Il Psd’az non deve partecipare alle celebrazioni del 17

14 marzo 2011 13:0728 commentiViews: 20

203Il 17 p.v. il Consiglio regionale è convocato in seduta solenne per i 150 anni dell’Unità d’Italia.La celebrazione cade mentre il governo:
1) fa dell’impugnazione delle leggi regionali il suo sport preferito;
2) si trattiene i fondi Fas della Sardegna e vuole appropriarsi delle risorse liberate dei fondi europei, già iscritte nei nostri bilanci;
3) nonostante stia procedendo alla conferma dei vertici Eni, dice alla Sardegna di non poter condizionare l’Eni sulla chimica nell’Isola;
4) vara un federalismo municipale estremamente svantaggioso per i sardi;
5) non spende un euro sulla sanità in Sardegna, ma pretende di valutarne l’efficienza solo sul parametro dell’anzianità della popolazione e non su quello della sua distribuzione;
6)  Applica gli stessi studi di settore (da rinominare ‘studi di furto’) a Tonara come a Cagliari;
7) mantiene in Sardegna tre poligoni militari;
8) penalizza le università sarde con meccanismi di distribuzione delle risorse pensati per le università del nord;
9) pretende che sia la Regione a finanziare la costruzione delle strade statali e subordina la Regione all’Anas;
10) non investe un euro nella tutela dei beni archeologici, culturali e ambientali, ma subordina la Sardegna ai tempi biblici delle sue soprintendenze;
11) non riesce a proteggere gli amministratori locali dagli attentati;
12) non blocca il mare di cocaina che transita in Sardegna;
13) continua a non far fare le bonifiche dalle società pubbliche che hanno inquinato;
14) non riesce a contrastare le attività di riciclaggio della malavita nei settori dell’edilizia, del commercio e dell’energia;
15) fa spolpare le imprese da Equitalia;
ecc. ecc.
Per questi motivi il Psd’az dovrebbe, con una posizione ufficiale del gruppo e del Partito, disertare qualsiasi manifestazione celebrativa dell’Unità d’Italia. I sardi hanno versato sangue per l’Italia; l’Italia, per i sardi, ha versato tasse, chiacchiere, furti e prepotenze.

28 Commenti

  • Monica Mameli Engvall

    Eppure … questa notte non riesco a “dormire” …

  • Mario Pudhu

    Pro Antonello M. e totu sos àteros: Bene, milli bortas bene su chi as nadu! Est su chi bi cheret: una ‘mesa/micròfono’ de totu s’indipendhentismu, informatzione, controinformatzione, istúdiu, organizatzione e cuncordu de nitziativas, unidade de sos Sardos, fortza de sa Natzione Sarda. Bastat cun su pistamentu de abba! Pro s’Aràdio Sardigna Indipendhente, o Sardigna Líbbera, o àteru goi, comintza a mi pònnere coment’e sotoscritore: Mario Puddu, Santuanni Suérgiu, Arruga de Sassari, e unu millésimu de sa cifra chi as indicadu (e medas àteros podent fàghere meda prus de a mie, mancari fintzas risparmiendhe de si lu zogare in fesserias, ca medas indipendhentistas in custu no si cambant!).
    A fàghere festa sos Sardos pro sa “unità d’Italia” est che a fàghere festa in domo de s’impicadu pro sa fune chi l’at impicadu: infame, birgonza, iscallatóriu a bi leare parte!
    Ma bos imbio custos versos:

    Pro cale unidade

    Viva l’Italia! E viva s’unidade
    De sos Italianos totugantos
    E it’e gloriare apent e bantos
    In sa bona fortuna e menzus paghe!

    Ma ite amus de afestare nois Sardos
    In sa Furca ue semus impicados
    E pro sa fune de sa dipendhéntzia?!

    Custu est machine, est delincuéntzia.
    Sa brindhatzina de sos imbriagos!
    Imbóligu ingannile de bastardos.

    Sardigna, ispicadindhe! E pesa unida!
    Ispibilla sa mente e fortza faghe
    In su caminu de sa libbertade
    Pro chi apes tue puru digna vida!

