Non si può far finta di niente

12 novembre 2011 09:4512 commentiViews: 25

200Lo sciopero di ieri ha un solo grande significato politico: elezioni.
Ma, esattamente come nello schema nazionale, andare a elezioni senza aver fatto le riforme potrebbe essere un rimedio peggiore del male che si vorrebbe curare.
Bisogna però chiarirsi bene le idee sul termine riforme.
Non si tratta solo di quelle ‘istituzionali’, non più.
Non basta fare la Costituente (pare che siano venuti meno i veti, dopo che si è dedicato qualche minuto in più a capire la portata della nostra proposta); non basta fare la Legge Statutaria, la Legge elettorale, la riforma della Giunta (la legge 1) e quella del personale (La riforma della legge 31). Tutto questo bastava ‘prima’; ora servono anche le riforme finanziarie e sociali. Sono ineludibili.
Io non credo che questa Giunta abbia tutte le carte in regola per saperle proporre e realizzare. Questo è il dramma.
Mentre a livello nazionale, il cambio Berlusconi – Monti è stato possibile, grazie al sistema parlamentare non presidenzialista della legge elettorale nazionale, e sta creando i presupposti (non so quanto efficaci) per rispondere alla crisi del Paese, la legge elettorale regionale presidenzialista, strenuamente difesa dalla Corte costituzionale italiana, oggi mette di fronte a un bivio senza alternative: o Cappellacci o elezioni.
Paradossalmente bisognerebbe augurarsi che Cappellacci si vestisse da Monti, cioè avesse la capacità di cambiare rotta, cambiare la Giunta, fare cose molto importanti o lasciarle fare a chi le sa fare e poi andare a elezioni (magari con lui che si candida, in ragione di una svolta realizzata, al parlamento nazionale).
Ma Cappellacci non ha questa duttilità, questa profondità di comprensione del suo dovere in questo momento.
Questo è il dramma: l’incapacità della svolta produce l’ineluttabilità del galleggiamento. Lo sciopero, questo grande sciopero, ci dice che il galleggiamento produce, alla lunga, la rivolta.

12 Commenti

  • Egregio Nomignolo Off Topic, la “mia” Macomer ha solo deliberato che qualsiasi domanda per impianti eolici dovrà rivolgersi al territorio già compromesso ambientalmente, e cioè quello in località Su Macomeresu dove già insiste un impianto eolico realizzato dal Comune di Bonorva sul suo territorio che proprio lì è confinante col nostro. La mia Macomer sta dicendo “no” all’impianto che si vorrebbe far sorgere vicino all’area archeologica di Tossilo. Quanto alle briciole lasciate, come me sfonda porte aperte, ma non sono io ma le leggi italiane che non disciplinano adeguatamente le utilities sociali legate alle rinnovabili. Si rivolga alla sua Italia.

  • Condivide la decisione del consiglio comunale della sua Macomer di indicare il territorio di Campeda quale sito idoneo ad installare pale eoliche che lasceranno briciole sul territorio?

  • Il PSD’AZ ha sperimentato qualche decennio fa un’alleanza con Sardigna Nathione ed il risultato è stato disastroso. Ripetere ora analoga alleanza estesa agli altri frammenti pseudo indipendentisti? Un aborto annunciato e nulla più. Con una precisazione: frammenti tutti satelliti del sole “indipendentista” Soru.
    Oltre ad agitare la bandiera sarebbe interessante conoscere, in concreto, quali passi fare per avviarsi sul sentiero della indipendenza. Quella vera.

  • Antonello Loriga

    Caro Paolo io penso che ormai anche tu “non puoi più fare finta di niente” per cui mi permetto, visto il tuo straordinario e appassionato impegno e la profonda stima che nutro nei tuoi confronti, di dirti che purtroppo devi, se vuoi e se puoi, mettere mano al nostro caro Partito Sardo d’Azione se non vuoi che tutto resti solo una magnifica “enuncaizione di principio” e nulla più.
    Io non so chi sia e non conosco il Signor Antonio Satta Tola ma il suo commento mi ha spinto a scriverti perchè, condividendo molti suoi passagi, partendo dal concetto che il Partito Sardo d’Azione non sia in grado “di canalizzare in maniera democratica lo scontento” mi ha fatto uscire dall’indifferenza e rientrare nel ruolo partecipato di un (deluso) ex segretario di federazione del partito ed ho pensato che, tutto sommato, sia ancora mio dovere parlare di politica per denunciare al mio partito delle scomode verità.
    E’ molto vero che il partito:

