Le paure dei conservatori sull’indipendenza

18 novembre 2010 19:1526 commentiViews: 22

189Previsione rispettata: il Pd e il Pdl hanno respinto, con mille imbarazzi e con forti tensioni interne, la mozione sull’indipendenza. Questi i numeri: 28 contrari, 10 a favore e 13 astenuti. Questo il dettaglio: si sono astenuti i Riformatori (6), 5 consiglieri del Pdl, Oppi (Udc), Cuccu (Pd); hanno votato a favore il Psd’az (5), Felicetto Contu (Udc), Roberto Capelli, Sisinio Piras e Antonello Peru (Pdl), Attilio Dedoni (Riformatori); hanno votato contro 16 consiglieri del Pd e di SeL e 12 del Pdl.
Un dato positivo: la mozione è stata respinta non da una maggioranza, ma da una minoranza (28 su 80) che rivela quale imbarazzo i contenuti della mozione abbiano suscitato nel sistema politico sardo.
Un dato negativo: tutti hanno riconosciuto la modernità dell’impostazione culturale della mozione, la quale non aveva un carattere eversivo dal punto di vista istituzionale, giacché mirava a sancire il nuovo perimetro culturale con cui la Sardegna potrebbe partecipare alla ridefinizione dei livelli di sovranità e della distribuzione della ricchezza tra le regioni-nazione d’Italia e d’Europa; ma pochi hanno avuto la forza morale di rischaire l’apertura dell’avvenire. Bisogna aver pazienza e continuare nella difficile opera della persuasione. La paura del nuovo è la nostra vera nemica.
La mozione affermava che la sovranità della Sardegna è originaria e non delegata dallo Stato italiano.
Perché il Pd e il Pdl hanno votato contro?
Per due ragioni. La prima è che sono entrambi attraversati da uno spirito e da un’abitudine conservatori che li induce ad aver paura di ciò che non dominano. Il nuovo, per essere accettato dal Pd e dal Pdl della Sardegna, ha bisogno di essere riconosciuto a Roma, cioè ad un livello ritenuto superiore e rassicurante sulla non pericolosità delle idee ammesse.
La seconda è che entrambe ritenevano che l’approvazione della mozione avrebbe aumentato il bacino elettorale dei partiti indipendentisti.
Io sono da un lato contento di vedere che le nostre idee creano imbarazzi e dubbi: significa che nelle coscienze stiamo seminando bene; significa che non pochi capiscono che oggi parlare di indipendenza significa parlare di libertà e sviluppo a partire da una posizione di dignità e di serietà. Dall’altro sono deluso nel vedere due importanti partiti non cogliere quanto le loro contraddizioni indeboliscano la Sardegna. Come fa il Pd, verso il quale la delusione è profondissima, a passare l’estate a parlare di sovranità e a chiudersi d’inverno non appena se ne parla in termini consequenziali e coerenti?  Come fa il Pd a impegnarsi nella vertenza Entrate e poi a arroccarsi non appena si cerca di sancire il presupposto della vertenza, e cioè che la Sardegna ha una sovranità originaria che va rispettata? Come fa il Pd a proporre un’alternativa all’attuale maggioranza e contemporaneamente a negare il presupposto culturale più importante che oggi separa il Psd’az dal Pdl, votando contro il Psd’az e insieme al Pdl?
Il Pdl ha sempre avuto una posizione ostile all’indipendenza, ma allora che senso ha la proposta di statuto del Pdl e i contenuti del suo prologo, esplicitamente indipendentisti? Hanno il senso di uno specchietto per le allodola, di una concessione alla moda? Come fa il Pdl a sentirsi in imbarazzo a votare una mozione sull’indipendenza della Sardegna e a governare senza se e senza ma con la Lega che predica la secessione per il Nord e pratica l’impoverimento del Sud e della Sardegna (Sassari-OLbia docet, università docet ecc. ecc.)?
Oggi la Sardegna ha pagato queste contraddizioni.
Il Psd’az ha la responsabilità di continuare con serietà il suo lavoro politico ed educativo, per fare dei sardi un popolo cosciente dei propri doveri e delle proprie responsabilità, ma anche orgoglioso e tenace nel voler diventare uno stato dell’Europa, una società fraternamente coesa, un popolo di uomini pienamente liberi.

