Due o tre cose accadute ieri e una constatazione: esistono anche i sardisti impazziti

17 gennaio 2010 07:5620 commentiViews: 23

118Ieri mattina al T Hotel di Cagliari si è svolto un importante convegno sul ruolo del Parlamento, organizzato dall’associazione degli ex parlamentari. La Bindi non c’era perché bloccata in Friuli.  Le cronache dei giornali ho l’impressione dipendano dai lanci di agenzia e, quindi, per onorare l’obbligo della sintesi, mi pare riprendano solo le cose più ovvie dette da Violante (intelligente, razionale, algido, tanto distante dal socialismo umanitario quanto Cellino dal galateo) e Quagliarello (il quale è un tipo estetico particolare, lo definirei culturalmente uno snob igienista, ostile al contatto diretto, infastidito dalla mediocrità della vita dei comuni mortali). Invece, a sentire entrambi de visu emergeva chiaramente la grave deriva elitaria e autoritaria che sta affliggendo il Pd e il Pdl e che li sta rendendo tragicamente simili. Un alto esponente del Pd ha commentato con me l’intervento di Violante definendolo un “mix di autoritarismo e di giacobinismo”. Entrambi i relatori hanno in sostanza detto: 1) i parlamenti non devono più legiferare ma solo controllare (Soru era in sala e, secondo me, a queste parole deve avere avuto uno dei suoi rarissimi momenti di giovialità); 2) le leggi le fanno i governi ( e io, a questo punto, avevo voglia di emulare il lanciatore di scarpe iracheno contro Bush); 3) bisogna fare le riforme tenendo conto dello spirito di conservazione dei parlamentari e, quindi, al bando ogni costituente; 4) l’Unità d’Italia non si tocca (la mia colite, a questo punto, si è fatta sentire); 5) sulla giustizia, infine, le posizioni si sono differenziate: da una parte Violante ha detto che il Pd ha bisogno di fare tutto ma con decenza; dall’altra Quagliarello ha detto: “Giratevi un attimo dall’altra parte mentre facciamo due o tre leggi di quelle ad personam e poi riprendiamo il nostro aulico dialogo”. Quando io dico ai miei amici del Pd autenticamente riformisti e ai tanti del Pdl non berlusconiani che se non vengono con noi a formare un grande partito dei sardi, sono destinati a morire soffocati da veleni autoritari e da melassa da salotto, sono convintissimo di dire la verità.
Purtroppo, però, mi trovo a fare i conti anche con qualcuno dei miei compagni sardisti che non sa riconoscere gli amici dai nemici. Accade, così, che vi è chi non ha ancora capito che la Lega è una nostra avversaria, cioè che è avversaria della Sardegna. Vi è chi non ha capito che la Lega in Sardegna non esiste socialmente e sta cercando di accreditarsi con operazioni di vertice del tutto improduttive se lasciate a se stesse. E invece, qualche mio compagno, ha la geniale idea di fare accordi pubblici con la fantasmatica Lega, formato Sardegna. Ho chiesto al Presidente del partito e al Segretario di spiegare la rotta ai marinai, sebbene sia ineluttabile che in ogni famiglia ci sia la disgrazia di qualche figlio non proprio al top della forma intellettuale. p.m.

20 Commenti

  • Solo se uno è pazzo può essere Sardista, Indipendentista, Nazionalista.
    Coloro che non sono pazzi e sono concreti scelgono altri partiti facendo una scelta molto più proficua per se stessi.

  • Art_sail_go

    Ma chi l’ha detto che i sardisti ogliastrini vanno con la lega e con l’MPA?

    Chi lo ha deciso? chi ha detto che a guidare questa sacra alleanza unita ci sarà anche un ex segretario nazionale del psdaz (volutamente minuscolo)?
    Chi ha deciso per i sardisti ogliastrini?
    Chi ha deciso che dialogare con gli ex fascisti (oggi intellettualmente molto inferiori rispetto al passato) sia meno peccato che dialogare con gli ex comunisti?
    Chi ha deciso per chi?
    È un semplice banale lapalissiano evidentissimo errore di valutazione.
    O molto più semplicemente è una forma mancata di democrazia partecipata.
    O molto più modestamente è una scelta sbagliata.
    E’ sbagliata quella di andare a sinistra, è sbagliata quella di andare a destra, è sbagliata quella di stare con la lega e … chi più ne ha più ne metta.
    E se invece fosse sbagliato il fatto di non credere più che è meglio essere solo sardisti?

