Perché il sardo è escluso dal contratto di servizio Rai? Lettera aperta ai parlamentari sardi

12 luglio 2010 08:1215 commentiViews: 10

093Egregi onorevoli,
come è noto alle SS.LL., il Contratto nazionale di servizio, stipulato tra la Rai e il Ministero dello Sviluppo economico e rinnovato ogni tre anni, definisce in quale concreta attività comunicativa di interesse pubblico si concretizza l’operato della Rai in quanto concessionario del Servizio Pubblico Televisivo.
E’ in discussione in queste settimane la bozza di Contratto per il triennio 2010-2013. Come Loro potranno agevolmente verificare, all’articolo 16, espressamente dedicato alle  “Iniziative specifiche per la valorizzazione delle istituzioni e delle culture locali”, si prevede che la Rai svolga, attraverso specifiche convenzioni, servizi per le minoranze culturali e linguistiche e assicuri “una programmazione rispettosa dei diritti delle minoranze culturali e linguistiche nelle zone di appartenenza”.
In virtù delle convenzioni suddette, la Rai, più concretamente, si impegna
“ad effettuare trasmissioni radiofoniche e televisive in lingua tedesca e ladina per la Provincia autonoma di Bolzano, in lingua ladina per la Provincia autonoma di Trento, in lingua francese per la Regione autonoma Valle d’Aosta e in lingua slovena per la Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia”.
Nell’elenco delle minoranze linguistiche per le quali lo Stato si impegna a finanziare l’attività del Servio Pubblico Televisivo, la Sardegna non c’è.
Non credo sia necessario con le SS.LL. attardarmi a spiegare perché la Sardegna
ha diritto a godere dello stesso trattamento riservato alle altre regioni a Statuto speciale nel cui territorio vivono alcune minoranze linguistiche.
Credo invece si sufficiente richiamare la Loro attenzione, affinché la bozza di Contratto di servizio sia modificata e comprenda anche la Sardegna, come è giusto.
Spero che sul piano pragmatico delle iniziative indiscutibilmente giuste per la Sardegna, ci si possa ritrovare al di là delle convinzioni politiche di ciascuno.

Cordialmente

Paolo Maninchedda
Consigliere regionale della Regione Autonoma della Sardegna

Il Contratto di servizio

15 Commenti

  • Finza a commo soe sempre intervenniu in italianu. Oe no.
    Este puru veru ki sa limba faghet parte de su ki connoskimmos da sa pizzinnia….ma soe finzas de accordu con sa emmina chi hat muntovau sos “parcos eolicos”.

    Non pesso ki siat nezessaria (assu nessi kommo) una gherra pro su sardu (ma kale?)

    Non mi cossolada pessare chi nos ponimmoso a boghes issutta una pala eolica de 120 metros, cando oramai ch’este posta senza la kerrere.
    S’unica cosa “posta” diet’ essere un’attera. M’azzese a iscusare sa volgaridade, me pro kussu ki semus vidinde paret finzas delicada…
    M’azzes puru a iscusare si su sardu chi iscrio non este “currettu” ma este su chi appo imparau da mamam e babbu e kistiono finzas oe.

    Non tenzo ne lughe ne isperanzia: bio troppu nigheddu. Mi paret chi sun solu pessande a sa buzzacca issoro a dresta e a manca e kerio a lor biere zurande issupra e sa conca de sos fizzos issoro chi non er beru…

    su restu, coimmente narat mama, sun “contos de Isoppo”

  • Piero Atzori

    Est unu praghere lezere sos interventos de Toninu Bussu e de Sardus filius, si puru a urtimu s’interventu de sardus filius scadit in sa “connoschentzia iscunfinata”, mustrande su “tallone”.
    Sa crupa si semus a custu puntu est solu nostra, no est de atere. Su motore est in manu nostra, si ddu cherimus ponner in motu. In custu seo de accordu cun Bussu.
    A Bussu cherio risponder chi sa RAI e s’scola (italiana) in Sardigna, suntis duas organizzatzione differentes e non si devent cunfunder. Est beru chi sa limba nostra dia deper intrare in iscola de su portale e non de una ventana e chi s’assessorau a s’istrutzione dia deper faére sa parte sua sighinde s’impignu leau in su programma ‘e guvernu e chi non si biet lughe. Ma su fatu chi s’iscola no s’est posta in regola, non dia poder passare comente iscusa po sa RAI po nos leare in giru. Sa RAI e sos rappresentantes nostros fetzant sa parte insoro! Sa leze 482, sardus filius ddu narat bene, bisonza de dda faére rispettare.