  • Mario Carboni

    COMITADU PRO SA LIMBA SARDA
    vico III dei Genovesi 1 09124 Cagliari

    Allegato comunicato stampa trilingue inglese, sardo, italiano

    Su comitadu pro sa limba sarda,il 17 marzo, 150° anniversario dell’unità d’italia, ha convocato una conferenza stampa-dibattito presso l’Hotel Regina Margherita in Cagliari alle ore 10, durante la quale presenterà la lettera indirizzata all’Alto Commisario per i Diritti Civili UNHCHR dell’Onu, la sudafricana NAVANETHEM PILLAY, per iniziare una procedura di reclamo per violazione dei diritti civili dei sardi in relazione al non insegnamento della lingua sarda nelle scuole ed al suo non uso ufficializzato e paritetico con la lingua italiana nella società sarda.
    Interverranno alla conferenza stampa dibattito Paolo Pillonca, Mario Carboni, Diego Corraine, Michele Pinna, Antonimaria Pala, Francesco Casula.

    comitauprosalimbasardagmail.com

    Comunicadu de istampa in limba sarda

    Su Comitadu pro sa limba sarda, at cumintzadu unu protzedimentu de reclamu pro sa violatzione de sos deretos de s’òmine in contu de mesuras discriminatòrias in relatzione cun su no-imparòngiu de sa limba sarda e de sas limbas alloglotas in sas iscolas italiana in Sardigna, violatzione fata dae s’Istadu italianu chi nde tenet cumpetèntzia costitutzionale.

    Su Comitadu pro sa limba sarda s’incumandat a su Cummissàriu pro sos deretos umanos de sas Natziones unidas, Navanethem Pillaym, reclamende, chi s’Istadu italianu non rispetat sos artìculos 1.1 e 2.3 de sa Decraratzione de sos deretos de sa pessones e de sas minorias ètnicas, religiosas e linguìsticas adotada dae s’Onu in sa risolutzione n. 47/135 de su 18 de Nadale 1992, e in manera distinta in contu de:
    – s’amparu mancadu de s’identidade natzionale, culturale e linguìstica de sa minoria sarda;
    – sa mancàntzia de mèdios pretzisos pro fàghere a manera chi sos membros de sa minoria sarda tèngiant sa possibilidade de imparare sa limba materna issoro e de retzire un’istrutzione in sa limba materna issoro.

    Su Comitadu pro sa limba sarda pessat chi siat oramai còmprida s’ora pro s’imparòngiu de sa limba natzionale sarda e in sa limba de sa minoria in sas iscolas de cada òrdine e gradu, cun un’impinnu finantziàriu de bundu fatu dae s’Istadu italianu pro arressare su protzessu de isnatzionalizatzione e de assimilatzione giutu a in antis in manera sighida in s’iscola italiana in Sardigna.

    Custu protzessu resurtat comente una trobea a su moimentu largu e profundu pro s’amparu, sa normalizatzione e s’ufitzializatzione de sa limba sarda e de sas alloglotas, in unu regìmene de bilinguìsmu cun sa limba italiana, chi oramai non si podet arressare e chi est amparadu dae sa Regione sarda; unu protzessu chi noghet mescamente a sos giòvanos e non dat cara a sos prus elementares de sos deretos tziviles, colletivos e personales de unu pòpulu, cumintzende dae sos deretos linguìsticos, identitàrios e culturales.

    Su Comitadu pro sa limba sarda at a comunicare, su 17 de martu 2011, su cumintzu de su protzedimentu a mèdiu de una lìtera mandada a su Cummissàriu pro sos deretos umanos, NAVANETHEM PILLAY, pesadu in su 1993 dae s’Assemblea de sas Natziones unidas.

  • Antonello M.

    Cosa si risolve faccendo la festa del Psd’Az che compie 90anni? Facciamo una Radio Indipendentista che includa tutte le sigle e parliamo alla gente con campagne d’informazione incominciando dal nucleare, non ce tempo da perdere la gente è disinformnata e rischiamo di uscire dalla tornata elettorale con una mesta figura, tanto da convincere che la Sardegna per via degli zulù che vi ci abitano, merita come premio una o due centrali nucleari per il 150° anniversario.
    Ripeto con 50.000 indipendentisti che si quotano a 20€ ciascuno si raggiunge la cifra di 1.000.000 di € (un milione di euro), un fondo devo dire di tutto riguardo, essendo convinto che i sottoscrittori del progetto sarebbero molti, molti, di più.
    Se poi continueremo a fare “ognunu a intro de sa corte sua, sighiusu a faere cummente a is brebese” NUDDA. E il vincitore conquistatore continuera a dettarci l’agenda. A scuola ci stanno rincoglienendo i bambini con il tricolore, quando poveracci non conoscono ne la Storia ne la loro lingua.
    ISCIDAE PINNIGAUSU SU INARE E PARTIUSU