26 Commenti

  • Is complimentus a Mariu, si seus biusu sabudu po sa Marcia de s’Indipendenza e masi donau custa poesia-cantzoni.
    Per Paolo M., bisogna far capire in tutte le salse ai sardi che l’indipendenza conviene al nostro popolo, i motivi sono tanti .
    Lo stato italiano e in forte difetto con la Sardigna con tutte le risorse che incamera e non ci restituisce.
    Paolo, volevo che mi confermassi alcuni dati, è vero che lo stato guadagna dalle servitù militari nella nostra terra 8 miliardi di euro la settimana, dalle acise saras 25 miliardi all’anno.
    Che rimane in Sardigna?

  • Si a chie guvernat Sardegna e libertà li paret bonu, e za est unu logu chi méritat, cussu testu lu ponzo a zisa de poesia (si poesia est!), chi est fatu pro lu cantare che a “No Poto reposare”, ca sempre càntigu de amore est, custa borta pro sos Sardos e pro sa Sardigna!
    Millu:
    Fortza, Sardigna, pèsadi e camina!
    (si cantat che a
    No poto reposare, amore e coro)

    1
    Bogadiche, Sardigna, s’Istivale
    Ca ti faghet andhare sempre a topu:
    S’Istadu italianu no est nostru,
    Petzi ti tenet pro t’irfrutuare.
    Fàghedi onore libbertade istima:
    Fortza, Sardigna, pèsadi e camina!
    2
    Dominadore, de dominadores
    Colónia, su chi fis, t’at eredadu,
    Cudhos ch’innanti t’ant iscaminadu
    Unidos medas e isfrutadores.
    Fàghedi onore …
    3
    Zente istimada, no podes istare
    A birgonza in debbadas ispetendhe
    S’Itàlia ch’in tot’àteru est pessendhe
    Ca tenet runzas suas de ratare.
    Fàghedi onore…
    4
    S’Itàlia nos zughet in busaca
    Che una innenneria posta a un’ala,
    Nos at petzi mandhadu innoromala
    E figura faghimus tonta e maca.
    Fàghedi onore…
    5
    S’incuru totu chi nos at mustradu
    Est cudhu pro su pegus de masellu
    Cundennadu ne prova ne apellu
    A serbire comente at destinadu.
    Fàghedi onore…
    6
    Che incravada pro ti guvernare,
    No faghes ne de manos ne de pese
    E peus a disastru ’e su chi sese
    Bi est solu chi che afunghes in su mare!
    Fàghedi onore…

    7
    Su mesu de sa zente est emigrada,
    Sunt totu sas piaes in cranghena
    E isperas ancora in manu anzena
    Sa chi nche cheret própiu segada!
    Fàghedi onore…
    8
    Ca fitianu at fatu irfrutamentu
    Ti che at sutzadu sàmbene e suore
    E nudha, prus de istúpidu s’onore
    Cun irbandhonu, mai ndh’amus tentu.
    Fàghedi onore…
    9
    Sempre teraca posta a teracare,
    Ti at irfrutadu ca ses miniera,
    Pro sos cómudos suos a galera
    Ti at fatu totu e base militare.
    Fàghedi onore…
    10
    Ses fintzas bella a muntonarzu sou
    Ca tenet arga meda de frundhire;
    Tue mancu resessis a ischire
    Cantu e cale est su torracontu tou!
    Fàghedi onore…
    11
    No pro àteru fintzas ti consolas
    E ringràtzias puru e ti cuntentas
    Daghi tempus li avassat e si ammentat,
    Candho totu passadu est de cassola!
    Fàghedi onore…
    12
    Ma si as de currer, a cambas truncadas
    Za tenes bellu isetu a mezorare!…
    No ndhe podes su passu a caminare
    Sighindhe a perder samben in debbadas.
    Fàghedi onore…
    13
    Candho mai a fagher pagamentas
    A unu ladru pro ti guvernare?!
    Tue sighis a perder sacu e sale
    Si paghendh’e pedindhe ti cuntentas!
    Fàghedi onore…
    14
    Natzione distinta e sinnalada
    In sos séculos tenes sa bisura;
    Ma oe za la faghes sa figura
    Essindhe in tricolore mascarada!…
    Fàghedi onore…
    15
    Ti at fatu chentza numen ne resone
    Mancu a tie cumpares su chi sese,
    A chie ti collonat petzi crese
    Mancari ti apat postu a mamutone.
    Fàghedi onore…
    16
    Chentu otanta chilómitros de mare,
    Fintzas s’Àfrica gai ch’est ifora!,
    Ne s’istória prus pretzisa ancora
    Paret chi bastant pro ti abbizare.
    Fàghedi onore…
    17
    Tot’ateruna zente e natzione,
    Terra chentza guvernu guvernada,
    Ti at lassadu che fémina ingannada
    Cun su burdu de itàlica Regione.
    Fàghedi onore…
    18
    A zente nos at fatu tzega e tonta
    De no bider manc’ue ndhe istamus
    E che macos illusos nos pessamus
    Su chi no semus, e ne ite contat!
    Fàghedi onore…
    19
    A bartzolu de ódios ti at fatu,
    Pares sa tana ’e sos espes terranzos,
    T’isterres a tapeto a sos istranzos
    Ma tra Sardos faghimus disacatu!
    Fàghedi onore…
    20
    No amus fide in nois ma creimus,
    Si est istranzu, a donzi culu ’e cane
    Ch’inoghe si presentat e, infame!,
    Donzi borta unu corru ndhe tenimus!
    Fàghedi onore…
    21
    A fora da’inoghe Istadu istranzu,
    In Sardigna su Sardu torret mere:
    Diritu universale est e dovere
    E de nois dipendhat su balanzu!
    Fàghedi onore…
    22
    Sardigna, de guvernu no ndhe tenes
    Ca su chi naras e chi amus bidu
    Est anzenu, est atesu e t’est nemigu,
    Meritat tituladu Istruibbenes!
    Fàghedi onore…
    23
    S’Itàlia no est pessendhe a tie:
    A tie tocat chi bi pesses tue!
    In su mundhu su Sole bi est totue
    E fintzas pro te puru faghet die!
    Fàghedi onore, libbertade, istima:
    Fortza, Sardigna, pèsadi e camina!