  • Tonino Bussu

    In azunta a su chi at narau su senadore Massidda, cherio marcare chi sa limba sarda pro esser reconnotta bisonzu prima de totu de la chistionare e de l’iscrier.
    Non si podet sichire a facher una battalla pro sa limba iscriende e chistionande belle solu in italianu.
    Non si podet bincher sa gherra pro sa limba si la chstionamus solu in sa die de sa Sardigna e medas bortas mancu tando.
    A malavoza sa limba no est reconnotta si nois e totu de su sardu nde faveddamus belle solu in italianu!
    Ma bos paret zustu e seriu chi pro sa limba sarda in su bilanciu de s’assessorau regionale a sa Pubblica Istrutzione si dedichet solu
    s’unu pro chentu?
    E cun custa percentuale, chi finanziat binas progettos de s’iscola italiana e istatale, galu pretendimus chi su sardu siat in televisione, radios, giornales e gai totu?
    Ma chie los faghet sos bilancios in Regione e in Parlamentu?
    Non bastat duncas a ghettare semper curpa a atere, ma cada tantu est bene puru a nos appompiare in domo.
    Teniebos a contu!
    Tonino Bussu

  • Ohibò, no isco pius ite bos narrer’ o comente bo’ lu narrer’. Ringrazio su Sen. Massidda chi iscriet a sos ministerios de sos affares generales e de sas comunicatziones, mentres chi in su situ sou tesset sas Lodes de su Col. “Domo’edeus” chi hat emanadu sos comunicados istampa in “sardu linguisticu comune de sa Regione”, incurante de cantu l’est dispostu da s’art. 19 de sa L. 482/1999!
    No est in totue chi si potat chistionare in Sardu, no est a totu chi est dadu su permissu e, su Senadore (m’hat a iscusare) mustrat cumpleta totu s’ispetaculu (semper’ pius penosu e piedosu) a su cale semus reduidos.
    Iscat cun chiara luminanzia s’istimadu Senadore Massidda chi su Sardu no est cumpetenzia de sos affares regionales, apparteninde a sas materias chi apartenen’ a su populu de sa Nazione (o ite l’est custa fantomatica Nazione a su tantu fentomadu populu de sa Regione)?
    “… Est cunsentidu s’impreu iscrittu e orale de sa limba ammissa a tutela in sos ufitzios de sas amministraziones pubblicas” ma “da s’aplicatzion’ ‘e su presente comma sun’ esclusas sas FORZAS ARMADAS e sas FORZAS de POLIZIA de s’Istadu” (art. 9, primu comma L. 482/1999.
    Effetivamente, s’ispetaculu de chi sun’ dende no est de sos pius edificantes. Mi paret chi si potat lear’ in peraula su Senadore Massida, ecco ….. cumintzad’ a bo la leare cun s’insensibilidade sua e, iscusendemi po su disturbu, mi cungedo saludendebos cun d’una postilla po Augusto, su cale, ignaru de su chi unit su populu in sa Nazione, bi ricumprendet “archeologia, storia, geografia, ambiente, tradiziones, cultura … (e si t’istentat bi faghet rientrare finamentas calchi trama de poesia).
    M’hazis a iscusare cust’ appuntu ca sa Nazione e su Populu sun cuncetos gasie antigos chi s’agatan’ in definizione de su Sacru, (inue lis est richiestu “limba, leges e religione”), sos custodes de su tempus haian’ giuradu de restare cristianos chentza discussione, sinnendesi in nomen’ de su babbu, de su fizu e de s’Ispiritu santu ch’ est in sa peraula de sa prummissa, e distinghindesi finas dae sos Sinnos.

    P.S. M’est passidu de haer’ intesu da caligunu chi su Psd’Az. hepat presentadu una mozione po riunire s’osservatoriu de sa limba sarda de sa Regione, diat a esser bene de avverter’ s’Assessore chi cando sun’ bene riunidos lis potat atacare fogu, cunsiderende chi totu su fallimentu (finas economicu e finanziariu) cumintzat propriu da inie, a sa commissione invitadebei finas su Colonello de sa guardia ‘e finanzia … chi hat imparadu su Sardu legginde su “manuale de su contribuente” chi haiat publicadu sa Regione cun tropu sensibilidade cuntinentale!!!

  • Efis Pilleri

    Tziu Migheli Columbu, su sciamanu de su sardismu, naraiat ki no b’at perunu cassadori, ki pongat a curri unu cani a fatu de donnia lepuri ki s’agattat. E duncas teni arrexioni Paulu, ki fait beni su traballu cosa sua, arregordendi una kistioni de importu mannu, ma teni arrexioni Piergiorgiu puru candu narat ki tocat a s’indi scidai su sonnu totus is sardus, in custa cumenti in ateras kistiones. E tanti po’ cumentzai tocat a ponni pibiri a su mancu a s’assessora regionali de s’Istrutzioni ca no podit andai beni ca ci siat assessori sceti… po’ Monsignori!