  • Stefano De Candia

    Io non parteciperei nemmeno alle elezioni politiche italiane come partito sardo…
    Ma purtroppo come sempre sono una minoranza e mi si dice che ci sono questioni economiche che ce lo impongono…
    In ogni caso credo che non si debba nemmeno prendere in considerazione una nostra partecipazione alle celebrazioni dei 150 anni dell’Italia unita.
    Troverei singolare il contrario, anzi mi aspetterei tutti i consiglieri sardisti vestiti e fasciati dal tricolore con scritte inneggianti all’indipendenza della Sardegna proprio in segno di sfida e per fare un gesto di rottura che abbia anche enfasi a livello mediatico.
    Mi auguro che almeno stavolta i nostri soliti, sottolineato, dirigenti facciano qualcosa di sardista, mi scuso con Nanni Moretti per la citazione…
    Confermo il Forza Giappone

  • Importante. Sardista.
    Straordinario commento oggi di Radio Barbagia:
    nella situazione in cui ci troviamo forse sarebbe meglio festeggiare l’Unità della Sardegna.
    Mi associo a Massimiliano Tedde: per il novantennio grande Manifestazione ad Oristano in Aprile con is morus.
    Attiviamoci da subito.

    Antonio Gavo

  • PERCHE’ LA CONFEDERAZIONE SINDACALE SARDA NON ADERISCE ALLE CELEBRAZIONI DEI 150 ANNI DELL’UNITA’ D’ITALIA.

    On.Claudia Lombardo
    Presidente del Consiglio Regionale della Sardegna

    Cara Presidente,
    i 150 anni dell’unità d’Italia segnano irrimediabilmente la differenza tra la storia
    moderna del popolo italiano e quella del nostro popolo sardo.
    Noi sardi rivendichiamo – oggi con rinnovata forza – il diritto all’autodeterminazione per affermare
    la nostra sovranità come popolo e nazione in un contesto europeo di democrazia e libertà dei popoli
    con una subordinata nel breve periodo – forse necessaria – di una forma federalista dello Stato
    Italiano che agevoli gradualmente questo processo. Del resto la forma federalista dello Stato
    Italiano era già fortemente presente nei pensatori e movimenti del Risorgimento da Cattaneo ai
    nostri Tuveri ed Asproni.
    Nessuno di noi vuol rovinare la festa al popolo italiano che legittimamente ricorda i suoi 150 anni di
    Storia dal 1861 ai nostri giorni. Per questo noi sardi facciamo i migliori Auguri al Popolo Italiano.
    Il Comitato per le celebrazioni dei 150 anni volutamente ha omesso di parlare del Regno Sardo, che
    storicamente e indiscutibilmente è l’elemento giuridico fondante del Regno Sardo-Piemontese da
    cui trae le sue origini la storia dell’Italia risorgimentale e moderna. Chi ha voluto rescindere questi
    legami non siamo stati certo noi sardi, che, oltre al primato delle origini, esigiamo rispetto e onore
    per tutti i sardi che sono morti combattendo nelle guerre d’Indipendenza e nelle due grandi guerre
    mondiali.
    Ma il divario tra l’Italia continentale e la Sardegna è ormai così profondo che difficilmente potrà
    essere recuperato con forme pur doverose di giustizia sociale ed economica come la Vertenza
    sacrosanta sulle Entrate. Non son bastati i Piani di Rinascita a riconciliare la nostra Isola con lo
    Stato Italiano né la nostra Specialità ci ha reso sufficientemente forti per difendere ed accrescere il
    benessere e i diritti del nostro popolo.
    Se oggi si parla di Nuovo Statuto e di Nuovo Patto tra lo Stato Italiano e la Sardegna evidentemente
    ci sono tutti i presupposti per aprire una nuova stagione che non sia di pura rivendicazione, ma di
    contenuti e proposte ed anche di nuovi poteri per la nostra isola che a noi piace pensare disegnare e
    progettare sempre più come isola-regione- stato d’ Europa.
    La Confederazione Sindacale Sarda, per coerenza, pur ringraziando per il cortese invito, non sarà
    perciò presente alla Seduta solenne del Consiglio Regionale del 17 marzo 2011 dedicata alle
    celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia, giornata di riflessione che dedicherà, invece, ai gravi
    problemi che assillano la nostra Sardegna dai posti di lavoro che mancano, alla disoccupazione
    tragica soprattutto dei nostri giovani, ai morti e malati di Quirra e ai disastri ambientali dovuti a
    politiche industriali sbagliate imposte e subite, alla lotta contro le centrali nucleari e ai depositi di
    scorie radioattive che, insieme alle servitù militari, danno il segno di come la Sardegna sia
    considerata ancora sotto molti aspetti una “colonia” dallo Stato Italiano che non può in queste
    condizioni chiedere ai sardi di condividere la festa.