    1) non ha una strategia di crescita
    2) vale la filosofia che un partito piccolo si governa meglio
    3) il partito non conta più niente (si fa ciò che decidono gli eletti)
    4) le segreterie (non solo il Segretario del partito ma anche tutti
    i segretari delle Fderazioni)non decidono nulla ammesso che
    vengano messi nella condizione di conoscere e partecipare.
    Io penso che questa sia la verità, cioè questo è il vero problema del nostro Partito Sardo d’Azione carissimo Paolo, per cui se è così tutto il tuo straordinario lavoro, non so quanti possano realmente capirne la dimensione e la qualità, è sprecato! Qualcuno, se ne ha voglia e capacità, ci deve mettere mano. Un abbraccio

  • Tanta felicità in Sardegna per le dimissioni di Berlusconi, non realizzando che se questo in realtà non è stato un Governo amico, è anche vero che nessun altro Governo italiano lo sara’ mai.
    Nemmeno il più improbabile sinistrorso che possa essere formato.
    Qui il vulnus della gente sarda, italiota ma non italiana.

  • Su PSd’A tenet unu “pecadu originale”: est nàschidu, eja, coment’e partidu sardu (o, menzus, goi li narat de sempre sa zente, chi faedhat su sardu e no sa limba de su buzinu, ma chie l’at fatu li at postu e li sighit a nàrrere Partito Sardo d’Azione, in italianu bellu): est, però, nàschidu, poi l’at crannugadu su fascismu s’est torradu a fundhare e sighidu at a camputzare coment’e partidu italianu regionalista, cun totu chi sa base est istada fintzas in sa mazore parte indipendhentista. Si cussideramus bene sas cosas, de partidu regionalista, calesisiat partidu ‘sardu’ daet totu su logu chi cherent a totu sos partidos italianos de calesisiat zenia e mannària, ca est in s’istrada de sa dipendhéntzia, chi cheret nàrrere solu una cosa: chi mai si at a detzídere, de su chi contat, in Sardigna ma in Itàlia, ue naschent creschent e morint puru ma torrant a nàschere sos partidos chi guvernant s’Istadu italianu. E ue nois Sardos, atacados a sas locomotivas italianas o a s’ainedhu nostru, amus a contare sempre cantu s’assu de bastos e si cumbinat de àere ministros o fintzas presidentes ant a èssere solu e nudh’àteru si no ministros e presidentes de sa Repúbbrica italiana e no de sa Sardigna, in peruna misura si no pro piagheredhos. Candho poi sa base at ispintu sos dirigentes a fàghere su tzinnu a sa ‘opzione’ indipendhentista za lis andhaiat bene pro sa política de sempre, ue sos partidos italianos a nois nos faghent “barba e capelli”. Ca sa veridade est chi sa política indipendhentista no cheret ispedientedhos e cosighedhas de “ordinaria ammnistrazione”, no s’improvisat de oe a cras e mancu rechedit s’impegnu de carchi annu: est sa manera ordinària e normale de fàghere sos afàrios nostros a vida intrea e a passione manna. Sos dirigentes sardistas, a pàrrere meu, no ischiant mancu inue pònnere sa manu pro una política indipendhentista e fossis fint prus ispaventados chi no cuntentos. A parte sos votos in prus. Chi però no fint de zente chi ischit comente e candho e proite tocat a èssere sardistas (e, menzus, indipendhentistas). A parte su “pecadu originale”, ca no est su partidu chi naschet ponindhe s’istória de sos Sardos a fundhamentu ma solu su dolore de su masellu de sa prima gherra mundiale e àteros maselledhos de innantis e de apustis, unu Partidu Sardu aiat bisonzu de una classe dirigente formada pro èssere sa classe dirigente de una natzione indipendhente; ma in custu sensu no bi aiat, mancu in sos annos de sa ‘opzione’ indipendhentista ne in su PSd’A e ne in fora, unu veru dibbàtitu e iscola de istúdiu e de formatzione de sa cultura indipendhentista, comente no bi est mancu como. E goi sa base, mancari sardista cun su coro a su 200%, at sempre dadu fortza no a sos pagos ‘idealistas’ ma a sos afaristas mancari onestos ma de custa idea e pro cussu etotu dispostos a amministrare cun totu sos partidos italianos de calesisiat zenia, mancari fintzas “a patto di” ma sighindhe su matessi fintzas candho sos italiarzos no rispetant nudha ca no tenent de rispetare nudha, postu chi cumandhant issos e totu su prus “ci fanno la corte”. Sos chi sunt abbarrados in su PSd’A mancu proant a si dimandhare proite foras at nàschidu partidedhos indipendhentistas, chi podent e antzis própiu tenent difetu mannu ca, si tenent sa craresa de èssere indipendhentistas, tenent però su presumu de sa ‘purezza’ e mescamente mancat deunudotu su chi serbit pro fàghere, coltivare, una zoventude e una classe dirigente de cultura e cumportamentos, de fàgheres, indipendhentistas chi rispondhat a sa realtade istórica de sos Sardos. Su PSd’A (deo no so in su Partidu, siat craru, fintzas si no mi pento nudha de bi èssere istadu e antzis mi ndhe apo a pòdere bantare sempre) ndhe tiat dèpere essire deretu de una magioràntzia disastrosa malepeus e fàghere fortza paris, cun umilesa e cun assoluta determinatzione e no coment’e cosighedha eletorale, cun totu sas fortzas indipendhentistas (ma Giacomo Sanna paret meda prus afariadu pro unu postu in su Parlamentu italianu, ispantu!). Su de fàghere est su caminu de s’indipendhéntzia, chi est cussu de sa libbertade e de sa responsabbilidade, chentza aconcadas macas, in manera meda cuncreta, cun assoluta firmesa, cun istúdiu mannu, cun sa passiéntzia de una vida intrea, cun totu sas capatzidades chi tenimus e cun sa menzus onestesa. Sinono sos Sardos che amus a istare sempre in su pertusu de s’Itàlia a fragai sa caca sua ad abundatiam. Sinono sos sardistas, sempre sardistas, si ant a sighire a finire chentza birgonza e chentza glória.

