I sacri riti inutili del dopo finanziaria

14 gennaio 2011 09:3813 commentiViews: 10

121Ite missa est. Finito il rito, ci si segna, prendendosi la benedizione che un tempo era un viatico di bontà, oggi una formula di congedo sterilizzata. Finita la finanziaria inizia la fiera delle fesserie: l’opposizione impegnata a dire: “tutto falso, tutto negativo, tutto inutile”; la maggioranza a dire: “Splendidi e inevitabili destini di progresso”. In mezzo, la verità con la gola tagliata, rossa, e la pelle candida come la neve, come i bambini della strage degli innocenti di Guido Reni a Bologna. E la verità è che la Finanziaria ha, come tutte le leggi, luci (continuità territoriale, scuola e formazione, fiscalità di vantaggio, interventi per imprese e disoccupati ecc.) e ombre (alcune misure della stabilizzazione dei precari e le soluzioni dei pasticci del passato sull’inquadramento dei dipendenti regionali, che anziché risolvere un problema per sempre potrebbero tarsformarsi in pericolosi precedenti). E allora perché perdere tempo nel gioco delle parti? Sta arrivando una crisi terribile che noi possiamo affrontare solo se trasformiamo quote importanti del Pil, attualmente prodotto nel sistema della Pubblica Amministrazione, in Pil del manifatturiero;  solo se affrontiamo seriamente il tema del costo del lavoro; solo se chi già lavora fa un patto di solidarietà con chi non lavora; solo se torna a farsi strada un valore: il sacrificio. Il ceto politico deve dare l’esempio: nella cultura, nell’educazione, nei costumi, nei redditi, nelle parole. E il primo banco di prova sta proprio nel finirla con le divisioni fittizie e tattiche. Mi spiego bene (spero): se ci fossero domani le elezioni politiche, noi sardi dovremmo fare un’unica lista, la lista “Sardegna”, eleggere 29 parlamentari (senza stranieri) stretti da un patto sulla Sardegna e liberi per tutto il resto. Se la smettessimo con le divisioni fittizie, faremmo le riforme necessarie (istituzionali, amministrative e de conomiche) in un mese non di più, e poi andremmo a elezioni con un nuovo soggetto politico, plurimo, riformista, sardo: il partito dei sardi. Invece, anzichè fare cose che modifichino la storia, trascorriamo la storia spendendo le risorse non nostre ma delle generazioni future. Ite missa est.

13 Commenti

  • Mario Pudhu

    A Piero Atzori (e a totu sos indipendhentistas sérios): sa “pars costruens” chi naras est in cussas duas úrtimas rigas chi as iscritu inoghe e podes cumprèndhere chi no est cosa de duas rigas e mancu de duas pàzines e ne de duas dies. Ndi fait calai su lati a genugus, ti lassat mortu e biotu chi sos indipendhentistas no resessant a lassare istare sas presuntziones e si ponzant nessi nessi a si chistionare, istudiare, informare, prozetare, cuncordare initziativas a cumone, fintzas abbarrendhe organizatziones distintas (tio nàrrere menzus grupos, ca prus de custu no si podent cussiderare): si cundividint su chimbe pro chentu de s’idea de indipendhéntzia tocat chi cussu lu fetant paris. Fintzas a como no at callau nudha, coment’e genti iscallada, gioghendi a “vita mea mors tua, vita tua mors mea”. Deo no isco si bi at indipendhentistas chi resessint a cumprèndhere chi s’indipendhéntzia est sa filada netzessària ma prus difítzile, chi rechedit totu sas menzus capatzidades e no contighedhos de segamigasu.

  • @ Mario Pudhu, unu saludu, ca nde tenzo un’amentu bonu de tue, de cando nos bidiavamus in Casteddu in kentu comitados contra colonialistas e in domo de su biadu de Bore Ventrone, in bonu mundu ke siat…, ateros tempos. Caru Mario a dies de oje, sa fortza de sos partidos sunt sos votos, kie votat est su populu, ki non sighit semper sas ideas zustas, ma su cumbenniu e a bortas ponet in mente solu a su bisonzu. Sa curpa paret semper de kie cumandat sos partidos, ma unu partidu, su prus dekidu e galanu ki non tenet botos, ite balet? Nudda! Bisonzat a sa Sardinna? Mah! Una lista unica po sa Sardigna mi paret unu visu, ma …a bisare non costat nudda. E a nos bisonzare, nos bisonzat meda. Sa kistione est cumente los sortimus tottu sos sardos (non sos partidos) a unu? Si galu semus fizos de su colonialismu, ki nos partid in destra, sinistra, natzionalistas, non natzionalistas ( perdonalos ca sun zovanos). Arvuresos e battomorinos (Deus nd’iscampet e liberet). Sardistas conki ruvios e conki canos. Kie podet criticare semper e a tottus ca est limpiu ke unu lizu, kie inbetzes filat sa lana…..nana nana na na!
    Salude e libertade.

