Il dittatore democratico

13 febbraio 2012 23:033 commentiViews: 11

pasoliniCito da uno scritto di Corrado Augias.
Non dico di chi parla, perché non è essenziale. Infatti, ciò che conta è l’immagine del potere personale che sarà l’esito del disordine a cui, per tanti motivi, si rischia di avvicinarsi. Io sono molto convinto che esiste nella cultura italiana una pessima abitudine a vivere più di sequela di un’autorità che non della responsabilità della propria libertà. Dopo la consunzione di ogni credibilità pubblica, verrà inevitabilmente una ‘forza’, un ‘potere’ a cui, sia l’elettorato di destra che quello di sinistra, intimamente e saldamente dogmatici, guarderanno per affidargli il destino nazionale italiano e  così ritornare alla rassicurante ‘servile disciplina’, imposta da una milizia (Gobetti), che da sempre consente l’infantile militanza che affida alla ‘parte’, e all’eroe che la guida, la responsabilità della realizzazione della propria vita.

“Insieme al potere voleva mantenere l’amore dee popolo, gli piaceva l’abile intreccio che era riuscito a creare tra controllo dell’esercito, balnda repressione poliziesca, populismo: una pericolosa forma di autorità fondata sulal demagogia e sul carisma personale, che ha avuto molti imitatori in ogni epoca, compresa la nostra, e che nella sostanza è l’opposto delal democrazia. Il «dittatore democratico» non governa contro il popolo; ha indubbiamente bisogno di una polizia fedele, di «servizi segreti» che abbiano occhi e oreccchie dove serve, di denaro per corrompere e di delatori per sapere. Ma è anche un uomo che può comparire in pubblico enza timore, sicuro anzi di raccogliere l’ovazione di una folla che lui si compiace di salutare, d auna tribuna, d an balcone, da uno schermo delal TV, con un gesto benedicente ampio e calmo. Il dittatre democratico non è il tiranno occhiuto che fa eliminare senza pietà  gli avversari, sul quale s’impreca a mezza bocca, che al passaggio è seguito da un coro di maledizioni; il suo potere si colloca a metà tra repressione e consenso, imposizione della volontà e ascolto delle profonde esigenze popolari, culto della personalità, totale identificazione (confusione) dei suoi interessi personali con quelli dello Stato. Il funzionamento della democrazia è maccchinoso, lento, costoso; il dittatore democratico taglia i costi, accelera le decisioni eliminando gli equilibri tra i poteri, offre certi vantaggi; in cambio si stente autorizzato a limitare le libertà, a imporre il suo volere come il solo legittimo, vuole essere temuto, ma non per questo rinuncia a essere anche amato. Il dittatore democratico si sente il padre del suo popolo e come un padre si riserva di premiare e di punire a suo giudizio. Il contrario della democrazia, appunto”.

3 Commenti

  • uracastanzas

    it’est unu dittatore democraticu?
    it’est una democratzia?
    sun istrumentos chi sa sotziedade chirrat pro otenner ite?
    pro otenner su bene de sa zente? podet essere chi nono!
    su chi si chircat de otenner podet esser chi no siat su de “istare menzus” chi sa zente cheret.
    in custos tempos paret chi tocat de otenner no su “istare menzus”, ma prus a prestu cussu chi sos “media” nos proponen: tassas de mancu, evasione fiscale de mancu, incurtziare su “spread” e sos pretzios de sa politica, a che imbolare sos privilegios.
    in tempos de deris, trint’annos como, fuit de chircare otenner sa paghe sotziale, a gherrare cun su terrorismu, a bartziare su benessere de sa zente e de sos cunsumos. po otenner custu no si podiat fagher a mancu de su “consociativismo”, de s’iscala mobile, de su guvernu unu pagu ‘e totus, cun cussa forma de democratzia lesina e druconza chi acuntentait totus e costait meda.
    in tempos de oe su bene comunu (o su chi non faghe creere chi siet issu) est su incurtziare su “meda” chi costan s’istadu, sa politica, sas istitutziones: totu cosas chi podet otenner unu (omine o guvernu) cun sos “attributos” (sos cozones, namos).
    unu chi iscurtat ma no intendet, ca tantu si faghet su chi cheret issu; unu democraticu (pagu) ma “decisionista” meda; unu chi costat pagu ca decidit issu ebìa e in presse, e faghet a mancu de sa “rappresentanza” chi costat meda e chi cheret tempus;
    sa democratzia ‘era est a partetzipare, e custa est cosa chi no podet andare cun sa presse e duncas costat ‘inari e tribagliu.
    s’omine chi cumandat a sa sola costat pagu, est bellu ca si faghet ammmirare, nos liberat dae su tribagliu de pensare, partetzipare, detzidere.
    si noisateros sardos fumis bistados indipendentes aimis tentus problemas in mancu a partetzipare e detzidere, ca semus pagos e, comente regula, ingustados a su tribagliu.
    aimis tentu una democratzia ‘era, lestra e partetzipada, e fumis bistados liberos de detzidere in domo nostra, riccos o poberos chi esserat.
    cumbinchimonos e cumbinchimos sos sardos, innantis de fagher sa sorte de sos indianos (cussos cun sas pumas, no cussos chi tenian famene)

  • Bellu argumentu pro nos pònnere a pessare!
    Sa demogratzia est de seguru prus difítzile ma est sa sola cunditzione chi nos permitit de èssere zente, de àere libbertade e responsabbilidade, sa sola cunditzione veramente umana. Chi no cheret nàrrere, però, a fàghere a bínchidas a chie ndhe podet fàghere cantu prus mannas e allardiadas che in d-unu cumonale inue donzunu faghet su chi li paret e piaghet: su pesu de sa libbertade (cantu pesat sa libbertade) est su matessi de sa responsabbilidade e chie pessat de fàghere su furbu est solu furbu, no prus líbberu. E pesso chi tenimus caminu longu de fàghere pro èssere abberu demogratzia! Fintzas ca su mundhu, oe, est própriu totu su mundhu e sas dificurtades sunt medas fintzas pro cussu e in cantu a ischire e a cumprèndhere no bastat chi siat possíbbile prus de unu tempus.
    Fintzas pro custu creo chi un’istadu sestadu a misura de sa Sardigna (de su restu proite sas ‘autonomias’, sas federatziones?) tiat rèndhere sa demogratzia meda prus possíbbile, nessi pro su chi est su guvernu de sas cosas nostras.

  • Mi vengono i brividi solo a pensare che nel nostro Paese si possano ripetere errori storici come quelli passati. Spero che il popolo, in particolare quello sardo, sia abbastanza maturo per capire che abbiamo bisogno di ben altro, e se qualcuno non lo ha ancora capito dobbiamo cercare di inculcargli il valore della libertà e della democrazia. Certo che i nostri politici, fra i quali si annoverano anche politici sardi (non faccio di tutta l’erba un fascio!) hanno contribuito a farci odiare la politica per cui si cerca l’uomo forte che risolva tutti i nostri problemi. Il partito Sardo, come mai in questo momento, ha l’opportunità di far sentire la sua voce, diamoci da fare.

    Gabriella

Invia un commento