  • Carissimo AST, ti riporto due frasi di P Delussu PSD’Az, Marzo 2010

    I Sardi, anche quel 95% che non lo votano percepiscono il Partito Sardo e il simbolo dei quattro mori come qualcosa che li appartiene. Vorrebbero che l’azione politica del Partito corrispondesse alle loro aspettative e spesso addebitano a noi militanti e dirigenti sardisti la responsabilità dell’insufficiente peso specifico che il partito ha nella politica sarda.
    Come dire: interpretate istanze e bisogni che ci stanno a cuore, però siete troppo piccoli e inadeguati, quindi noi preferiamo schierarci con i partiti italiani.
    Un atteggiamento contraddittorio, che potrebbe spiegarsi, però, se pensiamo che il PSdAZ è percepito dai sardi come qualcosa di diverso da un semplice partito, essendo ormai parte della loro identità.
    Questo spiega perchè i sardi sono pazienti e accondiscendenti fino all’autolesionismo con i loro partiti italiani di riferimento mentre sono severi ed intransigenti con il Partito Sardo; e potrebbe spiegare anche perchè nelle discussioni con amici, colleghi e conoscenti, noi sardisti veniamo spesso accusati di tradire gli ideali del sardismo ogniqualvolta la nostra azione politica non è conciliabile con le posizioni dei partiti con i quali loro sono schierati.
    Io credo che questo sia un atteggiamento che deriva dalla nostra atavica sfiducia in noi stessi, che ci ha sempre spinto a cercare fuori la nostra salvezza e, nella fattispecie, nei partiti italiani.
    Il fatto però che anche quel 95% di sardi che non ci votano siano molto interessati alle vicende del nostro partito è sicuramente una cosa positiva, che lascia aperta la speranza e la prospettiva per un grande partito sardo.
    E’ anche curioso che proprio nel momento in cui all’interno del partito c’ è unanime condivisione sulle scelte e le strategie che si stanno portando avanti, siano aumentate le critiche di quanti non fanno parte del partito.