  • Torro gratzias a Bachisio Morittu chi faghet memoria de sos intopos congressuales sardistas, precisende subra sos labiles ammentos chi mi poden’ esser’ restados. Tzeltu chi sos corsicanos sun’ ‘istados semper’ saludados in Sardigna cun amistade manna siat da s’ambiente sardista che in totu sos logos inue s’hat chistionadu semper’ de indipendentismu. Sos raportos cun sos cumpagnos corsos sun’ semper’ ‘istados istrintos cun totus e sas “dies de Corte” sun’ a sigillu chi tale iscambiu no s’est ma interrutu.
    Ch’ hat passadu pius de 20 annos da cussos tempos e, si puru hepa potidu sighire totu cussos fatos cun passione corale, su ‘e m’esser’ agatadu fora da s’ambiente mi ponet in ponte e no m’agato perunu registru a su cale fagher’ riferimentu si no sos ammentos de sa memoria chi, cun totu su chi s’agatat istipadu in conca est sugeta a si faddire.
    Cuminzat ducas cun Carlo Sanna in Roma, s’avventura federalistica de su Psd’Az. chi, in sos annos hat condizionadu totu s’anneu pro s’indipendentzia, sa prima costituente (chi s’est poi riduida a una misera istatutaria bociada in ultimu da sa suprema Corte) e totu s’elaboratzione chi nd’est sighida in sa sinistra sarda, finas a s’ultima isvolta a dresta chi nd’est risultada da sos cussizos nazionales de Birori, chi hat abertu sa frattura interna, s’iscissione e sa naschida de sos “moros rugios” chi si ch’ hat bogadu da su Psd’Az. bona parte de s’intellighentzia e una bona dose de tesserados e eletores.
    In custos ultimos tempos s’est tentende in dogni modu ‘e cosìre po chilcare de presentare su fronte indipendentista unidu, ma sas difficoltades chi si frammesan’ da die in die mi paret chi sian’ aumentende sas dificoltades e diat a tocare de nos agatare nessi po fagher’ lughe (una ‘orta po totu) subra sa tribide chi insistit in su pensamentu de chie est giamadu a torrar’ a costituire unu sistema istituzionale, economicu, politicu e sociale chi potat esser’ vivibile e auspicabile da sos consociados.
    Da cussu tempus oramai lontanu ch’ hat coladu paritza abba suta sos pontes e su federalismu filoleghita s’est riduidu a unu labile federalismu fiscale chi mustrat giai totu sos males po sa Sardigna primu ancora de esser’ postu in essere.
    Cun s’arrivu de Paule Maninchedda a su Psd’Az. s’est alimentada sa idea indipendentistica fatta presente in s’art. 1 de s’Istatuto ma, si devet narrer’, s’elaboratzione politica dotrinale de sos sardistas est restada latitante e, si puru faedden’ a pius ripresas de “progetu”, si mustrat semper’ pius fumu e arrustu nudda.
    Arrivados a su 20 de ‘ennalzu 2010 abarrat un’esigentzia essenziale su bisonzu de chiarimentu subra sos tres sistemas chi si proponen’ (autonomismu, indipendentismu e federalismu) ca mi paren’ chi resten’ umbras de dever’ dissipare e cuntzetos de metabolizare.
    L’agabamos inoghe, comente narat Bachis, faghinde presente comente su sardismu istoricu e su pensamentu leghista de custos ultimos annos, si puru hepan’ potidu divider’ sos matessi apusentos istituzionales, sian’ restados divisos in sos principios. Unu sardista no est isquadrista e a brujare machinas po legitimare sas rundas padanas in su territoriu nostru no b’est essidu mai.
    Sos principios de “Giustizia & Libertade” chi hat animadu sos sardos de dogni tempus nos dian’ a dever’ ispingher’ in sa riflessione po ripulire sa idea da totu su chi l’est arrivadu de riflessu indutu. Su tempus est istringhinde e su tic-tac de s’ora chi passat de badas nos devet induer’ a istringher’ s’arrejonu subra cale linea si depat o si chelzat sighire. Deo, chi so’ inoghe chistionende cun bois da tres annos sigo a ritenner’ chi tochet a dare pane a su pane e binu a su ‘inu. Resto cunvintu chi no si potat dare logu a su nou chentza agabare su ‘etzu ilbarratzendeche sos avanzos de totu sos fallimentos chi s’istoria nos hat dadu a connoscher’. Chentza violeras e chentza violentzia, ma tocat de pensare a dare unu colpu ben’ assestadu a su coro de cust’ Istadu (cumpresa s’Unidade natzionale chi si la cheren’ tocat a la torrar’ a cuntratare,… ma no est cosa chi si podet inserrare in sas segreterias de sos partidos)!

  • Bachisio Morittu

    Sardus filius, cun sinzer’amistade t’iscrio unu paju de ammentos: su primu tue faeddas de su Congressu Nazionale de Quartu S.E. de su 1986;
    segundu, chi ammente deo leghistas tando no bind’haiat, ma corsicanos emmo, chi sun bistados saludados cun coro mannu meda; terzu, sos fruscios marcados, longos e…….atteru sos sardistas los han riservados a Antonello Cabras, segretariu regionale de su P.S.I.e no a sos comunistas de Pani. Delitala tenet rejone pro sa lega, chi l’hamos cuminzada a connoschere posca de su 1987 cun Carlo Sanna, in cuss’annu senadore e chi in su senadu fit in su matessi apposentu cun Bossi e………accabbamola inoghe……
    Saludos unu carru, adiosu.

