Dieci punti da non dimenticare

8 luglio 2013 17:517 commentiViews: 10

Nel 2001 contribuii non marginalmente a scrivere il decalogo del movimento di Democratzia. Non lo si trova più in rete e allora ho pensato di riproporli dopo aver chiesto a Ivana Dettori e a Pierluigi Marotto di recuperarli. Eccoli. La vignetta è dedicata ai settari di ogni tempo.

1. I sardi sono una nazione, che partecipa come tale allo Stato italiano e all’Unione europea. Il fondamento della nazione sarda è geografico, linguistico, culturale e storico-politico.

2. La nazione sarda si dà la sua Costituzione, con una scelta federale, nella sua assemblea costituente.

3. La nazione sarda è aperta a tutti i popoli, combatte ogni forma di razzismo, accoglie e tutela chiunque rispetti le leggi. Essa è una comunità fondata sulla fiducia e sulla solidarietà, che sono anche fattori essenziali del suo sviluppo.

4. Tutti i sardi hanno diritto al benessere, da conseguire anzitutto nella propria terra.

5. Tutti i sardi, donne e uomini, hanno diritto a pari opportunità nell’economia di mercato e nella vita sociale e politica. La salute, l’istruzione, il lavoro e la sicurezza sono diritti della persona, prima che servizi.

6. Le istituzioni sarde affermano e promuovono la democrazia, disciplinano i rapporti tra il potere politico e quello economico, garantiscono la democrazia economica e impediscono il formarsi di posizioni di monopolio.

7. Le istituzioni sarde combattono la povertà.

8. Il territorio, l’ambiente, le lingue e le tradizioni della Sardegna sono patrimonio della comunità sarda. I paesi della Sardegna sono un patrimonio speciale di questa comunità.

9. La Sardegna persegue l’innalzamento della sua ricchezza complessiva, che è costituita dall’ambiente fisico e umano, dal capitale culturale e sociale e dall’insieme delle conoscenze e delle competenze.

10. La prosperità della comunità sarda esige il rinnovamento radicale della politica e della regione, che attualmente sono di ostacolo per il progresso civile ed economico dei sardi. I valori e i programmi costituiscono la base degli schieramenti politici e delle alleanze e non viceversa.

 

7 Commenti

  • Renato Orrù orsimomossa

    ………….PREAMBOLO ……….
    “LA SARDEGNA è una repubblica FEDERALE fondata SULLA FELICITA’”. La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto ALLA SERENITA’, ALLA LIBERTA’ E ALLA PROPRIA AUTODETERMINAZIONE …. Dopo 11 anni , poche modifiche e diventa subito attualissimo …Come vede(I) gli articoli, spesso, sono solo(?) belle parole …A CUI BASTA FAR SEGUIRE FATTI
    Saluti, RENATO

  • Edmondo Costa

    Per il bene della Sardegna e dei Sardi, insisto: dobbiamo annullare tutte le forme di cieco fanatismo!

  • Molto interessante ma, ancora più interessante poter conoscere i nomi delle altre penne e, soprattutto sapere se questi relatori attualmente occupano posti importanti all’interno delle istituzioni che, secondo il decalogo art 7, dovrebbero “combattere” la povertà.
    Le ricordo che il primo articolo della Costituzione repubblicana recita: “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro. Come vede gli articoli, spesso,sono solo belle parole.
    Saluti, Michele

  • 1. Sos sardos sun una natzione, chi partetzipat comente natzione a s’istadu italianu e a s’unione europea. Su fundhamentu de sa natzione sarda est geograficu, de sa limba, de sa cultura e istoricu – politicu.

    2. Sa natzione sarda si dat sa Costitutzione sua, cund’una seberada federale, in s’ assemblea costituente sua.

    3. Sa natzione sarda est aberta totu sos poulos, cumbattit d’onzi creze de ratzismu, azùat e protèget calesisiat persona chi rispetat sas lezes. Issa est una comunidade fundada in sa fiducia e sa solidariedade, chi sun fintzas essentziales de s’isvilupu sou.

    4. Totu sos sardos tenen diritu de istare bene, innantis ‘e totu in sa terra insoro.

    5. Totu sos sardos, feminas e omines, tene diritu de sas matessi possibilidades in s’economia ‘e mercadu e in sa via sotziale e politica. Sa salude, s’istrutzione, su tribagliu e sa siguresa sun diritos de sas persones, innantis chi non servitzios.

    6. Sas istitutziones sardas defenden e promoven sa democratzia, regulan sos rapportos intro ‘e sos poteres politicu e economicu, garàntin sa democratzia economica e impèdin sas positziones de monopoliu.

    7. Sas istitutziones sardas cumbattin sa povertade.

    8. Sa terra, s’ambiente, sas limbas e sas traditziones de Sardigna sun sienda de sa comunidade sarda. Sas biddas de sardigna sun siendas ispetziales de sa comunidade.

    9. Sa Sardigna persighit su menzorare de sa richesa sua, chi est fata de s’ambiente fisicu e umanu, de sos benes culturale e sotziales e da-e totu sas connoschentzias e competentzias.

    10. Sa prosperidade de sa comunidade sarda cheret chi torren a nou, da-e sas raighinas, sa politica e sa regione, chi sun, a oe, impedimentu pro su menzorare tzivile e economicu de sos sardos. Sos valores e sos programmas sun sas bases de s’aunire politicu e de sas alleantzas, e no a su contrariu.

  • marco m. c.

    Ad un corso di aggiornamento professionale (per biologi) ho avuto modo di conoscere Ivana Dettori: persona veramente in gamba, decisa e preparata.
    Peccato ci siano poche persone preparate professionalmente e politicamente come lei.

  • Punto 11: ma quali sardi ? Chi sono i sardi? Prima devo combattere se stessi.(noi stessi ndr).

  • Edmondo Costa

    Se tutti i Sardi tenesserro bene a mente il punto 10 del decalogo e, respigendo tutte le forme di cieco fanatismo, concentrassero tutte le loro energie, competenze e creatività per raggiungere l’obiettivo indicato, semplicemente e fortemente, la Sardegna avrebbe un futuro.

Invia un commento