  • La Sardegna sta per subire un nuovo assalto alle sue bellezze naturali.Che ne pensate della sentenze del TAR che annullano le delibere della Regione riguardo agli impianti eolici?

  • Piero Atzori

    a sa critica chi movet Mariu Pudhu a Maninchedda, chi podet essere zusta, mancat sa “pars construens”. A cambiare sa conca a sos sardos, chi mancu s’accattamos de essere pedidores e traittoreddos, ddue nde cheret de tempus e de passientzia… Maninchedda podet solu penzare a cracchi passu. Si abbaidamos a sa Sicilia bisonza de ammittere chi sos sicilianos arrennessent a aunire sas fortzas issoro menzus de nois. Nois, chi non semus in diesegus de sos sicilianos, amos a essire de su ludu fintzas a benugos inue semus.
    Ominiga passada fuo in Abbasanta cun sos de iRS. In chinbighentos e prus fiamus. Ddu at de essere cuntentos, in Abbasanta s’est cumprendiu bene ca s’idea de incomintzare unu caminu nou po su bene de sa Sardigna intrea est diventande donnia die prus manna. Si nessi 15 onorevoles diant cherrer gherrare in Parlamentu po su bene ‘e totus, sa fortza Mariu Pudhu, semus nois chi l’amus a zare a sos rappresentantes nostros. Si imbetze non cherent gherrare est menzus po issos chi s’iccandent, ca caddos de istalla no nde cherimos.
    S’isperantzia chi tenzo est chi sos sardistas, sos de iRS e sos atteros indipendentistas ponzent a un’ala sas chistiones inutiles e istabilint puntos de unione, in italianu: “una linea comune di azione”
    Corazu e fortza paris.

  • Lista Sardegna senza stranieri.
    Una ulteriore presa di posizione:
    gli italiani sono italiani,
    i sardi sono sardi,
    i sardi non sono italiani.
    La maggior parte dei sardi sente il bisogno di protezione e guida degli italiani e li affronta supinamente.
    Lo stato coloniale ha fatto molti danni.
    Notare che ora sta rovinando ulteriormente l’unico patrimonio ancora in nostro possesso: quello ambientale.

  • Augusto, quello che dici sulle “sanatorie” della passata legislatura è cosa da me conosciuta ed anche criticata. Non a caso ho votato questa maggioranza nella speranza che le cose fossero cambiate. Purtroppo la speranza è stata vana ed è forse per questo che continuo ad indignarmi anche di più. Dovresti menzionare nelle “sanatorie” anche quanto scritto e fatto per far fare un bel salto a tanti regionali, anche in questo caso senza concorso e in barba alle regole. Per il resto come ti dicevo condivido in tutto quello che tu hai scritto. Fortunatamente ho la possibilità di potere continuare a criticare queste cose indipendentemente dal colore politico di chi le compie e forse per questo non sono mai finito nelle famose sanatorie. Saluti.