    Cagliari, 15/03/2011
    Il Segretario Generale della CSS
    Dr Giacomo Meloni

    Confederazione Sindacale Sarda
    Via Roma, 72 – 09123 Cagliari
    Tel. 070.650379 – Fax 070.2337182
    http://www.confederazionesindacalesarda.it
    css.sindacatosardo@tiscali.

  • Ogni tanto capito su questo sito e non ho potuto far a meno di riflettere su quanto scritto…”Per questi motivi il Psd’az dovrebbe, con una posizione ufficiale del gruppo e del Partito, disertare qualsiasi manifestazione celebrativa dell’Unità d’Italia. I sardi hanno versato sangue per l’Italia; l’Italia, per i sardi, ha versato tasse, chiacchiere, furti e prepotenze”…e quindi si pensa di risolvere i problemi cosi’? Festeggiare l’unità d’Italia non mi sembra una cosa così sbagliata. Anche i liberi pensatori sardi hanno versato il sangue per unire il nostro popolo e mi sembra giusto celebrarlo. Sulla politica sarda posso essere d’accordo su quanto scritto però nella critica non capisco la condivisione di certe posizioni da parte del vostro partito. Mi reputo un difensore della sardità ma sino a prova contraria sono anche un cittadino italiano e soprattutto mi sento da amante di tutte le culture e tradizioni anche già cittadino europeo.
    Citate sempre l’esempio spagnolo della Catalunya nei vostri discorsi ma la realtà li è molto diversa. Nella regione catalana si parla solo catalano sia a scuola che a lavoro. Si fanno corsi di lingua catalana gratuiti per tutti organizzati dalla Generalitat (Regione) e non si parla solo di indipendenza dalla spagna, ma di identita’ locale voluta da tutti e riconosciuta quale capacità di primeggiare e di muovere l’economia di tutto lo stato. Anche dagli elettori che hanno portato il CIU (Convergencia e Uniò) ad eleggere il presidente della regione, che per intenderci ha avuto più consensi del candidato del PSOE di Zapatero, il segnale è stato chiaro. Attraverso un sistema regionale perfetto e coeso con candidati di spessore si è arrivati a non dover più dipendere dalle alleanze di turno con destra o sinistra e diventare un’identita locale unica e di grande consenso popolare. Cosi’ non si dipende più da Madrid ma dalla propria politica regionale. In piccolo la Sardegna dovrebbe fare lo stesso…se si continua a pensare alla sardità solo come uno slogam da opporre al nazionalismo non si arriva da nessuna parte. Almeno questo è il pensiero di un sardo convinto orgoglioso della sua terra e delle sue origini ma che si è adeguato ad essere cittadino del mondo.

  • Vincenzo Urru

    Un Sardo che festeggia l’unità d’italia è come un ostaggio che festeggia, col carceriere, la data del proprio sequestro (sindrome di stoccolma).

  • il 17 aprile andrebbe dedicato a fare un po di storia della Sardegna dall’unità d’Italia ad oggi: storia delle cause, delle conseguenze, dei vantaggi, dei falsi miti, di tutto quello che poteva essere e non è stato.
    dovremmo provare a rileggere questa storia aldilà della versione patriottica propinataci nelle scuole.
    dovremmo rifletterci noi e le giovani generazioni del nostro popolo.
    invece che festeggiare, facciamo qualcosa di utile per la nostra terra: parliamo della nostra cultura, puliamo una strada di campagna, mettiamo da parte una pietra x il primo che parlerà di nucleare nell’isola, mettiamo da parte 100 euro per un organo di informazione sarda e sardista.