  • Michele Podda

    E chie est custu Pudhu cantadore
    chi faghet poesia in prosa sarda?
    Chi paret misicande sa pilarda
    a frùtura cun pizu punghidore?
    Nemos non nde li picat de sapore,
    lassa sa prosa, poesia azarda!
    Custu chi naras, pònelu in assentu,
    gasi bies chi nd’essit sentimentu.

  • Claudio Valdes

    Non so se il mio pensiero sarà pubblicato…comunque proverò a dire la mia.
    Ritengo non ci si possa lamentare, se molti esponenti di altre forze politiche non hanno appoggiato la mozione presentata dal Partito Sardo. O quantomeno occorre interrogarsi sulle cause del mancato voto a favore.
    Sicuramente alcune prospettate da Paolo Maninchedda e da altri commentatori sono corrette..(e mi riferisco ai partiti che prendono ordini direttamente da Roma. PDL – PD – UDC – IDV).
    Però è anche vero…che l’indipendentismo è una cosa seria.
    L’idea di Indipendenza, non me ne si voglia, deve essere avanzata da forze politiche serie, da movimenti seri, e realmente ancorati in Sardegna.
    Spiace dirlo, ma questa serietà alcune forze politiche hanno cercato di metterla in atto solo ultimamente, ed in maniera neanche tanto limpida. Probabilmente era soltanto un tentativo di facciata, in quanto continuavano a tenere i piedi in due scarpe diverse.
    Ripeto..l’indipendentismo è cosa seria.
    Ma può essere considerata seria una forza politica, che alle ultime elezioni regionali e in quelle locali successive, ha scelto di appoggiare uno come Cappellacci alla guida della nostra Nazione, con lo slogan ”BERLUSCONI PRESIDENTE”?
    Berlusconi che per prendersi il governo della nostra terra, ci ha preso per i fondelli con la barzelleta dei centomila posti di lavoro, con la soluzione dei problemi della chimica a Porto Torres, dell’Eurallumina a Portoscuso, della Sassari Olbia, per dirne solo alcune..!!
    Il risultato qual’è stato? Vogliamo parlarne cari Paolo Maninchedda, Giacomo Sanna e Trincas..?
    Può essere considerata seria la proposta di Indipendenza avanzata da una forza politica i cui dirigenti hanno consegnato la nostra nobile bandiera nelle mani dello stesso Berlusconi?
    Io ritengo di no.
    I risultati della scelta scellerata sono sotto gli occhi di tutti.
    Attraversiamo una fase di colonialismo furioso. Non contiamo niente.
    Ricordate il malaffare sull’eolico? E i provvedimenti a favore della cementificazione selvaggia della nostra terra? E i tagli alla sanità, all’istruzione, alle politiche linguistiche e alla cultura sarda?
    Siamo ai livelli dello scandalo. Umiliazioni dopo umiliazioni, che gridano vendetta al cospetto di Dio.
    Cos’ha fatto il Partito Sardo per contrastare tutto questo?
    NUDDA…!!!
    E allora dico, abbiano almeno il buonsenso di tacere. E lo dico da semplice cittadino sardo, indipendentista, non legato a nessuna forza politica.
    Dobbiamo fare tutti un bagno di umiltà e di serietà.
    Facciamolo per la nostra gente, per dare un futuro alla nostra Nazione.
    Grazie per l’ospitalità.