  • Mario Pudhu

    Timo chi s’On. Maninchedda mi mandhet a pasci cocas ca cun sa seriedade chi tenet (e chi aprétzio e istimo, za lu poto nàrrere ca tantu deo so unu de cudhos chi no tenent de s’ispetare NUDHA) no mi paret però chi tenzat su sensu de su ridículu; e a mie, ca si pesso a sos ‘políticos’ sardos est che a mi colare unu bulldozer in s’istògomo, mi ch’essit meda a che la furriare a risu, a leare in ziru. Segundhu cun chie, poi, a ispèndhere carchi peràula mi paret prus a la intregare a su bentu chi no a origras (inoghe ogros) dispostas a la retzire ca, comente narant, “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire” (e no solu pro idea mala, tocat de riconnòschere, ma ca mancari unu pessat, onestamente, chi “est menzus a, chi no a” e ca de contos irballados semus suzetos a ndhe fàghere totugantos.
    Epuru s’ipótesi chi at fatu de una “lista Sardegna” est cosa chi personalmente apo pessadu unu muntone de bortas (fintzas si isco chi deo conto cantu “il due di picche”, ma est solu chi chirco de pessare, ischindhe no meda meda ma assumancus cantu bastat de s’istória nostra, pro cumprèndhere in cale parte de su mundhu si materializat sa libbertade/responsabbilidade mia, e nessi cun calicunu chistiono e si chistiono carchi cosa chirco de nàrrere).
    Ma sas ipótesi no si faghent ca zughimus fantasia meda e custa chi faghet Maninchedha est solu una “quadratura del cerchio”, cosa chi, si no apo cumpresu male, est solu impossíbbile, no faghet. Personalmente l’apo fata solu pro nàrrere chi, si custu miràculu si realizat, sos Sardos tiaimus fàghere solu unu bucu prus mannu in s’abba. Cosas de pistadores de abba, sigo a nàrrere deo (ma mi frimmo goi ca sinono ojamomia). Proite?
    Ma a bi pessades cantu tiant contare 29 Sardos tra senadores e deputados in su Parlamentu italianu? Semus ancora abberu de s’idea de cudhos chi in sas delíbberas de sos Cungressos iscriaiant “O l’Italia fa così, altrimenti noi ci separiamo”. A su Parlamentu italianu, a s’Itàlia, sos Sardos li ponimus su nasu in (ma no lu sigo a nàrrere): de nois e de sa Sardigna s’Itàlia ndhe faghet su chi li paret e piaghet e 29 onorevoles totu a sa matessi origra in su Parlamentu italianu tiant contare cantu “il due di picche”. A mie mi paret chi sos Sardos zughimus ogros, ma no pro abbaidare; zughimus origras, ma no pro iscurtare; zughimus cumprendhóniu, ma no pro cumprèndhere, e menzus nos cuntentamus de sos contighedhos de segamigasu de sos afariedhos e torracontos personales: su torracontu colletivu nos paret, própriu cussu, una cosa de miseràbbiles, de castigados, de “fessi”. Chi est totu su contràriu de su fàghere fortza paris pro sa Sardigna e pro sa natzione sarda e menzus si zogant (in sardu namus a su pudhu de casta) a fàghere su “Scilipotti”, antzis, a sos Sardos bastat meda prus pagu, ca sa sola mentalidade chi nos at imparadu su domíniu est cussa de sa dipendhéntzia, de su pedulianésimu de sa dipendhéntzia, de su servilismu de sa dipendhéntzia: sos Sardos zogant a canes suta mesa a destra, a manca, in centru, in dainanti e fintzas apalas, e pagu e nudha importat s’ideale ‘políticu’ chi zughent “uficialmente” in conca. Semus in su regnu de sa miserabbília. A costu de no bídere, sos ‘politici’, chi sa Sardigna est, sempre de prus, peus de unu lebbrosàriu, unu cronicàriu, un’ispidale (paret chi no lis niat nudha su bilànciu de sa Regione!) e a donzi modu sos Sardos semus apenas unu millione e seschentamiza abbitantes in mesu a una sessantina de milliones de s’Itàlia, una tzidade chi contat meda prus pagu de una tzitade italiana cun su matessi tantu de zente. Ma no zughimus ogros, a costu de brusiare fintzas s’isperàntzia. Ca s’isperàntzia puru tenet sensu a cunditzione chi.
    Sos Sardos in sa prospetiva de s’Italia, cun sa falsa cusséntzia de chie in fundhu in fundhu ischit de èssere in ‘domo’ anzena, sunt prus “fedeli” de su cane, pro chi siat possíbbile a materializare apenas apenas s’idea de fàghere fortza paris in su Parlamentu italianu pro sos afàrios nostros. Nois no cherimus cumprèndhere cantu pagu contamus e podimus contare in s’Istadu italianu.
    E si sa prospetiva (e su caminu chi faghent sos políticos sardos, sos passos chi ponent) no est cussa de s’indipendhéntzia, de s’assuntzione prena de sa responsabbilidade de nos guvernare nois, est matematicamente seguru chi mai e poi mai ant a unire sas fortzas issoro, a costu de emigrare totugantos e sempre de prus disisperados: si sos ‘políticos’ pessant de pònnere solu unu passu foras de sa Sardigna ant a èssere automaticamente chie ifatu de custu patron, chie ifatu de cudhu, chie de cudh’àteru e chie de cudh’àteru ancora, segundhu unu càrculu chi mai at a èssere cussu de s’unidade netzessària pro fàghere su torracontu colletivu de sa Sardigna, fintzas ammitindhe, e comente nessi a peràulas faghent, chi andhent in númene de custu. E proite? Fintzas solu ca, ancora una borta, est a dipèndhere de àtere. Sa política de campacavallo. Tocat a cumprèndhere sa diferéntzia chi bi est tra su pedire e su fàghere!
    S’ipótesi chi faghet Maninchedha est ancora a pedire.

