Altre news

Sovranità: la Sardegna parla, il Trentino realizza
Politica

Sovranità: la Sardegna parla, il Trentino realizza

Come ogni anno, il Trentino, nella legge di stabilità, conquista poteri e funzioni con una facilità pari alla diversa competenza politica delle sue élite di governo e parlamentari.
Quest’anno la vendemmia di poteri sovrani del Trentino (art.1, commi 335-345 della Legge di stabilità) riguarda
– le funzioni relative alle agenzie fiscali dello Stato;

Con nuove perquisizioni  si infiamma la campagna elettorale
Politica

Con nuove perquisizioni
si infiamma la campagna elettorale

Non potranno dire che non si aspettavano la visita pre-natalizia degli agenti di polizia giudiziaria i 19 consiglieri regionali (in carica ed ex) sottoposti a perquisizione su richiesta della Procura della Repubblica di Cagliari.

La voce girava e i timori pure, almeno di chi potrebbe avere parecchie grane.

L’indagine è sempre quella relativa all’uso scorretto dei fondi assegnati ai gruppi politici dell’assemblea legislativa sarda nella passata legislatura, ovvero peculato.

I conti elettorali fatti senza le donne
Politica

I conti elettorali fatti senza le donne

di Paolo Maninchedda
Ho letto su un quotidiano sardo che un partito avrebbe ufficializzato la propria lista per l’Ogliastra, composta da due uomini.
Una lista simile, se fosse presentata, verrebbe esclusa.
Infatti, l’art. 4, comma 4, della legge statutaria elettorale regionale (legge regionale n.1/2013) recita: “4. In ciascuna lista circoscrizionale, a pena di esclusione, ciascuno dei due generi non può essere rappresentato in misura superiore a due terzi dei candidati; si arrotonda all’unità superiore se dal calcolo dei due terzi consegue un numero decimale”.
Ne consegue che in Ogliastra la lista sarà composta da un uomo e da una donna; a Sassari le donne non sarannno meno di 4, in Gallura, nel Sulcis, a Oristano, a Nuoro e nel Mediocampidano non saranno meno di 2, a Cagliari non saranno meno di 6.

La sindrome del cloroformio
Ambiente Salute

La sindrome del cloroformio

Il numero dei sit-in cresce. Sono oramai 26, ogni metà mese. Obiettivo: riportare l’attenzione sui disastri ambientali e sanitari causati […]

Vuoi vedere che vinciamo
Politica Stato sardo

Vuoi vedere che vinciamo

di Paolo Maninchedda

Ieri, al teatro Massimo, abbiamo letteralmente occupato uno spazio inconsueto: il foyer di un teatro dove alle 20 doveva andare in scena un galà della Croce rossa. Noi, mentre arrivava la gente, eravamo lì a parlare di indipendenza e di Stato. Per la prima volta la borghesia cagliaritana ha scoperto che gli indipendentist sono normali, non mordono, hanno le idee chiare e saprebbero governare meglio di tanti partiti tradizionali.