  • Bogadiche, Sardigna, s’Istivale ca ti faghet andhare sempre a topu: s’Istadu italianu no est nostru, petzi ti tenet pro t’irfrutuare. Fàghedi onore, libbertade e istima: fortza, Sardigna, pèsadi e camina! Dominadore, de dominadores, colónia, su chi fis, t’at eredadu, cudhos ch’innanti t’ant iscaminadu unidos medas e isfrutadores. Zente istimada, no podes istare a birgonza in debbadas ispetendhe s’Itàlia, ch’in tot’àteru est pessendhe ca tenet runzas suas de ratare. S’Itàlia nos zughet in busaca che una innenneria posta a un’ala, nos at petzi mandhadu innoromala e figura faghimus tonta e maca. S’incuru totu chi nos at mustradu est cudhu pro su pegus de masellu cundennadu ne prova ne apellu a serbire comente at destinadu.
    Che incravada, pro ti guvernare no faghes ne de manos ne de pese e peus a disastru ’e su chi sese bi est solu chi che afunghes in su mare! Su mesu de sa zente est emigrada, sunt totu sas piaes in cranghena e isperas ancora in manu anzena, sa chi nche cheret própiu segada! Ca fitianu at fatu irfrutamentu, ti che at sutzadu sàmbene e suore e nudha, prus de istúpidu s’onore cun irbandhonu, mai ndh’amus tentu. Sempre teraca posta a teracare, ti at irfrutadu ca ses miniera, pro sos cómudos suos a galera ti at fatu totu e base militare. Ses fintzas bella a muntonarzu sou ca tenet arga meda de frundhire; tue mancu resessis a ischire cantu e cale est su torracontu tou! No pro àteru fintzas ti consolas e ringràtzias puru e ti cuntentas daghi tempus li avassat e si ammentat candho totu passadu est de cassola! Ma si as de currer, a cambas truncadas za tenes bellu isetu a mezorare! No ndhe podes su passu a caminare sighindhe a perder sàmbene in debbadas. Candho mai a fagher pagamentas a unu ladru pro ti guvernare?! Tue sighis a perder sacu e sale si paghendhe e pedindhe ti cuntentas!
    Natzione distinta e sinnalada in sos séculos tenes sa bisura; ma oe za la faghes sa figura essindhe in tricolore mascarada! Ti at fatu chentza numen ne resone, mancu a tie cumpares su chi sese, a chie ti collonat petzi crese mancari ti apat postu a mamutone. Chentu otanta chilómitros de mare, fintzas s’Àfrica gai ch’est ifora!, ne s’istória prus pretzisa ancora paret chi bastant pro ti abbizare. Tot’ateruna zente e natzione, terra chentza guvernu guvernada, ti at lassadu che fémina ingannada cun su burdu de itàlica Regione. A zente nos at fatu tzega e tonta de no bider manc’ue ndhe istamus e che macos illusos nos pessamus su chi no semus e ne ite contat! A bartzolu de ódios ti at fatu, pares sa tana ’e sos espes terranzos, t’isterres a tapeto a sos istranzos ma tra Sardos faghimus disacatu! No amus fide in nois ma creimus, si est istranzu, a donzi culu ’e cane ch’inoghe si presentat e, infame!, donzi borta unu corru ndhe tenimus!
    A fora da’inoghe Istadu istranzu, in Sardigna su Sardu torret mere: diritu universale est e dovere e de nois dipendhat su balanzu! Sardigna, de guvernu no ndhe tenes ca su chi naras e chi amus bidu est anzenu, est atesu e t’est nemigu, meritat tituladu Istruibbenes! S’Itàlia no est pessendhe a tie: a tie tocat chi bi pesses tue! In su mundhu su Sole bi est totue e fintzas pro te puru faghet die! Fàghedi onore, libbertade, istima: fortza, Sardigna, pèsadi e camina!