    Fortza Paris
    Antonio

  • Antonio Satta Tola

    Per Marcello Simbula. Io penso che il Partito Sardo d’Azione non sia in grado di “canalizzare in maniera democratica lo scontento manifestato a Cagliari” perchè il Partito non ha assolutamento una strategia di crescita: vale sempre la stessa filosofia degli ultimi dieci anni che un Partito piccolo si governa meglio. D’altra parte, non so se ciò è capitato per “ordini di scuderia” il Partiso Sardo d’Azione era assente alla grande manifestazione di Cagliari di venerdì u.s. Il Partito è arrocato su posizioni di potere e da li non esce: per canalizzare il consenso ci vuole altro. Fare queste premesse si possono dire e scrivere le cose più belle e giuste del mondo senza che queste abbiano alcun effetto sulla realtà attuale della Sardegna. Per quanto riguarda la nostra presenza al governo della Regione è ormai chiaro da almeno due anni per la maggioranza dei Sardisti che noi con questa gente non ci stanno a fare niente: una volta constatata la volontà dei partners di non voler realizzanti i punti programmatici sottoscritti col Partito per l’alleanza elettorale era nostro dovere uscire immediatamente dalla coalizione.Abbiamo di nuovo commesso l’errore che stamo commettendo da 70 anni. I nostri errori del passato non ci hanno insegnato niente neppure stavolta. Perchè non siamo usciti? Dal mio punto di vista la risposta è abbastanza ovvia. Il Partito non conta più niente: si fa ciò che decidono gli eletti! Questo significa che non c’è Partito, che la Segreteria è monca perchè non può decidere nulla in autonomia perchè appena lo fa viene sconfessata e talvolta, come è accaduto in passato, viene decapitata. Auguri belli al Partito Sardo d’Azione e a tutti i Sardi!

  • Nel 1957 Ignazio Silone scriveva: “Finchè il nostro meccanismo democratico sarà di fatto articolato principalmente sui partiti e finchè i partiti saranno dei carrozzoni rimorchiati dagli apparati, il carattere democratico della Repubblica rimarrà forzatamente limitato per non dire lettera morta. Ma l’errore più nefasto è il credere alla fatalità di una tale situazione.” Ecco il punto dolente: da 40 anni il popolo accetta tutto, con fatalismo. E invece assieme alla Costituzione e al sistema elettorale sono proprio i partiti che vanno riportati alla loro perduta funzione di catalizzatori di uomini, di ideali e di programmi. Occorre distruggere il partito-Stato per ridare vita ai partiti dei cittadini. E non si può chiedere che sia il regime ad autodistruggersi. Il regime non accetta neppure, come si è visto,una nuova Costituente. Offre le bicamerali ed altri mercatini del genere.P ertanto, solo una rivoluzione dell’opinione pubblica può ridarci la democrazia.

  • da ragazzi dicevamo ” che il galleggiamento era una prerogativa tutta degli str……. speciali, perchè gli altri andavano a fondo” Cappellacci e uno di questi ma è speciale, non va a fondo perchè viene sostenuto dai partiti della sua giunta. appesantirlo per mandarlo a fondo il più presto possibile, prima che affondi la speranza dei sardi una volta per tutte. A FORAS CUMENTE SU MERE DE ROMA. Dare ai sardi la possibilità di costruire il proprio futuro anche andando a nuove elezioni. tutto l’altro è galleggiamento…….

  • Marcello Simula

    Concordo con l’on. Maninchedda e con Nino ed aggiungo che la rivolta causata dal lungo galleggiamento è la extrema ratio di chi,con i doverosi distinguo (leggi furbetti evasori etc.), è arrivato alla disperazione ed alla esasperazione. Concludo con una domanda,rivolta a noi stessi sardisti:ma siamo ancora in tempo per canalizzare in maniera democratica lo scontento manifestato a Cagliari,per dare una speranza ed uno scopo ai tanti che vorrebbero una svolta nella nostra politica regionale,per provare a realizzare quello che in fondo vogliamo tutti noi Sardi,per noi e per i nostri figli? Alla fin fine quello che serve è un programma di pochi ma significativi punti economico-sociali e quindi politicamente innovativi,ma non passato in stile carbonaro nelle nostre sezioni,semmai discusso ad alta voce,proposto,fatto conoscere a tutti e,se necessario,perchè no,urlato?

  • Occuparsi della economia del quotidiano, questa la risposta allo sciopero di ieri. Che, sembra un paradosso ma non lo è, prepara la strategia per il futuro perchè senza libertà dal bisogno (in Sardegna ormai è fame)non si costruisce una indipendenza vera. Si aggira il problema, si fugge dalla responsabilità, si agita la bandiera del nulla, si consolida la dipendenza. E questo è il retro pensiero della classe dirigente contro cui bisogna combattere sottoponendo ai cittadini un progetto politico/economico serio. Si, certo, elezioni. Che però bisogna vincerle nell’ottica di una tattica e di una strategia finalizzata in termini sardisti.
    Per dare risposta alla richiesta di lavoro bisogna attivare investimenti, per attivare investimenti bisogna creare condizioni favorevoli. Il PSD’AZ recuperi con forza il suo cavallo di battaglia ZONA FRANCA, oggi declinato fiscalità di vantaggio o fiscalità di sviluppo. Non c’è altro.

Invia un commento