Manovra finanziaria della Giunta per l’Anno 2011

20 novembre 2010 09:129 commentiViews: 6

958Ecco la manovra finanziaria della Giunta per l’Anno 2011:
————
Bilancio di previsione 2011
Legge finanziaria 2011
Quadro riassuntivo dell’entrata
Quadro generale riassuntivo dell’entrata
Quadro generale riassuntivo della spesa
Stato di previsione dell’entrata
Stato di previsione della spesa
————

9 Commenti

  • Condivido completamente quello che ha scritto Enrico sull’assurdità che esistano Servizi e Settori con pochissimi dipendenti creati praticamente per dare la relativa indennità, anche i concorsi attualmente in itinere nell’amministrazione regionale potrebbero trenquillamente essere evitati utilizzando e valorizzando meglio il personale in servizio, ma aggiungo che è inutile parlare di contenimento della spesa e sospensione dei concorsi pubblici se poi ancora oggi sono fortissime le pressioni politico sindacali per inquadrare all’Agenzia LAORE 350 dipendenti dell’Associazione Allevatori senza pubblico concorso, associazione privata, di vecchia memoria. Ancora oggi ci sono politiche e sindacali per inquadrare finti precari con contratti di collaborazione assunti per chiamate dirette da liste create appositamente per “selezionare” dipendenti evitando i concorsi pubblici. Senza contare che per pressioni politico sindacali fra non molto tempo avremo più dipendenti dell’Ente Foreste che alberi. Stendiamo infine un pietoso velo sui dipendenti dei gruppi consiliari inquadrati senza concorso nei ruoli della regione nei livelli più alti, o dell’inquadramento sempre senza concorso di dipendenti di società private quali hidrocontroll o osservatorio economico che vede fra i suoi ranghi anche l’ex segretario particolare dell’ex Presidente della Regione della passata legislatura. In ogni caso tutte norme approvate bipartisan nella precedente e attuale legislatura.

  • Ma se la spesa corrente ha una incidenza così alta come mai l’attuale giunta ha provveduto a iniziare concorsi per l’assunzione di 57 (!!!) dirigenti e 42 funzionari? Non sarebbe più logico accorpare le strutture esistenti, ad esempio prevedendo un numero minimo di dipendente (30) per ogni servizio? Mi chiedo ancora come mai le segreterie politiche sono infarcite di collaboratori e consulenti? Come mai sul sito istituzionale non si vedono altro che selezioni per collaborazioni?
    Io penso che sia necessario ridurre la spesa corrente attraverso la razionalizzazione del sistema. Meno servizi quindi meno dirigenti, o perlomeno senza aumentarli, con un minimo di persone assegnate a servizio. Meno consulenti esterni al seguito degli assessori, capo gabinetto segretario e max un esterno. Tutto questo permetterebbe un risparmio e una notevole incentivazione per i dipendenti che non si vedrebbero sempre scavalcati dai grandi esperti venuti da fuori, ma sarebbero anche responsabilizzati. Permetterebbe anche che nell’ordinario l’attività debba essere fatta dai dipendenti attualmenti in essere in regione perchè vi è la possibilità, basta che ognuno faccia la sua parte. I concorsi attualmente in atto non sono, quindi, che una maniera neanche tanto celata per raccogliere consenso e andrebbero fermati proprio in nome del risparmio della spesa e della responsabilizzazione di chi è già in amministrazione. Se poi ci fosse proprio bisogno che si faccia un corso concorso in cui al termine di un percorso formativo si individuano i nuovi dirigenti. E’ la maniera migliore perchè un soggetto per dirigere deve, non solo, conoscere le nozioni ma doimostrare di saperle applicare e questo può vedersi solo nella pratica di un corso che dura nel tempo. Saluti.

  • PER NINO: ho notato anchio che SORU ti disturba il sonno. per quanto riguarda il pregresso è gia importante che si sia saputo. per quanto riguarda la sanità è solo questione di vedute, sbaglio o sei per l’indipendenza allora perche ti infervori se paghiamo la sanita.Comunque posso dire che uno come SORU sia un bene per la sardegna, dispiace per chi non l’ha ancora capito. chi no si accuntentera de su onestu, truncara su manigu e perdiri su cariu.