  • Giuseppe Marini

    È giunto il momento di far capire ai sardi cosa chiediamo per i sardi. spiegandone le ragioni. dimostrando di non essere attaccati alle poltrone come qualsiasi altro partito. Sputtaniamoli entrambi. Pdl e PD vogliono solo la nostra estinzione. non hanno ancora capito che invece sta arrivando la loro fine. creiamo una forza di centro, autonomista, indipendentista con le “palle” per non cedere ai riccatti “romani”.
    CUSTA ESTI S’ORA!
    INDIPENDENZIA!

  • Amalia Collu

    Caro Paolo, purtroppo gli ordini di scuderia non esistono solo in Ferrari ma anche da qualche altra parte, vedi Pdl e Pd, ma la cosa non mi meraviglia incollati come sono alla poltrona non se la sentono di prendere decisioni CORAGGIOSE, purtroppo non sono tutti come noi; ciò che mi sorprende e mi lascia anche un pò di amaro in bocca è la posizione dei Rossomori e soprattutto di Claudia Zuncheddu: “dimenticavo però che Gesuino Muledda è un ex comunista” quindi….
    Comunque il Partito Sardo ne esce rafforzato e voglio ricordare a chi legge un nostro slogan:
    Noi Lottiamo:
    -per esaltare il ruolo democratico e autonomistico della nostra Regione
    – per la difesa dell’ambiente e l’uso dell’energia alternativa
    -per la lingua e l’identità del POPOLO SARDO
    – per il rilancio economico dell’Isola
    Noi Lottiamo:
    -contro l’oppressione culturale
    -contro le servitù militari
    -contro ogni forma di colonialismo
    Noi Lottiamo:
    PER L’INDIPENDENZA DELLA SARDEGNA
    Continuate così e FORTZA PARIS

  • Antonio Scanu

    Cari Consovrani Cittadini Sardi, con l’indipendenza dell’Isola Sardegna, avremo avuto la possibilità di cambiare il sistema politico della Sardegna, ma grazie a chi si è venduto al regime romano dovremo aspettare chissà quanto ancora, forse sin quando i “padani” non ci sbattano fuori loro prima che ce ne andiamo noi…
    In Sardegna, le amministrazioni che finora hanno governato non sono state all’altezza di quei miglioramenti necessari per la salvaguardia dell’interesse comune, l’inadeguatezza degli amministratori ci ha ampiamente dimostrato che hanno prevalso gli interessi di pochi a danno di tutti i Cittadini che la Carta Costituzionale indica come “Cittadini Sovrani”.
    La “Democrazia Diretta” sta bussando da tempo e sempre più forte alle porte di questo sistema che si definisce democratico, ma nei fatti non lo è, non lo e’ mai stato, dal momento che votando un candidato, immediatamente con la sua elezione ne perdiamo il controllo subendone il potere, se tutto va male per 5 lunghi anni.
    La candidatura non deve essere basata su questo, bensì sul sistema di controllo diretto dell’eletto, ossia: se non fa il suo dovere rispettando la “volontà generale”* dovrà dimettersi, cedere il posto al secondo eletto.
    *La “VOLONTA’ GENERALE” è la ” decisione del popolo sovrano”, quello che desiderate sia proposto e deciso nella sede istituzionale regionale: il Consiglio Regionale della Sardegna.
    Per trasmettere l’opinione del popolo e decisione sulle questioni politiche all’eletto democratico diretto dovrà essere implementata una piattaforma internet che permetta, previa registrazione univoca del Cittadino Sardo, la trasmissione della volontà di ogni singolo Cittadino che ritiene di voler partecipare attivamente ai lavori nelle sedute del consiglio regionale, ad esempio: si desidera sia instaurato il “referendum legislativo o propositivo senza quorum”? Desideriamo questo? La persona eletta si dovrà battere con tutte le forze per esprimere questa nostra volontà.
    Ogni decisione del popolo sovrano (volontà generale) dovrà essere il voto del rappresentante eletto ogni qualvolta sarà chiamato ad esprimersi, tutti i Cittadini Sardi di qualunque estrazione sociale, culturale e politica che si registreranno alla piattaforma internet, dovranno avere l’opportunità di controllare i lavori e fornire le indicazioni, le proposte di legge, cambiamenti e miglioramenti delle attuali al rappresentante democratico diretto.
    Ogni Cittadino potrà essere finalmente davvero partecipe, questa è la “Democrazia Diretta”: la più alta forma di democrazia possibile.
    Se il Popolo è Sovrano, lo deve essere nei fatti e per sempre!

