La Maddalena: intonaci politici

7 gennaio 2010 08:063 commentiViews: 6

Succede esattamente quello che avevamo previsto: alla Maddalena comincia a dare segni di precoce invecchiamento il lifting fatto per il G8. La ragione è semplice: ciò che si fa per apparire e non per essere è sempre per il popolo una solenne fregatura. Io ho sempre contestato il G8 voluto da Soru; ho sempre contestato l’appalto vinto dal gruppo Marcegaglia; ho sempre contestato la Sardegna affidata sotto la gestione Soru ai Tronchetti Provera, ai Colaninno, ai Marcegaglia, ai Boeri. I risultati sono quelli di oggi: il trucco si scioglie al primo pianto. Non riesco proprio a capire perché Maddalena non lavora sul riconoscimento di area di crisi che la legge 3/2009 le ha riconosciuto. Quella legge non dà spazio ai rapaci esteri; è calibrata sui passeri locali e vuole farli crescere. I maddalenini che fanno? Piangono anche questa volta o si mettono a lavorare per una volta per se stessi e non per i sogni degli altri? (p.m.)

3 Commenti

  • A la Maddalena possono ringraziare soltanto Berlusconi e Bertolaso per le opere del G8, troppo comodo prendersela con Soru. Hanno creduto alle promesse del vostro presidente, quindi assumetevi la responsabilità del problema.

  • Quando si tratta di appalti pubblici, non dobbiamo mai dimenticare le figure fondamentali dei tecnici, in particolare i direttori dei lavori ed i collaudatori: con tecnici ben preparati A TUTTO, gli appalti truccati non arrivano indenni al pagamento: o fanno le imprese fanno un buon lavoro a regola d’arte, o non prendono soldi.
    Questa è l’unica arma in mano alla Pubblica Amministrazione, non resta che usarla senza fare sconti a nessuno!

  • La pulizia etnica è in pieno fervore.
    Saluti
    Oscar Cocco

Invia un commento