  • Tutto perfetto– MANINCHEDDA — manca che il mare non è più nostro,i porti non sono nostri,le navi non sono nostre………….ecc ..ecc
    MA CANDU ZI SCIDEMMU—–
    Gianni Tramaglino

    VENITE TUTTI PIU’ SPESSO AD OLBIA
    DA QUA SI PARTE

  • Alberto Cossu

    Bellissimo lo spot per l’unità d’Italia patrocinato dalla Giunta regionale. Saluti a tutti i fratelli d’Italia :-D

  • Colpo Grosso

    “La Corte Costituzionale ha imposto correzioni che aumentino il peso delle singole regioni interessate dallo sviluppo di centrali nucleari. Ma già che c’era, il governo propone di togliere alcuni vincoli di pubblicità: nella vecchia versione i criteri in base ai quali saranno scelti i siti per le centrali venivano infatti pubblicati sui siti istituzionali e sui giornali. Nella nuova versione, in discussione domani e spinta dalla fretta, questi obblighi sono stati abrogati.”

    http://www.linkiesta.it/e-governo-cancella-trasparenza-sul-nucleare

  • Massimiliano

    Ricordo a tutti che a forza di parlare della festa dello stato che attualmente ci amministra forse ci stiamo dimenticando che ad aprile il psdaz compie 90 anni e non sarebbe male festeggiare alla grande con un bel convegno la mattina e musica e cibo la sera ovviamente ad Oristano dove naque il psdaz, un mare di bandiere.
    Massimiliano Tedde Pasdaz Assemini.

  • Augusto Secchi

    Intervengo per segnalare, sono sicuro, una dimenticanza che Paolo non vorrà sicuramente confinare in quell’eccetera eccetera. Fra quei quindici punti non avrebbe sicuramente sfigurato un: “il Psd’az non deve partecipare alle celebrazioni del 17 perché, dopo l’embargo di uomini e merci imposto dagli armatori alla Sardegna, non è tollerabile che un Ministro della Repubblica Italiana, una e indivisibile, se ne esca, dopo tre mesi, con questa supponente dichiarazione che somiglia paurosamente all’esclamazione di quel semplicciotto che scopri l’acqua calda: ‘l’aumento delle tariffe è un’ingiustizia che penalizza la Sardegna’”. Altre cose ci sarebbero da dire sulle indignazioni a scoppio ritardato, in forma di placebo, del suo omologo regionale. O sull’ennesima sollecitazione all’Antitrust, fuori tempo massimo, partorita da un PD evidentemente troppo occupato a curarsi le ferite delle primarie. Ma non è questo lo spazio e, forse, il momento. Il momento, anche di questo sono sicuro, lo troverà sicuramente Paolo per dedicare lo spazio necessario a un problema che, a tre mesi dall’inizio dell’estate, non possiamo più ignorare.

  • Alessandro

    Io il 17 marzo non ho nulla da festeggiare. Quel giorno esclamerò ad alta voce “Viva la Sardegna!”

  • Antonello M.

    Peccato Paolo che la tua impeccabile missiva come tante altre degne di nota, nonostante il nostro impegno di condividerla sui social network, purtroppo viene letta dai pochi intimi che siamo.
    Penso che solo una RADIO riuscirebbe a dare più voce a voi e darebbe voce pure a noi resi MUTI. Si annullerebbero le distanze far i vari movimenti indipendentisti per via della frequentazione costante in quella che diventerebbe SA MESA, SA DOMO NOSTRA. Un’altoparlante che entra finalmente nella casa dei Sardi , un luogo d’incontro di AGGREGAZIONE dove ogni movimento disporrebbe della frequenza radiofonica per due, tre ore quotidiane per farsi conoscere al pubblico. Una Radio dove poter ascoltare in diretta le assemblee del consiglio regionale e poter individuare chi dei politici Sardi e dotato di quel “pathos” che nasce dall’animo e dall’amore incondizionato ed ininfluenzabile per il benessere solo ed esclusivo della nostra terra, i “finti” sarebbero scovati subito e rimossi in sede di prossime candidature dal popolo sovrano, in quanto disattenderebbero le aspettativa del cittadino CONSAPEVOLE ed INFORMATO. Una Radio indipendentista che trasmettesse cultura, politica, musica, e quant’altro ci possa interessare ed appartenere, in cui pure noi, emarginati della politica, ma potenziale attivo, telefonicamente, in diretta da casa o altrove potremmo discutere con i nostri politici o altri intervenuti, ai dibattiti radiofonici quotidiani. Non oso aggiungere altro, ma il lettore attento sarà d’accordo con lo scrivente che ci sarebbero da aggiungere all’elenco solo ritorni positivi. I fondi per l’attuazione del progetto si potrebbero trovare da una sottoscrizione ad una cassa comune dove per esempio ogni aderente versando la modica cifra
    di 20 € X 50.000 indipendentisti fanno 1.000.000 € (un milione di euro). Mi sembra una cifra sufficiente per realizzare un progetto di questo tipo. Classe Dirigente organizzate e pubblicizzate Sa Mesa, e diteci quanto dobbiamo mettere, sicuramente non troverete contrari.
    Tutte le mattine percorrendo la solita strada, che in 40 minuti mi porta a lavoro, mi capita d’incappare selezionando le frequenze FM, Radio Padania, e mi chiedo: ma siamo il Burkina Faso che non riusciamo a farci una Radio per uscire dall’omologazzione e la narcotizzazione dell’informazione?
    E vorrei fare un’appello a Tutti Dirigenti dei vari movimenti, fa pure rima:
    Non disattendete come state facendo la volontà di un Popolo che vuole camminare assieme,
    della vostra irrazionale capacità di dividerci in tribù, o in “cortes, cummente a is brebese” ne abbiamo le palle piene, Non siamo così imbecilli come credete, cosi’ come non ne possiamo più, di scissioni e quant’altro di distruttivo. La Sardegna è in agonia, da noi solo le farmacie, mantengono alti i profitti del loro esercizio, con la vendita di antidepressivi, dato questo, che ci fa primeggiare in Europa, come la disoccupazione giovanile al 47%, manco i paesi del Nord Africa.
    PsdAz fuori dalla maggioranza.
    Per fare una RRRepubblica ci vuole una RRRadio.
    FORZA GIAPPONE