  • Almeno questa volta, quando ci sara’ la tornata delle comunali di Cagliari, riusciremo a lasciare perdere le alte strategie politiche per rimettere i piedi per terra?
    Se continueremo a stare al fianco di chi non ci garba troppo, rischieremo la diluizione nel sistema partitocratico italiano e non potremo incidere sull’azione di governo.
    Alle comunali di Cagliari candidiamo e votiamo solo indipendentisti veri e non di facciata.
    Particolare attenzione verso la federazione di Cagliari, dunque.

    PS: Sono contento che Felicetto Contu si sia espresso a favore.

  • È un vero peccato, non avere un giornale, una radio o un qualsiasi mezzo di comunicazione.
    Avremo dato voce a quanto accaduto.
    Vedere L’UDC il PDL il PD, SEL, i Rossomori, votare contro la mozione sull’indipendenza, è veramente deludente, ma solo per loro.
    Noi ne usciamo rafforzati, abbiamo portato all’attenzione della gente una nostra idea, la abbiamo presentata e abbiamo ottemperato all’accordo elettorale con il PDL.
    Noi dobbiamo andare avanti ,apriamo una sottoscrizione per creare la Radio dei Sardi,chiediamo aiuto a tutti ,non solo ai tesserati .
    Avete visto cosa ha fatto la Wolkswagen per presentare un auto:
    http://grandeovest.com/tag/sa-passat-noa/
    leggete sino in fondo il manifesto. Abbiamo sdoganato un pensiero,in pratica, e non solo come idea… ci siamo, ora bisogna farci sentire.
    Senza voce, non si arriva da nessuna parte.
    A si biri chizzi.

  • Io non sono di area sardista però vi posso dire che quello che dice l’onorevole Manichedda è giustissimo. Li abbiamo provati tutti pd, pdl, psi, alleanza nazionale, perchè non provare questa strada. Continua cosi’ Paolo io sono con te.

  • Poveri loro e poveri noi: con questi pasticceri si fa la torta e quel che ne viene fuori è il “sardismo diffuso”, che sa di commerciale, pittoresco e turistico.
    Un sardismo di facciata ad uso e consumo della voglia dei giovani di credere in qualcosa anche se è semplicemente una necessità indotta e non percepita.
    Vabbè, noi ci abbiamo provato, ma il timore dei poteri romani era troppo forte e la onestà intellettuale dei politici PdL e PD troppo debole.

  • Ma si! Abbiamo in questo modo le idee di sicuro un pò più chiare. Quantomeno conosciamo versi ed avversi. E allora al lavoro, a cominciare dai consigli comunali, con documenti che spieghino bene che l’abbandono del parlamento nazionale e dei suoi partiti è il presupposto per la ricerca della dignità dei sardi e della Sardegna. E la smetta lo stesso PSD’Az nel dare indicazioni poco simpatiche ogni qualvolta si presentano le tornate elettorali nazionali. Le elezioni anticipate per la caduta di questo governo sono una occasione speciale per mandarli davvero a quel paese, destri o sinistri che siano.

  • Caro Compatriota,
    …..E’ da tanto che non ci si sente….Ma !!!!
    Credo che il tuo lavoro sia encomiabile e quindi ,si prosegue!!
    Gli altri,beh gli altri,se hanno paura del “diverso” non possiamo farci niente.Perdere le rendite di posizione è sempre una tentazione frenante le idee,gli ideali, i principi!!
    I partiti “italioti” dicono di Amare la Sardegna :troppo facile !!!
    E’ soffrire per Essa (vedendola in queste condizioni)che è difficile,difficile,difficile!!!
    Azzardo una proposta:rivolgiamoci direttamente ai cittadini sardi,facciamoci promotori di un referendum regionale con una buona informazione preventiva e stiamo a vedere!!
    Il popolo di Sardegna deciderà…..
    Noi non molliamo!!!(Loro neppure,ma gli conviene??)
    Un abbraccio
    Luciano