  • Paolo Maninchedda

    Per Pietro: qui si censurano le cose stupide e le cose calunniose, visto che ho io la responsabilità culturale, civile e penale del sito. Quanto al merito del tuo intervento, se ho certamente obblighi io di lavoro di impegno, tu hai certamnete l’obbligo di informarti. Se lo avessi fatto, avresti scoperto che l’Accordo di Programma di Tossilo è per l’80% calibrato sugli imprenditori locali e che l’intervento di Ceccato è previsto per una soglia finanziaria a carico di regione (sempre che Ceccato non si rompa le scatole delle lungaggini regionali) notevolmente inferiore rispetto a quanto Regione eroga a diverse aziende sarde. Non dunque un grande gruppo, ma una media impresa che porta sapere e alto valore aggiunto, senza chiedere niente di più, anzi molto meno, di ciò che viene riservato a diverse imrpese fallimentari sarde. Il modello dell’Accordo di Programma di Tossilo, che è l’accordo pilota degli altri accordi che si faranno, è quello della valorizzazione delle risorse locali, dell’ottimizzazione dei processi, della costruzione dei distretti. Tutto questo è pubblico, reso noto in assemblee pubbliche il 17 dicembre dell’anno scorso e reso noto dalla stampa. Ma tu hai lo stesso atteggiamento, perdonami, qualunquista e lamentoso di alcuni imprenditori locali che in quell’occasione, spiazzati dalla concretezza delle cose da fare, si sono messi a recitare la giaculatoria dell’abbandono, al punto dall’essere stati ripresi da altri imprenditori che invece avevano capito che si faceva per la prima volta sul serio. Come vedi, sono stato un po’ antipatico, ma l’abitudine diffusa di rivolgersi al politico in modo deresponsabilizzato io non la sopporto più. Cerco sardi che lavorino, che sentano in primo luogo la responsabilità di fare bene il proprio lavoro, che si informino, che lottino e che quando criticano, dimaostrano di essersi informati.

  • Voi continuate a discutere, amplificate i personalismi, stabilite primogeniture nelle ideee e la Lega sbarca in Sardegna…. Attenta ai bisogni delle comunità si impegna a dare delle risposte chiare e con immediatezza…
    Il bello è che in Oglistra esiste socialmente… I cittadini attendono risposte concrete su tutti i fronti e se ne fottono di chi, pur essendo al top della forma intellettuale, non ha fornito alcuna risposta pratica a coloro che attendono invano il cambiamento…..

  • Più che ago della bilancia ago nel pagliaio…

  • In mesu de totu sos interrogativos e de sas cunsideraziones, un’ ateru tabù est istadu violadu e su 18 de ‘ennalzu a sas chimbe e quartu finas s’onorevole professore che l’est bessidu in sardu rispondinde a su segreteraiu provinciale de sa federazione ozastrina Titinu Melis, chi lu devet haer’ provocadu finas a s’intimu pius cunvintu cun s’ipotetica alleantzia cun sa Lega e s’MPA de Epaminonda su dimoniu (chi in Sardigna che tenet su Sindigu ‘e Casteddu sardu comente esponente de punta). VITTORIAAAAAA!
    Po chie nd’est imbatidu in S&L sighinde sos caminos de su dibatidu subra sa limba sarda cussas pagas peraulas indiritziadas a su “sardista variadu” (passademi su color’ ‘e sos termines, ma, a chistionare “in limba” in mesu de totu custu dibatare riformisticu, risultad’ unu pagheddu in pigada) chi organizat su sardismu de Azione ogliatrinu.
    Naro custu, m’hazis a iscusare, ca custu 18 ‘ennalzinu s’est riveladu dispensadore de tantas novidades chi, in su panorama politicu regionale e nazionale (sardu), faghen’ cambiare totu sos equilibrios.
    Maninchedda iscried’ in S&L sas primas paraulas in sardu mentres chi, in Santa Cristina de Paule latinu, Irs rinnovat sos Istatutos e si presentat cun sas novas …. bonas chi faghet aberrer’ prospetivas noas.
    Subra sos raportos de su Psd’Az. cun Lega, sos ammentos giughen’ in segus finas a su Congresso natzionale de Quartu Sant’ Elena (mi paret chi s’esserat in s’84), su partidu haiat saludadu cun calore s’interventu leghista, mentres chi che haiat bogadu a fruscios sos “comunistas” alleados de sa Regione. In cussu tempus sa Regione, a poi de s’imperiu incuntrastadu de sa DC (chi andaiat in su mentres a si fagher’ futer’) s’aberiat a a si fagher’ amministrare da “sa sinistra progressista”!
    Est in su Congresso de Quartu Sant’Elena, Mario Carboni mi podet assister’ cun sa memoria, chi sos sardistas han’ abertu sas giannas a sa Lega Nord, ma tando sa Lega fud’ancora Indipendentista, no s’haiat fatt’ ancora s’isvolta federalistica chi poi hat condizionadu totu s’isvilupu de su dibatitu internu a su federalismu de su Psd’Az.
    Violante e Quagliariello sun’ bennidos in Sardigna a narrer’ su chi han’ nadu e, si cussa diat a esser’ sas prospetivas, Deus nos nd’iscampet!!!
    Est su 18 de ‘Ennalzu 2010 cando s’onorevole professore hat proferidu sas primas peraulas in limba sarda …. giamend’in causa “su dimoniu” chi, si l’osservades no si faghet attender’.
    PONE MENTE A SU TEMPUS BENIDORE ….. (sende chi est a sas primas peraulas chi si tenet su dimoniu, si no si cagliat e no faeddat pius!) …. LASSA ISTARE SOS MAKINES E PROCURAD’ A BINCHER’ … CUN DIGNIDADE!…. ihihihih, su chi poi l’hat agiuntu Mariga li calat che sentenzia, mentres chi saludamos su primu interventu Pietro Caggiari su cale, da comente iscriet, apartenet a sas biddas chi oe sentin’ pius che in ateru tempus sa prostratzione de sa crisi.
    Mi nde rio, si mi permitides, ca in cussas peraulas chi, in sos archivios de S&L, risultan’ sas primas in sardu de s’onorevole professore, sento ispiraglios de prospetivas noas (s’augurio chi poto ponner’ est a lu connoscher’ publichendelos su “libberu in sardu”, connoschindeli s’aspiratzione conto chi siat gradidu!).
    Deo, bos devo narrer’ sa veridade, da cando hap’ aderidu a su par.I.S., m’est cambiada sa vida, su Presidente de sa Libera Republica m’hat reintegradu in sa direzion’ ‘e s’iscola de Maluentu e semus istudiende cun su leppereddu chi giogat de mezz’ala in sa natzionale (lepr8) istrategias noas.
    In beranu si propetat una bell’istiera, po como cuntentamonos de su carrasegare chi s’aberit subra sas chisinas de su fogu ‘e Sant’Antoni e si brujat in sas chisinos de su Rè ch’aberit su ritu caresimale e sa chida santa ch’est preludiu ‘e sa Pasca.
    Mi faghet a rier’ Nino, chi saludo cun amistade fraterna (mancari poi no de potemas bogare sos ogios!), chi s’intestadit subra su progetu ….. chi no b’est (o si b’est, coment’ hat sutallineadu Luisella, mustrat de esser’ arrivadu a su “sardismu de accattu)!