  • L’attività di colonialismo e la sottomissione di un popolo da parte di un altro vengono attuati utilizzando congiuntamente differenti sistemi codificati.
    Imposizione di programmi educativi privi della storia, della economia, della potenzialità e identità sarde, diluizione del concetto di specificità a favore di quello italiano, assistenzialismo finalizzato alla non produttività, sottomissione psicologica indotta centralmente.
    Non da ieri si discute di questi temi e non da ieri illustri personaggi di spicco della politica sarda fanno ammenda dei propri difetti. Dopo, però, il nulla.
    Il sen. Massidda ha aperto una finestra di dialogo.
    Da sardo in Italia, si rende ben conto della supponenza con cui egli viene trattato da chi in realtà non ha i presupposti politici per comportarsi in questo modo bensì solo l’imprimatur dell’appartenenza al gruppo dei padroni… dei vincitori?
    Possiamo chiamarli come vogliamo ma in realtà gli stessi sono “invasori”, “colonizzatori”, “padroni”, “predoni”, “vincitori” che per portare avanti le proprie istanze utilizzano metodiche prossime a pulizia etnica e diluizione genetica.
    Forse queste prove di dialogo mettono in evidenza una malcelata sopportazione per un sistema politico italiano inadeguato per le istanze del popolo sardo ma, purtroppo, talvolta non si ha il coraggio per intraprendere la nuova strada ovvero l’indipendenza.
    Come l’Irlanda insegna si può vivere dignitosamente non più all’ombra del Regno Unito senza essere gravati come invece è l’Italia, dal PRIMO debito pubblico d’Europa ed il TERZO al mondo (fonte IlSole 24 ore del 13/07/2010) senza fornire i servizi che tale debito dovrebbe assicurare.
    A Settembre in Consiglio Regionale: discussione Mozione Indipendenza. Che non vada deserta.

  • a proposito di lingua, non sarebbe male se la regione e gli altri enti locali più a contatto con la gente cominciassero ad adottare e diffondere atti pubblici bilingui.
    sarebbe un passo piccolo ma importante per porre la questione della lingua sarda all’attenzione della gente.
    ke ne pensate?

  • Tra i tanti elementi che ci contraddistinguono come un Popolo ed una Nazione (Archeologia, Storia, Geografia, Ambiente, Tradizioni, Cultura…) ve n’è uno che è primus inter pares, ed è la Lingua. Negare il nostro diritto alla Lingua atavica equivale a negare la nostra stessa esistenza come Popolo ed umiliare la nostra storia. Ed è così ovunque, tanto che la questione linguistica (vedere da ultimo quanto successo in Catalogna) è il primo e principale problema che viene posto da ogni Popolo che rivendica la propria indipendenza. Ha ragione Paolo nel protestare, ha ragione il Sen. Massidda quando segnala il problema della diffusa insensibilità su questo tema; al di là della spiccata attenzione alla questione (personale e di Partito)dell’amministratore di questo sito, sembra strano che non siano insorte sulla questione le Istituzioni della Sardegna, ed in particolare quelle culturali (mi riferisco alle Università, ma non solo…).
    La questione è seria, oltre che di principio, quindi meriterebbe un grande risalto tra i media isolani ed un sussulto di orgoglio da parte degli uomini di cultura isolani; speriamo che arrivino entrambi.

  • Caro Paolo,
    farò naturalmente di tutto perché si ripari alla grave discriminazione, anche non ti sarà sfuggito che le minoranze più fortemente tutelate sono anche quelle che non solo si fanno sentire perché godono dell’appoggio di stati esteri (Austria, Francia, Slovenia) o perché vivaci nella propria autotutela, ma anche e soprattutto perché fanno. Qui non è così. La mia non è tanto una critica, ma è soprattutto una autocritica che coinvolge me, te e la quasi totalità delle classi dirigenti sarde.
    Lo spettacolo che diamo di inattività, di baruffe interminabili, di sottovalutazione del problema della lingua come epicentro della nostra identità, di importanti proclami cui non seguono se non fatti modesti, tutto questo non invoglia certo lo Stato, alle prese con le difficoltà economiche che conosciamo, a essere premuroso con chi appare disinteressato alla questione.
    Condivido totalmente il tuo appello e scriverò entro oggi ai ministri degli Affari regionali e delle Comunicazioni, il primo interessato alla attuazione della Legge 482, il secondo interessato alle questioni più generali delle telecomunicazioni. Ritienimi al tuo fianco per tutte le iniziative che sarà necessario adottare affinché i diritti della minoranza linguistica storica della Sardegna siano sempre e comunque rispettati. Però, caro Paolo, non possiamo limitarci a prendercela con gli altri, insensibili ai nostri diritti linguistici; cominciamo a prendercela con la nostra, di insensibilità.

