Sul lobbismo, mi scrivono

27 giugno 2011 07:409 commentiViews: 9

massoneria_fotouomoCaro Paolo,
leggo solo oggi il tuo articolo sul lobbismo e con non poco stupore riscontro che citi il mio operato come Commissario straordinario di Olbia fra i tuoi esempi più eloquenti di cosa si debba intendere per lobbismo.
Ma come si fa, come può un politico attento e preparato come te fare queste affermazioni gratuite e del tutto prive di alcun fondamento?
Quale disegno lobbistico ci sarebbe dietro il mio operato?
Quali fatti, quali atti da me adottati possono essere ricondotti ad un disegno lobbistico?
Per il ruolo che ricopri non ti è permesso fare illazioni. Ti invito a fornire ogni utile spiegazione sulla tua affermazione nei confronti del “mio operato” ed, in difetto, soltanto a ritirala con le dovute scuse.
Ti suggerisco un altro esempio per il tuo ragionamento sul lobbismo. Lobbismo è fare accordi trasversali in Consiglio regionale per sopprimere a voto segreto l’Osservatorio economico” facendo finta che sia una cosa utile per il “contenimento” della spesa, ma in verità è solo il modo che troppo spesso alcuni di quei consiglieri eletti, “veri operai del consenso”, come tu li definisci, utilizzano proprio per affermare i loro disegni lobbistici.
Mariano Mariani

Egregio dott. Mariani, capisco che Lei si indigni, ma io sono arrivato alla conclusione che ‘graditismo’ (cioè crescere all’ombra di un uomo politico e poi essere premiati con ruoli amministrativi e non politici) e ‘lobbismo’ (cioè rispondere al proprio gruppo di riferimento, al di là di militanze culturali, politiche e sociali) sono indissolubilmente legati.  Pensi che, mentre noi approvavamo il Collegato, eravamo seguiti nei lavori da un signore che, coinvolto insieme ad altri in fallimenti societari rilevanti, ma non per questo escluso da incarichi amministrativi regionali, anzi con questi valorizzato, placidamente stava nei luoghi riservati ai funzionari regionali per colloquiare con la Giunta impegnata in Aula. Cosicché, questo signore ha potuto ascoltare tutte le scelte della Giunta, i cambiamenti di copertura finanziaria, gli stralci eccc., più di quanto abbia potuto seguirli un consigliere regionale (e anche per la Giunta non è stato da meno; memorabile la faccia dell’assessore Contu quando ha scoperto, in Aula, che gli stavano togliendo 2,6 milioni di euro dal suo bilancio per passarli alla Presidenza).  Lobbismo, dott. Mariani, è divenire dirigenti regionali senza concorso. Un conto è passare da un comitato elettorale a una segreteria o a un gabinetto politico, altro è divenire dirigenti regionali. È tipico delle lobby trasformare il controllo precario che il mandato elettorale dà agli eletti per l’esercizio delle cariche elettive, nel controllo stabile che danno invece i ruoli dell’amministrazione. La Massoneria lo raccomandava dagli inizi dell’Ottocento e Cavour lo realizzò millimetricamente. Lobbismo è una nomina realizzata in modo non lineare né naturale, come ha chiarito l’avvocatura dello stato;  lobbismo è approvare con i poteri sostitutivi del consiglio comunale una decina di lottizzazioni; lobbismo è occuparsi, da commissari, di spazi pubblici destinati alle giostre (in entrambi i casi, qual è l’urgenza?); lobbismo  è appartenere a un gruppo amicale che si trasferisce dagli ambiti professionali agli ambiti del potere (spero non mi chieda esemplificazioni su questo ultimo caso perché sarebbero imbarazzanti). Quanto alla vicenda dell’Osservatorio ecconomico, mi spiace, ha sbagliato indirizzo: io non sono tra quelli che lo volevano abolire, e sa perché? Temevo che la norma mettesse seriamente in difficoltà i dipendenti e la funzione che l’osservatorio svolgeva nei servizi statistici e demografici. Detto questo, il fatto che Lei pensi che un voto del Consiglio regionale, per quanto segreto, sia un espressione del lobbismo, mi conferma il ribaltamento dei valori istituzionali che la animano: Lei confonde il formarsi di una maggioranza dentro un’assemblea parlamentare col formarsi di un obiettivo all’interno di un gruppo di privati: pericolosissimo. Che poi Lei provi disagio di fronte ai consiglieri regionali che non sanno assumersi le proprie responsabilità, lo capisco: ma badi, non tutti sono cuor di leone soprattutto in tempi inutilmente feroci e permalosi come questi che viviamo.

9 Commenti

  • Giuseppe Bellu

    Concordo con Antoneddu:

    MANINCHEDDA PRESIDENTE!!!

  • Mi pare che magnanimamente si siano dilatati troppo i confini del lobbismo che riguarda la cura degli interessi leciti del proprio gruppo di riferimento esercitata DALL’ESTERNO su chi deve prendere le decisioni. Tutto il resto lo si legge sui codici penali.

  • Quinto moro

    Che dire? Hai colto ancora nel segno! È questa la strada da seguire per il vero auspicato cambiamento. Però dobbiamo “metterci la faccia” tutti, nessuno escluso, per evitare delusioni cocenti. Quindi è ora che “si scenda in campo” tutti a prescindere dalle appartenenze e dagli interessi personali. È in gioco il futuro dei nostri figli, nipoti e quindi della Sardegna intera.

  • Antoneddu m

    Non ti ho mai votato, però il tuo è il sito che più visito nel variegato mondo indipendentista. Devo confessarti che provo meraviglia, “in senso positivo s’intende”, di fronte a certe tue prese di posizione, magari per altre avrei da ridire, ma non importa. Però devo ammettere che in un percorso ormai avviato, che vedrebbe finalmente delle modificazioni geopolitiche nel mezzo del mediterraneo occidentale, un tuo ruolo da protagonista, penso che te lo sia guadagnato, proprio per queste cose che scrivi, manifestazione appassionata di voglia di cambiamento. Mi sento di dire continuiammo su questa strada.
    Facciamoci una Radio.
    Maninchedda for President.

  • E una spugna si palesò dinnanzi a Mariano MarGiani…

  • Gianni Maestrale

    Corazzata Mariani:
    Colpita e affondata!

  • Un mio compare dice spesso e volentieri:
    “E commo ratadi”.
    Cumpresu Mariani?
    K.o e palla al centro

  • E Mariane ata acciappau sa mazzonera! Unu de mancu. A si biri!

  • Praticamente la partita è terminata per manifesta superiorità.
    Mariani pensava di essere un fuoriclasse di serie A (per es. il Moggi di Turno), si è trovato un Zeman nella sua strada…

    Bravissimo On. Maninchedda

Invia un commento