  • Antonio Deltala

    Caro Paolo, non trovo scandaloso che un sardista, Segretario di Federazione , trovi ragione di dialogare con esponenti della Lega del suo territorio, anzi , poiché su ciò che concerne federalismo e indipendentismo sono stato abituato a dialogare con tutti purchè sinceri, non ne farei una questione di amici o nemici.
    La Lega , mi risulta, essere un Partito fortemente federalista dalla sua nascita, forse qualcuno non lo sa ma il Sen Bossi appena eletto al Senato condivideva lo studio a Roma con un nostro ex Segretario Nazionale , il Sen Carlo Sanna, il quale gli diede importanti lezioni di federalismo che hanno sortito grossi risultati. Fin da allora il PSDAZ ha sempre avuto contatti con la Lega, non sono mancate le occasioni di incontri, spesso a Pontida i Quattro Mori hanno sventolato a fianco alle Bandiere della Padania.
    Da segretario del PSDAZ ho partecipato al loro Congresso del 1998, ricevuto con tutti gli onori che si riservano ad un Partito amico. Fu un’esperienza indimenticabile condivisa con Sardinia Nazione rappresentata da Gavino Sale. Fu anche molto divertente .
    Non mi meraviglia quindi che Tanino abbia aperto un dialogo con esponenti della Lega anzi lo ha fatto nello spirito dell’ultimo nostro Congresso che ha sancito la piena autonomia della politica territoriale delle Federazioni. Autonomia che arricchisce i dirigenti del Partito, da molto tempo maggiorenni e vacinati , e ne consente una crescita di presenza nei rispettivi territori. Nessuna rotta da spiegare ai marinai quindi , né necessità di indirizzo verticistico sulla politica locale.
    Mi rincresce, ma questa tua nota sulla Lega mi suona stonata in questo momento della storia del Partito che ha ritrovato un po’ di serenità e di unanimità. Vorrei ricordarti che nelle penultime elezioni politiche avemmo in Lombardia un candidato eccellente in un collegio per la Camera dei Deputati .
    La Lega , unico Partito, gli altri sia del Centro sinistra che del centro destra si negarono, ci offrì il diritto di tribuna candidando l’On Giacomo Sanna, allora Segretario del Partito, alla Camera. Ci furono naturalmente condivisioni e critiche aspre ma l’occasione della candidatura , simbolo di amicizia tra noi e la Lega , era irripetibile e ben fece Giacomo ad accettarla. Se fosse stato eletto , visto ciò che ne uscì dalle urne, ne avrebbe fatto l’ago della bilancia alla Camera con tutto ciò che ne consegue.
    Non vorrei però che agli occhi dei maligni le tue parole suonassero come una critica postuma a questa candidatura e al Presidente del Partito. La storia del nostro partito , devo purtroppo notare non è conosciuta ai neo sardisti, e, nel rispetto delle opinioni di tutti , si dovrebbe essere un po’ più cauti nel prendere posizioni pragmatiche soprattutto verso quei partiti, che hanno già presentato loro liste nelle elezioni sarde, coi quali ci troviamo schierati dalla stessa parte su molti temi e in particolare sui temi del federalismo.
    Per quanto riguarda la pazzia mi onoro di condividerla con tutti i veri sardisti.
    Forza paris
    A.D.