  • Piero Atzori

    Giusi, risponderei che è giusto così, finché ci si trova nell’occhio di un ciclone non c’è altro da fare che aggrapparsi e attendere il risucchio finale.
    Fuori metafora direi invece che l’affaire eolico è nelle mani della magistratura e che Cappellacci si è dichiarato pulito. Non resta che attendere. O pensa che non ci sia da fidarsi della magistratura?
    Noi qua stiamo parlando di RAI e dell’eventuale obiezione fiscale per far valere i nostri sacrosanti diritti linguistici.

  • La risposta al quesito mi sembra abbastanza semplice: la RAI non ha personale in grado di portare avanti una programmazione seria in lingua sarda (e friulana).
    Per le altre lingue “alloglotte” è riconosciuto da decenni l’ insegnamento scolastico, con la conseguente creazione di personale specializzato.
    E’ inutile andare a reclamare gli infissi quando non si sono poste le fondamenta.

  • Sconcertante, siamo nell’occhio del ciclone per l’affaire eolico e si fa finta di niente. Può suonare la sveglia alla maggioranza di cui fa parte

  • Enea Dessì

    In Estonia (1.300 mila abitanti) la chiamarono Rivoluzione Cantata. 30.000 persone cantarono all’unisono in estone nello stadio di Tallin contro il divieto sovietico. Adesso la lingua ufficiale è l’estone e l’inglese. Il russo è parlato soltanto dai russi rimasti (circa il 20% della popolazione) che però non è lingua riconosciuta. Infatti a coloro che non imparano la lingua estone non è dato il diritto di voto e neanche la piena cittadinanza. Io non sono un convinto sostenitore delle minoranze linguistiche (è giusto tutelarle ma senza farne un “mito”) però il globo è il globo e so che l’italiano nel globo conterà sempre meno. Per la seconda lingua in USA è stato riconosciuto lo spagnolo che è correntemente parlato da 110 milioni di americani a cui si aggiungono altri 500 milioni di sudamericani. Come dire, tiriamo le somme.

  • mah ….. che la ragione di fondo si trovi nel contenuto degli artt. 2 e 3 della L. 482/1999 non mi pare possa essere una possibilità così tanto remota. La Sardegna non c’è perchè, trascorsi oltre 10 anni dall’emanazione della disciplina per la tutela delle minoranze linguistica storiche ancora nessuna minoranza linguistica storica che parla il sardo si è legalmente costituita. Al proposito mi preme sottolineare le gravi responsabilità del servizio di coordinamento regionale istituito nell’assessorato regionale della cultura. La Sardegna, in verità, avrebbe tutti i diritti se fossero ristabiliti i criteri della legalità. Ricordo al riguardo che il sardo scomparve anche dalla relazione ministeriale per la comunità europea (che da quel di ha bloccato gli emolumenti previsti per la tutela delle minoranze linguistiche storiche che parlano il sardo a causa dell’ esperimento di laboratorio denominato LSC). Sarebbe ora di prendere in mano la “questio” e fare un pò di pulizia ma …… noto come si preferisca le SS.LL. a far (magari) casino senza senso.
    Riguardo l’abbonamento, poi, dopo l’equiparazione del servizio pubblico al privato con la digitalizzazione terrestre e le vergognose vicende che hanno visto protagonisti i vari consigli di amministrazione della Rai, l’informazione estremamente riprovevole che ci sta propinando e la programmazione senza capo ne coda che ci sta somministrando, riterrei che si debba dichiarare politicamente la completa obiezione fiscale invitando tutti i sardi ad astenersi dal corrispondere il canone. In questo periodo di estrema crisi, con il federalismo fiscale in atto, la liberazione dalla vessazione televisiva potrebbe dare la possibilità a molti cittadini …. di farsi almeno una buona cena!!!

  • Piero Atzori

    Se nell’elenco delle minoranze linguistiche per le quali lo Stato si impegna a finanziare l’attività del Servizio Pubblico Televisivo la Sardegna non viene considerata, dovremmo subito minacciare una drastica riduzione, poniamo del 50-80%, del canone televisivo del prossimo anno.
    Credo che una campagna ben condotta nei prossimi se mesi potrà ottenere una massiccia adesione in Sardegna. Una Rai così se la finanzino gli altri.

Invia un commento