  • L’idea di Michele Podda è interessante.
    Non credo che l’on. Maninchedda possa trovare tempo da dedicarci.
    Se pero’ delegasse qualcuno…

  • A paraulas maccas origas suldas.E potrei chiudere quì,però eccoti ciò che ha ottenuto Soru:
    1) Un saldo e stralcio, all’incirca al 50%, su oltre dieci anni di ruberie. Lo stralcio Prodi lo ha ottenuto subito, il saldo (fido Soru) in tre anni contravvenendo alla regola stessa del “saldo e stralcio”. Ma poteva altrimenti?
    2) La modifica dell’art.8 dello Statuto(modifica infarcita di ambiguità tanto che il governo Italiano ci sta sguazzando) con la previsione di maggiori aliquote di trasferimento, per il futuro, e l’accollo , da subito, dell’intero costo della sanità (50% del bilancio e tendenzialmente in aumento)oltre a quello dei trasporti locali.
    Forse non è stata pagata neanche la prima rata di cui al punti (1), per quanto al secondo punto si discute.
    Domanda retorica: lo stato delle finanze italiane consentirà di onorare l’impegno? E quando?
    Prodi sapeva già da subito dell’inganno, Soru doveva portare a casa un risultato purchessia e subito squilli di tromba(ta).Certo si può adire la Corte Costituzionale così ci paghiamo anche l’assistenza legale,affidando magari il patrocinio all’ex Presidente della Corte Onida come ha fatto Soru per la Statutaria. E vincendo (?) avremo un altro argomento per rinfacciare a Roma l’ennesimo tradimento. Prodi o Berlusconi cambia solo il suonatore ma non la musica.
    A Robè, sogno altro. Soprattutto una Sardegna libera.Tu hai invece un orgasmo nel cassetto, e portatelo Soru a letto!

  • Dev’essere che Nino la notte se lo sogna a Soru, tanto ne è ossessionato. Se l’attuale governo regionale rivendicasse e ottenesse quanto sottoscritto dall’ex despota col governo di allora altro che 15 %! Si rimane interdetti e basiti a leggere i sciocchi ragionamenti del Nino. In bon’ora!

  • Beh, l’idea delle lezioni/discussioni è ottima. Anche se fossero meno di quelle proposte. Finalmente si potrebbe ragionare su numeri e questioni concrete.
    PS. ricordo che una volta l’on. Maninchedda scrisse che alla sua proposta di far certificare i bilanci delle aziende sanitarie seguirono solo risatine di qualche vecchio udc…
    Lo inviti a leggere quanto previsto dall’ art 11 del patto per la salute 2010-2012 http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.jsp?aggiornamenti=&attoCompleto=si&id=31789&page=&anno=null .

    Forza paris

  • Con l’85% del bilancio impegnato per spese correnti che cosa si può fare? Seghe. Scusate la volgarità. Il mio pensiero corre veloce ai 7.000 dipendenti dell’Ente Foreste ed agli altri 7.000 dipendenti della Regione. Il bilancio regionale serve a loro ed alla sanità (50%), questa “regalataci” da Soru vassallo di Prodi. Per 1.500.000 Sardi rimane il residuo 15% .Si rimane senza parole.

  • Michele Podda

    Ottima la scelta di pubblicare, e pubblicizzare, i documenti del bilancio e della finanziaria regionale. Se ci fossero altri interessati, si potrebbe insieme chiedere all’On. Maninchedda, se avesse tempo e pazienza, di dedicarci alcune lezioni con cadenza settimanale(da tre a cinque almeno) della durata di due-tre ore ciascuna per illustrarci alcuni aspetti, tecnici e politici, dei documenti elencati. Perchè i sardisti (gli iscritti) comincino a toccare con mano come vanno veramente le cose.

Invia un commento