  • La frase della Zuncheddu dice tutto: se si approva una mozione di un tale valore politico si corre il rischio di doverne poi riconoscere l’enorme merito agli odiati fratellastri, ex alleati, traditori del Psd’az.
    Quindi meglio distribuire etichette (“demagogica”? ma che stronzata è?) per giustificare la continuità del vassallaggio.
    Fino al giorno in cui tenteranno di piazzarci il nucleare in casa ed allora qualcuno cercherà la grande forza dell’unità dei sardi per opporsi all’Italia matrigna.

  • Michele Podda

    Riprendo la richiesta di Nino. Nei resoconti del sito regionale non ci sono nè numeri nè nomi; se per i numeri Maninchedda ha già provveduto, i nomi sarebbe bene pubblicarli tutti: ASSENTI, ASTENUTI e CONTRARI, uno per uno.
    Certo che, come esempio di “tutti per uno…”, “l’obiettivo comune prima di tutto”, PD, Sel e Rossomiri sono stati veramente all’altezza: una vergogna. Che dire della “s-pasionaria” Zuncheddu?
    Apprezzo la sensibilità di alcuni Pdl; siamo a questo punto.

  • Bene, ci abbiamo provato, prendiamo atto per l’ennesima volta che, non esiste il centro destra ne il centro sinistra. La discriminante è sempre quella sardi e italioti. Il nostro punto di riferimento sono solo i cittadini sardi. Sono d’accordo con la proposta di G. Congiu.
    Fortza Paris semper.

  • Secondo voi così succederebbe se in un futuro consiglio regionale in cui Soru, Sale, Zuncheddu fossero alleati e si trovassero a votare la mozione sull’indipendenza?

  • Governiamo la regione e molti altri enti insieme a gente con cui non condividiamo neppure il concetto di sardità. Cosa ci stiamo a fare ancora in maggioranza? traiamone le conseguenze. E mandiamo a quel paese anche il Pd quando cerca di corteggiarci per fini elettorali. Cerchiamo di rivolgerci d’ora in poi ai veri sardi liberi, liberi dalle influenze dei partiti italiani.

  • Giovanni Piras

    Bravo Nino per aver ricordato questo episodio, però ieri a Macomer è stato messo come relatore, mi venne in mente appena lo vidi, proprio in quel convegno, quanto tu ha ricordato e fui tentato di intervenire, naturalmente in limba per rinfacciarglielo.
    Mario Melis raccontava divertito, che Flaminio Piccoli telefonò a Soddu alla fine della sua giornata piena di altri impegni, dopo aver indossato il capotto mentre stava uscendo dal suo studio, anzi pare che sia tornato indietro perchè si era proprio dimenticato di telefonare a Pietrino l’indomabile goceanino.
    Pro essere sardistas caru nino, bi cherete buttones

  • Assolutamente d’accordo con le osservazioni.

  • Capisco benissimo il tuo (mezzo) entusiasmo per il risultato del voto. È anche il mio. Dal cosiddetto centro destra è venuto un voto che mostra come non esista la categoria politica “centrodestra”, mente, accidenti, esiste la categoria “centrosinistra”, sempre uguale a se stessa; non esiste la categoria “centro”. Esistono, come sempre ho pensato, le categorie “nazionalisti” e “statalisti” che, spero vivamente, segnino nel futuro le battaglie politiche in Sardegna. Gli assenti – 29 se non ho contato male – sono il mondo degli ignavi dentro cui bisognerà lavorare, mettendo da parte il giudizio morale che viene spontaneo dare nell’immediato.
    Detto questo, non capisco ancora perché, caro Paolo, invece di coltivare quel che era scritto nel preambolo della nostra proposta di Statuto – che indipendentista forse non era, ma sovranista sì – e di appoggiarlo con la forza necessaria, facendolo proprio, dandogli la sponda di una cultura politica come la sardista, lo hai deriso con parole dure.
    Non pensi che dentro il centrodestra che aveva appoggiato quel preambolo allo Statuto, un appoggio o almeno una considerazione benevola avrebbe indotto i suoi protagonisti ad assumere il coraggio che non hanno avuto? I no alla mozione sono stati 28, il 35 per cento dei nostri eletti, il 57 per cento dei quali di sinistra, il 43% di destra. Chi sa perché non me ne stupisco.