  • Non bi diat esser mancu bisonzu de lu narrer duas bortas. Est ora de zirare teula!
    Salude e libertade

  • Antonio Marchi

    Non condivisione, non partecipazione, diserzione, boicotaggio,
    in Consiglio Regionale, nei Consigli Provinciali, nei Consigli Comunali,ovunque ci sia iniziativa pubblica e siano presenti i sardisti per le ragioni sopra esposte e per tante tantissime altre: è stata la mia proposta all’ultima Direzione Nazionale che si è tenuta a Baralidi il 25 febbraio scorso.
    Antonio Marchi

  • Piero Atzori

    Dall’elenco manca il punto sulla continuità territoriale, da sempre scaricata sulle nostre spalle, con la grave ipoteca sulla nostra economia.

  • Ho manifestato non condivisione dei festeggiamenti in due post dell’altro ieri.
    Uno strappo necessario dal significato politico forte. Bisogna pur dare il via alle danze!

  • Do ragione a Umberto Sale, il problema siamo noi che ci piangiamo addosso e non abbiamo una classe dirigente che riesca ad imporsi. ho ancora negli occhi la campagna elettorale delle scorse regionali dove suà maestà veniva accolto come il salvatore della patria e lui , metafora vivente del governo traditore, si permetteva il lusso di girare la sardegna il lungo e in largo, spendendo parole (anche offensive) che il popolo cieco e ignorante si è bevuto, condizionato anche di una campagna mediatica distorta dove, aimè, anche il Psd’az ha contribuito in maniera rilevante. non partecipando alle celebrazioni forse, penso, si farebbe un torto a quei sardi che, come dice lei, hanno versato il proprio sangue per l’Italia.

  • renato orrù orsimonmossa

    ASSOLUTAMENTE NON SI PARTECIPA ALLE CELEBRAZIONI
    DALTRONDE NON SI CAPISCE NEPPURE PERCHE’ GLI ITALIANI , CHE SONO COMUNQUE LIBERISSIMI DI FARLO, FESTEGGINO …..
    A noi non resta che aspettare la fine delle celebrazioni ( e di queste ubriacature mediatiche ) nel 2012 per poi cominciare noi a discutere sulle piazze di ogni paese della Sardegna di cosa ci sono costati questi 150 anni, del sangue inutilmente versato dall’ allora Esercito e Marina Sarda sino a Luca Sanna, delle economie strozzate, del maltolto continuato, delle porcherie sversate, dalle prese per il culo.
    NO, IO NON HO NULLA DA FESTEGGIARE, …devo lavorare per pagare Equitalia
    perchè siccome in italia siamo tutti uguali, pago INPS come i miei colleghi della Lombardia …..
    Forza Paris,Forza Paolo
    R.

  • Concordo.

  • AC Macomer

    SIIIIII
    Non servirà forse a molto, ma iniziamo a far capire a tutti gli altri che cosa sono i sardisti.

  • Umberto Sale

    Dal momento che il Psd’Az è indipendentista appare ovvio che non debba prendere parte alle celebrazioni dell’unità d’Italia. Quanto alle vessazioni che continuiamo a subire il problema non è il padrone, il problema è la servitù che fa credere al padrone di esser tale

Invia un commento