  • Correva l’anno 1995 quando Bossi inviò Maroni in Sardegna per proclamare Cagliari capitale del federalismo. Operazione strumentale, in un momento di difficoltà del PSD’AZ, volta ad allargare i confini della Lega e verosimilmente ad annettere il PSD’AZ. L’operazione non riuscì ed ho motivo di ritenere che anche ora avrà lo stesso esito. Non dargli sponda mi pare però un comportamento di buon senso e di lungimiranza politica.Non credo agli sbarchi nordisti e siculi per dare una mano alla Sardegna.L’operazione è funzionale al consolidamento dei loro interessi, ancora una volta un atto colonizzatore.
    Chi si assomiglia si piglia, questo ci può anche stare,ma deve essere un accordo politico nel rispetto della pari dignità a suggellarlo e non un tentativo di conquista per operare da posizioni di forza. Il PSD’AZ avrà la capacità di dare una risposta politica forte? Io credo di si.Con un lavoro serio, duro, fatto di analisi e di proposta. L’idea sardista non è qualcosa di posticcio ma di profondamente radicato e nei momenti che contano dà il meglio di se.
    Le sommatorie in politica spesso si traducono in sottrazioni. Gli spazi abbandonati qualcuno li riempie. Bisogna portare avanti il progetto non pensando alle sigle delle altre forze politiche ma avendo come interlocutori i cittadini ed i loro problemi. Così si potrà costruire un futuro consapevole con basi solide.

  • Mario Carboni

    Da Vicesegretatio, Segretario aggiunto e vice presidente del PSdAz sono andato spesso ai congressi della Lega.
    Non ho mai considerato la Lega avversaria del sardismo e certamente non più degli altri partiti italiani, certamente molto meno del partito comunista.
    Certo le differenze erano tante e molte antagoniste nella forma più che nella sostanza.
    Ma era l’unica forza politica che aveva fatto del federalismo la sua vera battaglia.
    Forse in maniera non all’altezza della nostra tradizione culturale e politica ma certamente con la forza e l’energia che forse noi avevamo perso per strada.
    La contraddizione che la Lega ha aperto nel mondo politico e istituzionale italiano era ed è considerata nel mio modo di pensare utile per aprire varchi all’autodeterminazione della Sardegna.
    In questa visione è importante affermare che il federalismo è un processo, in uno stato che da unitario e centralista si avvia ad una “vera” trasformazione federale non può non essere concorrenziale.
    Ognuno cioè deve fare la sua parte e spingere per ottenere il massimo possibile nell’interesse nazionale del proprio popolo o se si vuole anche interesse geografico o socioeconomico.
    Sono cero che i risultati delle prossime elezioni aumenteranno il processo di consunzione dell’unitarietà statale italiana e delle organizzazioni politiche stataliste e centraliste e per questo tutte antisarde.
    sta ai sardi approfittare di queste contraddizioni per esprimere politiche costruttive, cioè tese a prefigurare cosa e come, si debba riformisticamente, sostituire al centralismo il federalismo.
    A questo punto i sardi devono proporre il ruolo della Sardegna, definendo obiettivi istituzionali, economici e culturali che, col consenso dei sardi, impediscano di essere al traino e subalterni ad altri più forti e determinati.
    Evitare che il federalismo ci venga ancora una volta imposto come è stato per il centralismo, è il dovere di tutti i sardisti, comunque si definiscano e dovunque militino.
    Oltre alle affermazioni e differenze terminologiche è indubbio che la Sardegna debba proporre il suo modello di Statualità e la quota massima di sovranità per essere una componente non subalterna nell’Unione europea.
    Tutto ciò è ben definito nella mozione che vinse il Congresso nazionale sardista di Alghero.
    Vorrei ricordare che il vento sardista si levò quando il PSdAze Su populu sardu si unirono per partecipare alle elezioni.
    I sardi capirono che quando ci si unisce si può vincere.
    Oggi il sardismo è diviso in un insieme di sigle che s’apprestano a partecipare alle prossime elezioni provinciali che avverranno successivamente alle regionali peninsulari.
    E’ una grande occasione per tutta l’area sardista che storicamente alle provinciali ottiene dei successi superiori anche alle regionali sarde.
    Purtroppo credo che questa occasione potrà essere perduta.
    Eppure credo anche che il PSdAz possa ottenere un buon risultato anche dopo che “programmaticamente” ha mollato i postcomunisti, come del resto già indicato nel Congresso d’Alghero.
    Venne montata una reazione a questa prospettiva, di chi giurava che il sardismo era naturalmente di sinistra, cioè subalterno all’area comunista e post comunista.
    È andata così e quei fatti vanno valutati ormai storicamente.
    Questa scelta è stata presa dieci anni dopo il momento nel quale sarebbe stato utile prenderla, ma questi sono i tempi della politica.
    Meglio tardi che mai.
    Ci si stupisce perchè,la Lega abbia aperto sezioni in Sardegna.
    Lo fece anche anni fa, ma il sardismo era tanto forte e radicato che l’iniziativa fallì.
    In politica come in natura non esiste il vuoto.
    Se la Lega può aprire sezioni e prendere consensi indicativi di un possibile radicamento è semplicemente perché il sardismo ha lasciato un certo vuoto che si appresta riempire.
    La Lega ha messo in piedi questa iniziativa, sempre a mio parere, in maniera sbagliata e pasticciona, ma il vuoto rimane e suppongo che continuerà a farlo, soprattutto se continuerà l’ostracismo ideologico nei loro confronti che è tutto di matrice culturale comunista.
    Chi, come in Ogliastra cerca di allearsi con loro, fa senz’altro bene, nella certezza di poter convogliare quei consensi verso il PSdAz, anche perché è semplicemente evidente che chi vuole bene alla Sardegna, se viene portato a ragionare e se si offre una alternativa seria e all’altezza dei tempi,può solo lottare per l’indipendenza della Sardegna e non della Padania.
    Il PSdaz è il partito storico e radicato della nazione sarda ed è suo il compito primo d’aggregare e nel caso assimilare altre formazioni politiche sardiste, quando questa hanno esaurito il compito nato dal vuoto sardista di tradizione.
    Come è compito del sardismo influenzare le forze politiche centraliste, che hanno nella forza dello stato la loro ragione d’essere e non la ragione degli interessi dei sardi e della loro nazione.
    Scegliendo le alleanze che rispondano agli interessi dei sardi in un dato momento e non per scelta ideologica o di schieramento preconcetta.
    I sardi necessitano di un forte e credibile partito sardo, che risponda al suo patrimonio politico e culturale storico, ma che con la sua storia abbia un momento di riconciliazione guardando al futuro e agli obiettivi concreti da raggiungere.
    È una scommessa a termine in quanto è anche possibile che dopo le elezioni regionali in continente i partiti italiani si potrebbero dividere in tanti partiti locali e votati alla difesa degli interessi delle proprie comunità nella dura ricontrattazione della trasformazione federalista.
    Non sarà un pranzo di gala.
    Ma se succederà altri commensali e non i pochi ed illusi legisti sardi si appresteranno a riempire il vuoto relativo del sardismo e forse per cambiare tutto per non cambiare nulla.
    Non si tratta di disegnare nuovi assetti di governo o di compartecipazione ma nel momento che crolla si sistema economico coloniale, il sardismo deve proporre una soluzione di sistema di decolonizzazione e autogoverno. Se lo farà avrà il consenso dei sardi per un nuovo vento sardista.
    Per concludere, oggi che si discute di Craxi , vorrei ricordare quando il Segretario nazionale sardista appena eletto, l’On.Giancarlo Acciaro venne accusato di reati inesistenti, arrestato, poi assolto, sferrando al Partito che si stava rinnovando un colpo quasi mortale.
    Una riflessione su questo tema forse potrebbe far superare qualche dubbio sulle alleanze, almeno su chi è meglio avere come avversari..

