“Slealtà di Stato e di Regione. Due anni di politiche finanziarie in Sardegna”

6 dicembre 2011 08:165 commentiViews: 25

slealta1

SCARICA IL PDF DEL VOLUME (8 Mb)

È in libreria Slealtà di Stato e di Regione. Due anni di politiche finanziarie in Sardegna, Sardegna e Libertà – Cuec; lo si trova nelle librerie Cuec e Fahrenheit 451 di Cagliari, Emmepi di Macomer, Koiné di Sassari, Novecento di Nuoro. Questo è il testo della quarta di copertina:

“Il potere che serve alla Sardegna per il suo futuro è un potere pienamente sovrano e non certamente quello delegato, e dai confini incerti,
che il regime autonomistico assicura attualmente alla nostra Regione (per me, Nazione). Ma spero si capisca anche che per un obiettivo così alto (lo Stato sardo, inserito in un’Europa federale ma anche raccordato con un’Italia altrettanto federale, non dogmatica e non unita intorno alle astrazioni dei filosofi e dei giuristi, ma tenuta insieme da patti giusti, equilibrati e condivisi tra le diverse componenti nazionali che caratterizzano la sua storia frammentata) occorre un ceto politico non superficiale, non localistico, capace di approfondimenti, di fatica, di dedizione e di vero amore civile per i sardi. Non è vero che non esiste. È vero che quello che esiste è diviso nelle dinamiche del bipolarismo italiano, il quale non ha certo all’ordine del giorno le ambizioni della Sardegna. Io spero che le prossime elezioni regionali vedano un ceto politico maturo offrire agli elettori la possibilità di scegliere e sostenere la nascita di una competente, studiosa, laboriosa, solidale, amorevole ed efficiente Nazione sarda.
Questo libretto è dedicato a questo ceto: serve per aiutarlo a non ripetere gli errori del passato remoto e recente”.

5 Commenti

  • Attilio Pinna

    Non essendo, il mio, un nome molto diffuso, gradirei che colui che si firma con il nome di Attilio, apponesse anche il proprio cognome. Cordialità. Attilio Pinna

  • Meda zente at’a torrare, peri a s’atzapare, sardista cando su PSdAz at’a istratzare s’ispina a custu disguvernu regionale, cantu prima siet…

  • L’apo comporadu s’incràs in Castedhu e in d-una andhada e torrada in trenu che l’apo azummai agabbadu de lèzere. Mi est istadu útile meda e s’On. Maninchedha at fatu unu bellu servítziu a lu prubbicare pro nos fàghere un’idea pretzisa de totu sa chistione de sas intradas de sa RAS in raportu a s’Istadu italianu. Ma sa cosa prus interessante est s’ipótesi de unidade natzionale de sos Sardos, cosa chi sos ‘pulíticos’ de ogni risma e ogni conio iscazados in totu sos termovalorizadores de s’Itàlia no ant a cumprèndhere mai fintzas a candho su Parlamentu italianu no iscriet una leze inue si bi narat «L’Italia manda affanculo la Sardegna» (e, educados comente sunt, ant a cumprèndhere solu chi no deghet “affanculo” in su limbazu de sas lezes, e tostorrudos comente sunt, o meda peus, ant a sighire imperterriti faghíndhennos pistare abba e fintzas sa conca a su muru). Tocat tandho a fagher nàschere s’unidade de cantos in sos partidos italianos no si bi agatant, triballare in custu sensu e fagher crèschere sa sola política de sa responsabbilidade.

  • È possibile trovarlo anche ad Olbia? Grazie.

  • Mario Pudhu

    Cras lu còmporo e lu lezo. Apo a bídere it’est. Ma “sleale” (inganniles tramposos) no sunt ne Istadu italianu e ne RAS (chi funtzionant in su matessi sensu únicu): sunt sos ‘políticos’ chi no isco proite namus ancora sardos, ca andhant in númene nostru a fàghere sos afariedhos issoro de segamigasu o de buteghedha.

Invia un commento