  • @Enrico; vedi, tutte le sanatorie sono l’ammissione del fallimento di quanto è avvenuto prima e contengono più o meno sottinteso l’impegno a non rifare gli stessi errori; anche queste norme sulla stabilizzazione di precari sono una sanatoria, non nascondiamoci dietro un dito; e per passare indenni i controlli di legittimità del nostro ordinamento (la Consulta già una volta fece strame di norme simili contenute nella precedente finanziaria, in quanto erano palesemente in contrasto con l’art..97 della Costituzione) devono anche essere molto ben scritte, perché devono realizzare la quadratura del cerchio: stabilizzare esattamente quei lavoratori, ma nel contesto di pubbliche selezioni (o con forme di selezione ad evidenza pubblica che dir si voglia); concetti praticamente in antitesi l’un con l’altro; se la selezione è veramente pubblica ed è aperta (a tutti) ben difficilmente si possono fare stabilizzazioni mirate.
    Insomma un bel pasticcio; personalmente sono convinto per la mia esperienza di vita che almeno di norma le sanatorie (sia di case abusive che di posti di lavoro…) siano dannose e portatrici di vizi ed anomalie nel sistema; e cioè intendo dire che una casa nata come abusiva pur quando venga sanata ha alte possibilità di contenere vizi congeniti di costruzione, che un lavoratore non selezionato per merito ha alte possibilità di essere un mediocre anche a distanza di anni dalla sua assunzione (stabilizzazione). Ma tant’è…
    Però tu sembri ignorare o aver dimenticato ciò che è successo nella passata legislatura sul personale in ingresso ed in uscita dai ruoli regionali; sono cose lunghe da spiegare, ma in stile “Vieni via con me” ti voglio aiutare a ricordare i fatti con un elenco di termini: Short List, Sardegna IT, Progemisa, SAR, Hydrocontrol, Sigma Invest, etc. Prova a fare delle ricerche con questi termini sul motore di ricerca della Regione tra Delibere e Decreti e vedrai che forse qualche pretesto per andare a “sanatoria” la passata legislatura lo ha fornito.

  • La cosa triste di questi riti è che ormai pure molti elettori sono consapevoli del gioco delle parti…ma si accetta tutto il teatrino con passiva rassegnazione. Come se la politica fosse un mondo a parte. E per certi versi lo è, rispetto alla gente comune.

    Non credo ci siano le condizioni oggi per una sincera “lista Sardegna”, sicuramente ci sono tanti Luterani interessati a riformare la baracca…e non è detto che la cosa sia un bene….
    Lamentarsi non basta più, ai riformisti (oltre il PSD’AZ dico) oggi manca il coraggio di uscire dalle singole caselle per prospettare un progetto politico attinente alle necessità reali che la Sardegna dovrebbe porre con più coesione.

  • Nei giorni scorsi parlavo con una persona del Nord Italia . 70 anni, origini contadine del Monferrato, in pensione dopo un lavoro iniziati a da ragazzino in fabbrica e terminato come dirigente d’industria. Simpatizzante leghista. Affascinato dalla Sardegna, fuorviato da qualche luogo comune ma concreto nell’argomentare, secondo lui, la sostanza contro-natura dei siciliani che rappresentano i sardi a Bruxelles, la fiacchezza politica dei nostri esponenti a Roma (e di qualcuno a Cagliari) e le sudditanze politiche verso Roma. Il tutto condito dagli strali per i miliardi di Euro per la monnezza campana e per il ponte sullo Stretto, per i tentacoli della piovra camorristica e l’esasperazione xenofoba che, a dire il vero, se andiamo a vedere Milano e Torino, ha qualche ragion d’essere.

    Premesso che poco mi importa della Lega, mi ha colpito la sincera passione ed entusiasmo di questo signore, testimone delle razzie e stragi dei tedeschi e dei partigiani nel ’41, quando parlava dei sardi come Popolo e parlava di Emilio Lussu e Grazia Deledda come se noi ogni giorno vivessimo nel ricordo e nella celebrazione di questi grandi personaggi.

    Pensava ai sardi come ad un popolo antico, fiero, di millenarie tradizioni, capace di essere seriamente indipendente e federalista. Non era politica: era sentimento. Si chiedeva chi fosse oggi l’uomo guida per arrivare a questo traguardo e quale fosse il partito che rappresentava veramente le spinte di autodeterminazione e federalismo. Pensava al PSdAZ, e guardava con simpatia all’IRS. Pensava, anche lui in modo banale, che “i soldi dei sardi vanno ai sardi” senza sapere esattamente quanti soldi non sardi sono arrivati qui e sono stati buttati al vento.