  • Francesco Mura

    LA POLITICA non è uno strumento riservato a pochi eletti ma l’unica modalità, fino ad oggi conosciuta dall’uomo, per confrontarsi e decidere su temi fondanti quali la forma di governo e la tutela degli interessi collettivi.Ha ragione Enea DESSI’ quando dice che la globalizzazione avvicinerà ancora di più le comunità ai propri territori. Perchè questa è una nostra convinzione!
    Ma questo riavvicinamento non può avvenire senza i partiti che sono unici mezzi per il raggiungimento degli obiettivi che la POLITICA persegue. Sono i partiti che possono affrancarci dalla personalizzazione della politica e dalla impersonificazione delle istituzioni. I partiti stessi però, non possono esistere, se non è a loro sottostante un’idea che delinei un nuovo o comunque originale tipo di Società. Su questa idea guida si debbono innestare i programmi,i quali non possono essere avulsi dal fine che si intende raggiungere.
    PD e PDL da questo punto di vista sono omologhi perchè pur definendosi ” partiti” sono privi di idee guida e procedono con l’applicazione di una politica che è sostanzialmente scontro tra individui ed interessi, occupazione delle istituzioni, gestione del potere fine a se stesso. Queste possibilità vengono maggiormente garantite dall’attuale sistema elettorale,dalla mortificazione delle minoranze e dal tentativo ormai bipolare di spodestare le Assemblee legislative dei loro poteri affinchè questi vengano attribuiti agli esecutivi i quali saranno, a loro volta, autocraticamente tirannegiati dalle loro figure preminenti ( Presidenti e/o Governatori). Queste condizioni le abbiamo raggiunte con il falso presupposto dela governabilità! Ma vi è qualcuno tra noi che possa dire che oggi le Istituzioni governano di più e o meglio di quanto facessero 20 anni fa.
    Oppure possiamo dire che le stesse siano più vicine al cittadino oggi rispetto a 20 anni fa.
    Se noi abbiamo idee, modalità, obiettivi e programmi nuovi e/o originali perseguiamoli. Se ci poniamo contro l’autoritarismo e il giacobinismo, questo percepiamolo come un nostro dovere. Per questo non ci dobbiamo scoraggiare per un’eventuale scarsità del consenso. Esso, io penso, è destinato a crescere.
    Saludu e trigu

  • On. Maninchedda, solo una domanda…ma perchè allora in Regione il PsdAz governa con il Pdl? A livello nazionale, mi risulta, che la Lega stia col PdL nella maggioranza. Siamo arrivati al sardismo d’accatto?