  • Gianfranco Congiu sardista di Macomer

    C’era da aspettarselo … queste sono le risposte dell’apparato, della struttura, della isituzione.
    E la gente cosa dice.
    La gente è pronta per aprire un confronto sul tema?
    Contiamoci… andiamo nelle piazze …

    ADESSO CONVERTIAMO LA MOZIONE IN PROPOSTA DI REFERENDUM
    … andiamo avanti.

    Non mi interessano gli esiti consiliari, gli astenuti, i contrari, i favorevoli, chi se l’è fatta sotto e chi coraggiosamente ha sottoscritto l’impegno.
    Addesso tocca alla gente:
    mi piacerebbe sentirne la voce, sapere in quanti siamo e in quanti potremo essere, andare in giro per le piazze, raccogliere firme, animare il dibattito.
    Portiamo le nostre istanze fuori dal palazzo e vediamo da qui ad un anno che cosa succederà.

    Fortza paris

  • Pietro Delussu

    Mi pare importante richiamare anche le parole di grande e credo sincero aprezzamento per l’ottimo lavoro che il Partito Sardo sta facendo sul tema delle Riforme. Molti consiglieri intervenuti nella discussione, e non solo quelli che hanno votato a favore o si sono astenuti, hanno riconosciuto al PSdAz “lo straordinario contributo che i colleghi sardisti hanno dato a questo dibattito sulle riforme, in termini di elaborazione intellettuale, in termini di proposizione…” ed apprezzato “la presenza del Partito Sardo d’Azione come testimonianza attiva e visibile della nostra sardità”.
    Riconoscimenti che sono venuti dai centristi, ma anche da destra e da sinistra.
    Questi ultimi hanno votato contro non per convinzione ma per ragioni di schieramento.
    Nella sua dichiarazione di voto l’On Uras lo ha candidamente confessato :”Io voterò contro perché così abbiamo unanimemente deciso nel centrosinistra”.
    Ma chi mi ha fatto cascare le braccia è l’On Zuncheddu dei Rossomori che nella sua dichiarazione di voto dice che la proposta del PSdAz è demagogica e che che quindi pur essendo indipendentista vota contro l’indipendenza. Mah! In democrazia bisogna rispettare le opinioni di tutti.

  • Si conoscono i nomi degli astenuti,i nomi di quelli che hanno votato a favore, si rendano noti anche i nomi di coloro che hanno votato contro e dei 29 conigli che si sono rintanati. Il cittadino ha diritto di sapere e di conoscere ciò che i loro rappresentanti fanno in Consiglio Regionale.
    Tutto sommato è andata meglio di quanto non ci si potesse aspettare.
    Registro con soddisfazione che da oggi in poi i referenti del PSD’AZ sul progetto indipendentista non saranno più gli oligarchi di partito ma i cittadini sardi.
    La Sardegna paga da sempre,non da oggi, la sottomissione ai poteri di oltre tirreno. Un esempio per tutti. Pietro Soddu 51 anni, democristiano sassarese, riceve l’incarico ai primi di ottobre del 1980, di formare una giunta di unità autonomistica con tutte le forze democratiche ed autonomistiche(motivazione: crisi devastante,governo italiano sordo) dopo aver guidato una giunta di intesa autonomistica con il PCI che dava l’appoggio esterno.Si tratta sino alla domenica del 26 ottobre quando arriva il niet dell’allora Segretario della DC Flaminio Piccoli. Soddu,mansueto, rispose: obbedisco. E questo a dispetto di una vulgata che lo descrive impavido, dotato di un carattero duro e indomabile. Però, la carriera! Ed è ancora oggi sulla breccia consigliere fidato di Renato Soru.
    Siamo quindi sempre nel solco di un vassallaggio.
    La strada da percorrere non è agevole ma vale la pena scommettere. Con intelligenza.

  • Scusa Paolo, ma io non mi sono meravigliato per niente.
    Cosa ci si aspettava da queste forze politiche sarde?
    Il pd ha perso un’occasione più unica che rara per tentare un riavvicinamento, il pdl…… beh lasciamo perdere.
    Noi dobbiamo continuare per la nostra strada, che non è altro che la strada che prima o poi dovranno prendere tutti i sardi

Invia un commento