Il Consigliere Francesco Sanfilippo, osservatore internazionale al referendum sull’Indipendenza in Catalogna

8 marzo 2010 14:163 commentiViews: 11

Il 28 febbraio scorso in 80 comuni della Catalogna si è svolto un referendum popolare sull’ indipendenza. Ha partecipato il 21,7 % della popolazione interessata e il 97,04% dei votanti si è espresso perché la Nazione catalana diventi una stato libero e indipendente. Leggi tutto

3 Commenti

  • Renato Orrù or Simon Mossa

    …. ed io invece faccio i complimenti a Franco e contestualmente a chi ti ha chiesto di andare in Catalogna a portare la nostra Bandiera. Per una serie di Motivi : 1) così non sono andati solo i RospoMori (che tanto gli ha dato fastidio la nostra presenza da censurare le foto) e IRS.
    2) dobbiamo essere più presenti sul palcoscenico internazionale anche perchè è nostro dovere esserci.
    3) perchè nel nuovo statuto sono previste le sezioni sardiste estere e se non ci facciamo conoscere diventa dura.
    4).. e la prossima volta per la bandiera nelle foto ci penso Io e, se qualcun altro vuol venire (non si spende molto )nelle foto i rossoriani non ci entrano…
    Satira a parte Noi Sardisti ( e bene ha fatto Franco comportandosi con eleganza ) non ci facciamo problemi per l’ esistenza di altri gruppi e di certo non andiamo in giro a perder tempo mettendo i bastoni fra le ruote o peggio.
    Comunque, non è stata una operazione folcloristica come afferma Sardus
    infatti in parlamento Catalano pochi giorni dopo approva una mozione che riconosce le due tornate referendarie del 13 Dicembre e del 28 Febbraio come “espressione della volontà di partecipazione politica dei cittadini nel plasmare il futuro della Catalogna e la riaffermazione della loro realtà nazionale.” … se ti sembra folclore: in regione la nostra mozione sull’Indipendenza non è ancora in calendario…..

  • Su 21,7% de sos chi tenen’ dirittu a su votu mi paret una percentuale risibile e, si puru su 97,04% de cussu 21% po chentu si siat espressa a favore no mi paret unu risultadu entusiasmante, a votare no b’est acudida mancu sa quarta parte de sa popolatzione e, cunsideradu su tempus chi b’est faghinde, bastat unu pagu ‘e fioca po fagher’ saltiare totu sos pianos e sos progetos de sos riconnoschimentos nazionales. Già est beru chi no serviat a nudda e si trataiat de meru folclore (comente risultat su referendum consultivu contra su nucleare chi s’est promovinde in Sardigna) ma a dogni cosa bi cheret sa giusta visualizzazione. Gavinu Sale de custu referendum catalanu haiat fattu menzione in sa festa de sos 25 annos de sa CSS, pariat cosa fatta ma no si creiat chi b’esserat andada a votare gasìe paga zente. In ateras peraulas bessit a campu chi sos catalanos (comente sos sardos) istan’ a su chi lis faghen’, como hat a tocare de si cuncentrare in sa RIFORMA DE SA LEGGE ELETTORALE IN CABINA ELETTORALE chi s’est chilchende de promover’ po sas eletziones de su mese ‘e maggiu. Bastat una frimma in s’ischeda elettorale po dare sa fiducia a sos proprios candidados e ….. su giogu est fattu. COSTITUENTE hat a poder’ esser’ dimandende su contegiu de sos voto “nullos” a sos prefetos (restende a sas tendenzias registradas in sas ultimas torradas elettorale – regionales cumpresas – s’hat a tocare cifras bene superiores a cuss’istriminzidu 21,7% e, mancari sos giornales sigan’ a no informare, s’Educadu populu civile chi votat su PARTIDU CHI NO CH’EST hat a triunfare, custos ultimos tempos de amministrazione nos ponen’ in su siguru e sos territorios si deven’ isfrancare da su perigulu de su nucleare e da sa corruzione imperante). Deo cumprendo chi, cun su referendum catalanu si chelzan’ distraer’ sas attenziones da sas chistiones internas chi nos interessan’, ma a dogni cosa, mi paret, si devet agatare unu limite!

  • Sicuramente una esperienza interessante. Meno il servizio fotografico sia per la mancanza della bandiera del Partito Sardo D’Azione, sia per la presenza di un osservatore protesi dell’ala soriana piddina.

Invia un commento