Altre news

Riti di adorazione
Politica

Riti di adorazione

Ad ogni scadenza elettorale la solita solfa: arrivano i big della politica italiana. Ma big in che senso? D’accordo, l’ospitalità […]

Chi perde non ha torto
Editoriale

Chi perde non ha torto

di Paolo Maninchedda
Parliamo sempre di politica e mai di civiltà, cioè dei valori individuali, dei costumi individuali, dei comportamenti individuali, delle scelte personali che rendono poi un popolo più civile di un altro. Ho ripensato in questi giorni alla vicenda della suora-mamma che nei giorni scorsi ha partorito in un ospedale di Rieti. La rete è impazzita in un linciaggio ironico e volgare che ha svelato – se mai ve ne fosse stato bisogno – quanto profonda sia la radice malvagia dell’animo umano. Sembrerebbe poi che le consorelle non siano neanche andate a farle visita. Io ho visto un mio amico abbracciare la propria moglie incinta di un altro. Il figlio, che oggi non sa niente, è la luce dei suoi occhi.

Come fare voti dalla Blu tongue
Politica

Come fare voti dalla Blu tongue

di Paolo Maninchedda
Succede che con la delibera della Giunta Regionale del 30 dicembre 2013 n. 54/7 (che mi è stata fatta notare da un pastore a Irgoli in un incontro per la campagna elettorale) la Giunta regionale ha autorizzato Laore a reclutare veterinari a convenzione per fare prevenzione e controllo della malattia.
Come mai questa funzione non viene incardinata sulle Asl?
Semplice: perché le Asl dovrebbero reclutare secondo le graduatorie previste dall’Accordo Collettivo Nazionale per la medicina specialistica; invece Laore recluterà secondo le procedure dei rapporti professionali comuni, scegliendo come meglio crede (ovviamente secondo una selezione bla bla).

L’Italia dei due padroni Renzi e Berlusconi
Politica

L’Italia dei due padroni Renzi e Berlusconi

di Paolo Maninchedda
Ieri Renzi e Berlusconi hanno stretto un accordo di merda.
Non si sono interrogati su come riformare lo Stato italiano in modo da rispondere alle esigenze di libertà e di sviluppo dei cittadini.
No.
Loro si sono accordati dicendo che in Italia devono comandare due e solo due partiti: i loro. Due soli partitoni, due sole burocrazie di partito, due sole genealogie di potenti selezionati chissà come, due soli lobbies, due soli clientelismi diffusi.

Porcherie giornalistiche torinesi e sarde. La Nuova Sardegna di Ozieri gioca molto sporco
Politica

Porcherie giornalistiche torinesi e sarde. La Nuova Sardegna di Ozieri gioca molto sporco

di Paolo Maninchedda
Non è un segreto che la stampa è in crisi di moralità. Ma ciò che è accaduto in questi giorni supera ogni immaginazione.
Primo esempio: arriva il corrispondente della Stampa di Torino, Giuseppe Salvaggiuolo, e scrive che “Pd e PDl sarebbero allarmati per il sondaggio sulla fiducia popolare (?????) che la proietta in testa alle prossime elezioni regionali”. Quale sondaggio? Sembra di capire quello dell’Unione. Ma il sondaggio dell’Unione non dice che la Murgia è in testa, ma anzi che sta perdendo ed è dietro agli altri competitori, Cappellacci e Pigliaru.