Lastima pro sa natzione*/Pietà per la nazione

22 aprile 2013 17:545 commentiViews: 33

A tottus sos traitores rinnegaos ki galu pessan a distruer e no a fravikare, ki bien solu su male ispricandesi in s’atteru, ki non sun capassos de bier su bene in kie triballat pro su bene de sa natzione (Giulio Ladu)

 

 

 

 

 

 

Lastima pro sa natzione inuve sos omines sun’ervekes
e sos meres sun malos pastores
Lastima pro sa natzione inuve sos zigantes sun avularzos
e sos sapìos sun’amudaos
Lastima pro sa natzione ki no artiat sa boke sua
si non po laudare sos ki l’an bintu
e fentomare cussos barrosos cumente eroes
ki disizan cumandare su mundu
cun sa fortza e sa tortura
Lastima pro sa natzione ki non connosket
attera limba si no sa propria
attera cultura si non sa propria
Lastima pro sa natzione ki tenet s’alidu de dinare
e ki drommit su sonnu de cuddos
cun sa frente troppu prena
Lastima pro sa natzione- oh, lastima pro sos omines
ki lassan ki los priven de sos dirittos issoro
e ke bentulen sa libertade issoro
Patria mea, lacrimas tuas
Durke terra de libertade

Traduzione di Giulio Ladu di Ollolai

TESTO ORIGINALE
Pity the nation whose people are sheep,
and whose shepherds mislead them.
Pity the nation whose leaders are liars, whose sages are silenced,
and whose bigots haunt the airwaves.
Pity the nation that raises not its voice,
except to praise conquerors and acclaim the bully as hero
and aims to rule the world with force and by torture.
Pity the nation that knows no other language but its own
and no other culture but its own.
Pity the nation whose breath is money
and sleeps the sleep of the too well fed.
Pity the nation — oh, pity the people who allow their rights to erode
and their freedoms to be washed away.
My country, tears of thee, sweet land of liberty.

LAWRENCE FERLINGHETTI

Traduzione italiana
Pietà per la nazione i cui uomini sono pecore
E i cui pastori sono guide cattive
Pietà per la nazione i cui leader sono bugiardi
I cui saggi sono messi a tacere
E i cui fanatici infestano le onde radio
Pietà per la nazione che non alza la propria voce
Tranne che per lodare i conquistatori
e acclamare i violenti come eroi
E che aspira a governare il mondo
Con la forza e la tortura
Pietà per la nazione il cui fiato è denaro
E che dorme il sonno di quelli
con la pancia troppo piena
Pietà per la nazione Oh pietà per gli uomini
Che permettono che i propri diritti vengano erosi
e le proprie libertà spazzate via
Patria mia, lacrime di te
Dolce terra di libertà !

*No b’intra nudda (o ‘nudha’ comente dia cherrere Mario Pudhu) su ki naro commo, ma tenzo gana de brullare. In su sardu uffitziale, pro iskire si ponnere o no s’atzentu, bisonzada contare sas vocales dae dereta a manca. Si s’atzentu est supra sa segunda vocale dae dereta (pro nos cumprendere, contande comente iscriiada Lenardu da Vinci), non si ponet accentu. Si est in sa terza, si ponet s’atzentu. Pro custu ‘cresia’ si iscriede ‘crèsia’, ma pro ite contamos sas vocales e non sas sillabas (che est comente contare sas berbeghes a pedes e non a concas)? Ca amos importadu su natzionalismu ortogràficu catalanu e commo Pompeu Fabra si fàghede una pippa a s’àteru mundu e nosàteros nos amacchiamos de accentos!

5 Commenti

  • Giovanni Porcu

    Comente si narat in FB ” mi piaghet “. Unu maniale de sa natzione Sarda.

  • … Caru Anzelu so fizu de un’iscola Casteddaia, mancari su mastru esseret nugoresu. Po sa limba t’as a ammentare ” sa linba no es bellesa, ne betzesa, ne lestresa; sa limba est unu mediu pro faeddare , arreionare, kistionare e allegare in sa manera prus crara e pretzisa , issa est cumente unu prisma cun medas caras in rapportu dialeticu; sa linba como est betza (numenes de locos, sambenados) e tando est nova (kimica, fisica, medikinas); Como est bella e tando est leza e gai. Su kit importat est ki amustred sa cussentzia de sa zenia sarda.” Sos atzentos los lassamus a sos linguistas, nois semus solu manivales de sa Natzione sarda.

  • Chapeau, Zuliu. Prime time, ite pentzare, una molotov a is limbistas de importazione.

  • Limba Sarda Comuna:”pro caritade”. Cun o sena accentu!

  • Guai ai cattivi pastori.

    Voi tutti, bestie dei campi,
    venite a mangiare;
    voi tutte, bestie della foresta, venite.
    I suoi guardiani sono tutti ciechi,
    non si accorgono di nulla.
    Sono tutti cani muti,
    incapaci di abbaiare;
    Sonnecchiano accovacciati,,
    amano appisolarsi.
    Ma tali cani avidi,
    che non sanno saziarsi,
    sono i pastori incapaci di comprendere.
    Ognuno segue la sua via,
    ognuno bada al proprio interesse, senza
    eccezione.
    “Venite, io prenderò vino
    e ci ubriacheremo di bevande inebrianti.
    Domani sara’ come oggi;
    ce n’è una riserva molto grande”.

Invia un commento