    Forse ha detto cose ingenue, forse è il risultato di una stratificazione di luoghi comuni e di serate passate come ospite dei circoli dei sardi (una trentina tra Lombardia e Piemonte). Eppure non ho avuto voglia, (capacità e coraggio?) di dire quello che pensavo io, da sardo, sullo stato delle cose in Sardegna. Appunto come nel film di Bauchau, “Lo stato delle cose”, il commento sulla Finanziaria, suggerisce proprio la trasposizione politica della trama del film: la troupe inizia a girare il film felice di avere i soldi per le scene, ma ad un certo punto finiscono i soldi, e si attende con ansia il ritorno del produttore/finanziatore che era scappato ed alla fine viene ritrovato dalla troupe. Tutto inutile perchè alcuni killer lo fanno secco. Ovviamente sono metafore ma rendono l’idea del rischio che stiamo correndo con questi maledetti opposti simmetrici della politica sarda.

    Mi è piacuta l’idea della Lista Sardegna senza stranieri. Penso che sarebbe un miracolo e, come tutti i miracoli, bisogna meritarseli e generalmente non sono ripetibili, a meno che non esista una lobby trasversale, talmente potente e condivisa da considerare prioritaria su tutto la regola del “primum vivere” dell’Isola. Ma i killer, come nel film di Bauchau, ci sono ancora. Sono i nostri comportamenti storti, individuali e le endemiche fallanze e incapacità che non ripeto per evitare la nausea mia e di chi legge.

    Ite missa est, ma non va nessuno in pace. A meno che il miracolo non accada veramente.

  • “La lista Sardegna” alle (imminenti?) elezioni politiche significa porsi l’obiettivo di liberare dal bisogno i cittadini sardi, far assaporare loro la libertà piena, sostanziale, che annunzia pensieri alti ad alta voce, che fa maturare consapevolezza e coraggio di assunzione di responsabilità.
    Aumentare la ricchezza che un popolo produce per conseguire un tale risultato è lo snodo, senza di che non si canterà proprio messa.
    E allora la domanda principe diventa: la classe dirigente sarda vuole rinunziare al rito di una messa inutile (non per se stessa) e promuoverne invece un’altra in cui tutti siano, a diversi livelli,corifei? E l’ite missa est sia il messaggio di un percorso nuovo?
    Non c’è da essere ottimisti ma vale la pena combattere per esserlo. A fianco e con i cittadini, non curanti degli autorevoli (per autoreferenza) esponenti dell’uno o dell’altro polo.

  • Chiedo scusa ma le norme sulla stabilizzazione dei precari e quelle sull’inquadramento dei dipendenti regionali, non discendono da pasticci del passato (a meno che non si vogliano considerare pasticci il fatto che la gente era assunta a tempo determinato o con convenzione e non a tempo indeterminato come invece è avvenuto a desso o il fatto che certi signori non erano risultati vincitori del concorso interno per il passaggio dalla c alla d o che altri signori avendo fatto un concorso per entrare nella categoria c in questa erano stati inquadrati anche se in possesso di laurea o avendo ottenuto dopo la laurea)ma da scelte del legilsatore ben definite e mirate. Con tali scelte il legislatore ha ritenuto:
    che coloro che erano assunti a tempo determinato si trasformino in assunti a tempo indeterminato;
    che coloro che non erano risultati vincitori della selezione interna per il passaggio dalla categoria C alla categiria D, diventino vincotori riaprendo una graduatoria oramai chiusa;
    che coloro che hanno fatto un concorso per entrare in categoria C solo perchè provvisti di diploma di laurea diventino in automatico titolari della qualifica D (come se un amministrativo all’università in quanto laureato per legge viene trasformato in professore, tanto il titolo per farlo ce l’ha)
    Sono scelte politiche solo questo e come tali bisogna chiamarle. Saluti.

  • Caro Paolo, mi piace l’idea di fare la lista Sardegna, però penso che resterà un sogno nel cassetyo,la poltrona e più forte delle idee.
    Di Scilipotti è piena anche la Sardegna, poi di continuità territoriale, scuola e formazione, imprese, e disoccupati non gli frega niente, l’importante è dire che la finanziaria è vuota, le correzioni le abbiamo fatte noi, cosi da Roma dicono che in Sardegna c’e’ una opposizione che sta lavorando bene,la Barracciu farebbe bene a interrogarsi, come mai nel suo paese l’hanno bocciata per le comunali, invece di fare la moralista del non va bene niente quello che fanno gli altri, “lei è una delle tante” perciò carissimo Paolo è bello almeno pensarla “La Lista Sardegna”.

Invia un commento