  • Pietro Caggiari

    È da un bel pò che visito il vostro sito, tanti temi di ” grande politica ” si affrontano; sardisti indipendendentisti, sardisti a manca, sardisti a dresta e comuni cittadini Sardi dibattono.
    Ciò nonostante, mi sia permesso di poter affermare che avrei gradito, ma tanti come me, un rapporto meno filtrato, se volete più sincero ed immediato nelle risposte dovute, con il nostro caro onorevole in questo non vorrei essere paragonato a chi è passato ad altro regno animale) e , rivolgendomi al resto della della redazione chiederei forse un pò più di democrazia nel non cassare interventi apparentemente scomodi nei confronti di qualche sardista dell’ultimora .

    Non avendo nessuna tessera che mi possa cadere dalla tasca e pertanto ritenenendomi Uomo Libero, mi permetta le seguenti argomentazioni :
    A . Leggo che Enel , Saras sono tutti nemici della Sardegna, Angelico, forse no. Che sia un’eccezione fra i tanti che son venuti solo per prendersi i denari ( vedi contratto d’area ) ? Lo spero .
    B . Cosa fare , essere autodeterminati , pensare di essere autonomi per d’avvero , ma così riusciamo a star meglio ?
    C . Le zone interne , la sua cittadina , il mio paese , che dramma , quanti problemi , che risposte bisogna dare alla luce di questo inarresatabile decadimento ?
    Caro onorevole , si ricorda quando il benessere di tutta la zona traspariva dai pori della gente e degli operatori economici che in essa si erano instaurati . Che tristezza , certo occorre rimboccarsi le maniche nella speranza di riuscire a ribaltare la tendenza attuale .
    Chiudo rammentando , che a tanti nostri conoscenti le s.d. disquisizioni politico-economiche passano ben lontane dovendosi connfrontare con le tante difficoltà quotidiane .
    Per ciò si parli di sardismo , si parli Sanità (asl N° 3 ) ,e così via , ma non ci si dimenntichi di chi sta vicino anoi .

  • Chie ata mortu sempere sos sardos e sa Sardigna est s’imbija.
    Carchidunu deppete annare addainnantis. Misurade sa zente chi sos fattos non chin s’imbija.

  • Paolo Maninchedda

    Tanino, a parte il baroneddu e quant’altro, io sono pronto a lavorare per tutti, ma questa storia dell’alleanza con la Lega o con l’Mpa di Epaminonda o come diavolo si chiama, non va bene. Pone mente a su tempu benidore, ch’est su nostru; lassa istare sos machines e procura de binkere sas eletziones cun dinnitade.

  • Tanino Melis

    Saludi a tottus!!! C’est moi il sardista pazzo di cui parla baroneddu Maninchedda: Tanino Melis da Tortolì, segretario provinciale della federazione dell’Ogliastra.

    Perchè ti meravigli caro Paolo?,i sardisti impazziti sono sempre esistiti nel nostro partito:nessun sardista che si rispetti può essere definito tale se non porta con se i chiari ed inequivocabili segni della follia.
    A che pro militare,infatti, in un partito che, a parte qualche fortunatissimo baroneddu che accede agli scranni del Consiglio Regionale, non da nessuna convenienza,nè possibilità di carriera,nè emolumenti,nè platee televisive,non uno straccio di considerazione e di disponibilità di essere ascoltati,non danari che ti consentano di andare avanti nella gestione delle sezioni e delle federazioni.
    Solo i duri campi della politica dei nostri paesini,da zappare 365 giorni all’anno e brighendi cun tottus per difendere il partito da tutto e da tutti e per consentire a voi baroneddos di mettervi la cravatta ed andare a fare gli scienziati al T Hotel
    Caro Paolo tu sei da poco nel Partito Sardo,sei stato accolto con entusiasmo perchè sei un uomo intelligente,istruito,elegante e ,addirittura di carnagione chiara,quando calcavi le platee nuoresi e parlavi alle folle democristiane,già allora c’era chi giurava che avresti fatto una grande carriera politica.
    Noi ogliastrini ti osservavamo con un misto di curiosità e diffidenza: sai,con quelli che stanno oltre Correboi abbiamo sempre avuto un rapporto un pò così, nos anti sempri circau de si futtiri,e pensavamo che i democristiani prima o poi ti avrebbero fatto fuori:eheeheheheh troppo tutto eri!!! chissà dove saresti sbarcato dopo quella esperienza.
    Noi Sardisti siamo stati sempre un pochino pazzerelli ,e anche un pò sempliciotti: ci innamoriamo subito delle persone che sanno parlare bene,che riescono a toccare le corde nascoste dei nostri sentimenti al punto che con noi è sufficente pronunciare le parole “SARDEGNA,INDIPENDENZA,QUATTRO MORI” ed eleggiamo immediatamente l’astuto oratore al ruolo di vate del Sardismo,ma anche di Consigliere Regionale,ma anche di baroneddu.

    Spero proprio che il Mio Segretario ed il Mio Presidente mi concedano le attenuanti generiche a causa della mia forma intellettuale che ,sono d’accordo con te non è proprio al top, e che mi perdonino per queste irriverenti parole ,ho paura però che abbiano già voglia di farmi fare dieci giri di chiglia oppure altri dieci anni di sospensione dal partito

    Tu ,Paolo ,scusami,e sappi che in fondo in fondo anche io come gli altri sono assolutamente ammaliato dalla tua personalità : soi maccu!!!!!!

