Altre news

Risultati del Partito dei Sardi
Politica

Risultati del Partito dei Sardi

Dati ufficiali del Partito dei Sardi Sardegna: 1824/1836 sez.  18178 voti – 2,6% Circoscrizioni: Cagliari (577/577) 2224- 1% Carbonia Iglesias […]

Manuale di sopravvivenza dopo un mese di latitanza
Politica

Manuale di sopravvivenza dopo un mese di latitanza

di Paolo Maninchedda

Alcuni consigli:
1) se si vince, non esaltarsi troppo: si diventa ridicoli e antipatici;
2) se si perde, non deprimersi troppo. Chi perde non ha necessariamente torto;
3) come sempre, non si badi ai giornali; diranno o banalità da bar o cattiverie da salotto. Delle une e delle altre si può fare a meno;
4) non si facciano dichiarazioni prima che il quadro si sia stabilizzato;
5) non si accettino polemiche con quelli che aspettano l’esito delle elezioni per regolare i conti;

Il passo a bint’ungias
Politica

Il passo a bint’ungias

di Paolo Maninchedda
Primo concetto da avere ben chiaro in testa: l’Italia è controparte della Sardegna. Ciò non significa che sia un’avversaria, ma è certamente controparte.
Se si è consapevoli di questo, bisogna già prepararsi a capire come competere con Roma.
Che farà Renzi?
Cercherà di riformare lo Stato italiano mettendosi d’accordo con Berlusconi: non può fare diversamente se vuole produrre risultati profondi e duraturi. In cambio del via libera su lavoro, burocrazia e Pubblica Amministrazione, Berlusconi gli chiederà una riforma strutturale della Giustizia e il suo salvacondotto per una pensione all’aria aperta e non dentro quattro mura.

Breve dizionario ragionato degli insulti elettorali
Editoriale

Breve dizionario ragionato degli insulti elettorali

di Paolo Maninchedda
Come ci si insulta in campagna elettorale?
Si potrebbe rispondere: “Come si fa nel calcio”:
Allora l’insulto migliore e più scontato sarebbe: ‘cornuto’. L’argomento, tuttavia, è impopolare, perché Pirandello diceva che siamo tutti un po’ cornuti. Si racconta che un nobile napoletano avesse nello stemma questo detto: “Io porto le corna, ognuno le vede / ma tale le porta che non se lo crede”. Insomma, le corna sono un argomento scivoloso, sono come i denti, dicono i romani, fanno male quando escono ma poi servono per campare, perché rafforzano il carattere. Quindi, un presidente che si rispetti, cioè temprato dalla vita, dovrebbe essere un po’ cornuto, non tanto tanto, ma un po’ sì.

I figli che insegnano
Politica

I figli che insegnano

di Pina Garippa
Nei servizi di Neuropsichiatria per l’Infanzia e l’Adolescenza si incontra il dolore vero: quello della diagnosi da comunicare a un genitore su una patologia psichica del proprio figlio. E la patologia della psiche è quella più difficile da accettare e da comprendere, perché ti chiedi come sia possibile, perché ti chiedi: “Perché a mio figlio” . Dopo la diagnosi arriva il quotidiano: la scuola, i compagni, gli altri genitori, e ancora, l’ostacolo più grande, che in molte situazioni continua a chiamarsi: emarginazione e diversità.

I conti in tasca
Politica

I conti in tasca

di Luca Angei In attesa del 17, facciamo due riflessioni e due conti. Le riflessioni riguardano la mia campagna elettorale. […]