costume italico pensare di bloccare l’informazione annunciando querele, e noi non siamo italici ma sardi, ecco a tutti voi la conclusione della vicenda dei treni. Come qualcuno ricorderà, in questo sito si era scritto che ragionevolmente la gara bandita dalla Regione Sardegna sarebbe stata annullata. Ora: non si trova in rete l’atto di annullamento, ma cercando, cercando, che cosa si trova? Si trova che è stata bandita dalla Regione Sardegna una nuova e diversa gara, che sembra utilizzare la stessa risorsa finanziaria della precedente. Ne consegue che la precedente gara è stata annullata, come noi avevamo previsto. Alcune domande: perché in rete non si trova l’atto di annullamento? Per non darci ragione? Troppo onore! Perché il nuovo bando è nel sito europeo e anche non in quello della Regione? Ultima domanda: e adesso, chi denuncia chi?

http://ted.europa.eu/udl?uri=TED:NOTICE:329328-2008:TEXT:IT:HTML

5 Commenti

  • La vera stranezza appare evidente dalla lettura dell’Accordo di programma quadro mobilità del marzo 2004, poco prima che si insediasse Soru, nel quale viene mantenuto un articolo del precedente APQ, del 1999, che poneva l’acquisto di quattro composizioni di treni pendolanti a totale carico delle Ferrovie dello Stato. La Regione, invece, che fa? I treni se se li vuole comprare lei, non con i soldi delle FF.SS., ma con quelli del bilancio regionale.
    Le Ferrovie dello Stato si defilano in silenzio, paghi di avere dato 4 Minuetto alla Sardegna (non certo in cambio, visto l’esiguo costo rispetto ai “Talgo spagnoli) dopo averne distribuito (quasi gratis) circa 180 a tante altre Regioni.
    Greg

  • Il Presidente (ancora pro pagu) e’ uomo di spirito e nel non pubblicare la nuova gara sul sito della Regione ha voluto fare una sorpresa ai sorsesi ed ai macomeresi (perche’ in fondo ti stima, o Paolo). Con i nuovi treni colleghera’ in tempi rapidissimi Sorso a Sassar; in tempi rapidi Macomer a Nuoro. E non vuoi ringraziarlo per la intraprendenza e lungimiranza?
    Comunque, COMO CHI BI SEMUS BALLAMOS!

  • Massimo Carboni

    Siamo alle solite! sarebbe meglio che il governatore e l’intera giunta chiedesse scusa a tutto il consiglio per il bando dei treni, tanto ormai non c’è più niente da nascondere. Si ricordi Governatore che solo i veri uomini chiedono scusa quando sbagliano. Andiamo avanti cosi…

  • Ma Onorevole, non si rende conto che l’oscurantismo del Presidentissimo è tale che vengono pubblicate sul sito “pseudo-istituzionale” della Regione Sardegna solamente le notizie che possono non creare problemi al patron?
    Sono tutti stati ben addomesticati.
    E Lei si meraviglia di questa piccola omissione…..
    Continui così e vedrà che alla fine solo i galantuomini andranno avanti..

  • Evvai! Forse Lei è stato troppo tempestivo nel “cassare” (in casteddaio) qualche irregolarità che ha lasciato loro il tempo di ribandire senza errori; non so, spero vivamente non ci siano querele soprattuto con richieste di risarcimento pari a cinquemilionidieuro (che ridere) manco avessero disonorato parenti ed affini oltre il terzo grado! Dai forza, una bella stretta di mano e…. ciccia. È Natale.

Invia un commento