    Procura de moderare,baroneddos sa tirannia ca si no pro vida mia torrades a pede in terra….

  • Giovanni Arzachena

    L’idea di assegnare il numero di rappresentanti alle regioni, non in base agli abitanti ma semplicemente in numero uguale per tutte le regioni è senza dubbio valida e interessante. E dovrebbe essere approvata almeno in riferimento ad un ramo del parlamento.

    Il problema però è comunque nei numeri. Un po come per la legge del contrappasso. La legge per riequilibrare le sorti dei più piccoli non potrà mai essere approvata perchè la maggioranza dei voti ce l’hanno i più grandi, che di certo non sono per nulla interessati a perdere importanza.

    Scendendo nei dettagli “sardi” la mancanza di rappresentanti diventa ancora più evidente. Infatti oltre , al fisiologico numero dei parlamentari a Palazzo Madama e a Montecitorio ci si ritrova con “seru tituli” anche a Palazzo Chigi, non solo senza nemmeno un ministro ma, senza nemmeno un sotto segratario (se escludiamo Cossiga jr).

    Ad ogni modo, parlare di Pd e Pdl nel 2010 è diventato la norma e, a parer mio, lo diventerà sempre di più schiacciando all’angolo i vari partiti più o meno piccoli. Questo è un percorso già segnato, inarrestabile.
    Politica però segnifica anche mediare e saper scendere a compromessi per il bene della collettività (almeno quella che si rappresenta).

    Ecco il punto: la Lega nel bene o nel male si fa sentire (forse è per questo che ultimamente ha sedotto anche qualche sardo?) e dalla sua ha il 10% dei voti a livello nazionale!
    Ora, ho si cerca una mediazione, appunto, e si cerca di raggiungere il 12 o 15% almeno a livello regionale, magari creando piattaforme condivise che portino a far confluire in un unico partito Psd’Az, Riformatori e Uds oppure potremo solo continuare a sbraitare nel vuoto, sperando che qualcuno ci degni di una qualche attenzione…

  • Enea Dessì

    Però, Paolo, la deriva bipartitica e autoritaria di PD e PDL è ormai definita da lunga data e davvero non capisco perchè dobbiamo ancora avere a che fare con costoro. Per quel poco che riesco a fare sto proponendo, per le prossime amministrative, liste di programma e devo dire di aver trovato molte porte aperte. Persone con una storia politica di destra, di centro e di sinistra, compresi gli indipendentisti, si stanno riunendo sotto un unico obiettivo: difendere i princìpi di democrazia partecipata senza mandati di partiti, di gruppi di potere e tanto meno di personaggi capi-corrente. Ognuno con le sue idee e con le sue proposte. Lo hanno capito in molti che la globalizzazione riavvicinerà le comunità ai territori e non sarà più la destra o la sinistra che dividerà le amministrazioni locali ma la gestione degli interessi collettivi rispetto alla gestione di quelli privati o di partito. Secondo me il PSD’Az è fuori rotta e se non ripartiamo da un Sardinia Project ridefinito andiamo avanti poco. Non volermene ma da un PSD’Az siffatto abbiamo poco da ricavarne.

  • On. Maninchedda, leggo il suo stringato resoconto sul convegno al T Hotel di Cagliari sul ruolo del parlamento e vorrei portare al dibattito alcune mie considerazioni. Prima di tutto una considerazione di carattere generale. Esistono due tipi di democrazie, una parlamentare e l’altra presidenziale, a mio avviso sono due modelli che possono funzionare entrambi l’unica cosa che non funziona è il mix tra i due che abbiamo oggi in Italia, convivono in maniera monca i due modelli. Personalmente non ho mai creduto al ruolo guida del parlamento (troppo pletorico e auto reverenziale), chi decide sono sempre pochi, lo vedo di più come ruolo di garanzia.
    Credo, che una delle cose importanti da riformare, insieme a tante altre, siano gli art. 56-57 della costituzione che assegnano il numero di rappresentanti al parlamento in base al numero di abitanti, sarebbe opportuno assicurare a tutte le Regioni un numero uguale di rappresentanti. I provvedimenti riguardano sempre più i contenitori e non il numero di persone dentro il contenitore. La stessa cosa dovrebbe avvenire nei consigli Regionali (pari rappresentanze per le Provincie).
    Sono d’accordo con Violante sull’unità d’Italia, ma perbacco facciamola, perché quella che c’è oggi è solo sul pallone.
    La Lega come dice Lei è l’antitesi dei nostri interessi chi sale su quel tram è solo per fare un giro indipendentemente dai problemi; crede che la politica serve solo per le laute ricompense.
    Il partito dei Sardi se esistesse sarebbe la panacea ai nostri mali, dubito che si riesca fare per le ultime cose che il re Spagnolo disse di noi “locos y mal unidos”
    La Cultura come arma di riscatto di Egidio Pilia non è ancora cosi diffusa e nessuno, mi creda, sta facendo molto per diffonderla. Per diffonderla bisogna avere pazienza e umiltà nell’ascolto. Usi questi metodi anche con Marcello Desole e con i suoi “ compagni che fanno accordi con la LEGA” e faccia intervenire di più le seconde linee.

Invia un commento