Altre news

Burrida
Cucina

Burrida

È una delle specialità della cucina di mare del Cagliaritano. Si prepara con il gattuccio di mare, piccolo pesce del Mediterraneo che nella cucina sarda trova posto, oltre che nella burrida, nella zuppa di pesce.

Non se ne può più di bufale sul Patto di stabilità
Politica

Non se ne può più di bufale sul Patto di stabilità

di Paolo Maninchedda
Oggi i giornali pullulano di dichiarazioni di politici e imprenditori sul Patto di stabilità che sono a dir poco ridicole. Continua lo sport a chi la spara più grossa. Io continuo a ritenere che sempre più i giornali non capiscono che non devono andare dietro a ciò che tutti ripetono, ma devono cercare ciò che nessuno dice, ma che è vero, altrimenti perché comprarli o abbonarsi?
Per rimanere con i piedi per terra, ragioniamo su cose serie.
Il 28 febbraio il ragioniere dello Stato (italiano) ha emesso questo decreto, il quale determina la ripartizione di 500 milioni di euro fuori patto per l’anno 2014 per i comuni sopra i mille abitanti e le province

Eni e veleni
Ambiente Economia

Eni e veleni

Di Ottavio Sanna Sono profondamente indignato e offeso dal proscioglimento degli imputati, a causa della prescrizione, chiamati a processo per […]

Da domani le trattative sindacali le fa la Corte dei Conti
Editoriale

Da domani le trattative sindacali le fa la Corte dei Conti

di Paolo Maninchedda
Prima abbiamo visto la magistratura penale inquisire un assessore regionale per aver tenuto aperta la mineraria Silius.
Adesso abbiamo la Corte dei Conti che mette sotto inchiesta parte della GIunta Soru per danno erariale per il salvataggio dell’Hydrocontrol, società partecipata dalla Regione di cui venne assorbito il personale in Regione e sanati i debiti.
Ho già scritto che più del 70% del problema burocratico italiano nasce dalle follie del sistema giudiziario italiano.

Come si fa e come si parla di sviluppo in Sardegna
Politica

Come si fa e come si parla di sviluppo in Sardegna

di Paolo Maninchedda
Non per dire, ma il mitico Velasco, grande allenatore di pallavolo e grande educatore, potrebeb far molto in Sardegna. Ho già segnalato la sua magistrale lezione sugli schiacciatori che devono sapere schiacciare anche le palle alzate male. La ripropongo per analizzare alcune reazioni al mio post sull’utilizzo del contratto Volkswagen 2006 in Sardegna.
In primo luogo, in Sardegna si discute di politiche di sviluppo non a chilo ma a tonnellata. La precisione non esiste. Tradurre quell’accordo solo nei termini di un costo per il lavoratore e non nei termini della costruzione di un vantaggio, del mantenimento del sistema produttivo e del alvoro, è, per l’appunto, parlare di politica a tonnellata. Dove mai si è vista, in Sardegna, la possibilità di concorrere con le ore lavorate a capitalizzare l’impresa e a godere dei suoi utili attraverso il 10% dell’utile netto? Dove mai si sono vistipremi annuali sopra il migliaio di euro? Prendiamo ad esempio il calzificio Queen di Macomer. Io mi sto rompendo al testa per

Due note sulla scuola
Cultura Politica

Due note sulla scuola

di Silvia Galleri
Per la scuola sarda i numeri non giocano dalla nostra. Il calo demografico continua a incombere ovunque, soprattutto nei paesi più piccoli. Quindi le leggi dei tagli, fatte solo per risparmiare e non certo per incrementare la qualità, calate dall’alto, senza interpellare la scuola vera, non possono omologare tutta l’Italia. E tantomeno un territorio particolare come quello sardo. Da queste conseguono mille altri malanni.
Una fra tutte, la legge Gelmini, che ha distrutto parecchio, in particolare falciando con la sua mannaia gli istituti tecnici e professionali, col taglio delle ore di laboratorio, che dovrebbero caratterizzare questo tipo di scuole.